La Russia condanna duramente l’oscuramento del sito di Sputnik in Turchia.

come non dimenticare quando i diritto umanisti per conto delle lobbies dei banchieri targati Ue si scatenarono contro Orban per aver, a detta loro, oscurato una radio “dissidente”… com’è che qui è diverso?
 
Scritto il aprile 16, 2016
 
706242
Il ministero degli Esteri russo ritiene un abuso l’oscuramento del sito dell’agenzia stampa russa Sputnik in Turchia.
 
“Consideriamo questa azione un abuso e la reputiamo una flagrante violazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali, ovvero della libertà di parola e del diritto di accesso all’informazione”,  hanno evidenziato i diplomatici russi.
 
L’edizione locale del sito era stata bloccata dall’Authority per le telecomunicazioni turche, in una mossa confermata anche dal caporedattore Tural Kerimov.
 
Secondo un rappresentante del Dipartimento delle telecomunicazioni turco, non sono obbligati ad avvertire quando chiudono un sito“, ha spiegato Kerimov
 
Intanto se si cerca di accedere al sito dalla Turchia, la home page recita soltanto: “Dopo analisi tecniche e considerazioni legali basate sulla legge n. 5651, sono state prese misure amministrative per questo sito“.
 
Il ministro degli Esteri Russo, contrariato sottolinea
 
“Riteniamo abbastanza inefficace il comunicato dell’authority turca, secondo cui “le misure amministrative nei riguardi della risorsa Internet specificata sono state adottate in relazione al collocamento sul proprio sito web di informazioni contrarie alla legge, su cui si pronuncerà un tribunale per emettere il verdetto definitivo”.
 
In un Paese come la Turchia, dove la stampa non allineata con il presidente Erdogan è da tempo nel mirino, stupisce solo fino a un certo punto che sia finito nel mirino anche Sputnik.
 
Fonte originale della notizia: Sputnik Italia.
La Russia condanna duramente l’oscuramento del sito di Sputnik in Turchia.ultima modifica: 2016-04-23T22:09:52+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *