Yemen, bambini malati di cancro muoiono in agonia

un articolo di dicembre, ma non credo che sia stato trattato il genocidio degli yemeniti ad opera dell’Arabia Saudita, tanto cara alleata del Premio Nobel per la pace Obama, Chissà chi minacciava la stampa se ne avesse parlato, sicuramente Putin o Trump no?

Ce ne parlerà senz’altro Meryl Streep o Robert de Niro, del perché sono evidentemente diversamente musulmani, perché loro “non vanno salvati”? Grazie OBAMA, per questo  (ed altri) genocidio, le proteste contro Trump DIMOSTRANO QUANTO I MORALMENTE SUPERIORI HANNO GRADITO I TUOI MASSACRI


Yemen, bambini malati di cancro muoiono in agonia

bambini malati yemen
Mentre i nostri bambini sono in attesa dei regali di Natale, in altri Paesi, come in Yemen, i bambini aspettano le feste tra bombe, fame, malattie da malnutrizione e agonie da cancro, sotto gli attacchi militari sauditi quasi su base giornaliera, che hanno ucciso migliaia di persone e distrutto infrastrutture civili del Paese, tra cui ospedali, scuole e fabbriche.
Anche prima dello scoppio del conflitto, nel marzo del 2015, lo Yemen doveva affrontare le sfide da povertà diffusa, insicurezza alimentare e mancanza di servizi sanitari. Ma ora, con più di 3,2 milioni di persone sfollate, cibo e carburante da importazioni tagliate, e i mezzi di sussistenza distrutti, più di quattro su cinque yemeniti hanno bisogno di un qualche tipo di assistenza umanitaria. In tutto lo Yemen, almeno 370mila i bambini sono affetti da malnutrizione acuta grave.
Sono sopratutto i più vulnerabili, i bambini, a pagare un tributo devastante
Migliaia sono i bambini morti o feriti sotto i bombardamenti. Sono 10mila i bambini morti nello scorso anno, tutti sotto i cinque anni di età, per malattie del tutto “evitabili e prevenibili”, come la diarrea e la polmonite, secondo le Nazioni Unite.
Il conflitto ha portato lo Yemen indietro di centinaia di anni. La maggior parte del Paese è senza lavoro e ci sono carenze di energia elettrica, gas, acqua e cibo. Per quasi 600 giorni i bambini sono andati a letto, ogni singola notte, terrorizzati dal rumore degli aerei.
Un semplice colpo di tosse, una febbre, il freddo può uccidere quando lo stomaco è vuoto e il corpo debilitato, le strade sono polverizzate dai bombardamenti e gli ospedali sono irraggiungibili sia finanziariamente che logisticamente.
Il colera si sta diffondendo e la minaccia della carestia si profilaStiamo vedendo scene che ricordano il Biafra o l’Etiopia negli anni ’70 e ’80, scrive un cittadino yemenita che vive a Sana’a, la città che ha affrontato – insieme a Saada, al confine con l’Arabia Saudita – la maggior parte degli attacchi aerei della vile aggressione saudita. Egli scrive anche di come si muore di cancro in Yemen.
I due figli di Mohamed Ahmed
Mohamed Ahmed, padre di due figli, entrambi i quali hanno una forma grave e dolorosa di cancro alla lingua. Cercava aiuto ed è stato solo in grado di raggiungere la capitale Sana’a perché gli amici nel suo villaggio hanno raccolto donazioni per finanziare il suo viaggio.
La prima figlia di sei anni, Gaza, aveva il cancro alla lingua e nonostante le visite in molti ospedali non ha trovato un trattamento efficace per lei. L’unica soluzione era un intervento chirurgico urgente, possibilmente con trapianto di lingua, ma a causa della guerra i medici non sono nelle condizioni attualmente di effettuare tale trattamento. Non è stato possibile trasportarla in un ospedale fuori dal Paese, perché l’aeroporto di Sana’a è stato chiuso a causa di un blocco dei sauditi. E Gaza ha aspettato a letto la morte sopportando atroci dolori.
Ma lo strazio dei genitori non è finito, continua con il loro figlio, Mohamed, di due anni colpito dallo stesso male, un cancro alla lingua che ha bisogno dello stesso trattamento. In questo modo, atroce, i bambini muoiono di cancro in Yemen.
dicembre 09 2016,   di Cristina Amoroso
Yemen, bambini malati di cancro muoiono in agoniaultima modifica: 2017-01-22T21:33:57+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *