Guardia di Finanza. “C’è qualcosa che non va nel Corpo? Secondo noi sì, c’è qualcosa che non va.”

http://donnemanagerdinapoli.com/2014/06/07/guardia-di-finanza-ce-qualcosa-che-non-va-nel-corpo-secondo-noi-si-ce-qualcosa-che-non-va/

BY  on 7 GIUGNO 2014

Guardia di Finanza

L’Italia è un Paese particolare. Finchè non scoppia la bomba con danni ingenti, “morti e feriti” sembra che nessuno sappia nulla di quello che accade oppure se lo si sa, si sta tranquillamente zitti.

Potremmo, quasi dire, che gli “eroi” sono pochi e per vedersi riconoscere “giustizia” devono combattere, spesso da soli, come Davide contro Golia, assumendosi rischi e costi ingenti con tutti gli altri che si dividano tra appartenenti al sistema, opportunisti e/o vigliacchi.

Poi, quando la bomba è scoppiata, qualcuno ci ha messo la faccia, ha rischiato sulla propria pelle e, grazie alla magistratura ed a quella parte sana delle Istituzioni, si vede la luce della giustizia illuminare quello che fino a poco prima era torbido o buio, ecco che arrivano i “sapienti” con le proprie idee e le proprie verità. La domanda è: come mai fino a ieri, tutti o quasi tacevano? E, perché, chi si batte per il rispetto dei diritti, spesso viene lasciato solo contro i muri di gomma?

La premessa è in riferimento a tutto quello che accade nel Paese Italia e non nello specifico dell’argomento che segue. Seppure  riteniamo che prevenire è sempre meglio che curare, e la prevenzione in Italia è un’assente ingiustificata. 

La bomba atomica che ha investito la Guardia di Finanza è certamente quella raccontata nell’articolo: Guardia di Finanza. L’intreccio tra Silvio Berlusconi, Marco Milanese, il generale Emilio Spaziante ed altri.

Problema che risponde, in parte, l’avv. Giuseppe Fortuna membro del Direttivo nazionale di Ficiesse e responsabile dello Sportello Anticorruzione nella lettera inviata al giornalista Alberto Statera, autore dell’articolo “Guardie e ladri, il doppio gioco degli uomini della Finanza”, pubblicato ieri su repubblica e del quale vi riproponiamo uno stralcio:

“C’è qualcosa che non va nel Corpo? Secondo noi sì, c’è qualcosa che non va.

Non va che i due numeri uno della Gdf, comandante generale e comandante in seconda, guadagnino cifre astronomiche rispetto a tutti gli altri che vestono la loro stessa divisa e riescano a doppiare, addirittura con i soli straordinari (già questa un’anomalia), il reddito complessivo di un qualunque finanziere o maresciallo. Come non va che la loro pensione arrivi, secondo notizie stampa, a 12mila euro netti al mese e che una volta in quiescenza ricevano non di rado ulteriori incarichi pubblici a forte remunerazione.

Ma ancor di più non va che queste esplosioni di ricchezza siano decise dai “signori della politica”, col rischio che vengano messe a repentaglio la stessa autonomia e indipendenza delle pubbliche amministrazioni.

Pensiamo sia opportuno, perciò, tornare a stipendi e pensioni di accettabile livello etico, come quelli ante 2006, e che sia chiaramente stabilito per legge che chi ricopre incarichi pubblici di vertice nella pubblica amministrazione non possa, una volta andato in pensione, ricoprirne altri, di nessun genere, che siano remunerati con denaro pubblico.

Chi ha voglia di continuare a lavorare deve certamente esser libero di farlo, ma come professionista o come consulente di aziende private e non con nomine a consiglieri di Stato o della Corte dei Conti o con l’assegnazione di incarichi in aziende di Stato.

Altro intervento urgente e specifico per la Guardia di finanza è poi quello in tema di segreto istruttorio e di segreto d’ufficio.

Non è un caso che le contestazioni di questi ultimi anni a gradi elevati abbiano sempre riguardato accuse (che, peraltro, va detto, sono state successivamente archiviate) di aver fornito indebitamente informazioni su attività operative dei reparti dipendenti.

Il punto dolente è che non si sa bene quali informazioni siano dovute ai superiori e quali non, tema delicato e scottante da sempre sul quale la confusione è ancor di più aumentata nel Corpo con la nota vicenda P4.

Mentre, infatti, una circolare del 1998 che ci risulta ancora in vigore continua (opportunamente) ad escludere i casi di segreto istruttorio “assoluto”, si è appreso l’anno scorso dalla stampa di archiviazioni che avrebbero riconosciuto rilevanza a non meglio precisati “regolamenti militari” e addirittura a “prassi usuali”.

È facile capire come i finanzieri di ogni grado debbano aver certezza della piena legittimità dei loro comportamenti e non possano essere lasciati nel dubbio, ancor di più dopo le vicende di cui si legge sui giornali di questi giorni.

Chiediamo quindi al ministro Padoan di disporre che sia chiarito, il più in fretta possibile e in modo pubblico e trasparente, cosa esattamente i reparti operativi del Corpo possano e debbano comunicare ai superiori regionali e nazionali, sia in materia di procedimenti giudiziari che di verifiche fiscali.”

Fonte: FICIESSE

Guardia di Finanza. “C’è qualcosa che non va nel Corpo? Secondo noi sì, c’è qualcosa che non va.”ultima modifica: 2014-06-10T15:11:28+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *