Nicaragua, 40 miliardi per la sfida a Panama

Approvato il progetto per il maxi canale destinato a collegare le due coste del Paese entro il 2019. Ma le perplessità restano, sia sul fronte ambientale sia sulla convenienza economica.
 
Via libera, il canale si farà. Con una decisione assunta nella giornata di ieri da un comitato ad hoc il Nicaragua ha approvato in via definitiva la costruzione del maxi canale destinato a tagliare in due il Paese aprendo così una nuova rotta coast-to-coast per le navi commerciali in concorrenza con l’omologo panamense. Lo ha riferito la Reuters precisando che l’opera dovrebbe costare attorno ai 40 miliardi di dollari. Il progetto è affidato alla HK Nicaragua Canal Development Investment Co Ltd, una società di Hong Kong.
 
 
Secondo quanto riferito, il canale dovrebbe collegare la foce del fiume Brito, sulla costa del Pacifico, con quella del Río Punta Gorda, sul lato atlantico. Gli scavi dovrebbero estendersi per complessivi 278 chilometri così da collegare i due punti estremi al lago Nicaragua, il più grande bacino d’acqua dolce dell’America Centrale. I lavori dovrebbero concludersi entro il 2019.
 
 
L’opera, approvata nel giugno 2013 dal parlamento di Managua con il sostegno convinto del presidente della Repubblica Daniel Ortega (foto), aveva suscitato le forti perplessità dei gruppi ambientalisti, preoccupati dell’impatto che il progetto potrebbe avere sul principale lago del Paese. Molti i dubbi anche sulla convenienza economica dell’opera (vedi Valori, luglio 2013) sia per l’impietoso confronto con il celebre Canale di Panama (lungo appena 50 miglia, ovvero un terzo del futuro omologo nicaraguense) sia per le variabili congiunturali (la riduzione del traffico navale) e concorrenziali, a partire dalla progressiva riduzione dei costi di tratte alternative più lunghe.  
8 Luglio 2014
Matteo Cavallito
http://www.valori.it/ambiente/nicaragua-40-miliardi-sfida-panama-7741.html?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews  

Nicaragua, 40 miliardi per la sfida a Panamaultima modifica: 2014-07-09T13:54:52+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *