Savona, la Festa Democratica finisce in rissa: botte, insulti e sangue

i motivi del diverbio non si conoscono  o non si possono dire?

Articoli correlati
Botte, insulti e sangue alla Festa dell’Unità: tre denunce per rissa e danneggiamento

Albenga, l’incontro per chiarire una questione di debiti finisce ad insulti e botte: 7 bengalesi arrestati per rissa
Sangue, botte e paura alla Festa dell’Unità
Savona, botte e insulti tra 4 buttafuori e un senegalese: interviene la polizia
Rissa alla Festa dell’Unità, la testimonianza dell’assessore Sorgini: “A dare l’allarme alcuni bambini”
Rave party in centro a Savona, all’Omnia una serata di droga ed eccessi che finisce in rissa: 3 arresti

Savona. Rissa finita nel sangue alla Festa Democratica di Savona. La serata dell’attesissimo primo faccia a faccia tra Raffaella Paita e Federico Berruti si è infatti trasformata in una sorta di incontro di pugilato senza esclusione di colpi. Stavolta però la politica non c’entra: la violenta lite è scoppiata infatti lontano dal confronto politico, fuori e dentro il ristorante della Sms Rocca di Legino che ospita la manifestazione del Pd. Ancora tutti da chiarire i motivi del diverbio, l’unica certezza è che tre o quattro persone hanno finito per pestarsi a sangue con tanto di bottigliate e lancio di oggetti.
La scena che si è presentata agli occhi dei presenti era da film dell’orrore: sangue per terra, cocci di bottiglie, vetri in frantumi e almeno tre persone ferite, con i vestiti strappati. Due si sono barricate nel ristorante, mentre gli altri sono rimasti fuori. Pare che, proprio nel tentativo di aprire la porta del locale dove si erano barricati i rivali, uno dei contendenti abbia spaccato a pugni il vetro ferendosi la mano. Momenti concitati in cui ha regnato il caos: a dare l’allarme sarebbero stati alcuni bambini che hanno attirato l’attenzione dei più grandi gridando che alcune persone si stavano picchiando. “C’è il sangue, c’è il sangue” e a quel punto alcuni dei partecipanti al concorso “Cane Fantasia”, organizzato dall’Enpa, si sono accorti della rissa in corso. Alcune persone, tra cui l’assessore comunale Isabella Sorgini, hanno cercato di dividerli. Nel frattempo altri allertavano il 118 e le forze dell’ordine.
All’arrivo di carabinieri e polizia all’interno della Sms della Rocca di Legino erano rimasti soltanto due dei partecipanti alla rissa, due fratelli di sangue, visibilmente alterati per l’accaduto. Gli altri aggressori (sono in corso gli accertamenti per capire se fosse una persona o più) sono invece riusciti ad allontanarsi. Mentre i soccorritori si occupavano dei feriti, militari e agenti erano impegnati a ricostruire quanto accaduto ascoltando le testimonianze dei presenti. Per il momento non si conosce ancora l’identità delle persone che sono venute alle mani: alcuni testimoni hanno riferito che alla base della discussione ci sarebbero futili motivi complice anche qualche bicchiere di troppo, ma sono ipotesi ancora tutte da confermare.
Nonostante il parapiglia accaduto a pochi metri di distanza, il dibattito con protagonisti Paita e Berruti, tra un suono di sirene e l’altro, è proseguito senza intoppi: quando si dice “the show must go on”.
Redazione
http://www.ivg.it/2014/07/savona-la-festa-democratica-finisce-rissa-botte-insulti-e-sangue/  

Savona, la Festa Democratica finisce in rissa: botte, insulti e sangueultima modifica: 2014-07-31T23:50:01+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *