Haaretz: dietro le quinte del rapimento dei 3 ragazzi israeliani

Sintesi personale
 
Il  ritrovamento ( http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&rurl=translate.google.com&sl=auto&tl=it&u=http://www.haaretz.com/news/diplomacy-defense/.premium-1.602280&usg=ALkJrhiNJ63OBxWJkH7PotHmTkundm_DzQ ) dei corpi dei tre ragazzi rapiti consente la pubblicazione di alcune delle informazioni raccolte durante i 19 giorni   e conferma l’ipotesi  che i ragazzi sono stati assassinati poco tempo dopo il loro rapimento
 
La cattiva gestione della hotline della  polizia ( http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&rurl=translate.google.com&sl=auto&tl=it&u=http://www.haaretz.com/news/national/1.602157&usg=ALkJrhisVcDyd89PnbUAG5Zt6tTXho4ORA ) dopo la  chiamata disperata di un ragazzo,  ha  ritardato la risoluzione del caso e apparentemente permesso ai rapitori di fuggire,ma rimane il dubbio che  i ragazzi avrebbero potuto essere salvati, anche se la hotline fosse stata più efficiente.
La maggior parte delle informazioni è stato raccolta nei primi giorni dopo il rapimento   da   parte   del  servizio di sicurezza  dello Shin Bet e  di  altre agenzie di intelligence,ma fino a ieri sera  nessuna di queste informazioni ha permesso di individuare i corpi.
I ragazzi sono stati rapiti   circa  alle  22:00 di Giovedi, June 12, mentre facevano l’ autostop nei pressi di Kfar Etzion.  I rapitori, Marwan Qawasmeh e Amar Abu Aisha, sono arrivati su una Hyundai ed i tre ragazzi ci sono saliti
 
Poco dopo la macchina apparentemente ha  fatto un’inversione. Alle 10:25 uno dei ragazzi   ha chiamato il numero verde del quartiere della West Bank della polizia e ha sussurrato : «Hanno rapito me,”ma l’ operatore  ha pensato che fosse un falso allarme o uno scherzo. Staff Hotline ha chiamato il cellulare di Shaar otto volte, ma non ha ricevuto risposta. Loro non si sono preoccupati di controllare  chi possedeva il telefono o se la sua famiglia avesse perso il contatto con lui.
Come risultato i servizi di sicurezza hanno perso cinque ore preziose, fino a quando il padre di Shaar è arrivato alla stazione di polizia Modi’in    alle ore 03:30 , e ha denunciato la scomparsa,ma  la polizia e l’esercito non hanno  davvero iniziato le ricerche  fino alle  08:00
Venerdì mattina presto i vigili  palestinesi del fuoco  hanno trovato la Hyundai  in  fiamme a circa 15 chilometri a sud della località dove furono  trovati i corpi. Quando i palestinesi hanno riferito la loro scoperta, la ricerca per i ragazzi era già iniziato così gli investigatori  hanno collegato i fatti. L’ Autorità palestinese ha consegnato la vettura alle autorità israeliane e  gli investigatori sono stati in grado di ottenere un quadro migliore di quello che era  successo.
Non essendoci nessuna  rivendicazione da parte dei rapitori, la valutazione che i ragazzi fossero stati uccisi poco dopo il rapimento  si è  rafforzata
 
In mancanza di prove conclusive   il primo ministro e  il  ministro della difesa hanno scelto di non dichiarare i ragazzi morti.,ma alcuni sforzi sono stati fatti per smorzare le speranze del pubblico, come quando il  capo delle Forze di Difesa Benny Gantz, ha detto una settimana fa : ” più passa il tempo, più si teme per la vita dei ragazzi.”
 
Pochi giorni dopo il sequestro gli investigatori sapevano più o meno quello che era successo e dove erano stati probabilmente scaricati i corpi,ma mancavano indicazioni precise dei servizi segreti ,per cui  non  potevano fare  altro che setacciare la zona finoal ritrovamento.
 
1.07.2014
Haaretz: dietro le quinte del rapimento dei 3 ragazzi israelianiultima modifica: 2014-07-03T17:17:24+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *