Eccesso di legittima difesa? Parliamo di eccesso di illegittima offesa piuttosto!

eh no. E’ giusto lasciar rapinare i propri genitori anziani e lasciarli malmenare in casa propria, sennò se ci si oppone si dice che siamo dei selvaggi del far west. Bisogna essere accoglienti con i poveri malviventi. Strano che ci predica sta cantilena viaggi con la scorta, ad esempio. Cos’è st’abominio di volersi sentire al sicuro in casa propria? Ma è roba da reazionari.
 
L’editoriale di Salvatore Viglia on 12 Novembre, 2015 
polonia
Stando alle ultime notizie di sparatorie che vorrebbero i ladri invasori di case soccombere al fuoco dei malcapitati,  urge una legislazione. L’errore comune che si commette è di rivedere “l’eccesso di legittima difesa” per adeguarlo all’emergenza attuale piuttosto che considerare l’aspetto fondamentale che annulla discussioni e fuga ogni dubbio: “l’ eccesso di illegittima offesa”. Questo eccesso temerario all’ennesima potenza, consente ad un malvivente di introdursi notte tempo nella casa o nella proprietà di un cittadino ponendo in prostrazione psicofisica gli abitanti perché li costringe, tra terrore, paura ed ansia a valutare nella concitazione di fatti gravissimi, quale difesa in quel caso può essere consentita dalla legge se cioè è lecito oppure no difendersi con un’arma da fuoco. Chi si introduce in casa oppure in una proprietà di notte al buio, lo fa per commettere un reato  accettando, in quelle condizioni, il rischio concreto di essere scoperto. E’ evidente che non temere di essere sorpresi neanche nella paura di una reazione normale e legittima di chi cercherà di difendersi, rende il delinquente spropositatamente superiore nei rapporti di forza dell’azione illecita che ha intenzione di compiere ad ogni costo. Di qui “l’eccesso di illegittima offesa”  caratterizzato dalla  sfrontata azione spericolata del delinquente che lo pone in una posizione di vantaggio esageratamente conveniente al compimento dell’azione criminale. L’eccesso di illegittima offesa, nei casi prospettati   andrebbe considerato per consentire alla vittima dell’intrusione criminale, l’uso di un’arma da fuoco contro il malvivente. L’eccesso di legittima difesa, viceversa, non può essere preso in considerazione nei casi di intrusione in casa o nella proprietà notte tempo senza la possibilità di vedere chiaramente con chi si ha a che fare, se è armato oppure no, e di quale arma si tratti al solo scopo di scegliere il tipo di difesa personale per non incorrere nella maglie della giustizia stando attenti quindi a non eccedere nella difesa legittima. Il reato di “Eccesso  di illegittima offesa”, deve essere introdotto nella legislazione penale italiana nelle condizioni esplicitate (introduzione in casa o in proprietà notte tempo ed al buoi) ed in tutti i casi in cui il malvivente mostra una straordinaria temerarietà e decisione nel commettere il reato coperto dalle condizioni di luce, clima e visibilità limitate. Ciò consente di poter usare, anche se come ultima ratio, un’arma da fuoco per difendere sé stessi, la propria famiglia e i figli senza, con questo, incorrere nell’eccesso di legittima difesa tuttora previsto dalla legge ma che non disciplina in maniera corretta i casi di cui sopra.
Eccesso di legittima difesa? Parliamo di eccesso di illegittima offesa piuttosto!ultima modifica: 2015-11-12T21:36:19+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *