WAR CRIMES OF THE KIEV JUNTA IN KRAMATORSK

PCN-TV & ‘MOVEMENT OF THE SOUTH-EAST’ / 

With the ‘Slav Antifascist Front’ / 2014 04 06 /

 3 мая 2014 года Карательный отряд нац гвардии

скидывает трупы под Краматорском

 PCN-TV - war crime of Kiev in Kramatorvsk (2014 05 06) ENGL

May 3, 2014 punitive detachment of the Kiev Junta ‘National Guard’, with neonazi units of Praviy Sektor, takes off civilian corpses under KRAMATORSK …

 Video on: https://vimeo.com/94088536

 NEONAZIS OF PRAVIY SEKTOR INCORPORATED IN THE UKRAINIAN ‘NATIONAL GUARD’ EXECUTED CIVILIANS IN ANDREYEVKA!

 Mayor of Slavyansk confirms a number of reports that last night of May 2 at ANDREYEVKA, close to the place where, during the day, local civilians stopped Ukrainian BRTs, the neonazi ‘Right Sector’ executed about a dozen of civilians with another 30 receiving various gun shots. After the Ukrainian army unit pulled aside…  Just like SS were doing after German Army in Ukraine in 1941 …

 Video on: https://www.youtube.com/watch?v=sph6Fp2n7-k#t=35

 WAR CRIMES UNDER JURIDICTION OF THE ICC

 A war crime following the Laws of the War and the international conventions.

In this case, all the chain of command is directly responsible. The so-called ‘interior minister’ of the Junta of Kiev AVAKOV and the national commander of the ‘national Guard’ PARUBIY (former fonder of neofascist Svoboda/NSPU) are, following the French AFP, diretly in command and 6 km away from Slaviansk and a few km away from Kramatorsk.

Send the criminal leader of the Junta of Kiev to ICC !

 PCN-TV / LM

____________________________

https://vimeo.com/pcntv

https://www.facebook.com/PCN.NCP.TV

PRAVIY SEKTOR ORGANISE LE MASSACRE D’ODESSA AVEC LA JUNTE DE KIEV. LES PREUVES !

 PCN-TV avec RT / 2014 05 04 /

 # ОДЕССА. СОТНИК МИКОЛА СТРЕЛЯЕТ [2 МАЯ 2014] …

PCN-TV - Praviy Sektor organise le massacre d'Odessa (2014 05 04) FR + RU

 Les activistes de Praviy Sektor qui attaquent la Maison des Syndicat ce vendredi 2 mai 2014 à Odessa. Sur la videp le chef dd ‘Secteur Droit’ à Odessa qui tire sur les fenêtre du bâtiment pendant l’incendie meurtrier.

 Video Choc ! – Sur https://vimeo.com/93896450

https://www.facebook.com/photo.php?v=747288411982962

  # СОТНИК МИКОЛА ДОКЛАДЫВАЕТ СИТУАЦИЮ ОБ ОДЕССЕ 2 МАЯ 2014 ГОДА …

 Video Choc ! – Sur https://vimeo.com/93896452

https://www.facebook.com/photo.php?v=747288508649619

 Le chef de la milice-parti néonazie Praviy Sektor pour Odessa en pleine conversation avec semble-t-il le Ministre de l’intérieur de la Junte de Kiev, le criminel Avakov.

Vous remarquerez que la police ne bouge pas alors qu’ils ont en face d’eux un homme en arme, leader bien connu de Praviy Sektor …

 PCN-TV / RT /

____________________________

https://vimeo.com/pcntv

https://www.facebook.com/PCN.NCP.TV

LUC MICHEL SUR ‘AFRIQUE MEDIA’ TV

# AFRIQUE MEDIA & PCN-TV/  CE LUNDI 5 MAI 2014  … 

ce lundi 5 mai 2014 à partir de 11h … – Emission ‘Le Débat Panafricain’

animée par Bachir Mohamed Ladan/

En rediffusion et en streaming sur

http://afriquemedia.tv/

 PCN-TV - LM sur Afrique Media Tv 9 (2014 05 05) FR

Luc MICHEL y parle particulièrement sur :

* les massacres d’Odessa et Kramatorsk et la répression de la junte de Kiev en Ukraine,

* la situation en Centrafrique et les risques de partition de la RCA,

* la situation au Sud-Soudan (avec un panorama de 25 ans de crise au Soudan),

* et il débat du panafricanisme (qu’il mettra en parallèle avec le paneuropéisme).

 # SUJETS DU ‘DEBAT PANAFRICAIN’ DU DIMANCHE 4 MAI 2014

REDIFFUSEE CE LUNDI

 SUJETS D’ACCEUIL

1- CHIRAC PARLE DE L’AFRQUE : Image d’archives. (JDD AYISSI, Patrick SAPACK)

2- AFRIQUE DE L’OUEST : Le chemin de fer Niamey- Cotonou va bientôt prendre forme. Le Niger s’ouvre enfin à la mer.   (ABDOU ADAMOU)

3- NIGERIA : Nouvel attentat à la gare d’Abuja (16 morts). Négligence des autorités ou BOKO HARAM invincible ?  (François BEYO, François BIKORO)

4- AFRIQUE DU SUD : Jacob Zuma peut-il être réélu à la tête de la nation arc-en-ciel ?  (NOUHA SADIO, JP SAMNICK)

5- BURKINA FASO/ affaire Thomas SANKARA: Le Tribunal de grande instance de Ouagadougou se déclare incompétent. (Hubert ETOUNDI, Eric YOMBI)

6- SOUDAN : le bras de fer entre le président SALVA KIIR et son ancien PM RIEK MACHAR se transforme en une guerre inter ethnique. L’ONU parle d’un génocide en préparation. (Luc MICHEL, Patient Parfait NDOM)

 SUJETS A DEBATTRE

1- RCA : les musulmans au nord, les chrétiens au sud. A qui profite la scission ?

2- LE PANAFRICANISME : peut-il sauver l’Afrique ?

3- AFRIQUE : Les codes miniers et les codes pétroliers profitent-ils aux pays producteurs ?

4- ICONE DE LA SEMAINE : ROSA PARKS (USA)

 KH / PCN-TV

_____________________

# TV panafricaine AFRIQUE MEDIA …

Website : http://afriquemedia.tv/

QUE CACHE KIEV SUR LE MASSACRE D’ODESSA ?

# LUCMICHEL.NET /

PLUS DE 100 MORTS ? DES ENFANTS ?  DES VICTIMES VIOLEES AVANT LEUR MORT ??? –  ALERTE ROUGE INFO /

LM avec Europäischer Widerstand – LVDR – PCN-SPO/ 2014 05 05 /

http://www.lucmichel.net/ ignoble

Le massacre de la Maison des syndicats à Odessa, organisé par les néonazis de Praviy Sektor (*) intégrés à la ‘Garde Nationale’ et au « ministère de l’intérieur » de la Junte de Kiev, cache-t-il des atrocités encore plus inavouables que les images d’horreur du « nouvel Auschwitz « ?

Oui accuse un homme politique ukrainien !

 PLUS DE 100 MORTS !?

 « Odessa : les affrontements ont fait plus de 100 morts, il y a des enfants » dit  ce dirigeant politique ukrainien !

Le chef de file du ‘Mouvement social Sud-Est’ Oleg Tsarev, qui a retiré sa candidature de l’élection présidentielle en Ukraine, est convaincu que les heurts à Odessa du 2 mai ont fait plus de 100 morts dont des enfants.

 « Nous estimons que dans la Maison des syndicats il y a plus de 100 cadavres. La police ne fait entrer personne pour que les cadavres ne soient pas comptés. Nous savons exactement qu’il y a là bas des enfants mineurs. Nous sommes sûrs que le pouvoir fera tout son possible pour dissimuler les traces de ce crime horrible. Nous voulons mener une instruction et juger les responsables de ce crime », a-t-il déclaré à l’agence RIA Novosti.

 DES VICTIMES VIOLEES, TUEES ET BRULEES ENSUITE !?

 J’avais moi-même dès samedi en voyant les photos de certaines victimes soulevé la question sur les réseaux sociaux. La pose des cadavres est curieuse. Une victime qui brûle en mourant se recroqueville. Beaucoup de femmes ont contraire sont dans la pose de l’acte sexuel (cuisses ouvertes, désolé pour leur mémoire et leurs proches). C’est la rigidité cadavérique de la victime morte AVANT d’être brûlée qui peut seule expliquer ces poses anormales. De nombreux hommes sont aussi le pantalon ouvert ou baissé …

 De telles atrocités ne seraient pas surprenantes dans un Praviy Sektor aujourd’hui rallié par des néonazis de toute l’Europe et où la violence sexuelle, issue des théories pédonazies (du genre « nazisme et homosexualité ») est répandue. Voir « les cents vingts journées de Sodome » du cinéaste italien Pasolini … Un scénario d’horreur glauque s’est-il déroulé dans la Maison des Syndicats ? Des indices le font penser.

 Le dirigeant ukrainien partage mon analyse. « Il y a l’impression qu’on tuait les gens et la façon dont les femmes sont déshabillées indique qu’elles avaient été peut-être violées. Après seulement ont les aspergeait avec les cocktails Molotov et incendiait », a dit Oleg Tsarev.

 UN DEPUTE D’ODESSA CONFIRME LES ACCUSATIONS !

 Précédemment le député du conseil régional d’Odessa Vadim Savenko avait déclaré que les affrontements à Odessa avaient fait 116 morts. Selon lui « les autorités ukrainiennes ont reçu la commande de taire l’envergure de la tragédie pour cacher à l’opinion mondiale le fait d’avoir organisé à Odessa une opération punitive contre les habitants pro-russes ».

 Luc MICHEL

(*) Aller plus loin :

– PCN-TV / MASSACRE D’ODESSA : DES BLESSES DEPOUILLES, DES CADAVRES PROFANES PAR LES NEONAZIS DE KIEV !

http://www.lucmichel.net/2014/05/04/pcn-tv-massacre-dodessa-des-blesses-depouilles-des-cadavres-profanes-par-les-neonazis-de-kiev/

– EUROPÄISCHER WIDERSTAND / ODESSA, LE NOUVEL AUSCHWITZ

http://www.lucmichel.net/2014/05/03/europaischer-widerstand-odessa-le-nouvel-auschwitz/

– PCN-TV / PRAVIY SEKTOR ORGANISE LE MASSACRE D’ODESSA AVEC LA JUNTE DE KIEV. LES PREUVES !

http://www.palestine-solidarite.org/actualite.pcn-tv.040514a.htm

Elezioni 2014, a Bari è caos per i parenti di mafiosi in lista col centrosinistra

le candidature le avrà decise Genny ‘a carogna. Si dice governi il paese, altro che la Mckinsey di Renzi o il Bilderberg….il tifoso governa il mondo….
 
decaro-sindaco-640 
Tre candidati con Antonio Decaro sono esponenti di famiglie della malavita locale. Il centrodestra attacca, l’aspirante primo cittadino chiede ai diretti interessati un passo indietro, ma solo uno accetta il consiglio
 
Di Mary Tota – Il Fatto Quotidiano
 
Dieci candidati sindaco, 33 liste e un esercito di 1188 aspiranti consiglieri. Tanti, tantissimi ma non abbastanza da far passare inosservati quei tre nomi. Anna Esperanza DiomedeFrancesco Laraspata e Danilo Dammacco. Nell’elenco dei candidati, a chi Bari la conosce almeno un po’, quei tre nomi non scivolano via come gli altri. Perché loro, poco meno che trentenni, hanno unabiografia ingombrante: sono tutti appartenenti a famiglie collegate ai clan della malavita locale.
 
Esperanza, la prima a saltare agli occhi. Ventidue anni, parrucchiera, candidata nella listaSemplicittà, ma soprattutto figlia di Michele Diomede – appena scarcerato dopo una condanna a 25 anni per omicidio – e nipote di Antonio, detto Tetè, scomparso, probabile caso di lupara bianca. Francesco, in arte Terremoto inserito nelle fila di Realtà Italia, figlio di Leonardo Laraspata, ucciso nell’aprile del 2000 a 39 anni per un regolamento di conti tra clan. Un agguato in piena regola consumato sotto gli occhi di moglie e figlia. Sua madre, Luisa, si è miracolosamente salvata, nel 2006: un colpo di pistola per errore ha colpito lei anziché un componente di un’altra famigliastoricamente rivale, davanti al bar dato alle fiamme di recente per una presunta vicenda di racket, della quale lei però si dice estranea. Danilo Dammacco, infine, è candidato nella lista Decaro per Bari ed è figlio di Mario, condannato per traffico di droga nel clan Strisciuglio.
 
Tutti nomi che il pm Michele Emiliano conosceva benissimo, perché la criminalità era il suo pane quotidiano quando dal 1995 al 2003 era nella Dda di Bari. Nomi che oggi, il suo delfino, Antonio Decaro si ritrova a dover gestire come una bomba tra le mani. Possono i figli pagare gli errori dei padri? Questo è il quesito che, martellante, circola per Bari in questi giorni dividendo l’opinione pubblica e scatenando la bagarre tra i candidati sindaco. “No, naturalmente no” ha detto Decaro consapevole di quanto, invece, sia importante per i tre ragazzi riscattarsi. “Ma una campagna elettorale – aggiunge ancora l’aspirante primo cittadino – non è certo un palcoscenico adatto a questo tipo di rivincita personale e sociale. Strumentalizzata da destra e da sinistra e travolta dalle polemiche rischierebbe di smarrire il senso più autentico della candidatura. Per questo – conclude rivolgendosi alla giovane Diomede – chiedo un passo indietro”. Richiesta formulata ad una, ma valida per tutti.
 
Se Domenico Dammacco ha preferito accettare la proposta defilandosi dal turbine impazzito dellapolemica (“Io con mio padre non c’entro nulla – ha scritto – Lavoro onestamente, volevo solo cambiare la città”), gli altri due no. E, anzi, rilanciano sui social network la loro scelta con maggiore determinazione. Tanto da condividere sul profilo Facebook di Laraspata una fotografia che ritrae insieme i due giovani, con la didascalia: “Terremoto e Tempesta, palazzo di città stiamo arrivando”. E sulle rispettive bacheche i due ragazzi, dal viso pulito e supportati dall’affetto di amici e parenti, si sfogano. Più rabbioso Francesco: “Stanco di sopportare queste accuse! Sulla miafamiglia su mio padre. Sono 5 anni che dimostro socialmente chi sono. Dedico il mio tempo libero alla comunità, alla Chiesa, alla scuola! Quindi ve lo vico serenamente.. Non fatemi la guerra mediatica!”
 
Più pacata ma ugualmente determinata Esperanza: “Non avrò un passato o una vita perfetta ma di certo sono sicura di avere un onore e una dignità che molti non hanno. Non rinnego niente di qualsiasi cosa faccia parte di me…perché tutte le mie esperienze di vita mi hanno aiutato a essere orgogliosa di quello che sono. Segui sempre i tuoi ideali e mai nessuno ti potrà mai schiacciare..” “Mio padre ha pagato per i suoi errori commessi prima che nascessi” spiega Esperanza, aggiungendo che anche lei si divide tra casa e Parrocchia. Fino a qualche tempo fa lontana anni luce dalla politica, oggi si definisce “sveglia, bella e intelligente” e determinata a dare unapossibilità ai giovani senza speranza. Questo il messaggio che vuole veicolare. Con l’aiuto della sua nuova addetta stampa.
 
Vanno avanti come treni, loro. Mentre Decaro affronta i prevedibili strali dei suoi avversari. Gioco facile per il magistrato in aspettativa Desirèe Degirolamo che affila le armi chiedendo al parlamentare come possa pensare di avere le mani libere quando sarà sindaco se si fa imporre lacandidatura della figlia di un mafioso. Luigi Paccione, invece, difende la giovane Diomede definendola vittima due volte: di chi l’ha candidata e di chi la contesta. Ma soprattutto Domenico Di Paola, candidato del centrodestra, pur scegliendo la vita della cautela e non entrando nel merito della vicenda, non rinuncia all’opportunità di sferrare un colpo all’avversario definendolo “maestrino di pubbliche virtù”. Attacco che ad Antonio Decaro non va affatto giù. “Molti parlano di etica, in questa campagna elettorale – scrive – in particolare ne parla il mio principale avversario. Proprio lui che è ancora sotto processo, ma, al contrario mio, non ha ritenuto eticamente doveroso aspettarne gli esiti, prima di sottoporsi al giudizio degli elettori”. Frecce agli archi dei candidati da scoccare ogni giorno. E’ il rush finale della campagna elettorale, da giocarsi senza esclusione di colpi.
 

”E’ UNA BRUTALE MENZOGNA DI BRUXELLES DIRE CHE SONO FINITI I SOLDI E VA TAGLIATA LA SPESA PUBBLICA” (THE GUARDIAN)

Spiacenti, non ci sono più soldi. E quindi: rigore, tagli alla spesa pubblica, spending review. Per colpire, solo e sempre, il settore pubblico: il welfare, la spesa vitale per i cittadini, da cui dipende strettamente la salute dell’economia privata di aziende e famiglie. Stando a politici, tecnocrati e banchieri, è come se il denaro «fosse una risorsa limitata, alla stregua della bauxite o del petrolio». Errore: il denaro è inesauribile, illimitato. Perché può essere creato dal nulla, in qualsiasi momento, a una sola condizione: che venga accettato come valore di scambio, per acquistare beni e servizi e pagare le tasse. Quella che a prima vista può sembrare la scoperta dell’acqua calda, secondo David Graeber del “Guardian” è un’esternazione epocale: perché proviene dalla Banca d’Inghilterra, che ammette ufficialmente che la quantità di denaro circolante – quella in nostro possesso, e a disposizione dei nostri Stati – non dipende assolutamente da un ammontare frutto di risparmi, ma da una semplice decisione politica, attuata dalle banche centrali e dai super-banchieri che le gestiscono.
Il sistema continua dirci che «semplicemente non c’è abbastanza denaro per finanziare lo stato sociale», e preferisce «parlare dell’immoralità del debito pubblico o di una spesa pubblica che “svuota le tasche” al settore privato»? Tutto falso.
«Il sistema della riserva frazionaria permette alle banche di prestare somme considerevolmente superiori a quelle che detengono nelle riserve». E, se i risparmi dei correntisti non bastano, «le banche possono farsi prestare altro denaro dalla banca centrale», la quale «può stampare tutto il denaro che vuole», riassume Graeber, citando il documento intitolato “La creazione della moneta nell’economia moderna”, redatto da tre economisti del dipartimento di analisi monetaria della Bank of England.
«Non c’è davvero alcun limite alla quantità di denaro che una banca può creare, a patto che trovi persone che vogliano prendere in prestito quel denaro. Non rischieranno mai di finire senza soldi, per il semplice motivo che, in genere, i loro mutuatari non prenderanno mai il denaro per metterlo sotto al materasso: alla fine, tutto il denaro che una banca presta tornerà indietro in qualche modo in qualche altra banca».

Le banche, sottolineano gli analisti della banca centrale britannica, non ricevono i risparmi dai privati per poi successivamente prestarli. Al contrario: «Sono i prestiti delle banche a creare i depositi», attraverso la banca centrale. «E la moneta della banca centrale non è nemmeno “moltiplicata” sotto forma di prestiti e depositi», perché viene semplicemente creata dal nulla.
«Nel caso le banche avessero bisogno di prelevare denaro dalla banca centrale – scrive Graeber – possono prenderne in prestito quanto ne vogliono; tutto ciò che fa quest’ultima è determinare il tasso di interesse, il costo del denaro, non la sua quantità».
Per questo, «non c’è alcuna spesa pubblica che “svuoti le tasche” al settore privato. E’ esattamente l’opposto»: è la finanza a chiudere i rubinetti, a costringere intere nazioni a tirare la cinghia.
«Perché, così all’improvviso, la Banca d’Inghilterra ammette tutto ciò?». Forse, si risponde Graeber, la banca di Stato britannica ha capito che è «un lusso che non si può più permettere» il mantenere in vita «la versione “fantasilandia” dell’economia, che si è rivelata così conveniente per i ricchi».
Politicamente, secondo il giornalista del “Guardian”, i banchieri centrali inglesi stanno affrontando un rischio enorme: «Immaginate cosa potrebbe succedere se i titolari dei mutui si rendessero conto che il denaro che la banca ha prestato loro non proviene in realtà dai risparmi di una vita di qualche pensionato parsimonioso, ma sia invece un qualcosa creato dal nulla da una bacchetta magica in loro possesso, che noi gli abbiamo consegnato».
Certo, la Gran Bretagna non è in sofferenza quanto l’Eurozona: la sterlina sovrana consente a Londra di cambiare politica, per esempio di aumentare la spesa pubblica e la protezione dello Stato verso i cittadini. Operazione preclusa ai paesi la cui sovranità finanziaria è stata confiscata dall’euro, i cui gestori ripetono che, semplicemente, “non ci sono più soldi”. Come se il denaro fosse un bene materiale, anziché un valore convenzionale che si può liberamente immettere nel sistema economico.
Se oggi si “scopre” che la fonte del credito non è certo la riserva frazionaria – cioè la percentuale di depositi accantonati per la solvibilità del sistema – a diffidare della libera emissione di moneta furono economisti di destra ma anche di sinistra. Secondo la scuola marxista, l’espansione del credito assicura una forte crescita, che però finisce per provocare crisi di sovrapproduzione o crisi economiche dovute all’insolvenza di molte imprese alla scadenza dei debiti.
Più in generale, si teme che la quantità di moneta prestata possa non corrispondere ad una ricchezza reale, e quindi causare inflazione e calo della domanda. Analoghe conclusioni dalla “scuola austriaca” di economia: se si espande il credito oltre il “tesoro” della riserva frazionaria, i prezzi cresceranno molto più in fretta del Pil, generando inflazione. Tesi sostanzialmente smentite dalla storia e dalla realtà di oggi: gli Usa uscirono dalla Grande Depressione proprio espandendo il credito mediante creazione di moneta, e oggi il dramma dell’Eurozona si chiama deflazione: insufficiente quantità di denaro a disposizione delle imprese e delle famiglie, a causa dei tagli imposti agli Stati che, limitando la spesa pubblica (in fase di recessione economica) condannano il sistema all’asfissia.
Fin dall’inizio della recessione, scrive il “Guardian”, le banche centrali degli Usa e della Gran Bretagna hanno ridotto quasi a zero il costo del denaro: attraverso il “quantitative easing”, cioè l’alleggerimento quantitativo, «hanno pompato quanto più denaro potevano nelle banche, senza produrre alcun effetto inflattivo».
Il significato di tutto questo? «Il tetto dell’ammontare della moneta in circolazione non è dato da quanto le banche centrali siano disposte a prestare, ma da quanto denaro siano disposti a prendere in prestito governi, aziende, e cittadini ordinari». La questione è politica: «La spesa dei governi ha il ruolo principale in tutto ciò».
E lo stesso documento della Bank of England «ammette, leggendolo con attenzione, che alla fine le banche centrali forniscono denaro ai governi». Certo, le banche centrali degli Stati con moneta sovrana – quindi non i paesi dell’Eurozona.
«Storicamente – rileva Graeber – la Banca d’Inghilterra tende a essere un precursore, esternando quelle che possono sembrare posizioni radicali ma che poi finiscono per diventare la nuova ordotossia». E’ come se gli analisti inglesi avesso detto, chiaro e tondo, che bisogna bocciare la Bce e tutte le politiche restrittive dell’Unione Europea. Non è vero che “non ci sono più soldi” per gli Stati.
E’ vero il contrario: Bruxelles ha deciso che gli Stati, e i loro cittadini, devono soffrire. Solo degradando le condizioni generali di vita, abolendo diritti sociali e diritti del lavoro, l’élite può sperare di disporre di “sudditi” docili, disposti a tutto per un salario schiavistico. Il paradiso in terra per i monopolisti della moneta ex-sovrana, super-tecnocrati al servizio degli oligarchi planetari, i grandi privatizzatori del nostro futuro.
Fonte notizia: libreidee.org Autore del testo originale: David Graeber del “Guardian” –
http://altrarealta.blogspot.it/

Non più padroni in casa nostra

di Ernesto Galli Della Loggia – 01/05/2014

Fonte: Style  
I giornali e la politica fanno un gran parlare di populismo, quasi sempre per dipingerlo come un pericolo mortale ma quasi mai per spiegarlo, per indicarne i motivi e í contenuti. Forse molte cose sarebbero più chiare se invece si cominciasse con il dire chiaramente che: primo, quello che viene definito populismo nasconde in realtà un sentimento di crescente ostilità, se non addirittura di rivolta, degli strati più «popolari» e disagiati della società contro le élite; e, secondo, che questo nuovo tipo di rivalità sociale gode di così cattiva stampa perché non è in alcun modo intercettato politicamente dai partiti della sinistra tradizionale, a differenza di quanto avveniva fino a non molto tempo fa in Italia come in Europa.
L’incapacità della sinistra di ascendenza socialista a rappresentare questa nuova protesta dal basso dipende probabilmente dà1 fatto che l’attuale protesta riguarda sì questioni di natura economica, ma si nutre moltissimo di altri motivi di natura ideale, culturale e simbolica. Non solo’s’intreccia spesso con questi, ma è in particolare su questo terreno che essa si esprime con la maggiore radicalità, assumendo per l’appunto connotati antielitari di tipo populista. Il fatto è che ;in-tutta Europa negli ultimi due o tre decenni le élite sono profondamente cambiate. Pen- denazionalizzazione/internazionalizzazione. siamo ai vertici del più grande gruppo capitalistico privato italiano, la Fiat. L’avvocato Agnelli, torinese, era cresciuto ascoltando in famiglia suo nonno parlare piemontese, e aveva studiato in un liceo della città trascorrendo le sue vacanze in una villa a Forte dei Marmi; nel 1940, poi, come milioni di suoi concittadini era stato chiamato alle armi e aveva fatto la guerra, prima in Russia poi in Africa settentrionale. Insomma, anche se non gli, mancò certo una larghissima esperienza di luoghi, cose e persone stranieri, tuttavia la sua identificazione con l’Italia nonché la sua conoscenza dì essa rimasero sempre evidenti e fortissime. Può dirsi la stessa cosa di John Elkann? Nella differenza tra i due c’è il senso di una parabola storica. In realtà, di pari passo con la globalizzazione, le élite italiane ed europee hanno attraversato un processo di denazionalizzazione/internazionalizzazione.
La loro educazione, i loro modelli di vita e le loro attività hanno cominciato ad avere sempre meno a che fare con il proprio Paese, laddove invece la massa della popolazione vi è restata inevitabilmente legata, avendo, anche per questo e per la crisi dei sistemi scolastici, sempre maggiore difficoltà di ascesa sociale. D’altro canto, la crescente dipepdenza da Bruxelles, vissuta come una centrale politico. amministrativa straniera, dove però comandavano solo le élite, ha inevitabilmente radicato nelle masse suddette l’impressione di non essere più padrone in casa propria.
Un effetto analogo, forse ancor più devastante sul piano psicologico, hanno avuto infine le gravi modificazioni subite dall’habitat della vita quotidiana degli strati popolari. Questi, infatti, negli ultimi due o tre decenni non solo sono stati definitivamente espulsi dal centro dei grandi agglomerati urbani, perdendo dunque ì punti di riferimento tradizionali rappresentati dall’antica rete di luoghi, e di attività, ma in molti casi hanno dovuto provare la non facile esperienza della convivenza con gli immigrati. Le società europee, insomma, sono attraversate oggi da fratture per molti aspetti píù profonde di ieri: e la rivolta contro le élite ne è la conseguenza.
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=48347

Obama in Asia, viaggio termina con accordo militare con Filippine

Il presidente ha cercato di rassicurare alleati sull’impegno Usa
         
New York, 28 apr. (TMNews) – Stati Uniti e Filippine hanno firmato oggi un accordo di 10 anni per permettere una più massiccia presenza americana nell’ex colonia, giusto pochi minuti prima dell’arrivo del presidente Barack Obama a Manila. Nelle Filippine si sta concludendo il tour che lo ha portato anche in Giappone, Corea del Sud e Malaysia per riaffermare il ‘pivot to Asia’, ovvero la sua volontà di mettere il continente asiatico al centro della strategia geopolitica americana, finora sopraffatta dalle problematiche in Medio Oriente e in Ucraina.

Il ministro della Difesa filippino, Voltaire Gazmin, e l’ambasciatore americano, Philip Goldberg, hanno sottoscritto l’accordo che permetterà alle truppe americane di avere accesso alle basi militari del Paese, sulla falsariga di quelli firmati da Washington con Singapore e Australia. Gazmin ha dichiarato che l’Enhanced Defense Cooperation Agreement serve come “cornice per incoraggiare l’alleanza tra le due nazioni” e migliorare la cooperazione per affrontare le sfide sulla sicurezza presenti nella regione, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal. Goldberg ha definito l’accordo “una pietra miliare”, che si aggiunge al Mutual Defense Treaty siglato dai due Paesi nel 1951 e che amplierà la portata del Visiting Forces Agreement, l’accordo che permette alle truppe americane di trovarsi nelle Filippine per brevi periodi di esercitazioni congiunte. (segue)
http://www.tmnews.it/web/sezioni/esteri/obama-in-asia-viaggio-termina-con-accordo-militare-con-filippine-PN_20140428_00141.shtml

E A FANCULO ANCHE L’AGRICOLTURA ITALIANA…

le tasse sono sexy. Servono per dare servizi e sostenere i poveri, si dice.

Finalmente viene REnzi colpisce uno dei paradisi fiscali italiani: L’AGRICOLTURA.  L’Imu verrà introdotta sui terreni agricoli collinari e montani (3/4 della superficie nazionale agraria secondo le stime de Il Sole24 Ore), verrà rivisto al ribasso il regime fiscale agevolato per le rinnovabili legate all’agricoltura e non per ultimo, l’introduzione dello spesometro che si tradurrà in un ulteriore aggravio per tutte quelle piccole imprese agricole con un volume di affari inferiore agli 8000 euro annui.
 CONTINUA LO STERMINICIDIO DEL GOVERNO ITALIANO VERSO COLOTRO CHE HANNO RISPARMI O FANNO IMPRESA….TOCCA ALL’AGRICOLTURA…
E LA RANA BOLLITA CONTINUA A SENTIRE SOLO UN PO’ DI  CALDO…
http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.it/2014/05/e-fanculo-anche-lagricoltura-italiana.html?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews

NO TAV VESTITI DI NERO ED INCAPPUCCIATI HANNO LANCIATO PETARDI E ARTIFIZI PIROTECNICI UTILIZZANDO ANCHE MORTAI ARTIGIANAL

Torino – 04 maggio 2014 – Blitz notturno contro il cantiere Tav di Chiomonte: una decina di attivisti No Tav vestiti di nero ed incappucciati – informa la Questura – ha lanciato petardi e artifizi pirotecnici utilizzando anche mortai artigianali. Respinti dalle forze dell’ordine, i manifestanti si sono dileguati nei boschi. Non ci sono stati feriti.

Nel bosco intorno al cantiere le forze dell’ordine hanno trovato diversi petardi, nonchè 50 chiodi a 4 punte sparsi sulla strada asfaltata esterna al cantiere e sui sentieri boschivi della Val Clarea. Le operazioni di messa in sicurezza dell’area, compresa la bonifica del vicino tratto autostradale e della viabilità di Giaglione, sono terminate intorno alle 3.30. Il cantiere ha proseguito regolarmente le attività. Sull’episodio indagano gli uomini della Digos.