Grottammare: Fallimento e casa all’asta, 70enne tenta una strage e poi si suicida impiccandosi

il  tg parla di loro? No, sono vittime colpevoli di non esssere ricche. Sono italiani, quindi perché mai lo stato democratico, europeista e multi culturale dovrebbe occuparsi dei propri cittadini?

 13 gennaio 2015

E’ morto nel primo pomeriggio di martedì 13 gennaio impiccandosi nel garage della sua abitazione sulla Valtesino Filippo Capocasa ma prima aveva preparato un piano per far saltare l’intera palazzina. Fortunatamente il preventivo allarme di un vicino ha evitato il peggio.

 L’uomo prima di togliersi la vita aveva collegato il cavo elettrico di una stufetta ad un contatore secondario (sperando che i vigili del fuoco non lo individuassero in tempo) e l’aveva posizionata a fianco di alcune taniche di benzina e di bombole del gas lasciate aperte per fare esplodere la palazzina dove abitava. Un piano strategico che poteva provocare un’esplosione di una certa entità con tutte le conseguenze del caso.Uno dei vicini però aveva notato i movimenti ambigui di Capocasa e avvertito i Vigili del Fuoco che hanno fatto scattare in tempi brevissimi il piano di emergenza, transennando l’intero perimentro ed evacuato la zona.All’interno dell’abitazione è stato rilevato tramite le strumentazioni che la presenza di gas era considerevole ed era stato superato il secondo livello di ‘allarme esplosione’: dunque la deflagrazione era imminente.Sul posto sono arrivati per un lavoro congiunto i pompieri, la polizia, i carabinieri e il personale del 118 con gli agenti della Polizia municipale di Grottammare.

 Dietro alla tentata strage e al suicidio dell’uomo delle motivazioni economiche, un fallimento e la casa di proprietà andata all’asta.Tutto questo aveva sconvolto Capocasa lasciandolo in uno profondo stato depressivo- compulsivo.

 Fonte viveresanbenedetto

Grottammare: Fallimento e casa all’asta, 70enne tenta una strage e poi si suicida impiccandosiultima modifica: 2015-01-15T21:06:18+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *