Firme false Pd, primi avvisi agli indagati

http://www.lospiffero.com/buco-della-serratura/firme-false-pd-primi-avvisi-agli-indagati-20045.html

Pubblicato Venerdì 23 Gennaio 2015, ore 17,40
 

La Procura invia comunicazioni giudiziarie a sette politici sospettati di aver autenticato in modo irregolare le liste pro Chiamparino. Tra questi il presidente della Circoscrizione V, tre ex consiglieri provinciali e i regionali Grimaldi e Conticelli

Primi indagati per le presunte firme false nella sottoscrizione delle liste a sostegno di Sergio Chiamparino alle scorse elezioni regionali. A ricevere il temuto avviso di garanzia sono stati, al momento, sette politici, a vario titolo sospettati di aver compiuto irregolarità all’atto delle autenticazioni nella loro funzione di pubblici ufficiali, ma sarebbero altri quattro o cinque ad essere sulla graticola. Si tratta, per ora, dei consiglieri regionali Marco Grimaldi (Sel) e Nadia Conticelli (Pd, presidente della Circoscrizione torinese VI), degli ex consiglieri provinciali di Torino Umberto Perna, Pasquale Valente e Davide Fazzone, tutti del partito democratico, del presidente democratico della Circoscrizione V Rocco Florio e del suo vice Giuseppe Agostino. Tutti sono invitati a comparire davanti ai pm Patrizia Caputo e Stefano Demontis, titolari dell’inchiesta scaturita dall’esposto presentato nel luglio scorso dall’europarlamentare della Lega Nord Mario Borghezio, direttamente nelle mani del procuratore capo Armando Spataro. 

Il primo a parlare di firme false anche nel centrosinistra fu un altro consigliere provinciale, quelRenzo Rabellino che dopo le tante liste civetta ideate e una condanna a 2 ani e 10 mesi per falso è ormai diventato un’autorità in materia, vicenda di cui per primo Lo Spiffero ne diede notiziaL’inchiesta ha poi preso il via dagli esposti della ex consigliera leghista di Palazzo Cisterna Patrizia Borgarello (al Tar, che ha aggiornato l’udienza al prossimo 19 febbraio) e dal compagno di partito Borghezio, quest’ultimo in sede penale, ipotizzando i reati di falso ideologico e abuso d’ufficio. Ed è proprio da qui che è partita l’azione della Procura di Torino, impegnata in questi mesi a sentire centinaia di sottoscrittori delle liste “incriminate”. A finire sotto la lente della magistratura la lista civica Monviso, quella del Partito democratico e il listino bloccato del governatore.

 Leggi anche

Firme false, mezzo Pd in Procura

Firme false, se ne riparla l’anno prossimo

Firme false, ecco chi trema nel Pd

Firme false Pd, primi avvisi agli indagatiultima modifica: 2015-01-24T14:03:12+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *