NO TRIV AL CARRO DEI RADICALI

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/09/no-triv-al-carro-dei-radicali.html

MONDOCANE

SABATO 30 SETTEMBRE 2017

 Bonino e Soros

Panella “Ustascia” in Croazia

Seppure mi verrà risposto che non ho titoli per intervenire sulle decisioni del Coordinamento Nazionale No Triv, per quanto da anni io lavori su suoi temi e li sostenga con articoli e documentari e sia iscritto alla sua lista, onestà intellettuale e un minimo di senso della correttezza democratica mi impongono di chiedere agli iscritti se ritengono appropriato che un’associazione tematica costituitasi sull’impegno di contrasto alle operazioni e agli interessi legati all’industria degli idrocarburi inviti i suoi iscritti, motu proprio e senza previa consultazione, ad aderire a un’iniziativa di chiaro segno politico di un partito, quello radicale, oltre tutto a discapito di altre forze politiche pure impegnate contro le trivelle. 


Pannella israeliano
L’identificazione con l’iniziativa dei Radicali – spudoratamente strumentale alla luce delle posizioni belliciste e ultracapitaliste da sempre proprie dei radicali – al punto di sollecitarvi l’adesione, ignora l’esistenza di una dialettica del tutto rispettabile (e non mi riferisco qui alle esternazioni xenofobe di leghisti e fascisti) sulle modalità di affrontare la questione delle migrazioni. Ignora anche una lunga storia dei radicali a sostegno di tutte le guerre lanciate dalle potenze occidentali, del neoliberismo più selvaggio, di Berlusconi, a coloro che eseguono un genocidio strisciante nei confronti del popolo palestinese. Radicali che voglio proprio vedere, dati i precedenti, se sarebbero disposti ad aderire formalmente alla battaglia No Triv contro i petrolieri. Ignora anche gli inquietanti finanziamenti da fonti del tutto squalificate che arrivano a entità sostenute dal Partito Radicale.

La mia denuncia di una scelta di campo autoritaria e politicamente impropria verrà certamente censurata, come è successo a una mia precedente espressione di perplessità per la richiesta di firme sotto un appello relativo ai migranti. Di conseguenza diffonderò questo scambio sui canali a mia disposizione confidando che non tutti gli aderenti a un movimento prezioso e insostituibile come il No Triv si facciano condurre dai vertici in recinti che magari non riconoscono come loro.

 

Bonino bacia Soros

Fulvio Grimaldi
*******************************************************************************************************

From: Coordinamento NO TRIV 

Sent: Saturday, September 30, 2017 8:10 AM
To: referendum-notriv-list@googlegroups.com ; notriv-list@googlegroups.com ; territoriperilno@gmail.com 

Subject: Fwd: SOSTIENI ASSIEME A NOI LA CAMPAGNA “ERO STRANIERO-L’UMANITA’ CHE FA BENE”

PER ADERIRE C’E’ ANCORA TEMPO FINO AL 7 OTTOBRE 2017

CONNESSIONE TRA POLITICHE ENERGETICHE E MIGRAZIONI

E SOSTEGNO ALLA CAMPAGNA “ERO STRANIERO-L’UMANITA’ CHE FA BENE”

Carissim* Tutt*,

dopo i tragici eventi di questa estate, centinaia di morti e dispersi nel Canale di Sicilia, che hanno portato a 30.000 il bilancio dei migranti che hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere l’Italia, ci siamo lungamente interrogati sulla necessità di dimostrare e motivare la stretta interconnessione tra i temi cari a noi tutti (democrazia energetica, conversione ecologica del sistema produttivo, rispetto del diritto di autodeterminazione dei territori e delle comunità, ecc.) e l’inviolabilità dei diritti della persona, tra cui il diritto di ogni individuo di poter circolare e vivere ovunque desideri.

Entro il 2050 le politiche di sfruttamento su cui si fonda la sopravvivenza del nostro sistema economico porterà sull’orlo del precipizio tra i 200 ed 250 milioni di bambini, donne ed uomini che saranno costretti ad emigrare a causa degli effetti dei cambiamenti climatici.

La connessione, non diretta ma certa, tra sfruttamento umano ed ambientale, cambiamenti climatici e migrazioni non può più essere ignorata e deve essere affrontata alla radice e nelle sue conseguenze.

Non è più prorogabile una radicale conversione ecologica del sistema energetico e produttivo e non si possono ignorare, appunto, le conseguenze dell’attuale sistema economico: i quasi 9 milioni di morti per fame, denutrizione e guerre, l’impoverimento di molti milioni di persone che annulla le loro aspettative di vita e viola i diritti inalienabili dell’Uomo. Queste persone non possono che cercare di migrare con un’unica motivazione: sopravvivere e sfuggire ad atroci sofferenze.

La distinzione tra profughi di guerra, ambientali e migranti economici non solo non ha senso, ma nasconde una voluta mistificazione delle cause reali che hanno portato all’attuale dramma globale.

Nulla di nuovo -si potrebbe dire- soprattutto per chi si è battuto in questi anni contro la petrolizzazione e per dar voce alle comunità locali ed ai territori, se a rendere ancor più pesante la situazione negli ultimi frangenti non fossero emersi tutti i tratti egoistici, razzisti e xenofobi delle politiche dell’Unione Europea e dei singoli governi nazionali.

Quello italiano non è stato da meno rispetto agli altri: la guerra mediatica condotta contro le Ong, il giro di vite dato alle procedure di soccorso in mare ai migranti in pericolo di vita, la loro consegna nelle mani dei mercanti di vita e di morte libici, l’appalto del lavoro sporco alle milizie, il sostegno indiretto al mantenimento di campi di detenzione e lager che sfuggono al controllo degli organismi internazionali, sono elementi costitutivi di una politica miope ed ispirata alla più cruda delle ragion di Stato che, in realtà, nasconde la difesa degli interessi di pochi.

A tutto questo fa da sponda, con drammatica coerenza, la criminalizzazione dei migranti e dei poveri e d il totale vuoto delle politiche di accoglienza.

Ciò a cui stiamo assistendo è la sistematica violazione del diritto di emigrare ed alla mobilità, sanciti e riconosciuti dalla Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite del 1948, dalla Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie, da tutta la giurisprudenza del Diritto d’Asilo, della Tutela Internazionale dei Diritti Umani e, infine, dalle due Convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Eppure la maggior parte delle forze politiche, il sistema informativo-mediatico ed una parte consistente dell’opinione pubblica (gravemente influenzata e condizionata dai media), asseconda ed alimenta una preoccupante spirale razzista che dà sfogo ai peggiori istinti di odio, violenza e sopraffazione.

A chi getta benzina sul fuoco o celebra i successi per la temporanea drastica diminuzione degli sbarchi di migranti sulle coste italiane, abbiamo il dovere di rispondere facendo una grande operazione di verità, di informazione sulle cause, indicando le possibili soluzioni.

La soluzione principale attiene l’avvio di una radicale conversione energetica dell’economia, oggi concretamente fattibile se solo ci fosse la volontà politica, per arrivare, nel qui ed ora, al superamento della legge Bossi-Fini e alla costruzione di un vero sistema di integrazione.

Nel nostro Paese le politiche di accoglienza e di integrazione sono state gestite sempre in termini emergenziali e mai nell’ottica di una seria programmazione.

Mai come ora è necessario creare una stretta connessione tra le lotte e le proposte che, da punti di vista diversi, non possono che convergere in un’unica direzione. Dobbiamo agire concretamente, bene e subito, per riportare al centro del dibattito il merito delle questioni, in primis quelle umanitarie e che attengono ai diritti della persona, per sottrarle al cinismo di una campagna elettorale iniziata prematuramente e che rischia di sfuggire di mano. In un periodo di grave crisi economica creare un “capro espiatorio“ su cui dirigere il malcontento premia sicuramente dal punto di vista elettorale ma può condurre in quelle direzioni che credevamo per sempre archiviate dopo la Seconda Guerra Mondiale .

Il superamento della Bossi-Fini e l’avvio di un nuovo sistema di accoglienza e di integrazione: investe direttamente punti di cui intendiamo occuparci ed è su questi punti che chiediamo a Tutt* Voi -simpatizzanti/militanti/attivisti e comitati/associazioni- di convergere, sostenendo, ciascuno secondo le sue possibilità e disponibilità, la campagna “ERO STRANIERO-L’UMANITA’ CHE FA BENE”, lanciata da Radicali Italiani, Arci, Acli e da numerose altre realtà associative e realtà del volontariato.

E’ possibile consultare la documentazione della campagna cliccando qui:


http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/#download

Tra i punti salienti della proposta di legge di iniziativa popolare per cui ci battiamo ricordiamo:

Permesso di soggiorno temporaneo per la ricerca di occupazione e attività d’intermediazione tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri non comunitari;
Reintroduzione del sistema dello sponsor (sistema a chiamata diretta);
Regolarizzazione su base individuale degli stranieri “radicati”;
Nuovi standard per riconoscere le qualifiche professionali degli immigrati;
Misure per l’inclusione attraverso il lavoro dei richiedenti asilo;
Riconoscimento del godimento dei diritti previdenziali e di sicurezza sociale maturati;
Uguaglianza nelle prestazioni di sicurezza sociale;
Garanzie per un reale diritto alla salute dei cittadini stranieri;
Effettiva partecipazione dei soggiornanti alla vita democratica;
Abolizione del reato di clandestinità.

Vi invitiamo a far pervenire, NUMEROSE, le Vostre adesioni entro il 7 OTTOBRE prossimo

al seguente indirizzo: mailto:coordinamentonotriv@gmail.com oppure rispondendo alla presente mail.
Decideremo assieme, in una seconda fase, come renderle pubbliche.

Grazie a Tutt* dell’attenzione.

Abbraccio circolare.

Roma, 16 settembre 2017

Coordinamento Nazionale No Triv

 
NO TRIV AL CARRO DEI RADICALIultima modifica: 2017-10-01T11:19:35+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *