G77+Cina: una vera e propria organizzazione delle nazioni unite

G77_salle
Il tema “creare un nuovo ordine mondiale” ha la pelle spessa. Ha resistito alla globalizzazione, che ha fallito come tsunami che doveva spezzare gli anelli deboli della “comunità internazionale”, sottoponendoli a un nuovo regime peggiore di quello del colonialismo. 40 anni dopo il famoso summit dell’ONU che trattò questo tema, riemerge a Santa Cruz, in Bolivia, la rivendicazione lanciata dal presidente boliviano Evo Morales al vertice del G77+Cina, apertosi il 21 giugno alla presenza di 110 delegazioni e una dozzina di capi di Stato. Evo Morales sostiene “l‘emancipazione dal sistema finanziario internazionale” e propone la creazione di una Banca del Sud, sostituendo il FMI, vera rovina dei popoli non solo nel Sud ma anche, come abbiamo visto in Grecia, del Nord. Il G77+Cina dimostra che non vi è un’unica “comunità internazionale” nel mondo. E’ ben noto chi scatena guerre con la scuse di portare ai popoli democrazia e diritti umani, ma in realtà solo per saccheggiare le risorse naturali di questi popoli, indifferente al dramma che i suoi interventi armati causano. La lotta contro la povertà non è all’ordine del giorno della comunità occidentale guidata dagli Stati Uniti.
A Santa Cruz c’era un’altra comunità internazionale, riunitasi sul tema “Nuovo ordine mondiale del benessere“, rappresentando una vera forza: il G77+Cina creata 50 anni fa e che raccoglie 133 Stati di Sud America, Africa e Asia, cioè oltre la metà della popolazione mondiale e due terzi degli Stati membri dell’ONU. Questo gruppo rappresenta la comunità internazionale che promuove pace e sviluppo e si preoccupa dei popoli soffrono. In caso di successo nel convergere verso l’istituzione di una vera e propria cooperazione Sud-Sud, raggiungerà il suo obiettivo.
 
Qamil Mulfi Algerie Patriotique
 
Traduzione di Alessandro Lattanzio
G77+Cina: una vera e propria organizzazione delle nazioni uniteultima modifica: 2014-06-25T15:22:34+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *