No Tav, il terrorismo in Val di Susa è solo chiacchiere e…teoremi

dicembre 17 2014
«L’importante è che l’accusa di terrorismo arrivi in Cassazione, poi come va a finire non importa». Tornano in mente le parole di un ufficiale dei Ros, Raggruppamento Operativo Speciale dei carabinieri, pronunciate nel ’98 all’indomani delle perquisizioni in diverse “case occupate” soprattutto di area anarchica a Torino e Collegno, ma soprattutto dopo gli arresti di Silvano Pellizzero, Maria Soledad Rosas ed Edoardo Massari. I tre anarchici finirono in prigione con la pesante accusa di essere terroristi e di aver compiuto attentati contro il neonato progetto Tav in Val di Susa. La vicenda è tristemente nota a tutti. Edoardo Massari detto “Baleno” e Maria Soledad detta “Sole” si tolsero la vita. Intanto il processo contro i famigerati Lupi grigi (questa secondo gli inquirenti era la sigla del gruppo di ecoterroristi anarchici), andò avanti, ma l’accusa di terrorismo cadde. 

Anni dopo Niccolò Blasi, Mattia Zanotti, Chiara Zenobi e Claudio Alberto, i quattro attivisti No Tav che parteciparono insieme a tante altre persone la notte tra il 13 e il 14 maggio del 2013, all’assalto al fortino-cantiere di Maddalena di Chiomonte, dove si sta costruendo non la linea ad alta velocità, ma solo un tunnel geognosticoe poi il 9 dicembre scorso arrestati e accusati di terrorismo.
La vittima del loro terrore un generatore elettrico che andò in fiamme durante il blitz e per questo, i quattro hanno subito mesi e mesi di carcere duro. Un anno dietro le sbarre.
Alcuni mesi fa dal Palazzaccio di Roma, la Cassazione, arriva la notizia che i quattro non potrebbero essere giudicati per terrorismo. Non ci sono elementi. 
La Procura di Torino parla di un semplice errore di forma e va avanti con i pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Andrea Padalino, nel sostenere che gli attivisti No Tav sono terroristi e che quella notte si sono mossi in tal senso, organizzando squadre d’assalto. 
E arriviamo ad oggi 17 dicembre. I giudici, dopo essersi ritirati in Camera di consiglio hanno sentenziato cheChiara, Matteo, Niccolò e Alberto non sono terroristi, che non ci sono prove del loro terrorismo e quindi, non vengono condannati a 40 anni di carcere come richiesto dai due pm, ma a 3 anni e 7 mesi ciascuno per il reato di danneggiamento e altre accuse. Sempre tanti per un generatore, unica vittima ad oggi del cosiddetto terrorismo valsusino.
Dunque, oggi come ieri sono gli stessi togati ad affermare che in Val di Susa sulla vicenda Tav non esiste terrorismo, nonostante la campagna fatta da alcuni magistrati con il loro teorema e da alcuni giornali che invece di indagare su chi ha interesse di arricchirsi con gli appalti della Torino-Lione , la ‘ndragheta in pole position.
Eppure non sono poche le ditte coinvolte nei lavori del progetto dell’alta velocità, indagate per le irregolarità riscontrate. Ma in molti continuano a non vedere quello che accade sotto il naso di tutti, a far finta che ci sia trasparenza e che gli unici problemi intorno al Tav siano i No Tav. Violenti e terroristi. Anzi. Solo violenti, visto che tra primo grado e cassazione nessun crede più a quel teorema.
Nel nostro Paese dove stragi di Stato ancora oggi non hanno un colpevole e un mandante, dove inchieste come “Mafia Capitale” stanno dimostrando che la malavita organizzata continui a stringere affari con politici di livello locale e nazionale, dove il complottismo la fa da padrone perché effettivamente in molti casi gli armadi di “quelli importanti” son zeppi di scheletri, c’è chi ha buttato benzina sulle fiamme di un generatore elettrico (che a quanto pare è stato “resuscitato” e rivenduto nel Canavese, alla faccia della prova d’accusa), tirando fuori dai cassetti e da antichi faldoni prestampati, in cui bisogna solo aggiungere il nome dell’accusato, dei presunti terroristi,  che, nella realtà, all’interno di una lotta popolare come quella dei No Tav non esistono.
Insomma, citando un noto film, è  tutto “solo chiacchiere e…”.

No Tav, il terrorismo in Val di Susa è solo chiacchiere e…teoremiultima modifica: 2014-12-17T13:45:17+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *