Installazioni MUOS a Niscemi

image

Le istal­la­zioni USA del MUOS sono state impian­tate in Vir­gi­nia, Hawaii e Austra­lia. Il MUOS è un sistema di tele­co­mu­ni­ca­zioni satel­li­tari della marina mili­tare statu– nitense, com­po­sto da cin­que satel­liti geo­sta­zio­nari e quat­tro sta­zioni di terra. Una di que­ste è stata istal­lata anche in Sici­lia, pre­ci­sa­mente a Niscemi, e con­sta di tre grandi para­bole del dia­me­tro di 18,4 metri e due altre antenne.
Il MUOS verrà uti­liz­zato per coor­di­nare tutti i sistemi mili­tari sta­tu­ni­tensi che si tro– vano nel mondo, in par­ti­co­lare i Droni (aerei senza pilota) che saranno col­lo­cati anche a Sigo­nella. Quello istal­lato in Sici­lia dovrebbe diven­tare lo snodo più impor­tante delle comu­ni­ca­zioni mili­tari USA, Europa, Africa e Medio Oriente. Ini­zial­mente la sua rea­liz­za­zio– ne doveva essere all’interno del peri­me­tro dell’aero– porto mili­tare di Sigo­nella. Poi è stato spo­stato a Niscemi, per­ché uno stu­dio ame­ri­cano sulle onde elet– tro­ma­gne­ti­che ha pro­vato che pote­vano cau­sare la deno­ta­zione dei sistemi d’arma e creare gravi pro­blemi all’interno della Sici­lia. All’interno della Nrtf –Niscemi ci sono qua­ran­ta­sei grandi antenne di cui solo ven­ti­sette ope­ra­tive. Le emis­sioni supe­rano già i limiti fis­sati dalle nor­ma­tive euro­pee per le espo­si­zioni ai campi elet­tro– magne­tici. Le emis­sioni del MUOS si aggiun­ge­reb­bero così a quelle delle antenne già esi­stenti. La sta­zione è stata rea­liz­zata nella riserva natu­rale “La Sughe­rata di Niscemi” un’area natu­ra­li­stica rico­no­sciuta dall’Europa come sito di inte­resse comu­ni­ta­rio. Già oggi si hanno delle con­se­guenze pal­pa­bili sulla flora e sulla fauna pro­tetta, anche per­ché que­ste microonde, pas­sando sul Golfo di Gela, potreb­bero avere un impatto sulla migra­zione di diversi tipi di uccelli e potreb­bero diso– rien­tare anche le api, che sono par­ti­co­lar­mente sensi– bili ai campi elet­tro­ma­gne­tici ele­vati. Le altre sta­zioni MUOS nel mondo sono state istal­late in zone deserti– che, men­tre que­sta è una zona den­sa­mente abi­tata e gli abi­tanti di Niscemi e di tutta la Sici­lia potreb­bero essere espo­sti a gravi malat­tie come tumori, leu­ce­mie e cata­ratte. La rela­zione finale del gruppo di lavoro su i rischi del MUOS è stata rea­liz­zata da un gruppo di stu­diosi tra cui Mas­simo Coraddu che hanno sot­to­li­neato, non solo i rischi, ma anche l’autorizzazione del pro­getto che è stata con­cessa in vio­la­zione della nor­ma­tiva che riguarda la pro­te­zione della popo­la­zione all’esposizione delle emis­sioni elet– tro­ma­gne­ti­che. Il dovere morale dei cit­ta­dini è quello di far capire che il MUOS non riguarda solo la Sici­lia, ma L’Italia, l’Europa e tutti gli equi­li­bri inter­na­zio­nali. La pace, la salute e la sovra­nità nazio­nale sono diritto di ogni popolo. Biso­gna get­tare i semi per costruire le vie della pace. La nostra scuola è sen­si­bile al pro­blema del MUOS per­ché la natura, la salute e la pace sono beni da sal­va­guar­dare e diritto di ogni persona.

——————–

Non male vero que­sto arti­colo? Dice le cose giu­ste in maniera chiara e cor­retta. Non l’ho mica scritto io: l’autrice è una stu­den­tessa di 16 anni, Ros­sella G., Della classe II D Liceo Arti­stico Isti­tuto “F. Bru­nel­le­schi” di Aci­reale. È pub­bli­cato qui:

http://​www​.akis​-aci​.com/​M​a​g​a​z​i​n​e​/​1​4​g​i​u​1​4​-​B​.​pdf

Una di que­sti ragazzi nella foto sopra.

Invito i sena­tori del Regno, in par­ti­co­lare quelli che han votato la mozione sul MUOS, una set­ti­mana fa, a leg­gerlo. E a vergognarsi.

Cara signor Mini­stro della Difesa, aggiu­sti il tiro: la popo­la­zione sici­liana non è impau­rita o disin­for­mata: cono­sce molto bene i rischi del MUOS e sa esat­ta­mente come, uti­liz­zando quali servi, e per quale motivo voi state mentendo.

Io, le assi­curo, sono con­tento che i gio­vani in Sici­lia siano come Ros­sella: nono­stante voi.

Installazioni MUOS a Niscemiultima modifica: 2014-06-27T11:48:17+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *