Lettera NOTAV a Chiara Appendino

Spettabile Sindaco di Torino  Chiara Appendino.

Le scrivo in merito alla solidarietà espressa   alle forze dell’ ordine in seguito agli ultimi fatti accaduti al cantiere di Chiomonte.

Premesso che sono stato Amministratore Comunale e che quindi  sono a conoscenza dei diversi ambiti di azione , i diversi ruoli e i doveri. So quanto è difficile muoversi  a tale riguardo, e ricordo bene quanti errori ho io stesso commesso e posso immaginare quanto lo sia di più in una metropoli rispetto a un paese di 5000 abitanti.

Non riesco a capire però quali siano stati gli eventi così drammatici  ( morti? Feriti? )  da spingere la Città di Torino a  esprimere la propria solidarietà alle forze dell’ ordine per fatti avvenuti  a  70 km di distanza dalla vostra città.

Nelle stesse ore il Tribunale di Ivrea condannava nomi altisonanti  e ben conosciuti al “sistema Torino”  per legami con le morti causate dall’ amianto sul posto di lavoro nell’ ex Olivetti.

Forse da ora in avanti mi devo aspettare  dichiarazioni di solidarietà per ogni atto di cronaca grigina, perché di cronaca nera non si può parlare , che avvenga nel raggio di 70 km da Torino  nei confronti di chi svolga il proprio lavoro ( perché  quello fanno a Chiomonte le forze dell’ ordine)  magari anche mal pagato ed eseguendo ordini  non sempre così  limpidi e comprensibili a noi “umani” ?

O  devo pensare  che  “ il sistema Torino”  sia ancora piuttosto influente  nel proteggere in special modo  le cose care, intoccabili  sempre e comunque anche quando avvengono a 70 km di distanza dalla propria giurisdizione ?

Ricordo che è notizia di poche ore fa l’ intercettazione riguardante l’ ndrangheta che pare abbia partecipato alla formazione di un presunto comitato “ SI TAV” al terzo valico . Non ha nulla da dichiarare il Consiglio Comunale Torinese ? 

Chiedo scusa per il tono provocatorio  e  per aver espresso perplessità su fatti  di cui sono venuto a conoscenza tramite i giornali e che quindi, magari, non corrispondono  alla realtà .

Resto  molto fiducioso, ma vigile, nel suo operato.  Pur non essendo cittadino di Torino osservo con attenzione le dinamiche del mio “ Capoluogo”  dal momento che Lei  diventerà di diritto Presidente di tutto il territorio dell’ ex provincia di Torino di cui anche io faccio parte.

Auguro un buon lavoro a lei e a tutta la sua squadra.

Mauro Galliano  – Condove-

Lettera NOTAV a Chiara Appendinoultima modifica: 2016-07-20T15:38:45+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *