Profughi abbandonati in una corriera, Prefettura e Comuni non li vogliono

Nemmeno le persone italiane sfrattate costrette a dormire all’addiaccio e quando sono fortunate in auto NON VENGONO ACCOLTE E RIFOCILLATE DA NESSUNO senza che nessuno si scandalizzi. Muoiono anche persone MALATE in ambulanza in attesa di un posto all’ospedale ma nessuno si indigna. La solidarietà non è senza se e senza ma

Sono stati aiutati dalla Polfer e rifocillati e vestiti dalla Caritas

Poi la soluzione: per una notte ospitati dalla comunità marocchina   

TREVISO – Una trentina di immigrati, provenienti da vari paesi del centro Africa e destinati dal prefetto di Venezia a essere ospitati in provincia di Treviso, sono stati “abbandonati” davanti alla stazione. Hanno passato la notte in corriera, usufruendo dei servizi igienici della stazione, aperti per loro dalla Polfer. In mattinata i volontari della Caritas hanno portato loro viveri e vestiti. La Prefettura di Treviso ha detto di non avere alcuna possibilità di alloggiarli e nessuno dei comuni si è fatto avanti.

 Giovanni Manildo, sindaco di Treviso, oggi non ha partecipato per protesta al vertice di Venezia fra prefetti e sindaci dei comuni capoluogo. Manildo ha motivato la sua assenza sostenendo che la materia è stata gestita male e che i comuni non hanno più la possibilità di ospitare i profughi.

 Poi una soluzione è stata trovata, almeno per una notte, come racconta Manildo: «Mi sono vergognato di vedere persone abbandonate a dormire in un autobus davanti alla stazione dei treni e non potevamo restare sordi a un’emergenza umanitaria». Con l’assessore alle politiche sociali Liana Manfio, Manildo ha lavorato per dare una risposta all’emergenza: «Ringrazio la comunità marocchina e il presidente Abdallah Kerzraji che si è reso disponibile ad accogliere queste persone. Per questa notte, grazie anche al nostro interessamento e al lavoro di Caritas, in 39 verranno ospitati nel centro culturale Hilal».

 Servizi sull’edizione di Treviso del Gazzettino in edicola mercoledì 18 febbraio

 martedì 17 febbraio 2015, 14:21

http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/TREVISO/treviso_profughi_abbandonati_stazione_polfer_caritas_manildo/notizie/1187299.shtml

L’ÉCRIVAIN DAVID GROSSMAN RETIRE SA CANDIDATURE AU PRIX ISRAËL

Agence TEM/ Trans-Europa Médias

http://trans-europa-medias-press.com/

http://www.scoop.it/t/trans-europa-medias

https://www.facebook.com/trans.europa.medias.presse

TEM - LITTERATURE - L'ecrivain David Grossman retire sa  candidature (2015 02 17)

L’écrivain israélien David Grossman a annoncé jeudi dernier qu’il retirait sa candidature au prestigieux « Prix Israël » après la décision du Premier ministre Benjamin Netanyahu d’écarter du jury ses membres les plus critiques vis-à-vis de la politique israélienne, selon la télévision locale.

 Le Premier ministre a disqualifié cette semaine trois membres du jury du Prix Israël, le plus important prix culturel du pays, accusant sur sa page Facebook le comité de sélection d’avoir “nominé ces dernières années de plus en plus d’extrémistes et d’anti-sionistes”. “Cette situation, qui permet à un petit groupe aux positions extrémistes (sic) de garder la mainmise sur les nominations du Prix Israël doit changer”, a ajouté M. Netanyahu, qui en tant que ministre de l’Education par intérim, a un pouvoir de décision sur la composition du jury.

 Après la mise à l’écart de trois membres du jury — les professeurs de Littérature Avner Holtzman et Ariel Hirschfeld et le producteur Haïm Sharir — plusieurs écrivains nominés, dont David Grossman, ont annoncé qu’ils boycottaient le Prix. “J’ai pris cette décision en réponse à la campagne d’intimidation du Premier ministre à l’encontre de certains des meilleurs scientifiques et artistes israéliens”, a annoncé à une journaliste de la Deuxième chaîne de télévision M.

 Grossman, voix infatigable du “camp de la paix” et l’une des plus grandes figures de la littérature israélienne. Il est notamment l’auteur du roman “Une femme fuyant l’annonce”, Prix Médicis dans la catégorie littérature étrangère en 2011.

 Le parti travailliste israélien a annoncé qu’il saisissait la Haute Cour de justice israélienne pour s’opposer à l’intervention du Premier ministre sur la composition du jury du Prix Israël.

 Le Prix Israël, décerné chaque année à des individus ou groupes qui se sont distingués dans les lettres, les sciences ou les arts, est considéré comme l’un des plus grands honneurs accordés par l’État israélien.

 TEM / avec LLLB / 17 février 2015 /

 http://trans-europa-medias-press.com/trans-europa-medias-litterature-lecrivain-david-grossman-retire-sa-candidature-au-prix-israel/

____________________

 TEM / Trans-Europa Médias

* TEM Website :

http://trans-europa-medias-press.com/

* TEM Blog / Revue de Presse :

http://www.scoop.it/t/trans-europa-medias

* TEM Profil Facebook :

https://www.facebook.com/transeuropa.medias

* TEM Page Facebook :

https://www.facebook.com/trans.europa.medias.presse

L’ODYSSÉE DES COMBATTANTS SÉNÉGALAIS 1914-1918

Agence TEM/ Trans-Europa Médias/ / HISTOIRE / 

http://trans-europa-medias-press.com/

http://www.scoop.it/t/trans-europa-medias

https://www.facebook.com/trans.europa.medias.presse

TEM - BOOK - L'odyssée des combattants sénégalais (2015 02 16) (1)

Joe Lunn

Editeur : L’Harmattan

Entre 1914 et 1918, plus de 140.000 hommes de l’ A.O.F furent enrôles dans l’armée française et déployés sur le front de l’ouest. Le recrutement en temps de guerre eut des répercussions sociales profondes tant en France qu’en Afrique. L’auteur de ce livre s’est intéressé au Sénégal pour mesurer, en privilégiant ce point de vue unique, l’impact de la guerre sur les Africains de l’Ouest.

S’appuyant sur une vaste recherche d’archives et fondé sur les récits de 85 Africains, témoins ou combattants de la Première Guerre mondiale, l’ouvrage de Joe Lunn apporte un éclairage nouveau sur les sujets suivants : la nature de l’ordre colonial d’avant-guerre, la conduite des campagnes de recrutement dans les colonies et l’impact qu’elles eurent sur les Africains, les conditions du service des soldats outremer, enfin la façon dont l’expérience de guerre modifia les attitudes que les Africains avaient précédemment entretenues vis-à-vis d’eux-mêmes, de leurs sociétés et de la France.

Ce livre contribue également de façon significative à l’étude du caractère changeant des relations franco-africaines de la période coloniale, en adoptant comme point de référence ce moment charnière que fut la Première Guerre mondiale.

L’AUTEUR

Joe Lunn est professeur d’histoire africaine et d’histoire de l’Europe contemporaine à l’université Michigan-Dearborn. Il est spécialiste d’histoire interculturelle comparative et d’histoire orale. Sa recherche est axée sur l’expérience sénégalaise pendant la Première Guerre mondiale. Chercheur-boursier sénior Fulbright, Joe Lunn a obtenu le Prix Alfred Heggoy du meilleur livre, décerné par la Société d’histoire coloniale française pour Memoirs of the Maelstrom : A Senegalese Oral History of the First World War ?

Date de parution :  01/12/2014

Editeur :  L’Harmattan

ISBN :  978-2-343-04934-2

EAN :  9782343049342

Présentation : Broché

Nb. de pages : 318 pages

TEM / 16 février 2015 /

http://trans-europa-medias-press.com/trans-europa-medias-histoire-lodyssee-des-combattants-senegalais-1914-1918/

____________________

TEM / Trans-Europa Médias

* TEM Website :

http://trans-europa-medias-press.com/

* TEM Blog / Revue de Presse :

http://www.scoop.it/t/trans-europa-medias

* TEM Profil Facebook :

https://www.facebook.com/transeuropa.medias

* TEM Page Facebook :

https://www.facebook.com/trans.europa.medias.presse

LUC MICHEL: LES ACCORDS DE MINSK ET LA DERIVE UKRAINIENNE DECRYPTES/ SUR AFRIQUE MEDIA

Les experts internationaux de EODE sur les médias …

EODE-TV & AFRIQUE MEDIA TV/

Avec EODE Press Office/ 2015 02 15/

EODE-TV - EXPERTS lm minsk decrypte (2015 02 15) FR

Intervention de Luc MICHEL, Administrateur-général d’EODE,

dans l’émission LE DEBAT PANAFRICAIN :

 Video sur le Website d’EODE-TV https://vimeo.com/119865170

 Luc MICHEL décrypte les accords de Minsk 1 et 2 et analyse la situation politique, économique et militaire au Donbass, en Novorossiya et en Ukraine.

Il présente la situation des voisins de l’Ukraine et explique ce que veulent les américains et leur volonté d’une nouvelle « guerre froide ».

Enfin il analyse la situation en Russie même, explique comment les ultra-nationalistes russes sont au service de l’agenda occidental. Il conclut en répondant à la question « que veut réellement Poutine en Ukraine et en Moldavie » …

 Il répond aux questions de Bachir Mohamed Ladan :

Les médias bruissent sans fin des nouveaux accords de Minsk sur l’Ukraine. On y souffle le chaud et le froid. Comment analyser correctement ces accords et la situation réelle en Ukraine et au Donbass ?

Quel était le but de ces accords de Minsk. Pourquoi un tel battage médiatique et une telle pression sur les participants ?

Et ces accords règlent-ils quelque chose concrètement ?

Comment interpréter Minsk. Qui sont les gagnants et les perdants ?

Et la suite de tout cela ? Pouvez-vous nous donner des prévisions ?

Et la situation de Poutine et de la Russie pour conclure ? Comment se portent-ils ?

Et que veut vraiment Poutine ? Le sait-on ???

 Diffusé en direct sur AFRIQUE MEDIA TV

15 février 2015 dans l’émission ‘LE DEBAT PANAFRICAIN’

présentée par Bachir Mohamed Ladan .

 EODE-TV / EODE Press Office /

________________________

www.afriquemedia.tv

EODE-TV sur Vimeo: https://vimeo.com/eodetv

Retrouvez nous sur Facebook

avec le « Groupe officiel AFRIQUE MEDIA TV » : https://www.facebook.com/groups/afrique.media.groupe.officiel/

Nuova rapina targata Pd, la tassa sui contanti: regalo alle banche

no, il partito degli onesti, il partito che lotta contro il conflitto di interessi e la corruzione e che rappresenta i poveri farebbe una cosa del genere????????

 martedì, 17, febbraio, 2015

pd3

Venerdì con il via libera annunciato dal premier Matteo Renzi ai decreti attuativi della delega sul fisco internazionale arrivano anche strumenti per incoraggiare la tracciabilità dei pagamenti.

Scrive il «Sole 24 Ore» che il governo sarebbe pronto a dichiarare la guerra al contante con l’introduzione di un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri superiori ai 200 euro. Ciò non dovrebbe dispiacere alle banche che potranno vedere crescere i loro profitti sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso vedranno ridursi i costi di gestione del contante

Il primo tassello sarà rendere obbligatorio dal 2017 per commercianti, artigiani e professionisti la memorizzazione e la trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri per dire addio allo scontrino di carta. L’obbligo riguarderà anche la grande distribuzione e tutti i soggetti che oggi sono sul mercato con i distributori automatici

AGGIORNAMENTO !! – LA NOTIZIA pero’ PROVIENE DAL GOVERNO, QUINDI LA VERIDICITA’ NON E’ PROVATA

Il governo non prevede alcuna tassa sull’uso di denaro contante. E’ quanto precisano fonti del Tesoro, in merito all’ipotesi riportata oggi dalla stampa sull’applicazione di un bollo sui versamenti in contanti di valore superiore ai 200 euro.

http://www.imolaoggi.it/2015/02/17/nuova-rapina-targata-pd-la-tassa-sui-contanti-regalo-alle-banche/

Indagato in Mafia Capitale, Marino nomina Polito “coordinatore dei municipi”

ah ma naturalmente lui non sa nulla. Lui non sà mai una cippa. I diversamente onesti possono laddove gli altri sono messi almeno alla gogna mediatica (in galera no, sia mai)

 martedì, 17, febbraio, 2015

Indagato in Mafia Capitale nominato da Marino capo del decentramento amministrativo

marino2+

 Salvatore Buzzi, il ras delle coop rosse coinvolto in Mafia Capitale, lo voleva a capo del V dipartimento, quello che gestiva l’emergenza rom. Marino e la sua giunta lo dirottarono alla trasparenza e all’anticorruzione. Mafia Capitale e l’inchiesta Mondo di Mezzo, che lo vedono tra le persone indagate per associazione, lo fecero saltare.

A due mesi e mezzo dalla rimozione Walter Politano riceve un nuovo incarico. Sarà il coordinatore dei municipi. A stabilirlo il sindaco Marino che con un’ordinanza ne ha disposto le nuove mansioni. Non una promozione precisa il Campidoglio che in una nota è costretto a spiegare.

“A seguito delle dimissioni Politano è stato messo a disposizione del Dipartimento Risorse Umane in attesa di nuovo incarico. Il fatto che il dottor Politano sia indagato, infatti, non costituisce motivo di sospensione sine die dall’affidamento di un incarico dirigenziale, cui lo stesso ha dunque legalmente diritto, all’interno dell’amministrazione comunale per cui l’interessato lavora da più di 20 anni”.

Il Campidoglio quindi parla di atto dovuto: “La ricollocazione del dottor Politano era un atto dovuto. Il dirigente avrebbe potuto, infatti, rivalersi sull’amministrazione capitolina in assenza di un provvedimento di fatto obbligatorio. Si evidenzia, ad ogni buon conto, che l’incarico affidato al dottor Politano è un incarico dirigenziale di base, ovvero di Unità Organizzativa, e non si può in alcun modo configurare come una ‘promozione’, come invece erroneamente riportato da alcuni organi di stampa”.

Ad attaccare la nomina sono i consiglieri del Movimento Cinque Stelle: “Ecco la meritocrazia di Marino, se sei indagato per mafia vieni subito promosso. Il M5S Roma – prosegue la nota – si chiede come sia possibile che un dirigente dell’amministrazione indagato per associazione mafiosa nell’inchiesta su mafia capitale, possa essere scelto dal Sindaco per continuare a ricoprire incarichi di rilievo. Tra le altre cose occorre rilevare che il dirigente veniva rimosso dalla guida dell’ufficio anticorruzione del Campidoglio. Dunque per il M5S Roma sono doppie le ragioni di opportunità politica, ma anche sostanziali, che avrebbe dovuto valutare il Sindaco prima di fare questa scelta”.

Stefano Giannini, segretario del Sulpl, sindacato di polizia locale, in maniera provocatoria chiede: “La domanda da garantisti quali siamo e che rivolgiamo all’amministrazione è la seguente: la stessa cautela si applica per semplici dipendenti o vale solo per i dirigenti di alto rango?”.

romatoday.it

http://www.imolaoggi.it/2015/02/17/indagato-in-mafia-capitale-marino-nomina-polito-coordinatore-dei-municipi/

Libia, ancora sbarchi sulle coste italiane. Mille solo oggi

abbiamo tanto lavoro che gli italiani choosy non vogliono fare. Ma tanto non hanno bisogno di lavorare per mantenersi, sarebbe sfruttamento. Per fortuna a loro viene garantito vitto e alloggio gratis. Noi paghiam le tasse a suon di sfratti,espropri ed Equitalia. E’ eguaglianza 2.0. No, ma è solo per solidarietà che vengono accolti, il business più redditizio della droga non c’entra.

sbarchi3

(Foto dal sito della Marina militare)

Articolo pubblicato il: 17/02/2015

Non si placa l’ondata di sbarchi sulle coste italiane con il centro d’accoglienza di Lampedusa ormai al collasso.

Con l’ultimo sbarco, di 265 profughi, salgono a 1.215 i migranti ospiti della struttura di Contrada Imbriacola che ha solo 250 posti letto disponibili. Tra loro ci sono anche 155 minori non accompagnati e 42 accompagnati. Una situazione particolarmente difficile per i responsabili del Centro, gestito da Misericordia, che devono fare fronte a numerosi problemi, soprattutto logistici. Oggi è previsto un altro ponte aereo che dovrebbe trasferire 94 profughi in altri centri d’accoglienza del Nord Italia. “Una situazione molto complicata, è un delirio”, dice il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini.

Uno dei 265 migranti – tra cui sette donne – sbarcati stamattina a Lampedusa è stato ricoverato presso la Guardia medica per uno stato di ipotermia, ma le sue condizioni non sono gravi.

Intanto si è concluso a Porto Empedocle (Agrigento) lo sbarco di 642 profughi che erano stati soccorsi nel Canale di Sicilia. Tra questi 35 donne, di cui una incinta, e 19 minori. Gli immigrati, provenienti prevalentemente da Siria, Somalia, Nigeria, Eritrea, Pakistan, Marocco, Mali, Sudan e Ghana, sono stati recuperati nel mar Libico dalla nave Orione della Marina militare. La donna incinta è stata affidata personale sanitario della Croce rossa italiana, che ha provveduto al suo trasferimento in ambulanza all’ospedale di Agrigento.

Quello di oggi è il quinto sbarco di migranti dall’inizio dell’anno a Porto Empedocle, dove sono sbarcate 2165 persone e 29 cadaveri (1171 in occasione di operazioni coordinate dalla Guardia Costiera, 441 trasferiti da Lampedusa con nave di linea e 13 rintracciate a terra dopo sbarco autonomo).

La polizia ha sottoposto a fermo due scafisti senegalesi che avevano condotto i gommoni con a bordo quasi 200 migranti giunti ieri a Pozzallo. Ascoltati i migranti in merito alle condizioni di vita a Tripoli, in Libia. Nulla è emerso in quanto gli extracomunitari erano chiusi nei capannoni prima della partenza già da un mese.

Intanto è arrivata nel porto di Salerno la nave della Marina Militare ‘Luigi Durand De La Penne’ con a bordo 320 migranti, la maggior parte provenienti dal Corno d’Africa. Ad attenderli sul molo ‘3 gennaio’ del porto salernitano personale delle forze dell’ordine, della Protezione civile e della Croce Rossa. Le forze dell’ordine hanno individuato a bordo un presunto scafista, di origine tunisina. I migranti, tra i quali si contavano circa 20 bambini, dopo l’identificazione sono stati portati nei centri di accoglienza sparsi nella provincia di Salerno.

La maggior parte dei migranti sbarcati negli ultimi giorni a Pozzallo nel ragusano, ha subito violenze, soprattutto durante il tempo trascorso nelle carceri libiche. A raccontarlo è Chiara Montaldo, coordinatrice dei progetti di Medici Senza Frontiere (MSF) in Sicilia, dall’inizio di febbraio in servizio all’interno del centro d’accoglienza di Pozzallo. Tra i migranti, approdati nella cittadina in provincia di Ragusa, c’erano anche diverse donne e una bambina di due anni arrivata ieri con la mamma in stato di gravidanza. “Il dato che emerge dalla grande maggioranza è quello delle violenze subite, di cui tantissime nelle carceri libiche. L’80-90% delle persone ci dice di essere stata in carcere per diversi mesi e, infatti, hanno dolori, lesioni traumatiche, oltre a malattie come la scabbia, anch’essa sintomo di una detenzione in condizioni igieniche molto precarie, come quelle delle carceri libiche. Ci hanno anche riferito di violenze fuori dal carcere, che in questi ultimi giorni si sono intensificate” conclude.

http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2015/02/17/libia-arrivi-senza-sosta-sulle-coste-italiane-migranti-attesi-porto-empedocle-renzi-intervento-egitto-bombarda-postazioni-libia_ObUmsXVmi0zriS5NLxPyaI.html?refresh_ce

RAPINATORI RUMENI PICCHIANO SELVAGGIAMENTE PENSIONATO 93ENNE: MARCISCANO IN GALERA E SI BUTTINO VIA LE CHIAVI”

mettere in galera criminali stranieri che picchiano un anziano? E’ razzismo, stavano solo facendo uno scambio culturale, o erano frustrati. Vanno capiti, magari l’anziano si è sbagliato e le botte le ha solo “percepite” nell’immaginario. Ma meno male che i poveri rapinatori non sono stati feriti o uccisi da qualcuno che fosse intervenuto in difesa del 93enne, sarebbe stato lui il vero criminale.

 “I rapinatori rumeni che hanno picchiato selvaggiamente e derubato il pensionato 93enne di Romano d’Ezzelino (VI) vanno fatti marcire in galera buttando via le chiavi. Complimentandomi per l’ottimo lavoro svolto dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Bassano del Grappa, che hanno già fermato 2 dei pericolosi malviventi (entrambi rumeni di etnia rom), l’auspicio è che si arrivi presto a sgominare l’intera banda e a metterla dietro le sbarre. Questi rumeni che si sono resi responsabili di un reato così orribile e ripugnante, accanendosi contro un anziano indifeso di 93 anni tanto da costringerlo ad oltre un mese d’ospedale, devono pagare fino in fondo per quanto hanno commesso”.

Lo dichiara l’europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, vicesegretario veneto della Lega Nord, sull’arresto di 2 dei 4 rumeni che hanno derubato e seviziato un pensionato 93enne a Romano d’Ezzelino (VI).

“Questo grave episodio, che ha avuto come vittima un anziano, ci deve far riflettere su una doppia emergenza che colpisce i nostri territori – continua l’on. Bizzotto – Da un lato siamo alle prese con un preoccupante allarme criminalità, vista l’escalation e la recrudescenza di furti, rapine e violenze che sono ormai all’ordine del giorno: dall’altro lato, siamo di fronte a un’emergenza immigrati che, in questo caso come in molti altri, sono protagonisti di fatti criminali così efferati. Servono quindi risposte urgenti per fermare queste drammatiche emergenze: lo Stato garantisca il controllo del territorio e la Giustizia non faccia sconti ai criminali”.

http://www.imolaoggi.it/2015/02/16/due-rom-picchiano-selvaggiamente-un-93enne-ora-marciscano-in-galera/

ISIS, GENTILONI E LE GRANDI RIFORME

Posted on 15/02/2015 by admin       

Due giorni fa, commentando l’annuncio che l’Isis, rectius il Califfato, aveva occupato alcune città costiere della Libia, quindi può colpire con gli Scud il territorio italiano, il nostro ministro degli affari esteri, Gentiloni, ha dichiarato che l’Italia è pronta a combattere, se l’ONU delibera la guerra. Esponenti del Califfato hanno prontamente replicato che Gentiloni e l’Italia sono crociati e nemici, quindi verranno colpiti. Era da aspettarselo, che reagissero così! E adesso, se lanciano qualche missile e fanno qualche morto italiano, che dirà il ministro degli affari esteri? Dirà “Scusate, riconosco che ho parlato in modo poco accorto, adesso pago di tasca mia i funerali e un equo risarcimento ai familiari”?

Ohibò, Gentiloni, sei piuttosto incauto e avventato, per essere il capo della diplomazia!

O forse no, forse sei un furbone, forse hai fatto bene a provocare l’Isis, perché un pericoloso nemico esterno, un bello scontro esterno con l’Isis, magari una guerra, è quello che ci vuole per compattare il Paese e distogliere l’attenzione degli italiani dal problema interno, cioè dalle riforme anti-democratiche ed eversive che il tuo governo sta portando avanti in parlamento ricorrendo a ogni sorta di violazione delle regole procedurali, come tutte le opposizioni oramai denunciano.

Fino a ieri c’era San Remo a distogliere l’attenzione degli Italiani, ma adesso che il Festival è finito, abbiamo un vincitore, e bisogna inventarsi qualcos’altro.

15.02.15  Marco Della Luna

http://marcodellaluna.info/sito/2015/02/15/isis-e-governabilita/

Banche italiane: con 183 miliardi di sofferenze arriva la BAD BANK

povere, povere banche.Riceveranno le iniezioni di liquidità mensili, ma state certi, nonostante abbiano bilanci disastrati (eh povere banche quanto soffrono) rigirerano questi soldi ad imprese e famiglie senza chiedere niente niente in cambio (anche perché stando ad alcuni tutte le iniezioni ingrasserano i cattivi ed avidi tedeschi)

Scritto il 16 febbraio 2015 alle 09:50 da Danilo DT

banche-italiane-in-crisi-sofferenze

“Il sistema bancario è sano, le banche italiane sono sane”.

Questa frase è stata più volte ribadita da Bankitalia (Visco) e non solo da lui.
Sarà veramente così? Se leggiamo gli ultimi fatti c’è ben poco da stare allegri.
Dal sito di Bankitalia, proprio lei, vediamo che sono sedici gli istituti di credito attualmente commissariati. E tra queste, ovviamente, c’è la grande new entry degli ultimi giorni, ovvero la Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.
Ma non c’è solo la BPEL. Come non ricordare la Banca delle Marche, la Carige o la più vecchia banca del mondo, la MPS?

La cosa che accomuna queste banche è, tra le altre cose, il fatto che la percentuale dei cosiddetti “crediti in sofferenza” superava il 20%.
Ma queste banche, grandi banche, non sono sole. Parlavamo di solidità, prima. La stessa Bankitalia inizia a sentire puzza di bruciato. Ecco cosa dice Barbagallo, il responsabile della vigilanza in Bankitalia:

«nelle Bcc l’incidenza dei crediti anomali sul totale dei prestiti è salita dal 10 al 17,5 per cento tra giugno 2011 e giugno 2014. L’accelerazione ha riguardato principalmente le sofferenze, più che raddoppiate (dal 4 al 8,4 per cento). La rischiosità dei prestiti delle banche locali, in passato più contenuta nel confronto con le altre banche, ha raggiunto livelli più elevati di quelli relativi all’intero sistema bancario (16,8 per cento), sostanzialmente allineati a quelli delle banche oggetto della recente verifica approfondita degli attivi da parte della Bce (17,4 per cento)». (Source) 

Ma le BCC non si dicevano solidissime e fondamentali per la microeconomia, essendo le vere “banche del territorio”?
Già il fatto che 16 delle banche sopra citate commissariate, sono appunto BCC.
Ed è palese che, se quel 20% verrà portato a perdite, creerà delle voragini difficili da gestire.
Ecco perché Bankitalia spinge all’integrazione, sia tra le BCC e non solo tra di esse. Vedi ilcaso delle Popolari.
E allora, diciamo le cose come sono. Il sistema bancario italiano è in forte difficoltà,logorato dalla difficile situazione economica e non solo da quella. E questi dati lo testimoniano. Forse i due colosi, Unicredit e Intesa SanPaolo, più altre eccezioni, si trovano in una situazione migliore. Ma le altre?

Ecco l’elenco delle 33 banche che, secondo Mediobanca, hanno sofferenze per una percentuale superiore al 20%. E guardate quante di queste banche sono proprio istituti di credito cooperativo, alias casse rurali.

istituti-affanno

In media si stima che 1 rurale su 10 sia in seria difficoltà. Non mi sembra una percentuale di poco conto.

Bisogna puntare il dito solo sulle colpe dell’economia? Insomma nessuna responsabilità ai banchieri? Figuriamoci, responsabilità ne hanno eccome. La gestione delle banchesoprattutto in chiave politica ha fatto danni inenarrabili.
Qualche esempio?

Tanto per cominciare le banche italiane hanno troppi sportelli e troppi dipendenti. E se mi permettete, poca preparazione e poca professionalità. Proprio a causa di una cattiva gestione del personale, troppo spesso trattato come venditori “porta a porta”.
Poi la clientela delle banche italiane è ovviamente legata a quella che è sempre stata la nostra forza: la piccola media impresa, che però rappresenta rischi maggiori soprattutto quando la situazione economica è molto logora, come in questo periodo.
Non è quindi un caso che le sofferenze bancarie abbiano registrato a novembre nuovi massimi a 161 miliardi di euro. (source @AlfieriMarco via HP)

sofferenze-banche-italiane

Ma ora possiamo stare tranquilli. La BCE verrà in soccorso al sistema bancario e poi, da un po’ di giorni, la sempre ipotizzata ma mai voluta (perché il sistema è solido e liquido….) bad bank è diventata molto più di un’ipotesi. Anche perché il volume delle sofferenze continua a lievitare. Dalle ultime fonti, siamo a 183 miliardi.

(…) Il controvalore dei crediti non performing, contenuto nel supplemento al bollettino statistico ‘Moneta e banche’, sale a 183,673 miliardi da 181,131 miliardi di novembre. Il valore di realizzo scende a 84,499 miliardi da 84,847 miliardi. (…) (RTRS) 

Per la cronaca la bad bank è un ente creato per raccogliere le sofferenze del sistema bancario (i crediti ormai inesigibili), comprandole dalle banche commerciali con uno sconto notevole (anche del 70%).
Che sia una buona cosa, secondo me non c’è dubbio. Che sia anche tardiva, pure.
Ma prima di giudicare, occorre capire le caratteristiche di questa bad bank.
Solo una cosa resta certa: il sistema bancario italiano continua nella sua fase di malattia. Alla faccia della solidità del sistema.

coperture-banche-npl-sofferenze

STAY TUNED!

Danilo DT

http://intermarketandmore.finanza.com/banche-italiane-con-183-miliardi-di-sofferenze-arriva-la-bad-bank-71214.html?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews