Dopo la Brexit, ci sono altre cose che dovremmo abbandonare. Ron Paul

brexit9
Il voto del Regno Unito per lasciare l’UE può essere stato uno shock per molti, ma il sentimento che ha portato gli elettori britannici a respingere le regole imposte da Bruxelles non è nulla di unico. In realtà è un sentimento in crescita in tutto il mondo, scrive Ron Paul sul sito online del suo Istituo per la pace e la prosperità
 
La frustrazione per la solita politica, per partiti politici che in realtà non differiscono in filosofia, con un’economia che favorisce l’1% della popolaizone a spese del resto della società è un fenomeno in crescita in tutta Europa e negli Stati Uniti. I fenomeni Bernie Sanders e Donald Trump sono solo un esempio della frustrazione di una società alla ricerca di una via d’uscita. Quello che sta accadendo nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti, è niente di meno che un guasto dell’intero sistema. L’UE è stata pensata per essere una unione doganale attraqverdso la quale, dopo la seconda guerra mondiale, l’Europa occidentale avrebbe potuto ricostruire se stessa attraverso il libero scambio e una riduzione della burocrazia. L’Ue è, invece, diventata un governo bullo non eletto a Bruxelles,  scollegato dai voti dei semplici cittadini.
 
Qualunque cosa accada nel prossimo futuro – e non è certamente assicurato che il voto di “Brexit  porterà ad un’uscita del Regno Unito dall’Unione europea – una linea è stata attraversata e i sostenitori di maggiore libertà personale dovrebbero festeggiare. Le leggi decise da Londra sono preferibili per i britannici lalle regole imposte da Bruxelles. Proprio come i texani dovrebbe preferire le regole di Austin e non di Washington.
 
Questa non sarebbe una scelta perfetta, solo si avrebbe una probabilità in più di godere di una maggiore libertà. La Brexit è la prima vittoria per un movimento che chiede una maggiore libertà? Possiamo uscire da un sistema che crea denaro dal nulla a vantaggio della classe dirigente, mentre impoverisce la classe media? Possiamo uscire da una banca centrale che finanzia le guerre che ci rendono meno sicuri? Possiamo uscire dagli ordini esecutivi? Possiamo uscire dallo stato di sorveglianza? Il Patriot Act? Possiamo uscire dal programma di droni statunitense che uccide innocenti all’estero e ci rende sempre più odiati? Uscire dalla NATO sarebbe un buon primo passo. Questa reliquia della guerra fredda sopravvive solo per fomentare il conflitto e poi si vende come l’unica opzione per affrontare il conflitto che ha scatenato Non sarebbe meglio non andare in cerca di uno scontro? Abbiamo davvero bisogno di altre esercitazioni militare della NATO al confine con la Russia?
 
Non è stata una sorpresa vedere il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg usare la carta della paura alla vigilia del voto sulla Brexit, avvertendo i cittadini britannici che se avessero votato per lasciare l’Ue avrebbero potuto affrontare un aumento del terrorismo. Allo stesso modo, gli Stati Uniti avrebbero fatto bene a non vantarsi degli accordi di “libero commercio” accordi che prevedono vantaggio per le élite, mentre danneggiare il resto di noi. L’atto di uscita è liberatorio. Dovremmo fare una lista delle cose da cui vorremmo uscire.
 
Notizia del: 28/06/2016
Dopo la Brexit, ci sono altre cose che dovremmo abbandonare. Ron Paulultima modifica: 2016-07-03T14:51:54+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *