I coloni israeliani distruggono, derubano, vendono il patrimonio archeologico palestinese

infopal 

2015/10/071297822341

Jenin – PICIl ministro palestinese del Turismo e dell’Archeologia ha recentemente annunciato la scoperta di un importante cimitero archeologico nel villaggio Araba, nel dipartimento di Jenin, a nord della Cisgiordania. Questa scoperta è stata fatta da squadre del comune del villaggio durante il loro lavoro di apertura di una strada. Questa scoperta ha aperto di nuovo il dossier del Patrimonio della Palestina e la questione della sua difesa.

Secondo la dichiarazione del ministero, il sito scoperto risale all’era bizantina. Questa scoperta permetterà di raccogliere nuove informazioni sulla zona e sull’intera regione.

Queste informazioni avranno un grande impatto sugli studi archeologici del sito e sulla sua storia.

Il direttore dell’ufficio archeologico di Jenin, Khalid Rabayaa, ha informato il nostro Centro Palestinese , che il lavoro nel sito continua , che le squadre del ministero hanno  continuato  i lavori d’esplorazione e di documentazione con l’obbiettivo di scoprire in modo efficiente ed esauriente tutti i dettagli e i resti del sito.

Il direttore dell’ufficio archeologico di Jenin ha sottolineato che secondo l’ufficio archeologico palestinese, la Palestina dispone di circa 944 principali siti archeologici, diecimila siti piccoli, 350 città e villaggi storici che ospitano più di 60 mila edifici storici.

Protezione del patrimonio, una grande sfida

Il direttore dell’ufficio archeologico di Jenin, non nasconde il suo desiderio di vedere il patrimonio palestinese in pericolo. Questo patrimonio è devastato dagli occupanti sionisti e dai contrabbandieri. E i mezzi per la sua protezione sono molto modesti.

L’anno scorso l’UNESCO ha preso delle decisioni in tal senso, ma nulla è stato avviato sul terreno.

Inoltre, il muro di annessione ha divorato circa 270 siti principali e due mila monumenti storici.

Distruzione dei siti storici

Sabri Hamadan, ricercatore archeologico, ha confermato che i coloni sionisti non danno nessuna importanza alle altre civiltà. Si prendono la libertà di radere le rovine romane, islamiche, cananee.

Ha sottolineato che molti siti archeologici sono stati rasi, isolati dal muro di separazione o minacciati dall’annessione a vantaggio dei coloni sionisti. La grotta An-Nattafa ne è un buon esempio. A causa del muro, i Palestinesi non possono raggiungerla.

Dir Qassis, Kharbat Orareh, Dir Qalqaa sono delle rovine isolate dal muro di annessione.

Una mafia organizzata

Più di centomila siti archeologici vengono derubati ogni anno e la maggior parte dei reperti finiscono all’estero.

Il direttore generale dell’ufficio della protezione del patrimonio palestinese, Saleh Tawafcha, ha confermato che centinaia di migliaia di pezzi archeologici sono già stati rubati e trasferiti verso l’entità sionista e verso l’estero dai contrabbandieri .

Infine, ha detto che gli occupanti sionisti concentrano i loro voli sull’epoca del Ferro, Romana e Bizantina.

Traduzione di Nadia El Mansouri

I coloni israeliani distruggono, derubano, vendono il patrimonio archeologico palestineseultima modifica: 2015-10-09T15:24:02+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *