Roma: Eur, disoccupati organizzano “Funerali” a civiltà del lavoro

Le sinistre dove erano? A difendere il gov Renzi da Salvini

27 febbraio 2015

«In memoria della Civiltà del Lavoro. I disoccupati ricordano». Così recita lo striscione del Comitato lavoro minimo garantito, che ha organizzato un «funerale simbolico della civiltà del lavoro», proprio di fronte al Palazzo omonimo dell’Eur. Il sit-in è stato promosso anche dalle associazioni Libera, Radici e Roma Futura, con il sostegno del gruppo Sel in Campidoglio e in Regione. Prevista infatti la partecipazione, tra gli altri, della consigliera regionale Marta Bonafoni, da poco passata dal gruppo Per il Lazio a Sel. «Dopo l’approvazione del Jobs Act, abbiamo capito che non c’è nulla dentro quel provvedimento, se non la perdita di ulteriori diritti – ha commentato Andrea Mosetti coordinatore del Comitato lavoro minimo garantito, che riunisce un folto gruppo di disoccupati romani – Le tutele crescenti sono una follia. Ci stiamo concentrando sempre di più su un lavoro indirizzato all’estero. Dobbiamo invece lasciare dentro il Paese le risorse. L’ipotesi della vendita del Palazzo della Civiltà del Lavoro, è qualcosa che porterà via altri posti di lavoro. Credo ci sia una disattenzione a sviluppare nuova occupazione e diritti. Sabato prossimo – ha annunciato – faremo un convegno sui temi del lavoro minimo all’hotel Nazionale. Verranno da tutta Italia, perché vogliamo avere la possibilità di pensare non solo al reddito per i disoccupati, ma al lavoro minimo per tutti, perché il lavoro è dignità e identità. Discuteremo anche della delibera in costruzione in Campidoglio per istituire le sentinelle antidegrado, iniziativa che noi abbiamo proposto». Per Gegè Di Cesare, presidente dell’associazione Radici, è un dovere essere «qui oggi, a sostegno di questo percorso di denuncia e sensibilizzazione verso la cittadinanza che il comitato sta portando avanti da quasi un anno. Qui c’è un dramma, quello della mancanza di lavoro. È un’emergenza sociale. I funerali sono un atto simbolico, perché questo è il palazzo dedicato ad una civiltà, quella del lavoro, ormai defunta».

 Fonte Omniroma

Roma: Eur, disoccupati organizzano “Funerali” a civiltà del lavoroultima modifica: 2015-02-27T21:35:24+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *