Protesta con la scuola per il libro «pornografico» assegnato alla figlia 14enne. Ma finisce in manette

Questa sì che è democrazia. In manette se non vuoi “prostituire” tua figlia minorenneuntitled888

È rimasto sconcertato da una lettura assegnata dagli insegnanti alla figlia quattordicenne, da lui ritenuta pornografica, ha protestato per questo con la scuola ma si è ritrovato in manette. Arrestato. È la vicenda paradossale accaduta qualche giorno fa negli Stati Uniti, più precisamente a Gilford, New Hampshire.
jodi-picoult-nineteen-minutes
A BOCCA APERTA. Tutto è cominciato lo scorso 30 aprile. William Baer si trovava a casa con un amico, Josh Youssef, che si è trovato fra le mani il libro Nineteen Minutes di Jodi Picoult, assegnato per la lettura alla figlia di Baer, Marina, dai professori della Gilford High School. Youssef lo ha aperto a pagina 313 e si è messo a leggere ad alta voce. Il testo descriveva in maniera esplicita un rapporto sessuale tra due adolescenti. Baer «è rimasto a bocca aperta», come ha raccontato lo stesso Youssef al blog di Ben Swann. A quel punto l’uomo, che non aveva ricevuto dall’istituto nessun avviso riguardo al volume e ai suoi contenuti, ha deciso di chiamare immediatamente il preside della scuola per organizzare un incontro fra genitori e docenti. Il preside ha convocato la riunione lunedì scorso.
LA RIUNIONE. Baer – che ora accusa apertamente le autorità di Gilford di avere organizzato il suo arresto – è giunto alla scuola con gli altri genitori e si è accorto che nell’aula, oltre ai dirigenti dell’istituto e ai rappresentanti del distretto scolastico, era presente, cosa insolita, anche un ufficiale di polizia. All’incontro gli insegnanti hanno spiegato che il libro di Jodi Picoult era già stato proposto in passato agli studenti per mettere a tema con loro la questione delle sparatorie nelle scuole americane (a quanto pare la storia inizia proprio con una strage in una high school del New Hampshire). Questa volta però, hanno aggiunto scusandosi, i genitori non sono stati avvisati. E come mai alla fine Baer si è ritrovato in manette? Per capire come sono andate le cose basta guardare il video riproposto qui sotto, pubblicato su Youtube da Josh Youssef.
IL VIDEO. Nel video si vede che durante la riunione Baer interviene per spiegare che secondo lui il libro è pornografico e dunque non è adatto ai ragazzini come sua figlia. Il suo intervento, però, “sfora” i due minuti di tempo concessi ai partecipanti e viene interrotto. Ma quando l’uomo sente un altro genitore sostenere che i contenuti del romanzo affrontano un problema reale, cerca di intervenire di nuovo per rispondergli. Alla richiesta di rispettare le opinioni altrui Baer ribatte: «Io rispetto mia figlia». A quel punto il poliziotto presente alla riunione gli ingiunge di allontanarsi e lui gli chiede provocatoriamente: «Perché non mi arresta?». E quello lo arresta per davvero.
RISCHIO SANZIONE. L’arresto per «comportamento turbolento» però non ha fermato la battaglia di Baer, che ora rischia anche una multa fino a 1.200 dollari. «Non ci sono ragioni per cui accettare una cosa simile. È semplicemente incredibile che la scuola assuma questo come materiale per la lettura», ha ribadito l’uomo ricordando che lo stesso preside della Gilford High School gli aveva confessato il proprio imbarazzo quando gli aveva letto la sequenza in questione. Baer ha poi annunciato che contesterà il fermo subìto appellandosi al Primo emendamento della Costituzione americana sulla libertà di espressione. Quanto alla figlia Marina, ha detto agli insegnanti: «Ho visto che avete fatto arrestare mio padre per aver violato la regola dei due minuti. Non mi fido più di voi e qui non mi sento sicura».
Fonte: Tempi

Scienziato dichiara che gli impianti di microchip negli umani”non saranno facoltativi”

ID-entificazione
id-entification
Le tecnologie progettate specificamente per tracciare e monitorare gli esseri umani sono in sviluppo da almeno due decadi. Nel mondo virtuale, i software sono oggi in grado di osservarci in tempo reale, riuscendo addirittura a fare previsioni del nostro comportamento futuro ed inviare segnali alle stazioni di monitoraggio preposte, secondo come gli algoritmi dei computer interpretano le nostre attività. Già questo, di per sé, è uno scenario inquietante.
 
Quello che fa più paura, comunque, è ciò che sta accadendo nel mondo reale. Stando ai ricercatori che lavorano sui microchip ad uso umano, è solo una questione di tempo prima che questi dispositivi trovino consenso su larga scala.
Probabilmente, in questo momento, hai addosso almeno un paio di microchips RFID. Se si, stai inviando un segnale contenente un numero di 15 cifre che ti identifica. Questo numero può essere ricevuto da delle macchine chiamate “Scanner ISO compiacenti”. Ed anche questi sono ovunque.
Oggi, non è possibile interagire socialmente in modo significativo senza avere un cellulare. Penso che gli impianti di microchip sugli umani seguiranno la stessa falsa riga. Non avere un impianto sarà così limitativo, che essenzialmente non avremo scelta.
 
NWO e Rfid ed impronte digitali?
 
La tua prima reazione a questa idea potrebbe essere di incredulità. Non c’è modo che la società accetti un dispositivo del genere. Perché qualcuno dovrebbe volere un simile impianto addosso?
Considera per un momento a che punto siamo arrivati. Per decenni gli americani hanno rifiutato l’idea di poter essere tracciati o intercettati.
Nonostante questo, oggi, quasi ogni americano ha con se un telefono cellulare. Sono così diffusi da essere considerati un “diritto”, spingendo addirittura il governo a provvedere degli sconti a chi non può permettersene uno.
In ognuno di questi telefoni c’è un chip RFID che traccia via GPS o tramite triangolazione del segnale ogni nostro movimento. Come se non bastasse, il microfono e la videocamera, ormai di serie su ogni telefono, possono essere attivati in remoto dai servizi di sorveglianza delle forze dell’ordine, cosa possibile già dai primi anni del 2000.
Ma nonostante l’invadenza di questi dispositivi, essi vengono normalmente accettati da miliardi di persone in tutto il mondo. Non solo: nessuno ha dovuto “obbligarci” ad averli. Siamo, come sembra, gli aguzzini di noi stessi. E paghiamo fior di quattrini per comprare il miglior dispositivo di localizzazione che il mercato ha da offrire!
Garantito: puoi disconnetterti dalla “rete” semplicemente buttando via il tuo cellulare. Ma, la direzione in cui stanno andando queste nuove tecnologie di monitoraggio, insieme alla continua espansione della sorveglianza da parte del governo, suggeriscono che la tecnologia microchip RFID sarà, ad un certo punto, obbligatoria.
 
Michael Snyder di “The Truth Wins”, chiede: “cosa si può fare, quando non è più possibile comprare o vendere senza sottomettersi all’identificazione biometrica?”
Questa tecnologia continuerà a diffondersi, e diventerà sempre più difficile evitarla. Ed è facile immaginare cosa un governo tirannico possa fare con questo tipo di tecnologia. Se volessero, potrebbero usarla per tracciare letteralmente i movimenti e le azioni di ognuno.
 
Un giorno, questa tecnologia sarà verosimilmente così pervasiva, che non sarai in grado di aprire un conto in banca, avere una carta di credito o, addirittura, comprare qualcosa senza che prima ti sia scansionata la mano o la faccia.
È difficile immaginare che la popolazione si sottometta volontariamente ad una simile schiavitù digitale. Ma, come nel caso della disgregazione dei diritti e della privacy in America, è certo che non diventerà obbligatorio dal giorno alla notte.
Primo: le tecnologie devono prima essere accettate dalla società. Inizieranno a diffondersi come prodotti di consumo in tempo reale, come i “Google Glass”. Le generazioni più vecchie potranno anche rifiutarli, ma, in un paio d’anni, puoi scommettere che cento milioni di adolescenti, ragazzini e giovani adulti gireranno per strada con addosso occhiali da sole dal look sportivo, interattivi, capaci di navigare in internet, e capaci di registrare qualsiasi cosa vedano e caricarlo su internet istantaneamente.
Poi, come già stiamo vedendo dalle prime “cavie”, i microchips RFID saranno impiantati volontariamente sottopelle per poter fare di tutto, dall’accesso a edifici di massima sicurezza agli acquisti al negozio all’angolo.
Alla fine, una volta che il concetto sarà generalmente accettato dalla maggioranza, diventerà il nostro nuovo “codice fiscale”.
Per avere accesso ai servizi ufficiali, dovrai essere un “umano verificato”. Senza riconoscimento, non sarai nemmeno in grado di comprarti una birra, figuriamoci ricevere assistenza medica o avere la patente di guida.
Che ci piaccia o no, questo è il futuro. Ogni cosa che compri ed ogni passo che fai, saranno tracciati da un mini microchip passivo a 15 cifre, il che significa che l’unico modo per “spegnerlo”, sarà rimuoverlo fisicamente dal tuo corpo.
In sostanza, vivremo presto in un mondo di monitoraggio costante.
I nostri figli ed i nostri nipoti, o almeno la maggior parte di loro, molto probabilmente, non solo si sottometteranno all’impianto, ma anche ne pagheranno volentieri il prezzo, cosicché potranno anche loro “interagire con la società in modo significativo”.
 

Ohio: evacuazioni per perdite durante le trivellazioni da fracking

newwellleakgraphic
shutterstock_96727216-638x425
drillmudfluid
Screen Shot 2014-05-08 at 7.19.21 AM
Ma e’ tutto biodegradabile, nessuna paura!
 
L’Ohio non si fa mancare niente.
 
 
E’ successo domenica 4 Maggio, quando fluidi di trivellazione al ritmo di circa 40 litri al minuto sono iniziati a sgorgare dal costruendo pozzo di proprieta’ della PDC Energy, ditta del Colorado. Dentro questi fluidi non c’erano “composti biodegradabili” come amano dire i nostri amici petrolieri, ma sostanze oleose, lubrificanti, fanghi tossici.  Parte di queste sostanze sono finite nei ruscelli vicino la cittadina di Beverly e nei campi vicinii coltivati a soia e a mais. Sono stati recuperati anche 330 barili di petrolio sparsi un po dappertutto.
 
Fortuantamente il circondiario non era densamente popolato, ma le tre case piu’ vicine al pozzo sono state evacuate perche’ si temavano possibili scoppi di gas naturale.
 
Cosa e’ successo? Hanno incontrato delle sacche di gas naturale durante le operazioni di trivellazione, c’e’ stato uno sbalzo di pressione e voila’ –  perdite di fluidi di trivellazione.
 
Le autorita’ dicono che sono eventi rari.
Chissa’ perche’ dopo che succedono sono sempre rari!
 
Nel frattempo, il dipartimento per le risorse naturali dell’Ohio ha diramato nuove linee guida per il monitoraggio e la prevenzione sismica nello stato. Le leggi impongono di eseguire monitoraggi sismici prima di iniziare a trivellare nel raggio di tre miglia, quasi cinque chilometri, da note faglie sismiche o in aree gia’ soggette a terremoti di grado 2.0.

Adeguamento alle norme UE. Spunta la tassa, bollette più care

ma quel 70% di pressione fiscale, si può sapere quali servizi finanzia?Acqua: 

mercoledì, 7, maggio, 2014
 
E’ quanto riporta il quotidiano ItaliaOggi, che ha analizzato la bozza del decreto legge omnibus in procinto di essere presentato dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galetti in Consiglio dei Ministri.
La modernizzazione della rete idrica e di quella fognaria non può essere rimandata, occorrono quindi soldi  per l‘adeguamento agli standard europei e per lo sviluppo delle infrastrutture del servizio idrico integrato con particolare riferimento agli impianti di fognatura e depurazione delle acque reflue urbane. Fin qui, siamo tutti d’accordo.
 
Ma la brutta sorpresa emerge quando si scopre che il progetto non sarà finanziato dalle casse dello Stato ma da un fondo di Garanzia istituito presso la Cassa conguaglio per il settore elettrico, ma  saranno a carico dei contribuenti. Il Fondo infatti non graverà sulla finanza pubblica, ma sarà alimentato da una specifica componente della tariffa del servizio idrico integrato, volta anche alla copertura dei costi di gestione del Fondo. A determinarla sarà proprio l’Autorità che, per la copertura degli oneri, modificherà le tariffe per fasce di consumo o per uso.
 
Ambiente: lo smaltimento delle acque reflue aumenta i livelli mercurio
 
13:05 12 MAR 2014
 
(AGI) – Washington, 12 mar. – Lo smaltimento delle acque reflue ha mostrato di produrre elevati livelli di mercurio nel terreno. Lo studio del Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), negli Stati Uniti, e’ stato pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology. Il mercurio e’ un metallo tossico: le acque reflue ne contengono solitamente piccole quantita’, ma Carl Lamborg e colleghi hanno scoperto che i processi chimici con cui vengono trattate le acque reflue.
Gli scienziati hanno misurato le concentrazioni di varie forme di mercurio in pozzi campione installati dallo U.S.
Geological Survey intorno a siti di trattamento delle acque reflue operanti nella Massachusetts Military Reservation di Cape Cod. Gli scienziati hanno scoperto che i microbi che erano responsabili del processo della “riduzione del ferro” rompevano la forma piu’ comune di mercurio in un’altra piu’ elementare, che penetrava piu’ facilmente nelle acqua sotterranee e che veniva pu’ facilmente trasportato a valle. (AGI)

Svendita Italia: 40% di Ansaldo Energia ceduto a Shanghai Electric per 400 mln

si chiamano investimenti internazionali, direbbe Napolitano

giovedì, 8, maggio, 2014

Il Fondo Strategico Italiano (Fsi) e Shanghai Electric (Sec), leader mondiale nella produzione di macchinari per la generazione di energia e attrezzature meccaniche, hanno siglato oggi un accordo strategico di lungo periodo che prevede l’acquisizione da parte del gruppo asiatico di una quota del 40% di Ansaldo Energia (Aen) e la costituzione di 2 joint venture per la produzione di turbine a gas destinate ai mercati asiatici e lo sviluppo di un centro R&S a Shanghai.
Fsi aveva acquistato da Finmeccanica e dal fondo First Reserve una quota dell’85% di Aen nello scorso mese di dicembre. Fsi, precisa una nota, cede a Sec il 40 per cento per 400 milioni di euro. Viene inoltre avviato un progetto di cooperazione tra i centri di R&S di Genova e Shanghai per lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas. Il closing dell’operazione è atteso entro fine anno a seguito di approvazioni governative e antitrust.
L’accordo Fsi-Sec, si legge, è la più grande operazione Italia-Cina e quindi potrà rappresentare un importante riferimento per le relazioni industriali dei due Paesi. L’operazione consentirà di avviare lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas e di accedere ai mercati asiatici, che sono in forte crescita e rappresentano il 50% del mercato globale. Consentirà inoltre a Aen di ottenere nuovi ordini con importanti impatti sul fatturato e l’occupazione prevedibili in: più 20% incremento del fatturato nel medio-lungo periodo + 3-4 unità all’anno di nuove turbine prodotte a Genova 500 nuovi posti di lavoro, incluso l’indotto di 35 ingegneri Aen in 7 anni.
http://www.imolaoggi.it/2014/05/08/svendita-italia-40-di-ansaldo-energia-ceduto-a-shanghai-electric-per-400-mln/

Vietata al Senato la lettura del testo porno-gay letto a scuola da ragazzi di ginnasio

La lotta alla discriminazione sessuale è sacrosanta e giusta. Ma possibile che si debba passare per la pornografia a scuola????
Che c’entra con la lotta all’omofobia?


giovedì, 8, maggio, 2014

untitled865
«Onorevole senatore (…) devo comunicarle che il documento in oggetto non corrisponde pienamente ai requisiti di proponibilità degli atti del sindacato ispettivo parlamentare, così come specificati nell’articolo 146 del regolamento del Senato. Mi corre pertanto l’obbligo di segnalarle la necessità di apportare modifiche al testo della sua interrogazione, nel senso già comunicato per le vie brevi dagli uffici, in modo da renderne possibile l’annuncio e la pubblicazione nei resoconti del Senato».
Questo è il testo – qui potete scaricare scaricare il pdf – con cui la presidenza del Senato ha spiegato al senatore Carlo Giovanardi (Ncd) dinon poter presentare in aula i passaggi che descrivono il rapporto omosessuale orale contenuti nel libro Sei come sei di Melania Mazzucco.
 
 
TOLTI I BRANI OSCENI. Giovanardi, assieme al collega Maurizio Sacconi, spiega così in una nota che «la presidenza del Senato ha rifiutato la pubblicazione dell’interrogazione da me presentata. Nell’interrogazione infatti erano illustrati i brani crudemente e volgarmente pornografici del romanzo, che evidentemente si possono imporre agli studenti ma non essere letti neppure dai Senatori sulle pubblicazioni ufficiali del Senato. Abbiamo pertanto riformulato l’interrogazione – aggiunge Giovanardi – tagliando i brani osceni, nell’attesa fiduciosa che il ministro della Pubblica Istruzione, che aveva dichiarato essere “assolutamente corretto” il comportamento tenuto dagli insegnanti del Giulio Cesare, ci spieghi come nella scuola pubblica possano essere proposti ai ragazzi testi totalmente osceni da non poter comparire neppure nelle interrogazioni parlamentari».
 
IL MINISTRO GIANNINI (Lettura porno-gay a scuola, il ministro Giannini difende gli insegnanti). Il caso, come si ricorderà, nasce dal fatto che nel liceo romano era stata proposta la lettura del romanzo e, a seguito di una discussione in classe, gli studenti avevano dovuto produrre un elaborato scritto (in cui era stato tirato in mezzo anche papa Francesco). In seguito alla denuncia di alcuni genitori, era scoppiato il caso. Gli insegnanti erano stati difesi, oltre che dalla preside del Liceo, anche dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. La stessa Giannini, però, aveva ammesso di non aver letto il romanzo e, durante una trasmissione radiofonica, si era rifiutata di leggere il brano incriminato. Resta dunque valida la domanda di Giovanardi: perché un testo la cui lettura è ritenuta sconveniente per senatori e ministri maggiorenni è stato proposto a dei minorenni?
 
 
Questo il brano incriminato (e non si capisce che cosa abbia a che fare tale illuminante lettura con il presunto bullismo omofobo, né perchè debba essere tollerata a scuola la pornografia gay)
 
“.. Nessuno avrebbe mai sospettato che quel muscoloso, ruvido, stopper la notte si stancava la mano sulle foto di Jimi Hendrix, Valerij Borzov e Cassius Clay. Pure, benchè sapesse che Mariani Andrea non soltanto lo avrebbe respinto ma anche tradito e sputtanato, un pomeriggio, quando dopo la partita indugiò nello spogliatoio e si ritrovò solo con lui, Giose decise di agire – indifferente alle conseguenze.
 
Si inginocchiò, fingendo di cercare l’accappatoio nel borsone, e poi, con un guizzo fulmineo, con una disinvoltura di cui non si immaginava capace, ficcò la testa fra le gambe di Mariani e si infilò l’uccello in bocca. Aveva un odore penetrante di urina, e un sapore dolce.
 
Invece di dargli un pugno in testa, Mariani lasciò fare. Giose lo inghiottì fino all’ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni. Il fatto si ripetè altre due volte, innalzandolo a livelli di beatitudine inaudita…

Arriva una cartella esattoriale di 19mila euro, si toglie la vita

donna suicida, pure straniera. Ma non vale, è suicida, la società civile nega i suicidi per crisi quindi occulta

giovedì, 8, maggio, 2014
Donna si suicida dopo aver ricevuto la cartella esattoriale
Non ce l’ha fatta a sopportare l’ennesimo problema finanziario, e già particolarmente debole per motivi personali, quando si è vista recapitare una cartella esattoriale di 19mila euro, si è tolta la vita. E’ successo alle porte di Pinerolo, ad una donna di 53 anni, medico di origine russa, residente a Frossasco con il marito. Ed è stato proprio il suo compagno di vita a dare l’allarme, trovandola esanime nella cantina dell’abitazione.
Solo l’ennesimo dramma che colpisce oggi migliaia di cittadini. La cartella esattoriale di 19mila euro era arrivata dopo un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate, alla quale risultava il mancato versamento di alcune rate. Già in crisi per la possibilità di perdere il lavoro, per la donna è stato un colpo fatale.

Sicilia, emergenza sbarchi: 2262 immigrati giunti in 24 ore. E’ una follia

la Sig.ra Bankitalia Boldrini tanto solidale quanti ne ospita a sue spese?

giovedì, 8, maggio, 2014
Giornata di emergenza in Sicilia sul fronte dell’immigrazione. Sull’isola da stamattina sono arrivate 2262 persone. L’arrivo più imponente ad Augusta, dove questo pomeriggio sono giunti 1142 migranti a bordo della nave San Giorgio della Marina militare, soccorsi nel corso dell’operazione Mare nostrum. Tra questi anche un bimbo di pochi giorni.
Alle 14, in 298 erano sbarcati a Pozzallo. Tra loro 19 minori, compreso un neonato di due mesi e una donna in stato di gravidanza. A bordo anche uno straniero morto durante la traversata sulla carretta del mare, per il quale è stata disposta l’autopsia: i militari hanno accolto la salma con il saluto militare.
A Catania, invece, il pattugliatore della Marina militare ‘Sirio’ con 340 persone, tra cui 30 minori e 71 donne, siriani, somali, etiopi, eritrei e nigeriani. Sono invece 468 i migranti, compresi 25 minorenni e 104 donne, che con la nave Libra nella notte hanno fatto rotta verso Porto Empedocle, nell’Agrigentino. Altri 14 sono giunti a Marettimo. repubblica.it
http://www.imolaoggi.it/2014/05/08/sicilia-emergenza-sbarchi-2262-immigrati-giunti-in-24-ore-e-una-follia/

Cie Caltanissetta: Rissa a sprangate tra afgani e pakistani, 6 feriti

questo è diversamente razzismo?

venerdì, 9, maggio, 2014
Una maxi rissa ha coinvolto un centinaio di migranti ospiti nel centro di accoglienza  per richiedenti asilo politico di Pian del Lago, a Caltanissetta; uno di loro sarebbe stato colpito con una spranga di ferro alla testa e trasportato all’ospedale Sant’Elia, ma non sarebbe in pericolo di vita anche se le sue condizioni sono serie.
Altre sei persone, che hanno riportato ferite alla testa e fratture agli arti, sono state trasportate in ospedale dai soccorritori del «118», mentre almeno altri venti migranti sono stati curati dagli stessi soccorritori che hanno allestito un presidio all’interno della struttura. La rissa sarebbe scaturita per una lite tra afgani e pakistani di diverse etnie ed è stata sedata dall’intervento di polizia e carabinieri.
http://www.imolaoggi.it/2014/05/09/cie-caltanissetta-rissa-a-sprangate-tra-afgani-e-pakistani-6-feriti/

La prima cosa che Kiev acquisterà con i soldi del Fmi è un miliardo di oro

venerdì, 9, maggio, 2014
fmi1
Kiev ha ricevuto la prima tranche di un prestito biennale di 3,19 miliardi di dollari nell’ambito di un piano di aiuti di 17 miliardi di dollari deciso recentemente dal Fmi: lo ha annunciato la banca centrale ucraina. Si prevede che circa 2 milioni di dollari della prima tranche saranno usati per finanziare il deficit del bilancio, mentre il resto andra’ a rafforzare le riserve di valuta internazionale.
 
Un mese fa, a quanto pare, l’Ucraina caricava le sue riserve auree in un aeroplano e le spediva (per sicurezza) negli USA, come potenziale prezzo da pagare per la “liberazione”.
 
Ora pare piuttosto ironico che, dato il debito imponente del paese con la Russia per il gas non pagato e con gli avvisi di sospensione della fornitura  e dati anche i parecchi bond ucraini in scadenza da ripagare con gli interessi, la prima cosa che il governatore della Banca Centrale d’Ucraina farà col nuovo prestito del Fondo Monetario Internazionale sarà … comprare un miliardo di dollari d’oro.
Presumiamo che questo significhi che sia Gazprom che chi detiene debito del paese sia già stato liquidato visto che far perdere fiducia nel paese agli investitori è cruciale per stabilizzare l’economia del paese … ma pare che la banca centrale abbia altre priorità.
Come riporta ITAR-TASS :
“Kiev userà la prima parte del prestito da parte del Fondo Monetario Internazionale (FM) per aumentare la quantità di oro nelle sue riserve valutarie ufficiali così da stabilizzare la situazione finanziaria del paese, come ha fatto sapere lunedì 5 maggio il segretario della banca nazionale Stepan Kubiv.
“Più di 1 miliardo di dollari della prima parte del prestito andrà in oro e  riserve valutarie ucraine, la qual cosa rafforzerà il sistema finanziario del paese. Il resto andrà al budget dello stato per stabilizzare la situazione macroeconomica e finanziaria ucraina” ha detto.
Kubil crede che il prestito del FMI “manderà un segnale positivo agli investitori stranieri e agli imprenditori del paese, migliorerà il clima negli affari nel paese e stabilizzerà la the hryvnia” [la moneta del paese].
Il 30 aprile il Board of Governors del FMI approvava il prestito biennale (standby credit facility) da 17 miliardi di dollari per l’Ucraina. La prima fetta ammonterà a 3,2 miliardi.”
La cosa strana è che le riserve auree ucraine sono sostanzialmente sempre cresciute negli ultimi anni e quindi non sembra che siano queste ad ispirare più fiducia agli imprenditori ucraini e agli investitori stranieri.
gold
La domanda è ….  non è che il FMI stia dando soldi all’Ucraina così Kiev potrà comprare oro per poi mandarlo in custodia alla FED di New York? E non è che alla fine quest’oro sarà spedito alla Germania o magari anche alla Svizzera, per coprire le loro crescenti esigenze di rimpatrioUsa, la Germania rivuole le sue 3400 tonnellate d’oro, ma le Fed non gliele rende
Ci si chiede se queste news abbiano a che fare col fatto che dall’approvazione del “prestito” del FMI l’oro ha avuto i sui migliori due giorni da quattro mesi a questa parte …