Agence de financement des infrastructures de transport de France (AFITF) —>critiche al progetto Torino-Lione che starebbe in piedi solo grazie al finanziamento europeo

questo référé della Corte dei conti francese arriva al momento giusto. https://www.ccomptes.fr/Actualites/A-la-une/L-Agence-de-financement-des-infrastructures-de-transport-de-France

Si tratta di una dura accusa all’AFTIF che viene definito “l’ultimo avatar (alter ego) dei vari supporti che lo Stato francese ha successivamente creato”:

– il Presidente di AFITF è il deputato PS Philippe Duron, che aveva presieduto per volere di Hollande la Commission Mobilité 21 (tra le conclusioni: … le linee di accesso al tunnel non saranno sature fino al 2035-2040 …) e che mi aveva fatto sapere nel 2013 che François Hollande considera la Torino-Lione un affare geopolitico e non una linea ferroviaria,

– l’AFTIF è una conchiglia vuota senza poteri, una cassa di finanziamento che permette di gestire il finanziamento delle infrastrutture fuori dal dibattito parlamentare,

– che l’AFTIF è un mezzo che permette di superare i vincoli del diritto che regola i bilanci preventivi dello stato,

– circa la Torino-Lione, è criticata la traiettoria finanziaria dell’AFTIF che sostiene che per “questo progetto l’interesse e il finanziamento globale possono essere dedotti dalla sola ipotesi di cofinanziamento europeo (!), e sembra in gran parte fuori del bilancio dell’agenzia, non solo fino al 2019, ma anche oltre” —> Questa è la critica maggiore: il progetto Torino-Lione starebbe in piedi solo grazie al finanziamento europeo, possiamo aggiungere che la UE contribuisce ad aumenntare il debito degli Stati membri.

– alla luce di questo documento dobbiamo insistere perché si affermi la nostra dimostrazione che il costo della parte francese della Lyon-Turin è tre volte quello che Manuel Valls ha comunicato il 15 luglio 2016 a Saint-Martin-la-Porte (€ 6,18 miliardi vs 2,2),

– il comento al grafico è molto salutare per l’opposizione al progetto Torino-Lione: “La Corte sottolinea il carattere molto preoccupante per l’equilibrio futuro delle finanze pubbliche.

Queste le conclusioni della Corte dei conti:

– Orientamento n. 1: definire delle priorità dei futuri progetti, con particolare riferimento alla loro redditività socio-economico, e ridurre significativamente i nuovi impegni; (ma non è chiaro se il tunel della Torino-Lione è nell’elenco dei futui progetti),

– Orientamento n. 2: per il Consiglio di AFITF, garantire pienamente le sue responsabilità fornendo le priorità ai progetti e garantendo la loro conformità con una traiettoria finanziaria esplicita.

In chiusura il Presidente della Corte dei conti francesi chiede a Manuel Valls di fornire entro due mesi le sue risposte (cioè entro il 10 agosto 2016).

La risposta di Manuell Valls è qui: http://www.ccomptes.fr/content/download/94438/2191978/version/1/file/20160829-refere-S2016-1842-AFITF-rep-PM.pdf

Agence de financement des infrastructures de transport de France (AFITF) —>critiche al progetto Torino-Lione che starebbe in piedi solo grazie al finanziamento europeoultima modifica: 2016-08-31T17:47:44+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *