Renzi tassatore seriale: Iva al 25,8%, 1 miliardo da nuove accise su benzina

24 ottobre 2014

Di L’indipendenza

di BENEDETTA BAIOCCHI

Sotto il nome ambiguo e fluttuante di significato di “clausole di salvaguardia”, il governo ha alzato le tasse. La serialità dell’Italia è dunque confermata. Non è il tumore la prima causa di morte, né l’infarto, ma l’eutanasia dei cittadini attraverso il veleno del fisco. Fino a restare secchi.
In nome dell’Europa, Renzi ha precisato che se non rispetterà gli obiettivi di bilancio, le entrate saranno comunque garantite, e non certo perché aumenta il Pil. Le cui previsioni di crescita sono state abbondantemente smentite da Istat, Bankitalia, Draghi, Commissione. Ogni giorno si va al ribasso, quindi non resta che puntare al rialzo fiscale.

Insomma, per offrire adeguate garanzie a Bruxelles, il testo dell’ex Finanziaria ha messo nero su bianco un aumento dell’aliquota Iva agevolata del 10% di 2 punti percentuali nel 2016 e poi di un altro punto (13%) nel 2017. Mentre l’attuale aliquota ordinaria del 22% salirebbe al 24% nel 2016, al 25% nel 2017 e al 25,5% nel 2018.

Andiamo avanti: l’Iva Agevolata del 10% diventerà del 12% nel 2016 e del 13% nel 2017 (alberghi, bar, ristoranti, prodotti turistici, diversi prodotti alimentari, prodotti fitosanitari e particolari opere di recupero edilizio).

Naturalmente su anche il pieno: maggiorazione, anche se ancora da definire,  delle accise sulla benzina, dal 2015, e questo perché serve  una copertura da  un miliardo di euro per sopperire al mancato  via libera dell’Unione europea allo split payment ossia il meccanismo in base al quale sono le Pa a versare l’Iva e non le imprese fornitrici.
da L’indipendenza
http://www.rischiocalcolato.it/2014/10/renzi-tassatore-seriale-iva-al-258-1-miliardo-da-nuove-accise-su-benzina.html

Renzi tassatore seriale: Iva al 25,8%, 1 miliardo da nuove accise su benzinaultima modifica: 2014-10-26T21:10:25+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *