Il liberismo ha cancellato le parole “sfruttamento” e “ingiustizia” dal nostro vocabolario

di Diego Fusaro

Con l’avvento della neolingua neoliberale si sono eclissati dal vocabolario lemmi come “sfruttamento” e “ingiustizia”, che fino a non molti anni fa erano all’ordine del giorno. Sono stati sostituiti dalla nuova figura semantica manidel “disagio”.

A differenza dello sfruttamento e dell’ingiustizia, che alludono a una relazione conflittuale nella quale vi è un polo che sfrutta e l’altro che è sfruttato, una parte che commette l’ingiustizia e l’altra che la subisce, il disagio riguarda sempre e solo l’io individuale nel suo rapporto con sé e con il mondo, in uno scenario falsamente raffigurato come privo di legami sociali e di conflittualità immanenti.

Sentimento di angoscia e di inadeguatezza scaturente dall’incapacità del soggetto di adattarsi alla situazione, il disagio è forma espressiva coerente dei processi di deresponsabilizzazione tipici della mondializzazione mercatistica: nella quale le colpe sono sempre di quelle entità “sensibilmente sovrasensibili” (Marx) che sono i mercati.

In forza di tali processi, i fallimenti e le ingiustizie non vengono mai fatti dipendere da ciò da cui realmente dipendono, ossia dai rapporti di forza reali e dalle prosaiche logiche del capitale, bensì sempre e solo dall’incapacità degli io individuali di fare fronte al mondo oggettivo, di adeguarsi alle situazioni, di modellare adattivamente la propria soggettività in coerenza con le condizioni date.

Le contraddizioni reali di un paesaggio intessuto di violenza economica e di sfruttamento, di alienazione e di miseria, cessano di essere anche solo nominate. In loro luogo, subentrano i “disagi” soggettivi di chi non sa adattarsi.

La prospettiva della rivoluzione come via corale per superare le contraddizioni oggettive cede, allora, il passo alle figure dello psicologo e del counselor come unici possibili guaritori dei disagi dell’individuo, senza che l’oggettività dei rapporti della produzione sia anche solo scalfita o nominata.
Da parte integrante della realtà oggettiva, la contraddizione è stata trasfigurata in parte dell’individuo non adattato; con la conseguenza per cui si è indotti, con la sintassi di Ulrich Beck, a cercare “soluzioni biografiche” a “contraddizioni sistemiche”, cambiando se stessi più che l’oggettività contraddittoria dei rapporti sociali. È, una volta di più, il capolavoro della ragione tecnocapitalistica.

Fonte: fanpage – 13/11/2016

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=57663

Il liberismo ha cancellato le parole “sfruttamento” e “ingiustizia” dal nostro vocabolarioultima modifica: 2016-12-03T13:48:38+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “Il liberismo ha cancellato le parole “sfruttamento” e “ingiustizia” dal nostro vocabolario

  1. This is usually because it did not consist of the crucial supplementations demandedd
    to ensure that the benefits oof tesxtosterone treatment aare given the chance
    to to appear and, more importantly, to keep unwanted,
    health -hindering side effects at bay.

    My web page anti aging supplement (Krystal)

  2. This is the biggest testosterone therapy study to date that includes how sexual
    dysfunction might be hekped by testosterone treafment in older men.

    my web-site – testosterone therapy side effects hair loss (Margene)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *