I numeri che hanno innescato la protesta dei pescatori

protesta pescatoriUna decina di bombe carta, lacrimogeni e tafferugli hanno movimentato il clima davanti Montecitorio, dove il 28 febbraio si sono riuniti i pescatori di tutta Italia per protestare contro il governo.  Al centro delle proteste il timore delle sanzioni eccessive introdotte dalla nuova legge.
I motivi della protesta
  • L’applicazione dell’art. 39 della recente legge sulla pesca 154/2016 che introduce rilevanti modifiche al sistema delle sanzioni.
  • Il pagamento del fermo biologico 2015 e 2016.
  • Il mancato snellimento e la semplificazione degli adempimenti per le licenze di pesca
  • Una diversa gestione delle politiche relative al mercato nel contesto della nuova Politica Comunitaria per la pesca.
  • Le Regioni sono in grave ritardo per l’ attuazione del Feamp (Fondo Europeo per Affari Marittimi e la Pesca). Entro il 2018 dovrebbero essere spese oltre il 60% delle disponibilità finanziarie dell’intero periodo.
 
La nuova disciplina, con multe fino a 75mila euro
Tra le novità più importanti, c’è la depenalizzazione della pesca, della detenzione e della vendita di pescato sottomisura. Una condotta che viene punita con una multa compresa tra 1.000 e 75.000 euro e con la sospensione dell’esercizio commerciale da 5 a 10 giorni. Misure inasprite se riguardano il tonno rosso e il pesce spada: oltre al raddoppio della multa, viene sospesa la licenza di pesca per un periodo da tre a sei mesi.
Stangati anche gli amanti della pesca sportiva: chi cattura in un giorno più di 5 kg viene multato con un minimo di 500 euro fino a un massimo di 50.000 euro. Anche in questo caso è previsto un raddoppio della sanzione qualora la violazione riguardi tonno rosso o pesce spada.
Novità anche in materia di violazioni alle norme sulla tracciabilità ed etichettatura del pescato messo in commercio, con sanzioni che vanno da 750 a 4.500 Euro. Il compito di vigilare è affidato alla Capitaneria di Porto ed è stato introdotto l’obbligo di confisca per tutte le partite di prodotti ittici sprovviste di documenti (fatture, trasporto, etichette, ecc).
Le multe saranno in proporzione alla gravità dell’infrazione. Per semplificare, in base al peso del pescato. Le nuove norme colpiscono anche i commercianti che acquistano prodotti della pesca sportiva: sospensione dell’esercizio commerciale da 5 a 10 giorni lavorativi.
 
La pesca in numeri
  • 180mila tonnellate di pesce all’anno vengono pescate nei mari italiani.
  • 13mila imbarcazioni
  • Negli ultimi 30 anni la marineria italiana ha perso il 35 per cento dei pescherecci e 18mila posti di lavoro.
  • In Europa si consumano 23 chili di pesce per persona all’anno. (56 chili in Portogallo, 25 in Italia e solo 5 in Ungheria).
  • Le importazioni di pesci e crostacei, molluschi e altri invertebrati acquatici sono aumentate in quantita’ del 3% nei primi undici mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
  • Nel 2015 le importazioni sono state di 769 milioni di chili, dei quali ben il 40% viene da paesi extracomunitari.
(Fonte Coldiretti)
Il rischio di truffe
Sulle nostre tavole arriva il pangasio del Mekong venduto come se fosse una cernia e il filetto di brosme come un baccalà. Ma anche l’halibut o la lenguata senegalese sono commercializzati al posto della sogliola. La frode è dietro la’ngolo anche perché in Italia più di due pesci su tre provengono dall’estero e i ristoranti non sono obbligati a indicare la provenienza.
Per approfondire:
01 marzo 2017 ©
I numeri che hanno innescato la protesta dei pescatoriultima modifica: 2017-03-18T21:16:01+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *