La rivoluzione fiscale dei greci. In vista delle elezioni smettono di pagare le tasse

non pagare le tasse? Ma quale oltraggio da gente incivile…questo se lo propone un qualsiasi italiano sarebbe la reazione dei protettori del regime politically correct.

Se lo fanno i greci, godranno di massima stima ed l’appellativo di rivoluzionari da parte degli stessi soggetti che in Italia accuserebbero tale iniziativa di eversione, fascismo etc

 di: WSI | Pubblicato il 13 gennaio 2015

La minaccia della Bce. Esperto: “trattative Atene-Eurozona verso una distruzione reciproca”. Syriza sempre in vantaggio nei sondaggi.

Secondo Ekathimerini, in vista delle elezioni del prossimo 25 gennaio, molti contribuenti greci hanno deciso di smettere di pagare le tasse.

ROMA (WSI) – In attesa della fatidica data del 25 gennaio, quando torneranno alle urne per decidere il destino del loro paese, molti contribuenti greci avrebbero deciso di non pagare più le tasse. Allo stesso tempo, stando a quanto riporta Bloomberg, la Banca centrale europea sarebbe pronta a staccare la spina alla Grecia, togliendole i fondi di cui ha bisogno disperatamente, nel caso in cui, sotto un eventuale altro governo, Atene si rifiutasse di continuare ad osservare le regole di austerity, volute soprattutto dalla Germania.

Di fatto, la Bce starebbe indicando la volontà di ritirare un finanziamento da 30 miliardi di euro. Intervistato da Bloomberg James Nixon, responsabile economista europeo presso Oxford Economics, a Londra, afferma che “le trattative iniziano con la minaccia di una distruzione reciproca assicurata. Ma ritirare davvero i finanziamenti dalle banche greche è qualcosa che significherebbe che la Grecia è sul punto di lasciare l’euro”.

 E’ un report di Ekathimerini che mette in evidenza come le entrate fiscale siano scivolate negli ultimi giorni, in previsione delle elezioni imminenti e sulla scia dell’incertezza dei contribuenti sul futuro. Questo, perchè è molto possibile che lo stato possa semplicemente “non esistere tra due settimane”.

Scrive Ekathimerini: “la maggior parte dei contribuenti ha deciso di ritardare i versamenti (delle tasse), considerate le posizioni dei due principali partiti in cima alla lista dei sondaggi elettorali, che sono diametricamente opposti. Syriza, il partito del leader Tsipras, ha promesso infatti di cancellare l’ENFIA (tassa sulla proprietà) e anche di svalutare i crediti inesigibili, mentre Nuova Democrazia riconosce le difficoltà dei cittadini ma non solleva questioni che potrebbero generare problemi e avere conseguenze fiscali”. (Lna)

 Un sondaggio condotto dall’istituto Rass tra l’11 e il 12 gennaio mostra che nelle intenzioni di voto dei greci Syriza, il partito di sinistra guidato da Alexis Tsipras, è in vantaggio di tre punti percentuali sui conservatori del primo ministro uscente Antonis Samaras.

 Fonti principali:

Ekathimerini.

Bloomberg

http://www.wallstreetitalia.com/article/1798380/la-rivoluzione-fiscale-dei-greci-in-vista-delle-elezioni-smettono-di-pagare-le-tasse.aspx?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+WSI&utm_content=13-1-2015+posts+La+rivoluzione+fiscale+dei+greci.+In+vista+delle+elezioni+smettono+di+pagare+le+tasse

La rivoluzione fiscale dei greci. In vista delle elezioni smettono di pagare le tasseultima modifica: 2015-01-13T21:13:58+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *