La nuova legge sulla terra di famiglia in Russia

reazionari, oltretutto senza tasse…..incivili retrogradi….

Nel 2013, I. V. Lebedev, Ya. E. Nilov, AN e SM Svintsov Katasonov, membri della Duma di Stato (Partito Liberal Democratico di Russia), hanno presentato il progetto di legge n 269542-6 sulla proprietà familiare nel governo statale della Federazione Russia.

Il progetto di legge N. 269545-6 sugli emendamenti individuali alle leggi della Federazione Russa in relazione all’adozione della legge federale sulla proprietà di famiglia è stata introdotta nella Duma di Stato della Federazione Russa, e allo stesso tempo come progetto di legge federale sulla proprietà familiare.

Secondo il progetto di legge in questione, sarà dato:

A ogni cittadino o famiglia della Federazione russa che desidera:
– Una terra di non meno di un ettaro;
– A titolo gratuito;
– Da utilizzare per tutta la vita e con diritto di trasferimento del proprio lascito (come proprietà ereditaria a vita o la proprietà come privati, a scelta del cittadino stesso);
– Senza il diritto di vendere, affittare, ecc (solo il diritto di trasferimento del lascito dopo la morte o il trasferimento a un parente stretto durante la sua vita);
– Con esenzione di tre tipi di tasse – tassa terreni, edifici e prodotti agricoli;
– Con il diritto di costruire una casa sia su terreni agricoli, sia nelle zone popolate e nelle aree forestali;
– Con esenzione da ogni possibilità di confisca o espropriazione di aree per il governo o per esigenze comunali;
– Con diritto di unirlo ad altri patrimoni familiari in eco-villaggi e altre riunioni di proprietà di famiglia;
– Con la possibilità di ricevere un sostegno da parte dello Stato in conformità alle leggi federali.

La data prevista di entrata in vigore della legge è il 1 Luglio 2014.

Source : www.aiglebleu.net

http://reseauinternational.net/loi-russe-donnerait-crise-dapoplexie-aux-elus-americains/

La nuova legge sulla terra di famiglia in Russiaultima modifica: 2014-06-08T23:19:04+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *