LUC MICHEL : SPECIAL SYRIE I

Emission SPECIAL SYRIE I

Avec Luc MICHEL & Bachir Mohamed LADAN/

EODE-TV & AFRIQUE MEDIA TV/

2014 06 07 /

Video intégrale sur : https://vimeo.com/98050894 AMTV & PCN-TV - Emission spéciale SYRIA I (2014 06 07) FR 1 AMTV & PCN-TV - Emission spéciale SYRIA I (2014 06 07) FR 2

Luc MICHEL est en Syrie et au Liban avec une Mission d’EODE, l’ Eurasian Observatory for Democracy and Elections, pour le monitoring de l’élections présidentielle en Syrie.

 Mais il est aussi là bas avec une équipe video d’EODE-TV pour réaliser en partenariat avec AFRIQUE MEDIA TV une série de reportages et d’interviews sur la situation en Syrie, telle qu’elle est réellement et pour démonter les médiamensonges des journalistes occidentaux.

 Voici en première partie du grand reportage de Luc MICHEL à Damas et à Beyrouth, les images chocs de la méga-fête des partisans du président Assad le soir du 4 juin, après l’annonce des résultats et de sa victoire.

 Suivie d’une analyse du contexte et des conséquences de la réussite de la présidentielle syrienne, mise en rapport avec l’offensive occidentale et les dossiers de la Libye et de la Crimée.

 EODE-TV / EODE Press Office

www.eode.org

https://vimeo.com/eodetv/

CRIMES DE GUERRE : A GAZA COMME A SLAVIANSK (NOVOROSSIYA), ON BOMBARDE LES POPULATIONS CIVILES AU PHOSPHORE BLANC !

Fabrice BEAUR pour PCN-INFO / 2014 06 12 /

avec Correspondance locale (Donetsk) – lucmichel.net – PCN-SPO /

http://www.scoop.it/t/pcn-spo

https://www.facebook.com/PCN.NCP.press.office

PIH - FB phosphore blanc (2014 06 12) FR

Les forces armées de la Junte bandériste de Kiev ont de nouveau bombardé la banlieue de la ville de Sloviansk. Dans le village de Semenovka précisément. La particularité de ce bombardement est l’utilisation de bombes au phosphore selon le chef des brigades populaires de défense.

 Ces bombardement ont eu lieu et dans la nuit et en journée. Il y a non seulement des preuves matérielles mais également des vidéos de tout cela. En effet, les fragments trouvés sur les lieux des tirs et la lumière aperçue sont typiques des munitions contenant du phosphore blanc.

 LE PHOSPHORE BLANC : C’EST QUOI ?

 

L’utilisation de ces munitions contre des civils, ainsi que les frappes aériennes contre des cibles militaires dans des zones civiles, ont été interdites par la Convention de Genève de 1983 “sur l’interdiction ou la limitation de l’emploi de certaines armes classiques qui peuvent être considérées comme produisant des effets traumatiques excessifs ou comme frappant sans discrimination.”

 Qu’est-ce que le phosphore blanc ?

Une munition qui lors de sa combustion peut créer une température d’environ 2500 degrés. La zone de couverte des obus au phosphore blanc peut atteindre plusieurs centaines de mètres carrés. Cette munition peut causer des blessures extrêmement graves et douloureuses ou provoquer une mort lente et douloureuse. Lorsque cette substance est en contact avec la peau, elle cause un préjudice irréparable – la chair est brûlée jusqu’à l’os. Lorsqu’il est inhalé, le mélange de carburant brûle les poumons.

 CRIMES DE GUERRE !

 C’est cette arme, interdite donc par les conventions internationales et dont l’utilisation est considérée comme un crime de guerre, qui a été utilisée par les USA au Vietnam, en Irak (à Falloudja  plus spécialement) et dernièrement à Gaza par Israël. Aujourd’hui, c’est au tour de la ville de Slaviansk, dans le Nord de la République populaire de Donetsk, de subir ces bombardements au phosphore blanc.

 A Gaza comme à Slaviansk, les forces d’occupation utilisent les mêmes armes contre les populations civiles. Et l’impérialisme US est à chaque fois le protecteur des autorités qui font usages de ces armes horribles et dont la fonction est bien de semer le chaos, la destruction et non la simple élimination/neutralisation de l’ennemi comme pendant toute guerre.

Non, il s’agit bien d’une arme de haine, une arme de massacre et de génocide.

 FB

 https://www.facebook.com/beaur.fabrice

________________________

http://www.scoop.it/t/pcn-spo

https://www.facebook.com/PCN.NCP.press.office

Caccia, la Camera vota per mantenere i richiami vivi. Respinto l’appello degli ambientalisti

L’appello lanciato ieri dalle associazioni ambientaliste per l’abolizione dei richiami vivi nella caccia non è stato ascoltato e la Camera ha respinto l’emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle che lo sosteneva. Ora, secondo ambientalisti e M5S si apre la strada per nuove multe ed una procedura di infrazione da parte dell’Unione europea.

A favore dell’emendamento si sono espressi il Movimento 5 stelle, Sel, Scelta civica, buona parte di Forza Italia e del Gruppo misto. Contro l’emendamento hanno invece votato la Lega, Fratelli d’Italia e il Pd, sostenuti dal parere del Governo.

I deputati 5 stelle della Commissione agricoltura di Montecitorio che avevano presentato l’endamento alla Legge Europea che chiedeva l’abolizione della pratica anacronistica e crudele dei richiami vivi, anche per sanare la procedura di infrazione aperta in Europa, sottolineano che «Quello di stamattina è stato un voto di inciviltà che manterrà la tradizione dei richiami vivi a scapito della vita, della libertà e della dignità di migliaia di uccelli migratori che ogni anno vengono catturati per fare da esca nell’attività venatoria. Il nostro emendamento, sottoscritto da diversi gruppi parlamentari, modificava la legge 157 del 1992, vietando la cattura degli uccelli a fini di richiamo vivo, Gli uccelli detenuti in queste condizioni possono subire conseguenze gravissime, dalla morte quasi immediata allo sviluppo di malattie causate dall’immunosoppressione da stress; ma possono subire anche traumi fisici e alterazioni causate dall’essere sottoposti a trattamenti farmacologici a base di testosterone, per obbligarli a cantare anche fuori dal periodo riproduttivo. Quello che si nasconde dietro l’apparente innocenza del nome “richiamo vivo” è in realtà un vero e proprio maltrattamento dell’animale, che come tale andrebbe vietato, ostacolato e punito. Il Governo ha tentato di arrampicarsi sugli specchi durante la discussione in Aula presentando un emendamento “specchietto per le allodole” che non risolve niente, anzi, se possibile complica le cose, e poi dichiara che in questo contesto non era necessario entrare nel merito della legge 157, ma bastava solo risolvere la procedura di infrazione. E come pensa di farlo il Governo? Introducendo nuove deroghe. Le stesse che l’Europa ci chiede di interrompere da 20 anni. Solo fumo negli occhi, insomma. Come sempre».

Ieri Amici della Terra, Animalisti italiani, Cabs, Cts, Enpa, Fai, Forum Ambientalista, Italia Nostra, Lac, Lav, Lipu-BirdLife Italia, Mountain Wilderness, Oipa, Pro Natura, Touring Club Italiano, Vas, Wwf Italia, Altura, Alfa, Lida e altri avevano scritto una lettera al premier Matteo Renzi nella quale chiedevano do mettere fine ai richiami vivi, «Una delle pratiche più violente ancora in atto contro gli uccelli selvatici: piccoli uccelli migratori, con il volo infinito nel sangue, che vengono invece catturati e costretti ad una vita in gabbia, in condizioni indegne, per fungere da richiamo per la caccia. Un’attività vietata dalla normativa comunitaria (la cattura degli uccelli selvatici con le reti è categoricamente proibita), ma che l’Italia ha continuato a svolgere per anni. L’Europa ha oggi aperto contro il nostro Paese una pesante procedura di infrazione, chiedendo lo stop all’utilizzo dei richiami vivi, considerato – scrive la Commissione – che la quasi totalità dei cacciatori, italiani ed europei, caccia senza il loro ausilio».

Il folto gruppo di associazioni ricordava che «Per rispondere a questa nuova messa in mora, il Governo ha predisposto l’articolo 15 della legge Europea 2013, che però non vieta affatto i richiami vivi ma si limita a prevederne l’uso in regime di deroga. Tutti sanno che l’articolo 15 non risolverà la procedura e anzi, in aggiunta, andrà ad aggravare il già insostenibile sistema italiano delle deroghe di caccia, che già tanto è costato al Paese, finendosi per rivoltare contro le amministrazioni, le regioni, lo stesso Governo».

La lettera, evidentemente non accolta, concludeva: «Non è questa l’Italia che vogliamo, l’Italia di cui abbiamo bisogno. Non l’Italia delle scorciatoie e dei problemi rimandati. Per questo le chiediamo, Signor Presidente, di pronunciarsi per il divieto dei richiami vivi, perché si volti questa brutta pagina italiana e perché, anche nel rispetto della vita selvatica e delle regole ambientali comunitarie, l’Italia possa cambiare verso e tornare in Europa a testa alta, come è giusto, come merita».

Ora Animalisti italiani, Enpa, Cabs, Lac, Lav, Leida, Lipu-BirdLife Italia, Vas, Wwf, dicono: «Respingere l’emendamento e mantenere intatto l’uso dei richiami vivi, semplicemente rimettendolo in deroga, è una scelta gravissima e imbarazzante, che fa male all’Europa e fa male alla natura, mantiene le sofferenze e i maltrattamenti di centinaia di migliaia di uccelli migratori, e che vale come anticamera per la condanna comunitaria. L’articolo proposto dal Governo non solo non risolverà la procedura ma aggraverà la gestione della materia, aumentando il peso delle deroghe, da cui l’Italia è sommerso. Siamo ormai di fronte ad un Paese in deroga, che in tema ambientale, pur carico di procedure e condanne, continua a chiudere le porte e aprire le finestre, con danno enorme per il patrimonio naturale, il senso del diritto e il più elementare rispetto della vita degli animali. Oggi tuttavia siamo fieri delle decine di deputati che, raccogliendo la richiesta e la sensibilità italiana e del mondo ambientalista ed animalista, hanno preso le parti della natura e delle regole da rispettare, e che con i loro interventi hanno nobilitato il Parlamento. Ringraziandoli per l’appoggio appassionato e consapevole, ripartiamo per l’azione sul Senato, dove daremo battaglia, perché finalmente, contro la violenza di tradizioni futili e illegittime come quella dei richiami vivi, prevalgano il diritto, il buon senso, la civiltà».
– See more at: http://www.greenreport.it/news/aree-protette-e-biodiversita/caccia-camera-vota-per-mantenere-i-richiami-vivi-respinto-lappello-degli-ambientalisti/#sthash.n1S6HkRx.dpuf

Mose:Orsoni patteggiamento a 4 mesi e ritorna sindaco

Mose, Orsoni concorda patteggiamento a 4 mesi: “Non mi dimetto”
Il giudice ha ritenuto che non vi fossero più esigenze cautelari per il primo cittadino accusato di finanziamento illecito dopo i 50 minuti di dichiarazioni spontanee durante l’interrogatorio di garanzia. Secondo l’accusa l’avvocato aveva ricevuto “tra i 400-500 mila euro” per la sua campagna elettorale. Ora è tornato sindaco. La carica era stata sospesa dal prefetto sulla base di quanto prevede dalla legge Severino. “La mia campagna elettorale organizzata dai partiti”

di Redazione Il Fatto Quotidiano | 12 giugno 2014

Mose, Orsoni concorda patteggiamento a 4 mesi: “Non mi dimetto”

A otto giorni dall’arresto sono stati revocati dal gip gli arresti domiciliari al sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, che torna quindi in libertà, pur restando indagato nell’ambito dell’inchiesta sul Mose. Il primo cittadino ha concordato con i pm, attraverso i suoi legali, un patteggiamento a quattro mesi e 15mila euro di multa per il reato di finanziamento illecito. Sulla cui congruità dovrà comunque esprimersi il giudice per l’udienza preliminare. Per quanto riguarda la scarcerazione il gip ha ritenuto che non vi fossero più esigenze cautelari. Anche perché durante i 50 minuti di dichiarazioni spontanee non solo avrebbe confessato, ma anche fatto alcuni nomi.

Orsoni contro il Pd: “La campagna elettorale gestita dai partiti”. Orsoni intanto è tornato sindaco a tutti gli effetti, dopo la remissione in libertà decisa dal gip. La carica era stata sospesa dal prefetto sulla base di quanto prevede dalla legge Severino. Il primo cittadino ha escluso di dimettersi dall’incarico: “Ho operato per il bene della città. Mi sono fatto molti nemici e forse questo è lo scotto che ho pagato”. Orsoni riversa di fatto la colpa su altri: “La mia campagna elettorale è stata gestita dai partiti che mi hanno sostenuto in varie misure. È evidente, questo non posso negarlo, che il maggior organizzatore della campagna è stato il Pd e con loro ho interloquito per le iniziative che mi proponevano. Ma non ho mai saputo come le iniziative elettorali venivano pagate. Non ho mai sospettato che i fondi a sostegno della mia campagna elettorale del 2010 fossero di provenienza illecita”.

Il sindaco: “Non ho mai ricevuto denaro che è stato gestito da altri”. Il sindaco parlando dei 110mila euro che secondo la procura costituiscono una parte dei finanziamenti contestati, ha spiegato di non aver “mai sospettato che le aziende che contribuivano se li fossero illecitamente procurati. Come le imprese che facevano capo al Consorzio Venezia Nuova si procurassero quei fondi non era una cosa che potevo sapere – ha aggiunto – anche perché devo dirvi che ho saputo solo al termine della campagna elettorale chi aveva contribuito e chi non aveva contribuito. Ho incontrato durante la campagna elettorale imprenditori o sedicenti tali che mi hanno detto che mi avrebbero sostenuto e votato senza sapere come e perché. Non ho mai ricevuto denaro che è stato gestito da altri. Io ho fatto il mio lavoro”.

“Addolorato da distanza presa da parte di qualcuno”. “Non mi sono proposto io come sindaco ma mi è stato chiesto dalle segreterie dei partiti e dal mio predecessore. Mi era stato chiesto in altre occasione e avevo rifiutato questa volta ho ceduto ed evidentemente ho sbagliato nel farlo. Mi addolora di più in questa vicenda – ha aggiunto – l’aver visto quanti hanno preso le distanze da me”. Orsoni ha ribadito che la sua campagna elettorale è stata sostenuta dai partiti che l’appoggiavano e da questi aver avuto indicazione che il suo avversario, Renato Brunetta, “aveva grandi disponibilità e che bisognava fare una campagna altrettanto imponente”. “Mi era stato suggerito – ha concluso – di cercare di avere maggiori finanziamenti, per i quali ho dato incarico al mio mandatario al quale non ho chiesto conto sui fondi raccolti”.

Per l’accusa ha ricevuto 400mila euro. “Mazzacurati? Millantatore”. Secondo l’accusa l’avvocato che sconfisse Renato Brunetta alle comunali aveva ricevuto “tra i 400-500 mila euro” per la sua campagna elettorale. E per gli inquirenti sarebbe stato consapevole che i soldi che arrivavano sui conti correnti del comitato elettorale erano fondi creati grazie a false fatturazioni. Ad accusare il sindaco di Venezia era stato Giovanni Mazzacurati, il presidente del Consorzio Venezia Nuova, che in un interrogatorio aveva detto ai pm: “…Poi abbiamo avuto Orsoni. A Orsoni abbiamo finanziato la campagna elettorale” del 2010. “Ecco, noi abbiamo sostenuto Orsoni sulla campagna elettorale – ha raccontato il costruttore – e abbiamo speso quella cifra (400-500mila euro ndr.). Diciamo il risultato è che Orsoni ha vinto al primo turno delle… ed era credo… non so, altro non avrei da dire nel senso che noi gli abbiamo corrisposto questa cifra un po’ a scaglioni e quindi mi pare che in sei mesi l’abbiamo saturata”. A domanda del pm Mazzacurati aveva spiegato che “ci sono stati alcuni contributi regolari”. L’imprenditore prova a spiegare: “No… sì, posso ricostruire ma non me lo ricordo adesso. Il costo della… la parte regolare è una piccola parte rispetto al totale che è stato rilevante, perché siamo stati … siamo arrivati quasi a … noi avevamo previsto di spendere molto meno e poi invece Orsoni mi ha detto che aveva bisogno di tutti… di altri soldi”.

L’ex presidente di Cvn ai pm ha raccontato anche che, almeno in una occasione, ha portati i soldi in una busta al primo cittadino. Ora se le dichiarazione dell’indagato daranno nuovo impulso alle indagini lo si vedrà nei prossimi giorni. Orsoni intanto ha ribattuto che l’imprenditore “è un millantatore”. “L’ho incontrato più volte – ha spiegato -, insistentemente voleva parlarmi dei problemi della città, del Mose e soprattutto dell’Arsenale. Con Mazzacurati ho avuto uno scontro duro e forse c’è stata qualche vendetta nei miei confronti“.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/12/mose-orsoni-concorda-patteggiamento-a-4-mesi-scarcerato-dal-gip/1024381/

“Abbattuto aereo della Cia che trasportava virus aviaria da spruzzare nell’aria”.

ATTENZIONE!!! La notizia è però stata smentita da diverse altri fonti indipendenti.
La notizia choc dei reports del Cremlino riportata da un sito indipendente americano Piena di dettagli e particolareggiata la notizia apparsa ieri sul canale americano http://www.disclose.tv/, riveliamo la verità. A quanto pare un aereo americano sarebbe stato abattuto dai servizi segreti cinesi in quanto contenente un virus altamente tossico per la popolazione. Ecco la traduzione italiana dell’articolo: “Da reports circolanti al Cremlino si constata che un velivolo del governo Americano, pilotato da agenti della CIA e trasportante un cargo di virus dell’influenza suina “modificati” destinati ad essere spruzzati in aria, è stato abbattuto nei pressi dell’aeroporto cinese di Pudong, a Shangai, da un gruppo di sabotatori che si pensa faccia parte dei soldati israeliti di Mossad, cercando così di prevenire un attacco statunitense su una delle loro basi dislocate nell’Asia centrale, in particolare nello stato del Kyrgyzstan.

Secondo gli articoli della stampa cinese riguardanti questo fatto, nell’aeromobile colpito (Zimbabwean MD-II) appartenente alla Avient Aviation, compagnia collegata alla CIA, il cui volo era operato da un primo ufficiale militare britannico, di nome Andrew Smith e registrato nel regno unito, sono rimasti uccisi 3 agenti americani della CIA e feriti 4 altre persone che hanno confermato di provenire da USA, Indonesia, Belgio e Zimbabwe.

Una nota molto interessante di questo fatto è che, mentre era sottoposto alle cure delle sue ferrite, l’uomo indonesiano ha “confessato” alle forze di polizia segreta cinese di essere un tecnico assunto dalla marina militare statunitense per collaborare alla loro misteriosa “Ricerca Medica Navale” (Naval Medical Research Unit No. 2 -NAMRU-2) effettuata in Indonesia nonostante il primo ministro indonesiano della difesa Juwono Sudarsono ne avesse già precedentemente richiesto la chiusura “in quanto le sue operazioni erano troppo segrete e dunque incompatibili con gli interessi sulla sicurezza dell’Indonesia”.

Ancora più interessante è notare come questa base segreta della marina americana sulle armi biologiche in Indonesia (la nazione con la percentuale più alta al mondo di musulmani) è divenuta una vera e propria sede, grazie al sostegno dell’Istituto Rockfeller, essendo il principale centro per il Programma delle Malattie Virali Americane (VDP) in cui viene effettuata la ricerca epidemiologica e la ricerca in laboratorio sui virus delle febbri emorragiche, encefaliti, e richeziosi e dove il capo di questo istituto, David Rockfeller, ne ha sempre desiderato una massiccia riduzione nella nostra popolazione mondiale.

Ed all’agenda al momento in corso per cambiare radicalmente il nostro mondo attraverso la morte di massa della sua popolazione, non c’è bisogno di cercare oltre la spiegazione fornita dalle stesse parole di David Rockefeller pronunciate poco prima dell’incontro segreto della Commissione Trilaterale del giugno 1991, quando egli così disse:.

“Siamo grati al The Washington Post, The New York Times, Time Magazine e alle altre grandi produzioni stampa, dei quali i direttori hanno partecipato ai nostri incontri e rispettato le loro promesse di discrezione per quasi 40 anni. Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro piano per il mondo se fossimo stati sottoposti alla luce della pubblicità durante questi anni. Ma adesso il lavoro è molto più sofisticato e pronto per guidarci verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri internazionali è sicuramente preferibile all’auto determinazione degli Stati praticata nei secoli passati.”

Per ciò che riguarda gli aeroplani statunitensi impiegati nella diffusione mondiale del virus influenzale suino mutato, abbiamo maggiori informazioni dalla Cina, come di seguito riportato:

“26 Giugno aeromobili sospetti son stati costretti ad atterrare. Un AN-124 americano ha cambiato il suo segnale di chiamata da civile a militare il quale ha poi innescato un responso dallo IAF riguardo l’ingresso nello spazio aereo pachistano, dunque l’aeroplano fu costretto ad atterrare a Mumbai mentre il secondo fu costretto ad atterrare da jet combattenti nigeriani che riuscirono anche ad arrestare l’equipaggio.

Secondo le notizie, la Cina (China’s People’s Liberation Army Air Force) ha contattato gli ufficiali dell’intelligence indiana e nigeriana circa la presenza di certi aeroplani ucraini operati da americani durante l’accrescente allarme che gli USA stessero diffondendo “agenti biologici” nell’atmosfera terrestre, e qualche ufficiale cinese ha creduto anche che potesse esserci un tentativo di genocidio attraverso il virus dell’influenza suina.

La cosa strana riguardo questi fatti e arresti come anche dell’obbligo di atterraggio immediato degli aerei, è che questi ultimi stavano trasportando sistemi di “smaltimento di scorie” che potevano spruzzare fino a 45000kg di gas da una rete sofisticata di canne che conducono attraverso i bordi d’uscita delle ali e da lì disperdere qualsiasi cosa ci fosse nei serbatoi attraverso il vapore”

I report di questi aeroplani statunitensi sopra l’Ucraina sono stati anch’essi comprovati, come si può leggere di seguito:

“Le autorità della città di Kiev, l’ Ucraina nega qualsiasi spray di “medicine in forma di aerosol” tramite aeroplano sulla città. Questo dopo che è stato denunciato che velivoli leggeri son stati visti volare sulla zona del mercato spruzzando una sostanza aerosol per combattere il virus h1n1 o l’influenza suina.

5 fonti lo confermano e anche i giornali locali di Kiev hanno ricevuto centinaia di chiamate da parte dei residenti e dei venditori che avevano visto gli aeroplani spruzzare una sostanza sospetta. Inoltre fu “consigliato” dalle autorità locali agli uomini d’affari e ai rivenditori locali di rimanere dentro durante il giorno.

Come se non fosse abbastanza, le autorità governative forzarono le stazioni radio di Kiev di negare gli eventi. Online su forum, siti web e blog furono riportate testimonianze preziose che lo confermano. Ci furono anche testimonianze della presenza di elicotteri che spruzzavano aerosol su Kiev, Lviv, Ternopil e lungo tutta l’Ucraina.

L’effetto più drammatico riguardante lo spray emesso sull’Ucraina di questo virus mutato è il devastante contagio che si è avuto tra la popolazione di queil luogo, come di sotto riportato:

“Quasi 40 000 persone sono state infettate da ieri in Ucraina da ciò che noi ancora chiamiamo “la piaga ucraina” ma I medici hanno recentemente detto che questo è un caso più grave del n1h1 o dell’influenza suina poiché è stato mutato il virus e ciò porta ad una grave infezione ai polmoni, che vengono distrutti e riempiti di sangue.”

Ma la peggior conseguenza di questo virus modificato è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha adesso annunciato che sta uccidendo in Francia, Norvegia, Brasile, Cina, Giappone, Messico, Ucraina e negli USA con un tasso di mortalità alto a livello pandemico globale riportato a circa 8,000 vittime, con la Cina che ha confermato il contagio di questo virus adesso anche tra i cani.

È importante notare come l’obiettivo dell’aereo Americano abbattuto in Cina fosse una base segreta israeliana che si trovava nella nazione del Kyrgyzstan, luogo in cui Ebrei Ashkenazi (gli ebrei Ashkenazi costituiscono circa l’ 80% degli ebrei nel mondo) si considerano nella loro ‘patria spirituale’ dopo il loro lungo esilio sotto il comunismo sovietico, e dove gli analisti dell’intelligence russa affermano che gli israeliti sono vicini alla fine della lunga e decennale decodificazione dell’antico manoscritto Epica di Manas (che ha mezzo milione di versi ed è 20 volte più lunga dell’Odissea e dell’Iliade messi insieme) che loro credono contenere il più antico monito mondiale fino ai nostri giorni e che (coincidenza??) aderisce con le teorie dell’antico popolo Maya riguardo l’anno 2012 e la fine del mondo..

Quale sia il risultato finale di questi eventi non possiamo saperlo; oltre che constatare l’ovvio, ovvero che le verità di queste cose continueranno ad essere ignorate, perfino denigrate, dalle maggior persone la quale sterminazione è già stata a lungo pianificata da quei mostri ed ora effettuata, e che ancora non hanno idea di quanto sia realmente facile per loro essere controllati dalla propaganda dei loro padroni.

Si può solo sperare che la gente si svegli prima che sia troppo tardi, ma i fatti suggeriscono il contrario”.

http://www.disclose.tv/forum/chemtrail-plane-shot-down-above-china-t68870.html

http://www.retenews24.it/rtn24/cronaca/abbattuto-aereo-cia-trasportava-virus-aviaria-spruzzare-nellaria-notizia-choc-dei-reports-cremlino-riportata-sito-indipendente-americano/