Miliziani siriani arresisi parlano del loro addestramento fornito da istruttori occidentali

Miliziani dei gruppi terroristimiliziani-consegnatisi
La tv siriana ha divulgato il Martedì le confessioni fatte da un gruppo di terroristi che si sono arresi alle forze siriane e che hanno roconosciuto di aver ricevuto addestramento da istruttori degli USA, del Regno Unito e della Francia nella regione del Qalamun.
Secondo le informazioni, sette miliziani si sono consegnati con le loro armi e tre veicoli artigliati nella località di Rebebeh, nella regione del Qalamun Orientale, ubicata a pochi kilomentri al nordest della capitale siriana.
Mohamed Hamra, uno di quelli, ha ammesso nelle confessioni diffuse dalla Tv che il suo gruppo armato ha ricevuto addestramento in Giordania da parte di agenti e ufficiali statunitensi, britannici e francesi.
Il miliziano ha spiegato che si era messo in comunicazione con le unità dell’Esercito e gli ha descritto la sua situazione e la volontà di consegnarsi, ha evidenziato di essere stato trattato bene dai soldati e che aveva ricevuto l’indulto in conformità con un recente decreto di amnistia.
Da parte sua, Mohamed Zidan, un’altro miliziano dello stesso gruppo, ha detto che gli estremisti ricevono appoggio finanziario dall’estero ed i loro capi rubano i soldi dei combattenti, ed ha aggiunto che “le battaglie che si sono realizzate da parte di questi gruppi armati contro l’ISIS sono state false e fittizie”.
Il Ministero siriano della Giustizia ha annunciato in una recente informativa che, nel corso dell’anno 2016, 4746 miliziani armati si sono consegnati all’esercito siriano e son stati indultati per effetto del decreto di amnistia dopo essersi impegnati a non commettere nessuna azione o delitti che pregiudichino  la stabilità o che violino le leggi del paese.
Fonte: Al Manar
Traduzione:  Juan Manuel De Silva – Gen 18, 2017
Miliziani siriani arresisi parlano del loro addestramento fornito da istruttori occidentaliultima modifica: 2017-01-30T14:01:25+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *