LTF-SAS.com (di nuovo) Tango Down!

post — 15 dicembre 2014 at 18:26

Anonymous prosegue la campagna #opGPII, contro i mega progetti  inutili e imposti e manda fuori uso, in gergo Tango down, il sito di Ltf. Come sempre e con puntualità gli Anon sono al fianco delle lotte e lottano insieme ai movimenti!

Signori delle industrie, il mondo che state costruendo per noi, dove un collegamento ferroviario che fà risparmiare 40 minuti di tempo giustifica la distruzione di ecosistemi che mai più saranno recuperabili, un mondo dove il dissenso è represso sistematicamente da forze dell’ordine che mai davvero pagano per i propri errori, una società che non investe in energie rinnovabili e costringe un numero enorme e crescente di persone a competere spietatamente per mantenere un tenore di vita tutt’al più appena decente, è una gabbia immonda funzionale solo alle vostre mire avide e inumane.

Nessun vantaggio economico potrà mai essere barattato con la bellezza della natura incontaminata, nessun mirabolante “sviluppo” giustificherà mai le vostre immonde politiche schiave della fame di denaro!

Anonymous si unisce ancora una volta nella lotta contro un opera inutile e costosa in cui sono chiaramente immischiate aziende mafiose. Ancora una volta dalla parte dei notav e del popolo. Delle donne uomini,anziani e ragazzi che da ventanni portano avanti questa battaglia per il bene di tutti: vengono menati, gasati, denunciati, arrestati e incarcerati per una battaglia che è anche la nostra.

DIETRO QUELLE BARRICATE, IN QUEI BOSCHI, DAVANTI A QUELLE RECINZIONI C’ERAVAMO TUTTI.
LIBERTA’ PER I NO TAV ARRESTATI IN VALSUSA.
LIBERTÀ PER TUTTI GLI ARRESTATI.
LIBER* TUTT*.
LIBER* SUBITO.
…À SARÀ DÜRA!
We are Anonymous
We are Legion
We do not Forgive
We do not Forget
Expect Us.

Qui la pagina con il comunicato e il video dell’operazione

http://www.anonymousvideo.eu/operazione-contro-i-megaprogetti-non-necessari-e-imposti.html

B41RScNIEAAVFro
B46FSp1IcAEXuVS

OPERAZIONE CONTRO I MEGAPROGETTI NON NECESSARI E IMPOSTI

http://www.anonymousvideo.eu/operazione-contro-i-megaprogetti-non-necessari-e-imposti.html

 Anonymous Video Network

Anonymous.TV Video «#OpGPII.» (CC / sottotitoli in italiano) Operazione contro i megaprogetti, non necessari e imposti #opGreenRights #NoTAV #OpTestet #NDDL #BureStop #Roybon #MilleVaches…

 Anonymous Notizie in Italiano  giovedì 4 dicembre 2014  


Anonymous #opGPII.

Salve, cittadini del mondo libero.
Stiamo lanciando #OpGPII: un Operazione contro i megaprogetti, non necessari e imposti in modo anti democratico.

Progetti che il sistema capitalista ha imposto solo pochi anni fa appaiono, alla luce dell’attuale livello di conoscenza, inutili. Tale sistema morente, con i suoi progetti senza senso, ci sta portando con sé nella sua caduta, e non esita a uccidere una persona: Remi Fraisse.

Fronteggiamo il capitale finanziario, che sta utilizzando denaro pubblico per la realizzazione di questi progetti imposti nell’ombra e grazie alla corruzione, senza alcun dibattito pubblico, nè attenzione ai bisogni/esigenze dei cittadini e dell’ecosistema. Noi Anonymous, abbiamo deciso di agire per mettere in luce ogni nefandezza di questi progetti che il sistema chiama progresso, quando in realtà si tratta di morte comune, per il solo beneficio di pochi.

Combattiamo:

  • Con #NoTAV – La linea ferroviaria TAV Torino-Lione che forse garantirà tempi di percorrenza ridotti di 30 minuti a fronte di una natura devastata in Val Susa ed in molti altre aree Italiane e Francesi. Senza contare la minaccia costituita per la salute pubblica delle polveri e dai materiali di risulta dei lavori di perforazione. Il tutto per la esorbitante cifra di 30 miliardi di Euro dovuti a tutti i/le contribuenti.
  • Con #opTestet – La diga di Sivens, lottando contro la quale, Rémi Fraisse è stato assassinato delle forze dell’ordine, vili macellai di uomini. Era uno studente di 21 anni.
  • Con #NDDL – L’aereoporto di Notre Dame Des Landes, situato nei pressi di Nantes, in area rurale.
  • Con #BureStop – Il seppellimento di scorie nucleari radioattive nei pressi della città francese di Bure.
  • Con #Roybon – I Centerpacs, che sono una pecie di parco attrazioni (simile ad un luna park) e che sorgeranno al posto della foresra di Chambaran che verrà distrutta.
  • Con #MilleVaches – Le industrie casearie con più di mille bovini.

KABILA DIT DEFINITIVEMENT NON A OBAMA : PROCESSUS ÉLECTORAL EN RDC. KABILA N’ACCEPTE PAS LES “INJONCTIONS” ÉTRANGÈRES

Luc MICHEL/ En Bref / Avec AFP/ 2014 12 15/

 LM.NET - EN BREF rdc, gabon, révolutions de couleur (2014 12 15) FR

Le président de la République démocratique du Congo, Joseph Kabila, a déclaré ce lundi à Kinshasa qu’il n’acceptait pas les “injonctions” de l’étranger relatives à la tenue des prochaines élections dans son pays.

“De nos partenaires, et pourvu que cela soit fait dans le respect de notre souveraineté, nous sommes toujours prêts à recevoir des avis, conseils et suggestions, mais jamais des injonctions”, a déclaré M. Kabila dans un discours devant les deux chambres du Parlement réunies en Congrès.

 APRES LE GABON,  VERS UNE REVOLUTION DE COULEUR EN RDC ?

 C’est un NON défintif à Obama. Et cela laisse augurer d’une future tentative de « révolution de couleur » à l’africaine contre le régime Kabila.

Depuis le « sommet USA-African leaders » de Washington les 3-4-5 août dernier, tout a été mis en place par les américains pour cette vague de changements de régimes qu’ils entendent organiser. En particulier, la NED (qualifiée de « vitrine légale de la CIA ») a pris en main des centaines et des centaines d’activistes, journalistes, syndicalistes africains, venus d’Afrique et de l’UE, lors d’un « sommet parallèle » à Washington les 5  et 6 août dernier.

 Une première « révolution de couleur » à l’africaine est déjà en cours au Gabon contre le régime Bongo … Et des structures de propagande anti-Kabila sont déjà mises en place, notamment à Bruxelles et Paris, avec des journalistes “retournés” par la NED.

 # Pour tout savoir sur la fabrique des futures « révolutions de couleur » à l’africaine :

suivez mon émission LE GRAND JEU. UNE REVOLUTION DE COULEUR AU GABON, coproduite pour EODE-TV et AFRIQUE MEDIA TV , et où je dévoile documents a l’appui les projets de déstabilisation de l’Afrique par Obama et la NED …

sur  https://vimeo.com/114560655

 Luc MICHEL

_________________________

Luc MICHEL /

PROFIL Facebook   https://www.facebook.com/pcn.luc.michel.2

Twitter  https://twitter.com/LucMichelPCN

PAGE OFFICIELLE Facebook  https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel

Website  http://www.lucmichel.net/

LE GRAND JEU (4) : GABON. UNE REVOLUTION DE COULEUR AFRICAINE ?

Conception et direction Luc MICHEL / Images EODE-TV – DVIDS /

Présentation Bachir Mohamed Ladan /

Montage Ibrahim Kamgue/ Réalisation Romain Mbomnda/

Recherche documentaire YVZ/

Coproduction Luc MICHEL – EODE-TV – Afrique Media

EODE-TV - LE GRAN JEU gabon révolution de couleur (2014 12 12) FR (1)

LE GRAND JEU (4). AU CŒUR DE LA GEOPOLITIQUE MONDIALE:

Gabon. Une révolution de couleur africaine ?

 Video complète sur EODE-TV : https://vimeo.com/114560655

 # INTRO :

 Bienvenue pour cette quatrième édition de notre émission : LE GRAND JEU. AU CŒUR DE LA GEOPOLITIQUE MONDIALE, produites avec Luc MICHEL, le correspondant international d’AFRIQUE MEDIA et le patron d’EODE-TV, qui apporte son expertise à l’émission. Et nous dévoile le dessous des cartes de la géopolitique mondiale et des idéologies qui mènent le monde. Avec sa vision transnationale ouverte sur les dimensions continentales, Luc MICHEL nous donne les clés des géopolitiques rivales vues de Moscou, Washington, Bruxelles ou encore Pékin …

 Pour cette quatrième émission, notre expert, le géopoliticien Luc MICHEL, décrypte la déstabilisation du Gabon et la crise ouverte par le nouveau livre du français Pierre PEAN « Nouvelles affaires africaines. Mensonges et pillages au Gabon ».

 # QUELLE EST LA THESE DE LUC MICHEL ?

 « Beaucoup de panafricanistes ont une vision du passé, un logiciel bloqué il y a 10, 20 ou 50 ans. La haine justifiée de la Françafrique leur occulte la réalité de LA RECOLONISATION DE L’AFRIQUE PAR LES USA. Le retour de la France dans l’OTAN organisé par Sarkozy en 2007, la création de l’Africom, le commandement unifié de l’US Army pour l’Afrique par Bush en 2007-2008, sont les marques de naissance d’une nouvelle donne géopolitique en Afrique. Lors du « sommet USA-African Leaders » de Washington début août 2014, Obama a annoncé une vague de changements de régime sur le continent. Le Gabon est la première tentative d’imposer ce changement de régime par les méthodes habituelles des USA : révolution de couleur ou soi-disant « printemps arabe ». Et le livre de Péan est le détonateur, volontaire ou involontaire il est encore trop tôt pour le dire, d’une opération de déstabilisation politique » …

Voici ce que nous dit Luc MICHEL.

EODE-TV - LE GRAN JEU gabon révolution de couleur (2014 12 12) FR (2)

# NOS ANALYSES :

 * UNE PREMIERE ANALYSE DE LUC MICHEL, où il expose sa thèse sur la déstabilisation du Gabon et décrypte les éléments qui composent la crise de régime actuelle …

Il répond aux questions suivantes :

Pourquoi l’affaire du Gabon est un dossier explosif ?

Quels sont donc les éléments qui interviennent dans la déstabilisation du Gabon ?

Pourquoi validez-vous les thèses de cette video du 14 novembre sur le Gabon ?

Quels seraient les bénéficiaires de cette opération ?

 * UNE SECONDE ANALYSE DE LUC MICHEL, où il décrypte la video apparue le 14 novembre dernier sur les réseaux sociaux. D’origine anonyme et intitulée « le pompier pyromane », elle dénonce l’organisation d’une « révolution de couleur » au Gabon, au profit de Jean Ping. Luc MICHEL, qui a une longue expertise de ces « révolutions » organisées par les USA en Europe de l’Est et dans le Monde arabe, valide la démonstration et les raisons pour lesquelles il partage ses thèses et la valide …

Il répond aux questions suivantes :

Il y a un arrière-plan géopolitique à la crise gabonaise. Votre thèse c’est que cet arrière-plan a changé depuis 2007-2008 ?

Il y a donc une vision géopolitique ou un plan géopolitique américain, anglo-saxon dites-vous, pour l’Afrique ?

Revenons-en directement au Gabon. Vous dites que « l’ombre de la marionnette française cache la réalité du marionnettiste américain » ?

Dites nous en plus sur ces Réseaux OTPOR/CANVAS ? On les retrouve derrière les « révolutions de couleur » en Europe de l’Est mais aussi derrière le soi-disant « printemps arabe » ?

Et vous retrouvez la marque de ces réseaux américains aujourd’hui au Gabon ?

Vous mettez aussi en cause un autre organise américain, la NED, que vous qualifiez de « financier des révolutions de couleur » ?

 # DOCUMENTS :

 * Extrait de l’entretien de Pierre Péan avec 64’ Grand Angle sur TV5 « L’homme par qui le scandale est arrivé au Gabon » (la fin où Péan parle des révolutions arabes importées en Afrique)

 * La video sur le Gabon apparue le 14 novembre dernier sur les réseaux sociaux. D’origine anonyme et intitulée « le pompier pyromane », elle dénonce l’organisation d’une « révolution de couleur » au Gabon, au profit de Jean Ping. Luc MICHEL, qui a une longue expertise de ces « révolutions » organisées par les USA en Europe de l’Est et dans le Monde arabe, valide la démonstration …

 * Un extrait du meeting des YALI, les soi-disant « young african leaders initiative », avec Obama à Washington le 3 août dernier. Voici le formatage de jeunes africains, américanisés pour servir de 5e colonne à la recolonisation de l’Afrique par les USA (voir le début et l’hystérie collecxtive pour Obama arrivant).

 * Pour ceux qui douteraient de nos analyses, nous publions un premier document, des images confidentielles du « Sommet alternatif » de la NED, que dénonce Luc MICHEL. Intitulée « Africa Civil Society Conference », à Washington les 5 et 6 août 2014, « en marge du Sommet USA – Afrique », la Conférence entendait organiser « un programme d’action pour la démocratie », entendez des régimes pro-occidentaux sous influence des USA, et était centrée sur l’action dans les médias.

Vous y verrez des centaines et des centaines d’activistes et journalistes africains pris en main, y compris et surtout financièrement, par la NED pour déstabiliser l’Afrique.

Pour rappel, la NED a été qualifiée à juste titre de « vitrine légale de la CIA ». Depuis 30 ans, la National Endowment for Democracy sous-traite la partie légale des opérations illégales de la CIA. Sans éveiller de soupçons, elle a mis en place le plus vaste réseau de corruption du monde, achetant syndicalistes, politiciens, activistes et journalistes.

Voici en action la fabrique des mercenaires des changements de régime pro-américains en Afrique !

 * En conclusion de cette émission du GRAND JEU, nous publions un second document : le clip publicitaire du « Sommet Afrique » de la NED (clip de la NED « Africa Civil Society Conference Recap ») !

Vous y verrez la 5e colonne US en Afrique, sûre d’elle, déterminée. A noter l’accent mis sur un activiste de GUINEE EQUATORIALE, mis en avant. Car le Président Obiang Gnema Mbassogo et le nouveau centre du panafricanisme sont une des cibles principales de Washington. On y explique qui sont les partenaires de la NED, notamment les Réseaux OPEN SOCIETY de Georges Söros (prononcer Seuroch), un autre des grands organisateurs et financiers des « révolutions de couleur ».

Cerise sur le gâteau, la conférence était sponsorisée par FREEDOM HOUSE, un autre organisme US spécialisé dans le financement des changements de régime et … FACEBOOK ! A la fin du clip, comme pour vendre une marque, la NED annonce sans vergogne ses sponsors …

 A bientôt sur AFRIQUE MEDIA et EODE-TV, l’Axe Eurasie-Afrique des Médias, pour une nouvelle émission du GRAND JEU, qui vous conduira à nouveau AU CŒUR DE LA GEOPOLITIQUE MONDIALE …

 YVZ / EODE Press Office / EODE-TV /

___________________________

 Retrouvez nous sur Facebook

avec le « Groupe officiel AFRIQUE MEDIA TV » : https://www.facebook.com/groups/afrique.media.groupe.officiel/

 EODE-TV sur Vimeo : https://vimeo.com/eodetv

Urgente!!! Cuccioli in strada

AIUTO
Gallitiello Marta ha aggiunto 3 nuove foto.
15 min ·

cuccioli in strada
Aiutooooo cuccioli abbandonati in strada!!!serve subito riparo sicuro…in prov di salerno per info 392-0288913. ..
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4716137038404&set=pcb.4716137238409&type=1&theater

Processo No Tav – terrorismo: “Se vi sembra normale” (video accusa e difesa)

http://www.tgmaddalena.it/processo-no-tav-terrorismo-se-vi-sembra-normale-video-accusa-e-difesa/

“Se vi sembra NORMALE che in un PAESE occidentale, un cantiere debba essere tutelato e protetto da quel numero rilevante di forze di polizia e di forze militari che vi è stato indicato. Se quel cantiere debba essere circondato da una serie di reti, da filo spinato per evitare che venga attaccato. Per fare cosa? Per poter realizzare quell’opera.”

Non lo dicono i NO TAV, ma il PM Rinaudo, nella requisitoria al processo per “terrorismo” per i fatti del 13/14 maggio 2013. In questo breve video alcuni passaggi  del PM Rinaudo, alternati alle risposte delle difese, che hanno preso la parola nell’udienza successiva.

“La cessazione dell’opera”, secondo il PM Rinaudo, porrebbe in crisi l’intero sistema di trasporto su rotaia, innescando un danno al sistema d’interscambio tra l’Italia e gli altri paesi europei, connessi con il corridoio 5”.

“Forse non tutti sanno che…”, spiega Novaro “la tratta Torino Lione non è più nel corridoio 5 ma è nell’asse 6 e NON E’ UN TRASPORTO AD ALTA VELOCITA’”.

Al termine del video le richieste dell’accusa, condanna a 9 anni e 6 mesi, e quelle della difesa.

 
Simonetta

Scie chimiche nei cieli di Toscana, la Regione indaga

vergognoso il brusio che si ode nel video, degli altri poltronari che si adoperano per l’insabbiamento

La Regione Toscana discute sulle scie chimiche. Video e documento ufficiale

 
 
Con la sorpresa di tutti gli scettici, ieri i rappresentanti di tutti i gruppi consiliari hanno partecipato a un incontro di approfondimento in merito alle cosiddette scie chimiche. E chi è entrato sorridendo è uscito un po’ più preoccupato. Ecco i documenti che sono stati messi a disposizione dei consiglieri regionali.
scie_chimiche
Contro ogni pronostico, dopo le risatine e le attestazioni di scetticismo che avevano accolto la mozione sulle scie chimiche presentata da Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta), ieri i rappresentati di tutti i gruppi politici della Regione Toscanahanno partecipato a un incontro di approfondimento in merito proprio alle scie chimiche, organizzato dallo stesso Chiurli. Che l’aria stia cambiando in Toscana?
 
Fin qui è stato difficile, anzi difficilissimo, smuovere le acque, soprattutto all’interno delle Istituzioni. Lo dimostrano ledecine di interrogazioni sulle scie chimiche lasciate dagli aerei presentate da decine di politici (parlamentari, europarlamentari, consiglieri regionali, ecc.) e rimaste lettera morta.
 
La mozione presentata dal consigliere regionale Chiurli ha avuto maggior fortuna, almeno fin qui.
 
In vista della discussione in Aula, lo stesso Chiurli ha organizzato un incontro di approfondimento. Partecipanti: i rappresentanti dell’Associazione No Geoingegneria (che hanno sollecitato la mozione) e i consiglieri regionali. A sorpresa, quasi ogni gruppo ha mandato un rappresentante a fare domande, ascoltare spiegazioni, prendere visione dei documenti messi a disposizione dall’Associazione.
 
Abbastanza per incuriosire prima e preoccupare poi anche i più scettici tra i consiglieri. Si preannuncia un dibattito interessante in Aula e, forse per la prima volta, svincolato da pregiudizi e “sentito dire”. E questa è già una prima vittoria per chi chiede da anni di sapere la verità sulle scie chimiche.
 
0:00 / 2:52
 
 
Analisi, atti ufficiali, controanalisi, materiale fotografico e video, di cui vi forniamo una sintesi qui (scarica il fascicolo).
 

http://democrazia-diretta.org/2014/11/13/scie-chimiche-eppur-la-regione-toscana-si-muove/

Corruzione: perquisizioni alla Rai di Roma, Bologna e Milano

e la gente che non arriva a fine mese deve anche rischiare che venga staccata la corrente perché si deve pagare l’obolo all’informazione di REGIME e pagare i numerosi saltimbanco che vi si alternano. Ma di questo repubblica non parla. Sono tutti eccitati perché arrivano 44 miliardi dalle tasche delle persone CHE NON ARRIVANO A FINE MESE ma hanno la gravissima colpa di possedere un tetto sulla testa, spesso con MUTUO annesso. Tanto tra gli italiani non sono vi sono poveri ed ultimi
“Tax-day: domani  44 mld di pagamenti speciale Imu e Tasi, atto finale”

Al centro prezzi gonfiati sui diritti televisivi di film russi: venivano rivendute alla Rai fino a cinque o sei volte il loro reale valore.

giovedì 11 dicembre 2014 12:39

Perquisizioni nelle sedi Rai di Roma, Bologna e Milano: è questa l’operazione della Guardia di finanza di Bologna per contrastare la corruzione nata dalle indagini sulla morte di un’anziana signora e del figlio, avvenuta nel gennaio del 2013 causa un incendio divampato nella loro abitazione di lusso in centro a Bologna.

Le indagini hanno avuto una svolta ispezionando le attività economiche delle due vittime: è venuta alla luce una rete di rapporti nell’acquisizione di diritti cinematografici da parte della Rai, Radiotelevisione italiana.
Una delle due vittime del rogo era infatti titolare di società attive nel settore cinematografico: si occupava dell’acquisto di diritti su centinaia di pellicole russe, poi trasmesse dalla tv nazionale. Le pellicole, però, venivano rivendute alla Rai a prezzi gonfiati fino a cinque o sei volte il loro reale valore.
Qui arriva il bello: le cessioni dei diritti di tali film russi, secondo gli inquirenti avvenivano grazie alla compiacenza di un dirigente della Rai.
http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=66468&typeb=0&Corruzione-perquisizioni-alla-Rai-di-Roma-Bologna-e-Milano

NO Tav: “Un granello di sabbia nell’ingranaggio non è terrorismo” – video avv. Novaro

Un granello di sabbia nell’ingranaggio non è terrorismo, nell’intercettazione ambientale la frase “L’obiettivo era anche non fare male a nessuno” e la comprovata distanza delle molotov da agenti e operai dimostrano chiaramente che la qualificazione giuridica di quei fatti è del tutto sproporzionata. Mercoledì 17 dicembre, dalle ore 9 ultima udienza in aula bunker, per la sentenza.

novaro1

Qui la trascrizione completa dell’udienza del 26 novembre, con gli interventi delle difese.

Nell’intercettazione ambientale la frase “L’obiettivo era anche non fare male a nessuno” e la comprovata distanza delle molotov da agenti e operai dimostrano chiaramente che la qualificazione giuridica di quei fatti è del tutto sproporzionata.

Partiamo dalle dichiarazioni degli imputati, molto belle e molto significative.. [ qui i testi delle dichiarazioni, qui il video ] Loro hanno decisamente detto che nel loro alfabeto politico termini come terrorismo non ci stanno proprio, hanno detto di essere stati presenti quella notte, hanno rivendicato la loro appartenenza ad un movimento variegato, quello NO TAV e hanno spiegato com’è possibile che dei giovani scelgano di rischiare il carcere per compiere quell’azione…hanno spiegato che si sentono valsusini perché si sentono parte di quella straordinaria comunità fatta di fitte relazioni tra individui diversi tra di loro, fatta di un sapere scientifico diffuso tra le persone, una comunità fatta di tante soggettività… unita dal contrasto al progetto dell’alta velocità.

Si parla normalmente con la possibilità di contrastare le attività del cantiere, azioni dirette… lo dico subito, in qualche modo sono simboliche, perché credo sia evidente a tutti che poi un’azione come quella non può bloccare realmente il cantiere, si tratta di indicare un percorso politico che è quello del sabotaggio e questa è la logica in cui si muove anche la produzione documentale.

I PM si sono bastati da  soli, si sono basati sulle loro prove ma non funziona così il confronto dialettico, proprio il confronto dialettico è la superiorità ETICA del RITO ACCUSATORIO, perché consente alle parti di confrontarsi a tutto campo, e consente di arrivare alla verità attraverso un confronto con le prove che porta l’avversario. Invece i PM hanno bypassato la nostra consulenza che è fondamentale, rispetto ai risultati. Il geometra Abbà è risucito a ricollocare sul campo … e consente di dire dove sono stati lanciati certi oggetti rispetto ad altro, l’oggetto che ci interessa di più è la bottiglia molotov, per la micidialità… la principale micidialità sta nelle bottiglie molotov, sono l’oggetto più pericoloso che la giurisprudenza classifica come arma da guerra, quindi uno dei nodi è cercare di capire dove sono stati lanciati, rivolti a qualcuno o solo ai mezzi del cantiere?

Cito Cassazione  2001 5578 processo Pelissero, che parte proprio da Torino, e un’altra 1 marzo 1996, la Cassazione dice, in riferimento all’intento eversivo “è necessario che l’intento si ponga in modo diretto”, cioè non basta che la finalità sia ideativa ma è necessario che nel comportamento materiale concretamente messo in campo si possa in qualche modo riverberare un comportamento in linea con questo terrorismo. Offensività specifica, idoneità offensiva delle condotte … Cioè si possono punire quelle condotte che METTONO A REPENTAGLIO i BENI GIURIDICI.

Terzo punto, le persone offese.Persone “attaccate in quanto simboli per costringere lo Stato a retrocedere”. Parole nette senza nessun tipo di giustificazione rispetto agli atti di causa, le persone non sono state attaccate…. Si confondono i piani di valutazione, il contesto storico, le finalità. la loro collocazione ideologica etc etc. Vediamo cosa dice la cassazione: il contesto ha effettivamente un ruolo di allargamento dei confini della fattispecie.

Sul danno grave, avv. Novaro: “non potete venirci a dire che siamo un partner inaffidabile perché forse retrocediamo da quell’opera… (come sostiene l’avvocatura di Stato) noi siamo inaffidabili perché paghiamo 235 MILIONI al KM l’alta velocità contro i 10 milioni al KM degli altri paesi, ECCO perché siamo inaffidabili!”

Simonetta Zandiri www.tgmaddalena.it

Nota a margine. Pensieri, sogni, sensazioni. Certo sarebbe bellissimo.

Certo, sarebbe bellissimo. Nel montare questi video ho rivisto le lunghe discussioni in quell’aula bunker nel processo che mercoledì 17 arriverà alla sentenza per Chiara, Claudio, Niccolò e Mattia, ascolto parole scelte con cura, dall’accusa, per costruire quel mondo al contrario che da sempre vede le vittime, oppressi “legalizzati”, trasformati da quella stessa legge in criminali, terroristi, perché osano ribellarsi. Ascolto e riascolto, scelgo i passaggi più significativi dell’accusa e delle difese, ma più di tutto riascolto le loro voci e le loro parole. Non credo ci sia video migliore se non quello girato quando sono stati proprio loro a prendere la parola, in quell’aula bunker. E sarebbe bellissimo che tutti ascoltassimo la loro voce e la facessimo sentire a chi è più vicino a noi. Sarebbe bellissimo che ascoltandoli capissimo che quel giorno, il 17 dicembre, non si deciderà qualcosa che ha a che fare con la lotta al TAV o con quel compressore incendiato ma in quella data si giudicherà qualcosa che ad OGNI POTERE ha sempre fatto MOLTA PAURA, ossia quelle AZIONI DIRETTE che non sono altro che la scelta di fare, ciascuno secondo proprie possibilità e capacità, la cosa giusta, mettendo un granello di sabbia in quell’ingranaggio che sacrifica i diritti delle persone e di questo pianeta massacrato, in nome di un profitto e di privilegi riservati a pochi.
Sarebbe bellissimo che capissimo che se lasciamo che queste accuse vengano portate avanti senza fare la nostra parte sarà come una conferma, per lo Stato, e sarà come una sconfitta, per tutti noi. Perché io non posso fare a meno di sperare che tutti riusciamo ad assumerci con coraggio le nostre responsabilità, è più forte di me, per quanto rendano inimmaginabile il cambiamento io continuo a credere che SIA POSSIBILE, e che sarà possibile solo quando smetteremo di chiedere ad altri di fare quello che dipende da noi.
Se un’azione diretta viene trasformata in terrorismo capite bene che le conseguenze saranno drammatiche per tutti. Non permettiamoglielo.

La solidarietà è l’arma migliore che abbiamo e che TUTTI possiamo usare: USIAMOLA. QUI e ORA.

Siamoci.
Fieri e FELICI di esserci

 Simonetta. Pensieri in libertà, almeno quelli, finché dura.

novaro2