Le elezioni in Ucraina sono state una farsa con brogli

Sono passati quattro mesi da quando la situazione in Ucraina è sull’orlo del disastro. Le elezioni presidenziali del 25 maggio, sono viste dai leader occidentali come un momento cruciale per unire l’Ucraina. Ma dovrebbero essere tenute in condizioni democratiche, trasparenti ed eque per mostrare tutti nel mondo che le autorità degli Stati Uniti e dell’UE che reggono la giunta di Kiev siano legittimi e possano controllare il paese.

Anche se questo compito non sembrava così facile da realizzare. Due giorni prima delle elezioni ucraine il gruppo di hacker ?yberBerkut ha violato la rete interna della Commissione elettorale centrale e ha attivato operazioni per bloccare la rilevazione elettronica e il sistema analitico di analisi.

I rappresentanti CEC hanno detto che è stato completamente restaurato il sistema anche se gli hacktivisti insistono ancora dicendo di controllare la rete CEC e tutti i trasferimento di informazioni tra le commissioni elettorali centrale e i locali distrettuali è bloccato. Secondo le informazioni del sito web CyberBerkut ( http://www.cyber-berkut.org / ) sarà impossibile raccogliere dati precisi sulla partecipazione al voto e risultati preliminari da tutte le stazioni sondaggio nel paese fino a quando le schede non verranno consegnate a Kiev e contate manualmente .

Così tutti gli annunci preliminari e i risultati sono falsi.

CyberBerkut riporta che il sistema elettronico CEC è stato progettato dalla società statunitense di fama mondiale SOE Software ( http://www.soesoftware.com/ ), che fornisce anche i suoi prodotti alle commissioni elettorali di 34 Stati degli Stati Uniti.

Gli hacker sono preoccupati che il sistema elettorale ucraino sia rimasto sotto il controllo degli amministratori della SOE software sin dalla sua creazione. Il fatto che il sistema informatico SOE sia stato violato da un gruppo di hacker getta un’ombra sulla reputazione della società.

Print-Screen dei Log del Server della CEC violato.

Le autorità ucraine cercano di nascondere i problemi, ma non sono d’accordo nemmeno tra di loro su quello che è realmente accaduto. Secondo Konstantin Hivrenko, l’addetto stampa CEC, i problemi si sono verificati a causa di una manutenzione tecnica di routine che non aveva niente a che fare con un attacco hacker. (http://ria.ru/world/20140522/100893392 5.html ) Un po’ più tardi Valentin Nalivaychenko, il capo del servizio di sicurezza dell’Ucraina, ha annunciato che il suo dipartimento aveva rimosso un virus informatico che era stato “installato da un governo precedente “e mirava a distruggere i risultati delle elezioni. ( http://112.ua/vybory_prezidenta/specsl uzhby-predotvratili-unichtozhenie-sistem y-vybory-nalivaychenko-66121.html ) Inoltre, la mattina del 25 Maggio, tutti i mass media ucraini hanno ripreso la segnalazione di Arsen Avakov, il capo della Ministero dell’Interno, che confermava come il sistema elettronico CEC era stato messo fuori uso. Ma più tardi Avakov ha cercato di confutare le sue stesse dichiarazioni che si riferivano ad un attacco informatico.

Il giorno prima del voto, la legge del silenzio elettorale è stato grosso modo violato da diversi candidati. Il direttore Generale del Comitato ucraino degli elettori Aleksandr Chernenko ha detto che gli elettori hanno ricevuto sms e lettere con inviti a esprimere il proprio voto per Petro Poroshenko. Cartelloni rimanevano ancora nelle strade delle città. Inoltre, un gran numero di siti web popolari (versii.net, novosti.ua, miroshnychenko.ua) sono stati hackerati, nella loro home page hanno mostrato la foto di Petro Poroshenko e uno slogan in cui si chiedeva di votare per lui.

“E ‘stato impossibile evitare violazioni della legge elettorale il giorno delle elezioni. Secondo Arsen Avakov sono state registrate migliaia di violazioni che mettono in discussione la validità dei risultati delle votazioni.

Anche se le autorità ignorano molti dei rapporti sulle violazioni, ci sono persone che scrivono nei social media e che hanno assistito a false schede elettoriali e numerose procedure anomale.”

La legittimità delle elezioni è oltremodo dubbia.

Le regioni orientali dell’Ucraina sono una zona di guerra dove le forze di sicurezza non possono fornire copertura per le operazioni di voto.

Solo due dei 12 distretti elettorali potrebbero aprire seggi per ricevere gli elettori nella regione di Lugansk e solo sette su 22 nella regione di Donetsk.

Oltre a questo i federalisti hanno sequestrato un seggio elettorale in Severodonetsk, e attaccato altri a Kherson e in altre città.

Nel frattempo la Commissione elettorale centrale cerca di nascondere i problemi, come se non importasse che si possano cambiare totalmente il risultato delle elezioni.

Le elezioni in questa maniera si sono trasformae in una farsa. Numerose sono state le violazioni e le operazioni di combattimento in Oriente che rendono le elezioni illegittime e difficile per i leader di altri paesi nel riconoscere il neo eletto presidente.

E l’elezione fallita non può che aggravare la crisi nel paese.

http://fractionsofreality.blogspot.it/2014/05/le-elezioni-in-ucraina-sono-state-una.html

Le elezioni in Ucraina sono state una farsa con brogliultima modifica: 2014-05-26T20:51:51+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *