La Grecia dice basta alla Troika

ooh quanti cavalieri contro la troika  e poi subito a firmare…almeno Samaras se la prende con il responsabile ovvero il FMI che molti fingono non esistere addossando ogni responsabilità sulla Germania

Mercoledì, 15 Ottobre 2014 19:27

“La Troika e le politiche di austerità lascino subito la Grecia”.
È quanto il presidente Samaras ha ‘mandato a dire’ al numero uno del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, in un incontro all’ Eurogruppo in cui a rappresentare la Grecia erano il ministro delle finanze Hardouvelis, il governatore della Banca di Grecia  Stournaras e il consigliere di Samaras, Papastavrou. Ma la triade BCE, FMI e Commissione europea non molla e i prossimi incontri si preannunciano scoppiettanti. La Grecia non ne vuole più sapere di scadenze, impegni da sottoscrivere e indebitamenti. A costo di cosa poi? Già a settembre scorso il presidente Samaras aveva espresso la volontà di uscire dal piano di salvataggio europeo anticipatamente, non più nella primavera del 2016 quando sarà conclusa l’erogazione dei 240 miliardi di euro, ma alla fine del 2014. La Grecia infatti è pronta a rinunciare ai finanziamenti europei e a tornare sui mercati obbligazionari, dove spera di ottenere tassi di interesse più bassi, visto l’aumento di liquidità in circolazione. Il progetto di Samaras deriva da ciò che è avvenuto lo scorso 10 aprile, quando la Grecia ha emesso un bond con scedenza a 5 anni per un controvalore complessivo di 3 miliardi di euro e un rendimento del 4,75%. Da allora si è registrato un boom di ordini, superiori ai 20 miliardi di euro che non si aveva da moltissimi mesi e questo ha dato positività al paese e al governo, che adesso vuole finalmente camminare sulle proprie gambe. E mentre la grande stampe e la triade lodano il diktat imposto dalla Troika e i suoi effetti positivi, il paese reale convive da ormai 6 anni con una povertà galoppante e diritti che svaniscono. Non dimentichiamo che a marzo scorso era stato proprio il parlamento europeo a bocciare la Troika, accusandola di “aver preso tante decisioni in maniera poco chiara e vessatoria, aumentando in certi casi povertà e disoccupazione”. Una disoccupazione che ‘solo’ lo scorso luglio è scesa al 26,4% e che aumenta in modo impressionante se si parla di quella femminile, ferma al 30,5%. Ma lo scontro tra Lagarde e Samaras non sembra affievolirsi, anzi. Proprio la presidente dell’FMI avrebbe dichiarato che “La Grecia ha ancora bisogno di aiuto” , incalzata da Draghi, che pure si è pronunciato per una permanenza della Grecia sotto il controllo della Troika. E non ha giovato alla Borsa di Atene lo scontro di queste ore: lunedì scorso l’indice Ase della Borsa di Atene è sceso al 4,9%, toccando il punto più basso dal settembre scorso.
http://italian.irib.ir/analisi/articoli/item/170768-la-grecia-dice-basta-alla-troika?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews

La Grecia dice basta alla Troikaultima modifica: 2014-10-18T13:21:34+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *