Nella giornata di ieri 1810 clandestini prelevati al largo della Libia. 13 morti

L’importante è fingere che la stessa Ue dell’accoglienza condanna a morte per povertà e stenti italiani e greci che si suicidano o vivono in strada sfrattati. Quando si dice solidarietà ed eguaglianza, in nome di mafia capitale??? A seguito
Grecia: 1635 clandestini prelevati nel mar Egeo nel weekend
 
martedì, 28, luglio, 2015
 
Tredici cadaveri sono stati recuperati nel pomeriggio di ieri su un barcone diretto verso l’Italia, raggiunto da mezzi di soccorso al largo delle coste della Libia. Sullo stesso barcone vi erano altri 522 migranti che sono stati tratti in salvo. Non sono chiare al momento le cause del decesso dei 13 migranti.
L’interevento di soccorso è stato coordinato dalla centrale operativa di Roma della Guardia costiera che, ricevuta una richiesta di intervento, ha inviato in direzione del barcone la nave Le Niam della Marina militare irlandese inquadrata nel dispositivo Triton. Dal barcone l’equipaggio ha recuperato i tredici cadaveri ed i superstiti.
 
Nella giornata di ieri sono stati 1810 i clandestini prelevati presso le coste libiche in cinque distinte operazioni, tutte coordinate dal centro nazionale soccorsi della Guardia costiera. Ai soccorsi, oltre alla nave della Marina militare irlandese, hanno partecipato due unità di Medici senza frontiere ed un pattugliatore svedese.
 
Grecia: 1635 clandestini prelevati nel mar Egeo nel weekend
lunedì, 27, luglio, 2015
Tra venerdì mattina e stamani la guardia costiera greca ha prelevato e traghettato più di 1.600 migranti a bordo di imbarcazioni intercettate nel mare Egeo. Lo riferisce l’edizione online del quotidiano ateniese Kathimerini.
Le motovedette hanno effettuato in tutto 54 missioni di ricerca al largo delle coste di otto isole del Mar Egeo. Complessivamente sono state prelevate 1.635 persone
Nella giornata di ieri 1810 clandestini prelevati al largo della Libia. 13 mortiultima modifica: 2015-07-31T22:49:10+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *