L’essenza della truffa monetaria da Signoraggio – Il Denaro non ha Costi di Produzione

no lo sappiamo. Il signoraggio non esiste perché le banche si prodigano per il bene dell’umanità e prendersela con le banche è da estremisti…
 
Venerdì, Maggio 9th/ 2014
 
– di Nicola Arena e Sergio Basile –
 
Redazione Quieuropa, Nicola Arena, Sergio Basile, professor Giacinto Auriti, Stampa del denaro a costo nullo, trucco tipografico, Teoria del Valore Indotto della Moneta,  Valore Indotto, simbolo di costo nullo, reddito di cittadinanza, sopravvivenza propria, male autoprodotto, giustificabili agli occhi di Dio, signoraggio bancario, banconota di 100 euro, simbolo di costo nullo, conferiamo il valore convenzionalmente accettato dalla comunità di cui facciamo parte,  Chi crea il valore del denaro siamo noi persone, sconvolgente verità, delicatissima tematica, alibi ideologico dello stesso capitalismo e delle medesime crisi finanziarie, economisti filosofi e storici legati al sistema
 
Abbiamo il dovere di creare una contro-cultura finanziaria e storica
L’essenza della truffa monetaria da Signoraggio: Il Denaro non ha Costi di Produzione
Signoraggio Bancario – Un esempio pratico della truffa dell’emissione a costo nullo
Cartamoneta – Alla resa dei conti i costi di produzione non esistono
 
Roma – di Nicola Arena – Spesso sentiamo parlare di “Signoraggio Bancario“, ovvero della differenza fra valore nominale impresso in una moneta (banconota o moneta metallica) e il suo valore intrinseco. Anticamente – durante il Medioevo – come detto in più sedi – vedi qui Dalla Nascita della Moneta all’Inizio della Scalata Bancaria – l’aggio, o vantaggio, del signore (cui spettava l’emissione/conio della moneta) era rappresentato da una piccola quantità di oro che Questi tratteneva all’atto della stessa coniazione, sull’oro che il mercante recava, al fine della produzione della moneta utile all’economia del regno. Oggi, come detto in più sedi, non esiste più la convertibilità tra oro e banconote: pratica fraudolenta instaurata col superamento degli accordi di Bretton Woods (vedi qui – La Profezia di Thomas Jefferson ). Oggi, dunque, per produrre una banconota da 100 € si dice che occorrano – secondo attendibili stime – da un minimo di 0,30 centesimi di euro ad un massimo di circa 2 € di costi vari (stampanti, inchiostro, sistemi antifalsificazione, corrente elettrica, spese di trasporto, stoccaggio, distribuzione, manutenzione e acquisto sistemi informatici, bancomat, costi del personale ecc.). Ovviamente nasce naturale effettuare delle osservazioni pratiche oltre che matematiche. Se una Banca Centrale ha il potere di emettere denaro, i costi di produzione non esistono. La gente si domanda a questo punto: ma se abbiamo detto che i costi vari sopra elencati ammonterebbero a circa 2 € (o comunque da un minimo di 0,30 centesimi ad unmassimo di 2,00 euro) per ogni banconota da 100 € e considerando l’enorme numero di banconote in circolazione, come si fa ad affermare il contrario? La spiegazione è più semplice di quello che si possa immaginare, infatti chi possiede il potere di ordinare l’acquisto di un qualsiasi numero di banconote, di vario taglio, ha anche il potere di ordinarne anche l’acquisto della somma necessaria per coprire quei costi, per cui in definitiva la somma inizialmente acquisita non ha avuto costi per il committente, ovvero per la Banca Centrale.
 
Un esempio pratico della truffa dell’emissione a costo nullo
 
Per comprendere meglio questo semplice trucco da prestigiatore, facciamo di seguito un esempio pratico: La Banca Centrale ordina 100 banconote da 100 € del valore complessivo di 10.000 €(costi di produzione vari, circa 200 €, per eccesso…), in questo caso la Banca Centrale avrebbe un guadagno da signoraggio di “soli” 9.800 €, ma dimentichiamo un particolare: la B.C. ha il potere di dire alle tipografie di stamparsi quei 200 € occorrenti per coprire i 10.000 € prodotti, per cui ci sentiamo presi “ulteriormente” in giro quando ci dicono che il denaro ha un costo per Le Banche Centrali.
 
 Accettazione Convenzionale – Il valore della carta lo creiamo noi
 
Questo esempio serve solo a confermare e a espandere la grande truffa della moneta debito. Il denaro come diceva il prof. Giacinto Auriti è un simbolo di costo nullo al quale noi esseri umani vivi conferiamo il valore convenzionalmente accettato dalla comunità di cui facciamo parte. Chi crea il valore del denaro siamo noi persone, per il solo semplice fatto che ci mettiamo d’accordo che lo abbia (vedi qui  – Il Contenitore – Una truffa oltre il dualismo lira/euro – qui –Nell’era della moneta-debito, tutto il male viene raccolto dentro un simbolo  – e qui –Chi genera davvero la Ricchezza? Capirlo è essenziale! ). Questa sconvolgente verità non viene percepita, proprio a causa della sua semplicità. Per capire questi concetti noi consigliamo vivamente di guardare i numerosi video che il Professor Giacinto Auriti ha lasciato in dono alle generazioni presenti e future, per il benessere dell’intera umanità, in piena grazia di Dio e dei principi Cristiani, nonché di approfondire la delicatissima tematica leggendo con attenzione gli articoli giù in allegato, che cercano di  riprendere con fedeltà, ampliare, integrare ed attualizzare con esempi moderni – legati alla truffa in corso spacciata per “crisi economica internazionale” – ben 35 anni di studi giuridici, economici, storici e monetari dello stesso professoreLA VERITA’ VI RENDERA’ LIBERI: Liberi dalla schiavitù del denaro e vicini all’essenza benefica del nostro Creatore.
 
Abbiamo il dovere di creare una contro-cultura finanziaria e storica
 
Vale davvero la pena crearsi una cultura finanziaria e storica in materia, in quanto la tematica del signoraggio bancario (primario e secondario, o da “riserva frazionaria”) spesso volutamente non approfondita, fornisce l’alibi ideologico allo stesso capitalismo ed alle medesime crisi finanziarie che di tanto in tanto scoppiano seguendo il famoso “ciclo di Jefferson” (vedi qui Diego Fusaro e la Cinesizzazione dei Sovranisti) . Una tematica (quella del signoraggio) che oggi né economisti, né filosofi, né storici (più o meno legati al sistema)denunciano in maniera netta e chiara, contribuendo, loro malgrado, a disinformare e ad indurre il vasto pubblico a perdersi in vani e fuorvianti ragionamenti, nonché in astruse formule economiche o ideologiche atte proprio a non far capire la semplicità del problema (vedi qui un esempio – Diego Fusaro e la Cinesizzazione dei Sovranisti)
 
Nicola Arena, Sergio Basile (Copyright © 2014 Qui Europa)
 
Partecipa al pubblico dibattito – infounicz.europa@gmail.com
L’essenza della truffa monetaria da Signoraggio – Il Denaro non ha Costi di Produzioneultima modifica: 2014-05-12T14:47:35+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *