In Grecia la polizia antisommossa carica anche persone sulla sedia a rotelle

la polizia è lì per difendere lo status quo caro a moltissimi, soprattutto per difendere quel grande progetto europeo, tanto solidale e tanto giusto perché sovranazionale, ci hanno ripetuto negli ultimi anni e poi opporvisi è da reazionari antidemocratici fascisti. C’è anche chi è “autorizzato” a contestarla, purché non vada oltre a qualche rimbrotto e qualche sfilata in piazza per far scena.

Se non vi indignano più neanche queste immagini vuol dire che l’informazione di regime ha quasi completato la sua opera
Nella giornata internazionale per le persone con disabilità, alcuni greci su sedia a rotelle si sono recati davanti al Ministro delle Finanze
nel centro di Atene per protestare contro le misure d’austerità e i tagli ai sussidi medici di cui godevano. In un paese sotto commissariamento della Troika e in pieno collasso del Welfare State, può anche accadere che la polizia antisommossa pensi che queste persone possano occupare l’edificio e quindi proceda a questa reazione. “Passo oltre”, ha detto un ragazzo sulla sedia a rotella, “cosa vuoi farmi? Picchiarmi?”. Un uomo anziano ha oltrepassato il cordone di polizia gridando “lasciatemi passare”.

Se non vi indignano più neanche queste immagini e se non capite che (come il Jobs Act di Renzi che si allinea a tutto quello che la Troika ha imposto in Grecia negli ultimi mesi) questa disumanizzazione può presto impossessarsi del nostro paese, vuol dire che l’informazione di regime ha quasi completato la sua opera.
Come scrive il blog KTG ogni parola sarebbe superflua e bastano queste immagini:

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=9706

In Grecia la polizia antisommossa carica anche persone sulla sedia a rotelleultima modifica: 2014-12-07T17:53:18+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *