MA QUANTO SON BELLE LE PRIMARIE! di MdS

 13 gennaio

Due euro a voto per fare il presidente della Regione. CHE TIRCHI!

prim1

[Nella Foto Sergio Cofferati e Raffaella Paita]

Diciamolo subito: la cosa che davvero colpisce delle primarie liguri del Pd non è la compera dei voti, è la tirchieria. D’accordo, da quelle parti non è merce rara, ma quando è troppo è troppo. Pare che gli immigrati marocchini inviati ai seggi – la fonte è l’insospettabile Repubblica – abbiano ricevuto 2 euro per votare il candidato (più probabilmente, la candidata) che li ha organizzati. Dei cinesi non si sa. Riservati e furbacchioni come sempre supponiamo ne abbiano strappati anche 3.

Stando a queste tariffe la vittoria della renziana Raffaella Paita – assessora alla protezione civile in una Regione dove chi ha ricoperto quel ruolo dovrebbe come minimo andare in esilio – sarebbe stata una questione di poche migliaia di euro. Cofferati, che ligure è solo d’adozione, si starà mangiando le mani.

Gli estremisti che da sempre denunciano le primarie come uno strumento delle lobby hanno sbagliato anche questa volta. Sì, per vincere devi avere molti appoggi in alto, ma anche buoni agganci in basso. Mica per niente, lì i voti costano meno. E in tempi di risparmi sui costi della politica vi sembra poco? Sul punto anche Beppe Grillo sarà d’accordo.

Dice: ma con tutto il marcio che queste primarie hanno evidenziato, te la prendi con la tirchieria? E’ sì, miei cari, perché quell’avarizia è proprio il segno dei tempi. Almeno, quando imperversava il Cavaliere, il voto di qualche parlamentare valeva milioni, in euri e benefit vari. Ora, ti ritrovi a capo della Liguria – regione che fino a ieri si riteneva sfortunata solo per le alluvioni – spendendo soltanto gli spiccioli del primo stipendio da governatrice. Quando si dice la decadenza della politica!

untitled

La signora Paita ha goduto anche dell’appoggio esplicito dell’Ncd ligure. Evidentemente con le minoranze etniche ci sa fare. Cofferati ha contestato, Nichi Vendola è “inovvidito“. Ma come, questo cambio di alleanze… Cambio? Sveglia signori: con chi governa Renzi a livello nazionale?

Ve lo diciamo noi: governa col Coniglio mannaro soprannominato Alfano, e fin lì ci eravate arrivati. Quello, con i denti che si ritrova, lascia tracce anche quando si muove nel sonno. Ma solo con Alfano? Suvvia, ancora uno sforzo, non sarà che governa anche con il pregiudicato dedito all’assistenza degli anziani, giusto a dimostrare quanto possa esser dura la vecchiaia?

E, dicono i malevoli, che governino insieme anche per alcuni precisi interessi. Interessi che in Liguria sono cementati dal… cemento. Un materiale che entusiasma tanto i “burlandiani” (da Claudio Burlando, attuale sGovernatore della regione), che gli scajoliani (da Claudio Scajola, ex ministro ed esperto di centrali nucleari, tangenti varie e case con vista sul Colosseo).

Che le cose in Liguria siano andate così lo sanno anche i sassi. Perfino l’insospettabile Angelo Sanza – portavoce nazionale del “Centro Democratico“, presente alle primarie con un proprio candidato che ha ottenuto un risultato da prefisso telefonico internazionale – è sbottato. Questa la sua fotografia: «file di cinesi ai seggi… persone che chiedono agli imbarazzati scrutatori dove possono ritirare il compenso che gli è stato promesso… noti esponenti del centrodestra ai seggi…».

Ma quanto sono belle le primarie… Che bella la democrazia senza i partiti… Vuoi mettere tutte quelle perdite di tempo. E magari qualche volta gli iscritti volevano pure contare. Adesso invece i voti li può direttamente comprare e ad un prezzo che ha dell’incredibile. Quando si dice la deflazione…

Ora il povero Cofferati contesta il risultato. Ma a quale partito credeva di essere iscritto? Parla addirittura di un intervento della magistratura, come se le regole delle primarie fossero una legge dello Stato. Ma per favore! Riflettessero, almeno per una volta, sulla porcata chiamata “primarie”, un giochino nato giusto per premiare i gruppi di potere più spregiudicati.

La sfacciataggine della Paita, dote imprescindibile per ogni renziano/a che si rispetti, è forse più utile per la comprensione delle cose. Intanto è una che si vanta della «conoscenza del territorio». Sul punto gli alluvionati degli autunni liguri avrebbero forse qualcosa da ridire, ma in quanto a conoscenza dei gruppi etnici organizzati si è rifatta abbondantemente. Del resto, ha rivendicato: «io sono per l’integrazione». E qualche risultato l’ha effettivamente raggiunto, integrando almeno per un giorno alcune migliaia di persone incolpevoli nel marciume del partito che governa l’Italia.

Magari, per la prossima volta, il Pd dovrebbe cercare di migliorare l’efficienza. Ad esempio, chiarendo dove si ritira il compenso (perché non direttamente dal presidente del seggio?). Oppure evitando ai più tecnologici cinesi di La Spezia la fatica della fotografia della scheda appena votata. In fondo basta abolire la segretezza del voto e non se ne parla più.

Insomma, pure le primarie hanno bisogno di essere riformate. Dategli tempo e vedrete che Renzi provvederà anche a questo.

 http://sollevazione.blogspot.it/2015/01/ma-quanto-son-belle-le-primarie-di-mds.html

MA QUANTO SON BELLE LE PRIMARIE! di MdSultima modifica: 2015-01-14T20:32:30+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *