Francia, il governo scavalca il Parlamento per approvare il jobs act: proteste in Aula e in piazza

ma che bravo il democratico kompagno Hollande, tanto moralmente superiore
 
5 LUGLIO 201616:05
 
Il primo ministro Valls forza la mano sulla riforma del lavoro: la legge sarà adottata direttamente dallʼesecutivo con un decreto
Passa per decreto la riforma del lavoro in Francia. Il premier, Manuel Valls, ha infatti deciso di forzare la mano facendo ricorso all’articolo 49.3 della Costituzione, bypassando il voto dei deputati. La mossa è stata condannata anche dal partito socialista di cui Valls fa parte. Alcuni deputati starebbero considerando l’ipotesi di presentare una mozione di sfiducia contro il governo, mentre diversi contestatori sono scesi in piazza a Parigi.
 
Jobs act, il governo francese “scavalca” il Parlamento: proteste a Parigi
 
La strada scelta dall’esecutivo è, di fatto, una sorta di scorciatoia: “Questo Paese è troppo abituato alla disoccupazione di massa – ha detto il primo ministro rivolgendosi al Parlamento – lo facciamo nell’interesse generale del popolo francese, non per intransigenza”.
 
L’iter legislativo contestato – Come detto, il contestato articolo costituzionale permette al governo di adottare una legge senza passare per il voto del Parlamento, salvo una mozione di censura dei deputati nelle 24 ore successive. Mozione che la destra, che all’annuncio del premier ha lasciato l’emiciclo in segno di protesta, ha affermato di non voler presentare. Se nessuna mozione sarà depositata entro le prossime 24 ore, il progetto di legge, che provoca da quattro mesi manifestazioni a ripetizione nel Paese, sarà definitivamente adottato.
Francia, il governo scavalca il Parlamento per approvare il jobs act: proteste in Aula e in piazzaultima modifica: 2016-07-08T08:24:13+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *