“Game over”: La Russia ha interrotto la “festa clandestina” della NATO in Siria

siria
 
Secondo diversi analisti, con la sua operazione antiterrorismo in Siria, la Russia ha minato i piani occidentali per un cambio di Governo in Siria ed ha rivelato quello che è in corso da quattro anni nella zona in cui operano i paesi della NATO.
Come riporta RT l’incontro tra il presidente siriano Bashar al Assad con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca, martedì scorso, è un altro segno che la Russia assume la guida nel panorama internazionale per cambiare una situazione che si stava prolungando senza che risultati concreti fossero stati ottenuti, scrive il giornalista investigativo e ricercatore della 21CenturyWire.com Patrick Hemmingsen, in articolo per RT.
Henningsen ha spiegato che questa mancanza di risultati è dovuta al gran numero di “attività nel clandestine che si stanno svolgendo nella zona, non solo in Siria, ma anche in Turchia, Giordania, nel nord dell’Iraq.”
Secondo il parere dell’esperto, se gli Stati Uniti e l’Occidente avessero voluto veramente affrontare la minaccia terroristica, “avrebbero lavorato con il governo di Damasco, perché questo ha la forze di terra che ha la maggior parte dell’informazioni sul campo e la migliore capacità di rilevare obiettivi, raccogliere informazioni e agire su questa base”.
“Questo è ciò che la Russia sta facendo: lavorare con l’attore chiave”, ha aggiunto Henningsen.
“La festa è finita! Chi rimedierà a questo pasticcio?”
Da parte sua, continua l’analista, “gli USA hanno messo tutte le loro fiches da poker su un lato del tavolo, fin dall’inizio … per insistere su un cambiamento di regime a Damasco, che è fondamentalmente un prolungamento di ciò che Washington è riuscito a fare in luoghi come l’Iraq o la Libia, un cambio di regime con la forza. “
“Loro pensavano di poterlo fare di nuovo cercando di far pensare di essere all’altezza. In realtà, è stato un fallimento completo in questa occasione”, scrive Henningsen, ma ricordate questo non vuol dire che la “guerra per procura” o clandestina tra la NATO e la Russia in Siria non si ripetera.
“La Russia ha praticamente interrotto una festa clandestina, se vogliamo usare quella metafora, che si svolge da quattro anni e paesi come gli Stati Uniti, la Turchia, la Giordania, quelli della NATO, compreso il Regno Unito e la Francia, sono stati in grado di operare in un modo più o meno clandestino”, ha sottolineato l’analista. “La Russia ha sostanzialmente interrotto tutto questo, ho acceso le luci e ha detto: “Guardate, adesso chi rimedia a questo pasticcio?”, ha insistito.
“Qui corriamo il pericolo di perdere uno Stato nazionale , si corre il rischio di un ulteriore enorme perdita di vite umane, più rifugiati in fuga dalla zona di battaglia, quindi il ruolo della Russia è stato quello di accendere le luci e dire.« Be ‘, la festa è finita ! … Adesso attaccheremo noi. Lavoreremo con Damasco. Cerchiamo di far fronte a questo “, ha aggiunto l’esperto, aggiungendo che a Washington sono sconvolti e ancora “arrabbiati” per questa situazione.
L’intervento russo in Siria, “game over” per i piani occidentali
A sua volta, l’analista politico e giornalista Neil Clark ritiene che, grazie all’azione russa, “nelle ultime tre settimane si è visto un cambiamento radicale della situazione in Siria”, che potrebbe “significare” il “game over” per i piani occidentali che volevano un cambiamento di regime in questo paese.”
A suo avviso, ciò che ha fatto Mosca ha rivelato il  “bluff dell’Occidente in modo spettacolare”, perché gli attacchi russi “hanno fatto più danni allo Stato islamico in due o tre settimane di quelli USA in più di un anno.”
 
Notizia del: 23/10/2015
“Game over”: La Russia ha interrotto la “festa clandestina” della NATO in Siriaultima modifica: 2015-10-28T21:58:35+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo