Tutti disoccupati: non si lavora più, neanche in nero

siam tutti troppo choosy. Anche gli spagnoli, i greci, i portoghesi, gli irlandesi svogliati scansafatiche. Per fortuna che arrivano tante risorse che rischiano la vita solo per lavorare e pagare le pensioni a noi, dice Repubblica

La crisi ha colpito anche il lavoro irregolare. I numeri della Cgia di Mestre: tra il 2007 e il 2012 persi 106mila posti di lavoro in nero. Sud in controtendenza: più 50mila

Redazione 7 giugno 2014

ROMA – Nè con contratto. Nè senza. E’ sempre più emergenza lavoro in Italia. A lanciare l’ultimo allarme è la Cgia di Mestre che spiega come la crisi abbia colpito anche il lavoro nero. Secondo l’associazione degli artigiani e delle piccole imprese di Mestre i posti di lavoro irregolari persi tra il 2007 e il 2012 ammontano a oltre 106mila unità. L’esercito dei lavoratori in nero, o meglio delle unità di lavoro standard irregolari presenti in Italia, sono scesi poco sotto i tre milioni, precisamente 2862300. Quasi la metà, il 45,7%, pari a 1308700 unità, opera nel Mezzogiorno: altri 610700 nel Nord-Ovest, 500200 nel Centro e 442700 nel Nord-Est.
“La crisi – segnala il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – ha tagliato drasticamente la disponibilità di spesa delle famiglie italiane. Pertanto, anche per le piccole manutenzioni o per le riparazioni domestiche non si ricorre nemmeno più al dopolavorista o all’abusivo. Questi piccoli lavori o non vengono più eseguiti, oppure si sbrigano in casa”.

A livello territoriale, fa notare la Cgia, ci sono comunque forti differenze. Se tra il 2007 e il 2012 nel Centro-Nord il calo delle unità irregolari è stato molto consistente, un importante -67500 nel Nord-Ovest, -50300 nel Centro e -38900 nel Nord-Est, al Sud si è registrato un deciso aumento: +50400.
“Rispetto al resto del Paese – prosegue Bortolussi – nel Sud la presenza dell’economia sommersa è più diffusa e strutturata. A differenza del Centro-Nord, dove, in linea generale, il lavoratore irregolare opera prevalentemente da solo, nel Mezzogiorno l’economia sommersa riguarda molte filiere dei servizi e del produttivo”.

http://www.today.it/economia/crisi-lavoro-nero.html

Tutti disoccupati: non si lavora più, neanche in neroultima modifica: 2014-06-08T22:36:07+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *