FRANCESCHINI APRE BOCCA: VOTARE NO AL REFERENDUM E’ “UN ATTO CONTRO IL PAESE”! MENTRE TOGLIERE L’ART 18, ALLUNGARE A SPROPOSITO L’ETA’ PENSIONABILE NON E’ STATO UN ATTO CONTRO IL PAESE?

ART 18, LEGGE FORNERO E LE LEGGI SALVABANCHE NON INFASTIDISCONO LA SOCIETA’ CIVILE TANTO DA BRUCIARE GAZEBI O PICCHIARE GLI ADDETTI DEL PD
 
Votare No al referendum è “un vero atto contro il Paese”. “Usare una riforma attesa da 30 anni per buttarlo giù è un atto contro il Paese”. A puntare l’indice è, in un’intervista a Repubblica, il ministro dei beni culturali Enrico Franceschini .«Penso ai fiumi di parole che abbiamo versato in riunioni e convegni per raggiungere il risultato contenuto nella legge costituzionale e nella legge elettorale. Penso ai professori, ai commentatori, ai mondi intellettuali della sinistra che hanno accompagnato quel dibattito. Dimenticare il passato solo per una ragione di lotta politica, è inaccettabile», spiega Franceschini.
 
Quando Renzi dice che se perde si ritira “non è una minaccia, non è una personalizzazione. A me sembra – afferma Franceschini – una con-sta-ta-zio-ne. Questo governo, ed è agli atti, nasce per fare le riforme. Se le riforme non si fanno chiude bottega il governo e chiude anche la legislatura, mi pare ovvio. Anche perché non stiamo scegliendo tra due riforme diverse, che è il tema più surreale usato da alcuni costituzionalisti. Stiamo scegliendo tra la riforma e niente”.
 
“Qualcuno punta a colpire Renzi? Siamo nella fisiologia della politica, non mi sconvolge. Lo strumento però è sbagliato. Chi vuole affrontare il segretario dentro il Pd, lo sfidi al congresso; chi lo vuole sconfiggere nel Paese, lo sfidi alle politiche. Ma usare una riforma attesa da 30 anni per buttarlo giù è un atto contro il Paese”, sottolinea.
 
Roma, 29 mag. (askanews) 
FRANCESCHINI APRE BOCCA: VOTARE NO AL REFERENDUM E’ “UN ATTO CONTRO IL PAESE”! MENTRE TOGLIERE L’ART 18, ALLUNGARE A SPROPOSITO L’ETA’ PENSIONABILE NON E’ STATO UN ATTO CONTRO IL PAESE?ultima modifica: 2016-06-05T20:00:46+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *