Diretta udienza 28 aprile 2014 maxi processo no tav aula bunker

 DirettaUdienza28apr
I PM Rinaudo e Padalino oggi sono assenti. La PM Richiede di non essere filmata, entra il primo teste, Gavalero C., l’avv.Novaro chiede se ha partecipato alle giornate del 27 giugno e del 3 luglio, il teste conferma. Inizia con il racconto del 27 giugno.

Conferma di aver partecipato alla fiaccolata la sera prima, e di essersi poi fermato. “C’era molta gente, tanti della mia età, persone che conosco da tempo, il motivo è che si presumeva che quel giorno sarebbero arrivati militari, poliziotti. E poi sono arrivati, io ero presente. Al mattino sono stato svegliato dai fuochi artificiali, era il segnale convenuto che stavano per arrivare, tant’è vero che guardando sull’autostrada si cominciava a vedere i primi lampeggianti blu, si sono poi fermati nella galleria e io mi sono posizionato nella stradina che scende a sinistra e va verso le barricate dove c’è l’autostrada, quella grossa, non so se aveva un nome, ho scoperto qua all’udienza che si chiamava stalingrado ma non…. ” L’avvocato fa notare che come teste non avrebbe dovuto essere presente in aula, il teste conferma che è stato presente più di una volta. Il PM Vuole sapere quando è stato presente, il teste non ricorda le date, il Presidente ritiene di poter comunque ascoltare il teste, il quale precisa che non sapeva che sarebbe stato chiamato a testimoniare.
Tornando al 27 giugno non ricorda l’orario, non portava l’orologio, ma era l’alba. Lui si è posizionato a distanza di sicurezza e ha “visto uscire un mezzo con un lungo braccio, montata in cima una grossa pinzia. Ha cominciato a manovrare, poi è sceso un manifestante, un certo Turi Vaccaro, si è messo davanti a questo mezzo ma è stato allontanato brutalmente, dopo di che la pinza ha cominciato a distruggere le barriere di plastica, poi ha tolto il guard rail e poi ha cominciato a distruggere la barricata mettendo a grave repentaglio la vita dei manifestanti. Io ho visto, ed era veramente impressionante vedere questa pinza che lavorava in modo molto disinvolto, al di fuori del limite di sicurezza. I manifestanti si trovavano sulla barricata.” “Poi ci sono stati spruzzi di estintori che cercavano di oscurare la cabina di chi manovrava quel mezzo, verso la cabina, non ricordo quanti estintori ma si vedevano gli spruzzi sulla cabina del mezzo.”
Avv ha visto anche lanci di sassi?
Teste no, li ho visti nel filmato ma non li ho visti, ero talmente attirato dal modo in cui lavorava la pinza che non guardavo altro….  ma io ho solo visto l’estintore che spruzzava
Avv tornando al 27 giugno, ha visto le fdo uscire dalla galleria?
Teste si, io mi sono posizionato lontano, non saprei dire quanto, ma pronto eventualmente a fuggire, i lanci di lacrimogeni non li ricordo, ci saranno stati dopo quando io mi sono allontanato, quando ho visto che la barricata ormai non c’era quasi più e stavano per entrare, ho capito che era il momento di andare via e sono andato sul piazzale della maddalena, devo aggiungere che li’ mi sentivo sicuro, era una zona franca, mi hanno detto “se ci sono problemi vieni qui, abbiamo pagato per stare qui, non possono farti nulla, c’erano avvocati, c’erano dei sindaci, mi sentivo tranquillo e non pensavo che sarebbe successo quello che è successo, sono cominciati ad arrivare gas mutageni altamente cancerogeni chiamati erroneamente lacrimogeni, ho sentito questa puzza e hanno cominciato a bruciarmi gli occhi e la gola e ho iniziato a respirare in modo affannoso e sono andato via sulla montagna verso la Ramat.
Avv Lei ha detto che si sentiva al sicuro in quell’area, invece nell’altra zona?
Teste non mi sentivo al sicuro perché poteva succedere di tutto, a parte i lacrimogeni le cariche, potevo farmi male…
Avv sul piazzale lei ricorda il lancio dei lacrimogeni ma c’è stato qualcosa che l’ha provocato?
Teste i lacrimogeni arrivavano da tutte le parti, cadevano a grappolo, 4,5,6 per volta, poi arrivavano dall’alto, dal basso, da tutte le parti, quando son salito ho fatto delle fotografie e ho visto che il piazzale della maddalena era ormai invaso da questi gas perciò ho fatto bene ad andare via, mi sarei fatto male gratuitamente
Avv lei ha visto momenti di dialogo tra soggetti istituzionali e le fdo?
Teste no, non ho visto nulla
Avv quanta gente c’era sul piazzale?
Teste in quel momento non tantissimi perché i più erano giù verso la centrale, verso le altre barricate, io sono stato tra i primi ad andare via, poi mi sono allontanato per i sentieri e sono salito su nella zona della Ramat, c’era mia madre con me però ci siamo persi in varie occasioni
Avv i lanci di lacrimogeni sono arrivati solo sul piazzale?
Teste sul piazzale, quando io sono salito sui boschi non hanno lanciato, li ho poi visti dall’alto, ho visto che lanciavano nei boschi e ho visto la zona della Maddalena invasa dai gas, continuavano a sparare, continuavano a sparare, continuavano a sparare, ricordo quelli a grappolo, davvero numerosi
Avv senta la pinza l’ha vista solo da questo lato verso la barricata?
Teste si, verso la barricata
Avv lei cosa fa nella vita?
Teste sono un pensionato, prima ero artigiano, abito a Giaveno.
Avv rispetto al 27 di giugno lei si allontana e poi non ha alcun contatto?
Teste non sono tornato indietro, sono sceso e mi son fermato dove c’erano i blocchi
Avv veniamo al 3 luglio, lei ha partecipato?
Teste si, ho partecipato, la manifestazione era per ribadire l’ennesima opposizione a quest’opera, per protestare contro l’uso della forza nella giornata del 27 di giugno, eravamo veramente tante migliaia, veramente tanti. Io ho partecipato al corteo, quello verso la centrale, partendo da Chiomonte, io sono sceso fino a dove c’era il depuratore, dall’altra parte della centrale. Secondo me 50 o 60 mila persone c’erano. Non ricordo l’ora, perché io non porto quasi mai l’orologio… quando sono arrivato alla centrale ero vicino al depuratore, dopo di che delle persone con delle funi hanno legato le barriere ma con scarso successo, perché erano pesanti, era un gesto più che altro simbolico, solo che poi hanno cominciato a sparare questi gas mutageni e cancerogeni , non solo contro chi legava le funi ma contro tutti i manifestanti che erano nella zona e anche lontani dalla centrale, dove c’erano famiglie che si credevano al sicuro. Dopo di che hanno sparato anche dove ero io e mi sono allontanato perché non avevo protezione.Avv prima dell’aggancio delle funi lei ha visto il lancio di oggetti da parte dei manifestanti?
Teste no, era tutto tranquillo, hanno agganciato il primo jersey ma ce n’erano altri, praticamente era impossibile entrare. io poi mi sono allontanato perché non si riusciva più a respirare, non si riusciva neanche a fuggire… non so dire gli orari, non saprei, il tempo è stato breve e lunghissimo nel contempo, non saprei quantificare
Avv la presenza di Beppe Grillo se la ricorda?
Teste si, mi pare fosse sopra al muro vicino alla centrale, ricordo una specie di intervento, ma non ricordo quel che ha detto e neanche la durata.
PM Lei ha detto che ha visto dei filmati, quali e dove?
Teste ho visto dei filmati che lanciavano dei sassi dalla galleria dell’autostrada
PM Dove li ha visti?
Teste li ho visti qua, quando ho partecipato come pubblico, perché non ero a conoscenza di dover testimoniare
PM Non si ricorda quante volte è venuto in udienza?
Teste più di una
PM Quei filmati li ha visti una volta o più volte?
Teste penso più di una, non ricordo quante volte, ma tutte le volte che vengo fanno una crocetta quindi lo sanno
PM Non ho nessun’altra domanda, grazie.

Entra il teste successivo, Tiziana Pistol, di Torino. presente in Val Clarea il 27 giugno 2011 sin dalla sera prima, presente alla fiaccolata del 26 sera e fermatasi la notte. Aveva partecipato anche alle iniziative del giorno precedente, di carattere storico naturalistico.
Avv Novaro Dove si trovava esattamente?
Teste Nel piazzale dove c’era tendone amministratori
Avv Novaro Cos’ha visto dall’inizio mattinata in poi
Teste Si è sparsa la voce che erano arrivate FFOO, non si capiva bene cosa succedeva, e hanno cominciato a piovere candelotti di lacrimogeni da tutte le parti, penso dall’autostrada, mentre credevamo di poter stare lì come zona franca essendo stato pagato un affitto
Avv Novaro C’era stato qualcosa di violento?
Teste No, dov’ero io no. Avevamo concordato di sederci per terra, ma non c’è stato il tempo, siamo stati investiti da questi lacrimogeni molto tossici, io con le lenti a contatto non vedevo + niente, non c’era acqua, avevamo nausea vomito e gambe tagliate, molte persone stavano male e io non sono riuscita ad aiutare nessuno, ero traumatizzata anche per la sorpresa, è successo tutto molto in fretta e molto violentemente, temevo x la mia vita e quella di persone vicine o + lontane.
Avv Novaro Quante persone c’erano con lei?
Teste Penso centinaia anche di più. Non lo so xchè poi non si vedeva più niente, si cercava di spegnerli con le mani con i piedi, io sono scappata verso i boschi, unico punto dove si poteva andare, pensavamo che allontanandoci di stare tranquilli, invece il lancio è proseguito, c’è stato un inseguimento con i lacrimogeni, qualcosa ha anche preso fuoco
Avv Novaro Sul piazzale c’erano tende?
Teste Sì, molte, io avevo una tenda a fianco di altre, che è poi andata distrutta
Avv Quando?
Teste Non so, l’ho rivista in fotografie distrutta, c’erano squarci
Avv Ha presentato denuncia?
Teste Sì, credo sia stata archiviata
Avv Ha assistito a momenti di dialogo istituzioni con FO?
Teste No no intanto stavo male, mi bruciavano gli occhi, tosse, nausea, vomito, respiro affannoso, come gambe tagliate, persone vicino a me stavano male, non ero in grado di vedere cosa succedeva
Avv Vitale Ha partecipato anche alla manifestazione del 3 luglio, dov’era?
Teste Sono arrivata il 2 e ho dormito ad Exilles nell’area sosta, e alla mattina siamo partiti in corteo verso Chiomonte, c’era tantissima gente, poi dove c’erano punti di ristoro banchetti, dove mik sono fermata un po’, e poi abbiamo girato di lì e siamo scesi verso la Centrale e poi verso il paese perché dovevo incontrare altra gente del sindacato
Avv E’ in grado di definire qualche orario?
Teste No, ricordo che giunta al cancello della Centrale avevo appena consumato dei panini
Avv Ha visto momenti di tensione?
Teste Sì, lancio di lacrimogeni mentre io sono un po’ prima del cancello
Avv Preceduto da qualche avviso forze ordine?
Teste No, anche perché si stava andando avanti tranquillamente
Avv C’erano dov’era lei persone in atteggiamento aggressivo, stavano tirando qualcosa?
Teste Che io abbia visto no. Si partecipava alla manifestazione, e si sono subite le conseguenze dei lacrimogeni con i sintomi che ho già detto prima, io e le persone intorno a me, bambini, anziani, famiglie, persone che non se la sentivano di arrampicarsi etc
Avv Qualcuno è stato soccorso?
Teste Ma io mi sono allontanata e per evitare i lacrimogeni bisognava andare molto molto più su
Pm Pedrotta Lei ha detto di essere arrivata il 26 giugno, quali erano le intenzioni sue e delle persone con lei?
Perchè vi siete fermate lì a dormire
Teste L’intenzione era di presidiare il luogo con resistenza passiva
PM Lei aveva strumenti attivi a ostacolare ff.oo?
Teste Avevo il caschetto bianco con l’adesivo rosso, niente maschera antigas
PM Ha visto altre persone con caschetti bastoni maschere
Teste caschetti sì, maschere bastoni no
PM Ha visto prima i gas o prima forze ordine?
Teste Mi sembra i gas, le ricostruzioni forse sono deformate
PM Intorno a lei la gente cosa faceva?
Teste Cercavano di proteggersi con i foulard i fazzoletti di bagnarsi con l’acqua
PM Ha visto qualcuno andare incontro alle FFO, travisati, pietre in mano?
Teste Ho visto persone andare avanti, altri indietro, travisati pietre no
PM Ha visto cosa succedeva dietro Museo archeologico, ha visto barriere?
Teste No, c’erano striscioni su al piazzale, c’era scritto RESTIAMO UMANI, PADRONI A CASA NOSTRA, LA PAURA QUI NON E’ DI CASA.
PM Le mostro alcune fotografie di un filmato, se riconosce i posti
Avv. Difesa si oppone perché la teste è sulla fiaccolata del giorno precedente
PM mostra un filmato di forze dell’ordine la mattinata
Teste riconosce i posti ma non di quella mattina, tipo il cartello visto la sera prima, perché la mattina era dietro e non davanti
PM Minuto 9.18, riconosce queste persone?
Teste Non avevo tempo certo di vedere, non ricordo scene di questo tipo
Avv. Difesa si oppone perché è ovvio che la signora non c’è più a quell’ora sul piazzale ma era già su per i boschi anche se l’orario non lo ricorda.
PM Le mostro una foto prima dell’arrivo della polizia
Teste Non ricordo
PM Passiamo al 3 luglio, nella zona centrale ha visto persone travisate con le maschere con le corde
Teste Ho visto notav con i caschetti, dopo di che alcuni avevano anche altri caschi, da bici, da moto, travisate con il fazzoletto sì per coprirsi la bocca
Pm Prima dell’inizio del lancio dei lacrimogeni lei lo vedeva il cancello?
Teste Non so se dalla mia posizione si vedesse, ma io stavo chiacchierando, non guardavo in particolare verso il cancello
Pm Ha visto da dove arrivavano i gas? Quanti?
Teste penso dal cancello, non li ho visti arrivare E certo non li ho contati
Pm Perchè pensa?
Teste Perchè le forze dell’ordine erano al cancello
Pm E non si è girata a vedere cosa stava succedendo?
Teste Ho cercato di vedere dove scappare, ho visto gente che stava male, quello che ho detto prima
PM Quaglino Può dirci il nome dell’amica con cui era?
Teste Lo dice dopo aver chiesto al giudice
Pm Chiede attività lavorativa della teste che spiega qualcosa
Difesa chiede attinenza domande e poi si oppone
Pm Quaglino si risente a qualche battuta della difesa e chiede sia verbalizzato
Giudice non ammette
Avv Bertone chiede se abbia sentito avvisi di natura vocale sonora delle forze ordine, teste dice no anche perché dopo i lacrimogeni non c’era più
AvvIl fumo lacrimogeni si disperdeva?
Teste No c’era una cappa
Avv. Vitale le mostra il video 27 giugno del Fatto Quotidiano minuto 2’17” e le chiede se riconosce zona e cosa sta succedendo
Teste Certo, è zona prato piazzale dov’ero io, e sta succedendo che arrivano lacrimogeni
Altro filmato del 3 luglio 13’08”, con audio, al cancello centrale, di Perino che dice di portare via i bambini per fumo cs, e le chiede se è quella la tipologia persone che lei vedeva, teste conferma.

Entra il teste Luca Abbà. Coltivatore diretto, vive nella borgata del Cels, a poca distanza da Chiomonte, nella zona dove adesso c’è il cantiere, è proprietario di alcuni terreni intorno alla zona del cantiere, uno all’interno dell’area del cantiere e uno nell’area adesso inaccessibile, poco distante dalla centrale idroelettrica di chiomonte. Ha partecipato alle iniziative no tav nell’estate 2011. Ha partecipato all’esperienza della Libera Repubblica della Maddalena, la sera prima del 27 con alcune migliaia di persone ha partecipato alla fiaccolata verso La Maddalena e dopo la fiaccolata parecchie centinaia di persone, almeno 500, hanno passato la notte nel territorio della libera repubblica della maddalena perché era nell’aria che ci sarebbe stato il tentativo di sgombero, l’irruzione delle forze di polizia.
Avv come l’avevate saputo?
Teste era un evento che s’immaginava potesse accadere, da settimane se ne parlava di questa imminenza dell’inizio lavori, era previsto e prevedibile, in realtà poi un’escalation di informazioni, in parte dai giornali, in parte da fonti che non saprei precisare ma che circolavano nell’assemblea si era individuato il 27 giugno come il giorno x per l’arrivo delle fdo, la fiaccolata era stata indetta la sera prima apposta per portare tante persone li’ per questo episodio possibile.
Avv il presidio era autorizzato?
Teste nella piazza della Maddalena so che avevamo chiesto il permesso al comune di chiomonte per occupare con alcune strutture il piazzale, c’erano posizionate delle tende, gazebo, strutture di ricovero varie, avevamo regolarizzato questa posizione perché si era andati a fare richiesta in comune, si stava li legittimamente, sia con il permesso del comune sia con la legittimazione popolare costruita con un mese di iniziative con abitanti dei paesi vicini, eravamo tutti tranquilli e sicuri di poterci stare li’. In più una parte del piazzale era di proprietà o comunque gestione della comunità montana Valle di Susa quindi avevamo anche il permesso, l’autorizzazione da parte della Comunità Montana a stare li’ in un territorio pubblico, un bene pubblico autorizzato ad essere usato dal pubblico, dalla popolazione.
Avv lei ha parlato dell’evento tenuto, lo sgombero, qual era l’intenzione, c’era stato un accordo preventivo? C’erano delle indicazioni?
Teste come si sa bene era prevista l’occupazione del terreno destinato all’opera TAV, il presidio era per prevenire tante cose che oggi si stanno avverando, funzionale a creare un ostacolo popolare, una lotta legittima di tante persone che dimostravano l’assurdità di quest’opera e quindi si è costruita una presenza cresciuta in settimane per denunciare all’opinione pubblica l’assurdità di questo cantiere che sapevamo anche difettasse di alcuni passaggi burocratici non effettuati, c’era indignazione e contrarietà per tutta una serie di motivi, il presidio aveva questo obiettivo, di ostacolare e rendere il più difficile possibile le forze dell’ordine, con tutta la violenza e il sopruso che accompagna in generale queste operazioni. Quest’animo di voglia di difendere la terra si è costruito in settimane, con iniziative… e la presenza quel giorno li’ stava a significare imporre alle forze dell’ordine uno sgombero violento e coatto di gente che aveva a cuore che quel posto restasse com’era. L’obiettivo era di avere tante persone che occupavano un’area e queste persone si sarebbero dovute sgomberare con la forza, prese e portate via, l’intenzione che si era diffusa nelle assemblee preparatorie, nell’animo e nella composizione variegata, era di una resistenza pacifica e passiva, difendere con i propri corpi la terra in modo da essere portati via coattamente e imporre alla controparte delle forzature, con la propria presenza, far si’ che la polizia dovesse intervenire per dimostrare al mondo intero che quest’opera era una forzatura e si portava dietro un carico di violenze e di sopruso.
Avv al mattino dov’era e cos’ha visto?
Teste nelle prime ore dell’alba abbiamo avuto la certezza dell’arrivo delle forze di polizia. Alcune vedette o persone che erano in giro per la valle segnalavano grossi spostamenti di truppe e di mezzi, tutta la valle era in attenzione su questo episodio e arrivavano informazioni precise su questi movimenti che stavano a significare l’arrivo. Quindi intorno alle 5 quasi tutti erano svegli, era chiaro anche al mattino presto, c’è stato un dividersi le zone, le persone si sono posizionate in vari punti, io ero nei pressi della centrale elettrica dove c’era un cancello di ferro che chiudeva e limitava quest’area presidiata e difesa dagli attivisti. E’ arrivato un grosso bulldozer cingolato accompagnato da un grosso schieramento di uomini in antisommossa che si sono avvicinati al cancello della centrale, e dopo aver parlottato con esponenti no tav fuori dal cancello hanno tentato di agganciare un cavo al cancello per tirarlo con l’escavatore, questo grosso cingolato. Volevano sradicare il cancello di ferro. L’operazione non è riuscita perché c’erano tante persone appese al cancello, quindi non si riusciva ad effettuare
Avv prima dell’operazione lei ha riferito di un parlottamento, c’è stata la notifica di un provvedimento di sgombero? Per quanto lei sappia… ha saputo direttamente di un provvedimento di sgombero?
Teste Non in maniera così ufficiale, non c’erano notifiche o cose precise, non si è percepito quello, il comandante delle fdo con cui qualcuno ha parlato ha detto “noi abbiamo l’ordine di entrare, di passare di qua”, forse hanno chiesto di spostarci ma la nostra intenzione non era spostarci e favorire il passaggio, stavamo li’ per chiudere il passaggio alle fdo e per dirgli che non eravamo disposti a farli passare di nostra volontà. ma questa fase è durata qualche minuto, non ci è sembrata neanche importante, abbiamo capito subito che avrebbero voluto forzare, l’escavatore non lasciava spazio a dubbi. Quindi con l’escavatore hanno cercato di tirare il cancello, poi hanno iniziato a sparare lacrimogeni ad altezza uomo, dalla parte destra dello schieramento delle fdo, ho visto lanciare lacrimogeni ad altezza uomo all’interno della zona recintata, questi primi lanci di lacrimogeni hanno poi dato avvio ad altri lanci e quindi le persone  ovviamente con l’aria irrespirabile hanno iniziato a defluire indietro
Avv ci sono stati lanci da parte dei manifestanti contro le fdo?
Teste io non ho visto lanci, ero occupato anch’io a cercare di capire come muovermi
Avv sulla strada dell’Avanà lei ha visto degli ostacoli?
Teste si, c’erano alcune  barricate, alcuni ostacoli precedentemente costruiti perché stavano nello scopo della giornata, quello della resistenza passiva, di rendere difficile il lavoro dei mezzi della polizia, sono state costruite settimana dopo settimana
Avv lei ricorda quando sono stati costruiti?
Teste gli ostacoli sono stati posizionati nella notte, nel mattino presto, perché l’accesso è sempre stato garantito durante tutta la nostra presenza li’ in quel territorio, i vignaioli, i proprietari di terreni, chiunque poteva transitare perché la strada era libera, questi ostacoli erano stati in parte costruiti prima potendoli poi aprire o chiudere alla bisogna, altri sono stati costruiti o posizionati al mattino presto. Alcuni erano sotto forma di cancello apribile o chiudibile
Avv torniamo a quel giorno, lei ha visto lanci di lacrimogeni e non ricorda lanci di oggetti, lei cos’ha fatto quando hanno lanciato i lacrimogeni?
Teste io ho cominciato a retrocedere verso il piazzale della maddalena, mi sono anche curato che non rimanessero persone in difficoltà perché c’erano più di 100 persone, tra cui donne, anziani, e quindi al momento in cui è salita la tensione e c’è stata l’escalation di lanci di lacrimogeni si è anche valutato che non era possibile una resistenza attiva, per cui la resistenza era passiva cercando di evitare i danni e le persone più in difficoltà a camminare o respirare dovevano essere più protette, quindi mi sono preoccupato che potessero defluire in sicurezza, il piazzale doveva essere il punto di raccolta, l’ultimo luogo dove si riteneva di potesse stare, quello gestito dalla comunità montana, un po’ la nostra base.
Avv lei aveva percezione di cosa capitava in altre zone?
Teste arrivavano telefonate, c’era un passaparola sul tentativo in corso in autostrada di aprire un varco, ma in quel momento li’ eravamo più concentrati su quello che stava accadendo, sapevamo che il tentativo di ingresso era in corso su altri fronti, ma non vedevamo, non c’era un sistema di radiocronaca in diretta, ognuno riportava un po’ quello che sentiva da amici, ma erano attimi concitati, sapevamo che c’erano tanti uomini delle fdo, con mezzi meccanici e su più fronti.

Avv torniamo a quando lei si è allontanato
Teste sono risalito verso il piazzale della maddalena, insieme ad altri, nel senso che questo gruppo man mano è retrocesso, non proprio compattamente, magari si è un po’ sfilacciato, chi magari aveva anche più fretta di andare via si era già allontanato, qualcuno a metà, invece una serie di persone si curavano un po’ di chiudere le fila quindi di fare da ultimi e io ero tra quelli. Arrivato nel piazzale c’era già il lancio di lacrimogeni, chi poteva si adoperava per spegnere i lacrimogeni, era una situazione un po’ di emergenza, si riempivano catini d’acqua, pentole, bacinelle, secchi, sparsi nel prato sottostante il piazzale e nel piazzale stesso, io ero nel prato sottostante e questi lacrimogeni arrivavano da più parti, anche dalla strada dell’Avanà perché nel frattempo i contingenti nella zona del B&B lanciavano lacrimogeni alla cieca, sul piazzale, in maniera indiscriminata, altri arrivavano sul piazzale dall’autostrada, i più giovani, atletici e con dei guanti cercavano di raccogliere i lacrimogeni buttandoli nelle bacinelle dell’acqua, per un po’ ha funzionato perché si riusciva a gestire, ma ad un certo punto le forze mancavano perché era difficile respirare in quel contesto, il numero di lacrimogeni aumentava cosi’ tanto e diminuivano le persone disponibili a fare quel mestiere e si è lasciato perdere, tanta gente è sfollata verso il bosco e in quel momento ho visto arrivare sul piazzale i contingenti di polizia che penso fossero risaliti dall’autostrada e li’ c’era panico totale, una nebbia di fumo tossico e pesante, persone che scappavano in varie direzioni, finché sono avanzate con delle simil cariche, c’era ancora qualcuno che provava fisicamente a stare davanti ai poliziotti ma questa cosa non era possibile e siamo retrocessi nella parte retrostante la cantina e li’ ci sono state altre cariche con inseguimenti nel bosco e dei pestaggi, ho visto poliziotti che inseguivano e manganellavano la gente dietro, dove c’è l’area archeologica
Avv lei non ha visto quello che è avvenuto a ridosso dell’autostrada?
Teste io in quella zona li’ ho fatto un veloce passaggio quando sono tornato sul piazzale, ci sono andato poco prima di retrocedere nel bosco, mi sono affacciato mezzo minuto… le fdo stavano arrivando sul piazzale
Avv lei adesso ha descritto il comportamento delle fdo, dal punto di vista dei manifestanti, c’erano persone travisate?
Teste se intendiamo per travisate col volto coperto effettivamente c’erano principalmente con foulard, sciarpe, cose per proteggersi le vie respiratorie dai gas. Caschi io non ricordo caschi da moto, ma ricordo caschetti anti-infortunistici bianchi, che era stato simpaticamente distribuito in qualche banchetto nelle settimane prima come gadget con la scritta NO TAV, era anche visto in funzione protettiva visto che è rinomato l’uso degli sfollagente da parte delle fdo anche sulla testa delle persone uno si immaginava che potesse proteggere dagli sfollagente, l’uso era tra il goliardico e il dilettevole…
Avv caschi di altro tipo li ha visti?
Teste qualche casco da moto, effettivamente, ma non ho visto gruppi organizzati, non ho visto uso sistematico, qualcuno magari ce l’aveva…
Avv al di là dell’abbigliamento mi interessavano le condotte… dopo il lancio dei lacrimogeni i manifestanti hanno fatto qualcosa per contrastare l’arrivo delle fdo?
Teste nel momento in cui le fdo hanno fatto irruzione nel piazzale, in effetti in quel momento li’ ho visto lanciare delle cose, c’era un panico totale, una disperazione diffusa, effettivamente c’erano stati lanci di qualcosa, bottiglie, oggetti, ormai era tutto disfatto, per cui questo panico da lacrimogeno, questa irruzione delle forze di polizia con l’escavatore aveva fatto saltare anche i nervi e la calma delle persone, in quell’ultimo momento, pietre, bottiglie, qualcosa c’è stato, ma non organizzato, un lancio disperato da ultima spiaggia, per provare a tamponare questa irruzione, queste cariche della polizia che mettevano a rempentaglio la salute di tante persone, in quel piazzale ci saranno state 500 persone quella mattina li’, era un tentativo in extremis per calmare e bloccare l’irruenza delle forze di polizia
Avv momenti di dialogo tra esponenti no tav e fdo lei li ha visti?
Teste no, uno scambio di battute li’ alla centrale…..
Avv nella fase successiva?
Teste no, non c’è stata nessuna interlocuzione.. non l’ho vista, ma non mi sembrava neanche un contesto possibile, la situazione era troppo concitata
Avv se ci fossero stati lanci precedenti contro le fdo schierate sull’autostrada lei sa dire…
Teste non lo posso dire, non ho visto…. io poi appurando che le persone fossero in qualche modo in salvo, mi sono allontanato sui sentieri della Ramat con altre centinaia di persone, è stato molto faticoso perché c’erano persone in difficoltà respiratorie, chi vomitava, chi era stanco, una ritirata molto disordinata per cui io ero un po’ tra gli ultimi che sono risaliti
Avv lei ha parlato di simil cariche, inseguimenti da parte delle fdo, nel bosco o sul piazzale?
Teste queste simil cariche… è un contesto un po’ particolare, la carica nelle strade ha una dinamica classica, li’ siamo in un piazzale con livelli diversi, ci sono stati inseguimenti, avanzate sotto forma di carica, mentre nel frattempo c’erano lanci di lacrimogeni e ho visto persone inseguite nel bosco ma ai margini del bosco, dietro la cantina c’è l’area archeologica, ad un certo punto ho visto alcuni poliziotti avanzare, inseguire delle persone e andare a manganellare le persone ai margini del bosco, questo me lo ricordo molto bene.

PM Pedrotta: Lei come il teste che l’ha preceduta ha parlato dell’intenzione di porre in essere atti di resistenza passiva, ci sono stati?
Teste resistenza passiva significa provare a stare in un posto, seduti, incatenandosi con le braccia, facendosi portare via di peso, non è stato possibile porla in essere in questi termini perché l’uso massiccio dei lacrimogeni impediva alle persone di poter stare li’….
PM Ma c’è stato qualcuno che si è seduto per terra, si è incatenato? IO non ho visto in nessun filmato
Teste nella zona dove ero io al cancello non c’è stata la possibilità di fare questo, perché all’arrivo delle forze di polizia tutti erano in piedi per vedere cosa succedeva, perché la resistenza passiva richiede anche una notevole forza d’animo, in quei contesti li’ era maggiore l’ansia per quello che poteva succedere, erano tutti in piedi per scrutare l’orizzonte e capire cosa sarebbe successo. In realtà nel momento in cui inizia il lancio di lacrimogeni il piano salta e parte una specie di si salvi chi può e le persone retrocedono e tutto si scompone, la dimostrazione di resistenza passiva è stata posta in essere con la presenza a volto scoperto di centinaia di valsusini che avevano passato la notte li, per dire io qua ci sono, qua ci vivo (applauso)
Presidente al prossimo applauso faccio sgombrare il pubblico
PM Lei ha compreso perché c’è stato il primo lancio di lacrimogeni?
Teste da dove ero io non ho capito, ho visto solo un fucile puntato e i primi due o tre spari ad altezza uomo
PM Nella sua direzione?
Teste no, io ero nella parte opposta
PM Mi spiega rispetto al cancello dov’era?
Teste sul muretto vicino al cancello
PM Ha visto se c’era qualcuno sul cancello?
Teste c’erano alcune persone assiepate contro il cancello
PM Conosce Fissore Guido? (si) L’ha visto sul cancello? (Si) L’ha visto con la stampella?
Teste si, so che aveva avuto dei problemi…. e in quel periodo per camminare usava la stampella
PM Lei aveva una stampella?
Teste no
PM Ha visto delle persone vicino ad un albero?
Teste no
PM Ma era sopra…
Teste si, ma non ho visto, guardavo il cancello
PM Guardava Fissore?
Teste no, guardavo la ruspa e i movimenti delle forze di polizia di fianco alla ruspa
PM Quand’è che iniziano i lanci di lacrimogeni?
Teste durante il tentativo da parte della polizia di agganciare la catena al cancello
PM Qualcuno gliel’ha impedito di agganciare la catena?
Teste c’era un disturbo da parte delle persone che erano dietro al cancello che manualmente o con la stampella cercavano di rendere difficoltoso l’aggancio della catena che serviva a sradicare il cancello
PM Ora le faccio vedere un albero che si trovava vicino al cancello (Cernecca, seconda parte, 7:52). Vede qua, la scena? Lei dove si trova?
Teste in quella zona li’, sul muretto
PM Lei si riconosce tra quelle persone in alto?
Teste no, no…  (viene mostrato il video)
PM Si ricorda per caso come fosse vestito quel giorno?
Teste no, non saprei dire…
PM QUi che cosa succede?
Teste qui c’è il tentativo di agganciare il cancello
PM E’ antecedente al lancio di lacrimogeni, giusto?
Teste si
PM Vede che fanno un segno? Questo è l’albero al quale facevo riferimento, vede le persone sotto l’albero?
Teste le vedo adesso ma dalla posizione in cui ero io non ho visto questa scena
PM Ha sentito qualcuno che faceva riferimento a qualcuno che stava tagliando un albero?
Teste no, da dov’ero io no
PM Siamo alle 7:52:30 , lei poi ha fatto riferimento alla zona del piazzale, ad un certo punto c’è stata una reazione anche da parte dei manifestanti, è corretto?
Teste cosa intende per reazione?
PM Ha detto che c’è stato un lancio di qualcosa
Teste quando le fdo hanno fatto irruzione c’era confusione, e c’è stato lancio di oggetti ma non saprei dire…
PM Lei ha visto scudi?
Teste scudi di che tipo?
PM Non vorrei suggerire la risposta, ha visto oggetti che potrebbero essere usati per ripararsi o per andare contro le fdo?
Teste per scudo intendiamo quello in dotazione all’anti sommossa, una riparazione individuale, io non ho visto persone con scudi individuali. erano state costruite nei giorni precedenti barriere di plexiglas collegate a carrelli recuperati
PM E che finalità avevano e quando sono state costruite?
Teste nelle settimane precedenti, quando c’era il preparativo a questo possibile sgombero, sono stati costruiti questi carrelli amovibili con gli scudi di protezione
PM E come si concilia questo strumento con un’attività di resistenza passiva?
Teste lo scudo è finalizzato alla protezione, per difendersi da spari di lacrimogeni, manganellate, per cui chi lo muove si protegge da eventuali colpi o cose che gli possono arrivare contro, questo è il fine
PM E quando erano stati costruiti?
Teste esattamente non saprei, nei giorni precedenti qualcuno aveva recuperato dei materiali…
PM E dove era avvenuta la costruzione, in mezzo alle tendine canadesi?
Teste immagino nella piazza, era una delle attività che si facevano nella libera repubblica…
PM Ce n’erano tanti?
Teste no, un paio, la libera repubblica è stato uno sfoggio di creatività. c’era chi cucinava e chi costruiva cancelli, bandiere, si sono fatte molte cose, anche prepararsi a resistere in maniera fantasiosa, creativa e anche per difendere l’incolumità personale, i caschetti bianchi, le barriere mobili di plexiglas, cose che avevano più un carattere folcloristico che pratico, io queste barriere le ho viste costruire ma non le ho poi viste usare

PM Poi gliela faccio vedere. Senta, in quei giorni si erano raccolte anche pietre nell’ottica di preparazione alla resistenza passiva?
Teste no, anzi, l’indicazione che più volte era stata data era che non dovevano esserci lanci di pietre, le pietre fanno parte del territorio, come la terra, li è stracolmo di pietre, se uno ha bisogno si china e raccoglie una pietra, è anche la prima cosa che viene facile fare… nel momento in cui c’è una reazione istintiva, ma nelle assemblee preparatorie la volontà era stata espressa in maniera diffusa, quella di non fare lanci di pietre, di non usare le pietre…
PM Le faccio vedere una fotografia, ritratta da FerrariLaPress, 11_06_27 sono questi i carrelli ai quali faceva riferimento?
Teste si, possibile, io me li ricordo poco… si, uno di quelli costruiti era questo
PM Lei si vede li’ in mezzo? Se la ricorda questa scena?
Teste questa in particolare no, uno scenario di questo tipo si, io forse mi ricordo poco dopo questo scenario qua, questa parte me la ricordo già occupata dalle forze di polizia
Il PM conclude il controesame, l’avv. Colletta mostra alcuni video a L.Abbà
Avv lei prima ha parlato, con riferimento al 27, della zona della centrale e delle operazioni delle fdo x tirare giu’ il cancello, ha poi riferito che in quelle circostanze ha visto lanciare lacrimogeni nei confronti dei manifestanti… le chiedo conferma, il video è tratto da YouTube
Teste si, questo è il primo lancio, la degenerazione della situazione è cominciata in quel momento li’, due o tre lanci ad altezza uomo all’interno dell’area e poi son sicuro che il tentativo di agganciare il cancello è stato sospeso, l’operazione di tentare di agganciare il cancello non è più andata avanti, da quel momento li’ l’approccio della polizia è cambiato, sono iniziati altri lanci anche a parabola, le persone hanno cominciato a retrocedere e poi il cancello è stato sfondato con una spinta frontale, non con la retromarcia
Avv lei prima ha detto che ci sono poi stati lanci anche a parabola ,ma lei ha visto altri lanci ad altezza uomo come quelli che abbiamo visto?
Teste dopo quei due o tre colpi ad altezza uomo ho distolto la mia attenzione e ho cercato di focalizzare l’attenzione su come andare via da li’… altri lanci ad altezza uomo li ho poi visti nel piazzale, non ho visto un fucile sparare, ma ho visto lacrimogeni arrivare con lancio teso, perché quando arretravamo verso il secondo cancello arrivavano candelotti diretti, anche contro di me, non a parabola, ma in quel momento non si stava a contare i lanci, era un lancio diffuso… il lacrimogeno se ne viene sparato uno si può sopportare, dopo un minuto di crisi, ma quando i lanci sono numerosi, ripetuti e ravvicinati, l’aria si impregna di gas, diventa difficile anche scegliere la direzione in cui stare, la situazione si è scomposta
Avv poi lei ha riferito di essere risalito sulla zona del piazzale, ha riferito di inseguimenti, le mostro un video…
Teste si, quello è il momento dell’inseguimento, ci sono stati in un paio di punti
Avv quest’inseguimento che si vede nelle immagini è nei confronti di gente che si stava sottraendo ai lacrimogeni? Scappano perché la zona del piazzale è stato attinto dai lacrimogeni?
Teste si, in quel momento il piazzale è occupato dalle fdo, quella è la via di fuga più adoperata dai manifestanti, era un’area attrezzata per ospitare i turisti dell’area archeologica, da li’ parte il sentiero che sale alla Ramat da cui sono defluite la maggior parte delle persone, io ero nella zona sopra la bacheca, attorno alla bacheca
Avv quindi è una scena che ha visto?
Teste si, mi ricordo il tentativo… devo correggere la risposta di prima, il tentativo di interlocuzione c’è stato con le fdo però alla fine dello sgombero, quando il piazzale era completamente libero dai manifestanti, le forze di polizia hanno occupato tutto, ai limiti del bosco, nell’area archeologica, li’ si sono identificati alcuni amministratori e gli avvocati che hanno tentato l’interlocuzione con le fdo, ma non credo abbia sortito nulla perché nello stesso momento partivano le prime cariche all’interno del bosco, ora mi ricordo la scena di Vair che provava ad arginare un po’ questa furia dei poliziotti nel voler inseguire le persone nel bosco

Avv le mostro un altro frammento, lei prima parlava dei lacrimogeni sul piazzale, è questa la situazione a cui ha assistito?
Teste si, era quella la dinamica
Avv quindi le persone che sono scappate da questa situazione sono quelle che hanno preso il sentiero della Ramat?
Teste si, esatto
Avv. Bongiovanni lei ha rierito di essere proprietario di due terreni, conferma?
Teste si, l’appezzamento di mia proprietà è in parte nell’area espropriata
Avv la interrompo, io ho il numero, è il 588?
Teste se avessi una mappa potrei confermare
Avv io la mappa ce l’ho, l’abbiamo già depositata come difesa Fissore .
Teste Questa particella 588 contrassegnata con il numero 9 corrisponde alla mia proprietà, ed era solo in parte compresa nell’area espropriata ed espropriabile del cantiere, una fettina è rimasta fuori dall’area espropriata, peccato che però per me in questo momento è inaccessibile, è recintato all’interno dell’area di cantiere, militarizzata, quindi non posso andare su quel pezzo
Avv lei riconosce questa piantina come quella oggetto dell’occupazione temporanea che ha riguardato anche l’appezzamento del suo terreno?
Teste si, non saprei delimitarlo con precisione il terreno di cantiere esatto ma grosso modo tutti i cantieri qua segnati con i numeri rientrano nell’area di cantiere
Avv Benissimo. Sempre in riferimento all’occupazione temporanea, lei mi sa dire se è avvenuta l’11 aprile 2012?
Teste io ero in ospedale in quel momento li, dal 27 febbraio 2012 sono stato in ospedale per quattro mesi, quindi l’11 aprile non ero presente
Avv in riferimento invece a quanto da lei riferito sulla cancellata, il 27 giugno, lei ha indicato che Fissore cercava di impedire l’aggancio della ruspa, conferma?
Teste Fissore era appeso sulla cancellata….
Avv è vero che le fdo cercavano di sradicare la cancellata agganciandola con delle corde, per poi fare indietreggiare la ruspa?
Teste si, sradicarla in retromarcia e poi portarla via
Avv e le persone erano appese durante la manovra di aggancio?
Teste si, c’erano persone appese e appoggiate… ma volevo aggiungere una cosa sull’11 aprile, io ero in ospedale e non ho assistito, ma il mio terreno era già stato occupato, non era più nella mia disponibilità. proprio il 27 febbraio, quando ci fu il mio incidente. Io l’operazione di esproprio formale non l’ho potuta assistere, quella materiale si. Io non ho più avuto quel terreno dal 27 febbraio.

Teste Magliano Emanuele, dal 26 giugno 2011 in Val Clarea dopo l’assemblea dove dorme e verso le 5 va sul piazzale, poi verso le 6 nella zona del guardrail Barriera Stalingrado
Avv. Colletta Difesa e cos’è successo? Ha assistito arrivo ff.oo
Teste Ho visto la ruspa che sradicava tutto, le barriere con i manifestanti ancora attaccati, le ff.oo erano ancora dentro la galleria
Avv Lei era sulla barriera? Ci dettaglia…
Teste C’era questo braccio meccanico che pannello dopo pannello rompeva questi cristalli e si avvicinava sempre di più a dove c’ero io e qualcun altro, circa una decina, 12 aggrappati ai cristalli, mentre alle mie spalle c’era molta gente, anche sulla barricata stalingrado, il momento era esagitato, 20, 25 giù di lì
Avv Era un’interposizione fisica attiva o passiva, eravate lì per interporre i vostri corpi
Teste ovviamente per fare in modo che in maniera passiva non riuscissero ad entrare nella zona della maddalena
Avv Immagino ci fossero molti manifestanti
Teste Secondo me qualche migliaio
Avv Perchè vi trovavate in quel posto? Avevate un titolo?
Teste Per difendere le nostre terre, io sono anche proprietario di un pezzo in quella zona
Avv L’utilizzo della pinza ha continuato ad operare anche sulla stalingrado
Teste Sì, sono andato via quando guardando negli occhi non riuscivo a capire se quella persona si sarebbe fermato oppure no, quindi sono andato via quando si sono concentrate 2 pinze che iniziavano a lavorare dall’altra parte e lì, dopo che le 2 draghe hanno creato in una decina di minuti il primo varco e sono scesi i primi gruppi dei carabinieri, posizionati di fronte a noi che eravamo con le mani alzate, dopo una discesa difficoltosa e ci hanno dato qualche scudata qualche calcio negli stinchi qualche manganellata per respingerci
Avv Ha riportato lesioni?
Teste Al braccio destro vicino al gomito, mentre ci allontanavano e proteggevano zona
Avv Eravate mani alzate, lei e altri? Ci sono state provocazioni?
Teste C’erano avvocati, amministratori con la fascia tricolore, nessuna interlocuzione nessuna provocazione. Ci hanno isolati il gruppetto che eravamo rimasti, una quarantina, 100 metri di fronte ai carabinieri, in maniera totalmente passiva, ci hanno lasciato raccogliere della roba, sinchè non ci hanno identificati in via dell’Avanà La tenda l’ho lasciata lì perchè era danneggiata con escrementi e altro
Avv C’erano già state sul piazzale forze ordine?
Teste Sì
Avv L’ora?
Teste 10 e mezza, 11
Avv Che tenda era? Com’era?
Teste Grande, x 4 persone, tagliata e  con dentro liquidi tipo urina
Avv Ha sporto querela?
Teste Per la tenda no, ma per le lesioni sì, all’ospedale di Susa, ho il referto

Viene chiamato a testimoniare la sig.ra Lambert Elisabetta, presente in località Maddalena di Chiomonte sin dalla sera del 26 giugno 2011 con la fiaccolata, avendo dato disponibilità come infermiera, in una tenda tipo presidio sanitario in caso di piccoli infortuni, collocata nella zona della Comunità Montana, vicino alla tenda della cucina, quella degli amministratori e degli altri
Avv Colletta difesa Eravate in molti?
Teste Sì c’era stata anche tipo un’assemblea
Avv Il 27 giugno, ci descriva
Teste Sono sempre rimasta sul piazzale, ci hanno avvisati che arrivava la ruspa e ho sentito il vociare della gente, sono andata a vedere quando ho sentito gridare che c’era Turi che correva sull’autostrada e poi ho aiutato una ragazza che aveva una crisi isterica. Dopo hanno cominciato ad arrivare i lacrimogeni sul piazzale e anche sul presidio sanitario che ritenevamo sicuro. Arrivò poi subito una ragazza con la testa sanguinante, le ho dato ghiaccio e siamo entrate dentro la tenda dove però arrivavano lacrimogeni anche dentro la tenda, aveva una ferita ematosa che sanguinava in modo copioso, così la ragazza è uscita
Avv Come si era procurata la ferita?
Teste Con una manganellata
Avv Nome?
Teste Ilaria, lo so perché si era offerta di aiutarmi prima di essere manganellata. Poi lei ha detto che andava al Pronto Soccorso, ma poi sono uscita perché arrivava gente che vomitava, che sputava sangue, e che non vedeva più, allora sciacquavamo gli occhi e con scottex e bacinelle e sacchi neri facevamo il possibile
Avv Tipologia di queste persone?
Teste C’erano persone non più giovani, che pativano particolarmente anche se tutti non riuscivamo più  a respirare, avevamo difficoltà, è stato faticoso, poi sono andata un momento vicino all’azienda agricola perché c’era un signore robusto che stava malissimo. In realtà vomitava non respirava, poi qualcuno l’ha portato via nel bosco per farlo respirare meglio in alto.
Avv Lei come si è protetta?
Teste Avevo una sciarpa di pile, occhialetti da lavoro semplicissimi, li mettevo e toglievo, sciacquavo…Dissi mettiamoci tutti per terra così almeno non cadi, perché i gas ti sembra ti taglino le gambe
Avv Fino a quando è rimasta?
Teste Arrivando le forze dell’ordine siamo usciti dalla tenda con le braccia alzate
Teste: Ricordo un ragazzo che aveva la pelle che si sbucciava, forse una dose eccessiva di lacrimogeni, aveva veramente la pelle che si spelava, il visto che si spelava… l’ho incontrato quando le fdo erano già sul piazzale, ero sul piazzale quando hanno lanciato i lacrimogeni.
Avv ricorda altri episodi che ritiene importante riferirci?
Teste gente che sveniva, vomitava, sputava… poi io mi sono incamminata a piedi facendo tutta la strada, passando davanti alla centrale, poi il ponte, e poi a Chiomonte dalla strada in salita.

Avv. Vitale: lei ha partecipato anche alla manifestazione il 3 luglio?
Teste si, il 3 luglio ero a Giaglione, più o meno sotto il cavalcavia
Avv anche li’ era come infermiera?
Teste subito no, sanno che sono infermiera quindi se c’è bisogno mi chiamano
Avv e il 3 luglio è stata chiamata?
Teste eh quando poi sono andata alla baita li’ si che c’erano un sacco di persone ferite, veramente
Avv come mai alla baita?
Teste quando ero li hanno cominciato, mi hanno chiamato e mi hanno detto “c’è qualcuno che ha bisogno di te”, siccome noi alla baita avevamo disinfettante, ghiaccio, quelle cose che erano li’ abitualmente, ha cominciato ad arrivare gente che era caduta, gente che era stata colpita, gente che si era inciampata, gente con epistassi non so se era caduta perché il naso sanguinava o erano altri traumi e dentro alla baita facevamo entrare le persone una o due per volta al massimo, c’erano altre persone che mi hanno aiutato, e li’ mi son messa i guanti e ci sono stati tanti, tanti feriti…
Avv lei parlava di gente colpita, direttamente ,da lacrimogeni?
Teste si, anche. Ricordo un naso, di sicuro, e ricordo sicuramente colpite da lacrimogeno, qualcuno non mi ha detto proprio cos’era successo perché cercavamo di lavare e vedere l’entità della ferita perché quando sanguina tanto bisogna vedere anche cosa si può fare e cosa no..
Avv le hanno riferito il colpo da lacrimogeno o c’erano dei segni?
Teste io quando ero sotto al cavalcavia ho visto lacrimogeni che arrivavano giù e anche sassi, dall’autostrada
Avv sull’autostrada c’erano manifestanti?
Teste no, c’erano le forze dell’ordine
Avv quindi potevano essere solo le fdo?
Teste si, si vedevano i caschetti
Avv quindi lei ha visto persone con caschi delle fdo tirare sui manifestanti?
Teste si, perché io ero in basso, nel prato, e li ad un certo punto non hanno più lanciato lacrimogeni e sono arrivate pietre
Avv ma verso persone che tenevano comportamenti particolari e aggressivi?
Teste dove ero io c’era gente normale, tranquilla, era una zona dove non potevi fare niente, nel senso che eravamo li’….
Avv da li’ si vedevano altre fdo, oltre a quelle sull’autostrada?
Teste io di li’ vedevo solo il cavalcavia… perché poi era la zona dove più in basso c’era il pilone e la gente intorno al pilone, quello votivo, che attorno c’erano delle panchine, e la gente, qualcuno è andato li’ s’è seduto, s’è riposato, meditava, ma so che li’ al pilone arrivavano lacrimogeni, lanciati dal cavalcavia
Avv torniamo al pronto soccorso improvvisato alla baita, oltre a quello che ci ha descritto lei sa che sia stato portato qualcuno in condizioni più gravi che ha poi avuto bisogno di un ricovero?
Teste che sia passato di li’ quel giorno, da me no…..
Avv prima ci ha parlato di una persona con una forte epistassi al naso
Teste più di uno con il naso che sanguinava
Avv sa ricondurlo a qualcosa di particolare? Colpo diretto da caduta, da lacrimogeno ,non so
Teste non era un sanguinamento da… colpo di sole o cambio di stagione o soffiature di naso troppo energica, era sicuramente una cosa indotta perché si vede, ricordo che avevamo alcune buste di ghiaccio sintetico e prima però bagnavamo con l’acqua fredda del torrente proprio per vedere se quest’epistassi smetteva, poi la gente si è incamminata ed è andata via, io poi non ho saputo come…
Avv in quel luogo c’erano anche altre forme di pronto soccorso sanitario, intervento non organizzato dal movimento, potevano arrivare le ambulanze?
Teste potevano arrivare dall’autostrada ma li’ alla baita c’eravamo solo noi con queste cose che avevamo di riserva, che tenevamo li, garze, cerotti, perché qualche piccolo infortunio, un dito affettato sbucciando le patate, o un vetro rotto, quando passa tanta gente di tutte le età bisogna sempre tenere qualcosa e questo l’abbiamo sempre fatto

PM L’episodio del 27 giugno, quando lei ha detto che hanno lanciato tanti lacrimogeni intende dire che ha visto i lacrimogeni o il fumo?
Teste i lacrimogeni li ho visti proprio arrivare
PM Li ha visti all’interno della tenda?
Teste come dico, uno di sicuro perché è entrato mentre c’era questa ragazza con la testa bucata, e quello me lo ricordo, poi il resto c’era talmente tanto fumo, può darsi che ne fossero entrati anche altri….
PM Lei sa chi l’ha preso, con le mani nude?
Teste non so, credo che qualcuno l’abbia poi tolto, in quel momento stavo guardando questa gente che stava vomitando e che sembrava poter svenire
PM Senta la tenda sanitaria era in mezzo alle tende piccole dove avevano passato la notte i manifestanti?
Teste no perché le tende da campeggio erano nel prato attorno, più spostato
PM Lei le poteva vedere quelle tende?
Teste si, si
PM Lei è rimasta sul piazzale… non ho capito bene, arrivano le fdo, uscite, alzate le mani e poi?
Teste non ricordo, ci hanno detto che avevamo un tot per andarcene tutti, e potevamo tornare domani per riprendere quello che volete riprendere, infatti poi il giorno dopo son tornata
PM Non hanno consentito a nessuno di andare a prendere le cose nelle tende? Ha visto qualcuno che è tornato, che è andato a prendere le  sue cose?
Teste io ho guardato che chi non stava bene fosse in grado di tornarsene via, questi particolari non li ricordi, il giorno dopo poi ho visto delle tende ancora li’, qualcuna smontata, qualcuna tagliata, qualcuna buttata negli angoli, ma quel giorno li’ non ricordo
PM Senta 3 luglio, quando parla della baita parla di quella abusiva, dove c’erano i sigilli?
Teste si
PM Non ho altre domande, grazie.

Entra il teste Katia Zesi, valsusina.
Avv lei ha partecipato alle manifestazioni del 27 giugno e 3 luglio?
Teste si
Avv il 27 giugno è arrivata quando e dove?
Teste io ero già li, sono arrivata il 26 nel pomeriggio. Ho partecipato alla fiaccolata e all’assemblea, un’assemblea popolare come ce ne sono molte, si è ricordato alle persone che il giorno dopo avrebbe potuto esserci l’arrivo delle forze dell’ordine, si è consigliato agli anziani e ai bambini di non essere presenti. Poi avevo la tenda e ho dormito dietro il capannone della cooperativa, in mezzo ad altre tende. Era notte, era buio, il sole sorge presto d’estate quindi potevano essere le 4 o le 5, e mi sono svegliata perché ho sentito movimento, sapevamo che….. e mi sono vestita e sono uscita. Sono andata verso il piazzale che c’era prima del frangivento dell’autostrada, scusi non un piazzale, lo spiazzo, la conca che c’era e che portava al frangivento, son rimasta li tante ore, sono andata su e giù…
Avv spostandosi tra la cosiddetta barricata stalingrado e il piazzale?
Teste si. Ero li’ quando sono arrivate le fdo, ricordo di aver visto le luci quando sono arrivate dal lato di Giaglione, era ancora buio, e mi sembra siano arrivati poi dalla galleria ma non sono sicura
Avv ha assistito alle operazioni di smantellamento della barriera autostradale?
Teste si, ero insieme alle persone sotto il frangivento, tra la barriera autostradale e la cosiddetta barriera stalingrado.
Avv ci può raccontare quello che ha visto?
Teste intanto la cosa è durata a lungo, ci sono state delle fasi più attive, intervallate da tempi anche molto lunghi nei quali non succedeva nulla. Io ricordo l’arrivo della pinza che ha iniziato a rompere i frangivento, c’erano delle persone sui tronchi e noi dicevamo di fermarsi perché rischiavano di fare male a queste persone, ricordo Turi che è arrivato con il suo aglio ed è stato portato via e noi chiedevamo che lo liberassero, ricordo un ragazzo che dall’alto del tunnel ha cercato di fermare la pinza con l’estintore, ha aperto l’estintore e con la polvere cercava di impedire la vista all’operatore
Avv ha assistito in queste casi a delle azioni violente da parte dei manifestanti, di aggressione nei confronti delle fdo?
Teste beh, di aggressione, non so come venga definita l’azione di Turi ma l’unica persona che si è avventurata in autostrada è stata lui quindi no…. io sono rimasta li’ fino a quando sono stata investita dal lancio dei lacrimogeni e non sono più stata in grado di rimanere li’….
Avv prima del lancio di lacrimogeni ci sono state azioni aggressive da parte dei manifestanti?
Teste io non definisco il fatto di urlare alle fdo di andare via azioni aggressive, e non c’era nessun contatto. Io ricordo un ragazzo che disse qualcosa in francese dal belvedere, ha cercato di tirare una pietra anche abbastanza grande ,tanto che non ha neanche scavalcato il frangivento, è finita in mezzo a noi e ci siamo girati dicendo “cosa fai, no, cosa fai?”
Avv prima o dopo il lancio dei lacrimogeni?
Teste eh, questa è una bella domanda, non saprei, non ricordo
Avv torniamo alla fase in cui vengono lanciati i lacrimogeni, la barriera autostradale era già stata divelta?
Teste un pezzo era già stato divelto
Avv  c’erano ancora manifestanti?
Teste si, eravamo tanti li, hanno cominciato a lanciare lacrimogeni non un paio d’avvertimento, ma a tempestarci, alcune persone continuavano a dirci “non indietreggiate”, io ho provato a ritornare verso la barricata ma mi è arrivato un lacrimogeno sui piedi e sono stata investita da questo fumo e sono caduta per terra, mi ricordo che mi hanno portato via, mi hanno lavato la faccia, non respiravo più, da quel momento li’ in poi ho ricordi confusi, ricordo che abbiamo continuato a scappare nel fumo… io sono sicuramente stata aiutata ma non le saprei dire da chi, mi hanno portato sul piazzale e li’ mi hanno dato dell’acqua per lavarmi la faccia e poi aspettavo perché quello che sapevamo noi è che sul piazzale non sarebbero dovuti arrivare quindi ero tranquilla, sapevamo che il piazzale era stato regolarmente affittato, c’era questo accordo, questo “patto” tra uomini d’onore che sul piazzale non ci avrebbero inseguito
Avv quindi lei riteneva di essere al sicuro?
Teste si, assolutamente, per questo mi sono fermata sul piazzale, fino a che ci siamo resi conto che continuavano a lanciare lacrimogeni anche sul piazzale
Avv ecco ma quando hanno iniziato a lanciare lacrimogeni nella zona della barriera autostradale, precedentemente vi hanno intimato di allontanarvi? Sono stati dati avvisi?
Teste io non ho sentito nulla, ero prima dei tronchi, non ho sentito alcun avviso.
Avv torniamo al piazzale, dove lei si ferma ritenendo di essere al sicuro, si è fermata li’ fino a quando?
Teste io le tempistiche precise non le so, in realtà  è stato un continuo indietreggiare, arrivavano sempre più lacrimogeni, siamo andati alle tende, poi ci siamo schiacciati ancora di più verso il bosco e poi abbiamo iniziato a prendere il sentiero alla Ramat
Avv le fdo erano già arrivate sul piazzale?
Teste no, io le ho viste dopo, quando sono tornata indietro. Sono scappata su per i boschi come tutti, credo. Hanno continuato a inseguirci e a lanciare lacrimogeni nel bosco, per molto tempo, quanto non glielo saprei dire, i minuti sono interminabili, ero da sola. Avevo li’ la tenda, e un altro degli accordi tra uomini d’onore era che avremmo potuto tornare a riprenderci le cose, quando sembrava che la situazione si fosse calmata sono tornata sul sentiero, sul piazzale. A quel punto sono tornata…. perché avevo li’ la tenda… e mi hanno identificata. Mi hanno visto mentre smontavo la tenda, dopo di che sono rimasta sul piazzale e mi sono allontanata poi verso mezzogiorno, l’una.

(breve pausa).

TESTE Tomassone Emanuela, consigliere di minoranza del comune di Meana, presente alla fiaccolata del 26 giugno 2011 e durante la notte sul piazzale a Maddalena. Come accordato tra amministratori, ci dividemmo ed il piazzale era considerato zona franca e garantire l’incolumità, come mi era stato riportato
Avv Colletta difesa E il 27?
Teste Giunta la certezza dell’arrivo delle FFOO dai fuochi d’artificio, vedemmo dal piazzale le luci in galleria in autostrada e mi recai alla barricata stalingrado,, non proprio a ridosso, ma vicino, era l’alba e vidi la scena di Turi Vaccaro portato via, della ruspa che demoliva le barricate con dei manifestanti sopra, poi, giunta voce che anche la barricata della centrale stava per essere demolita, tornai in quella che consideravo zona franca. Poi ci fu il lancio dei lacrimogeni e scappai verso il bosco, ma verso le 8, 8 e un quarto, dalle vigne abbiamo visto il fumo sul piazzale e le camionette della polizia, mi sono allontanata ai primissimi lanci, e me ne andai inseme ad altre persone
Avv Vitale Il 3 luglio, a che ora è arrivata, il percorso che ha fatto…
Teste Dal centro del paese di Chiomonte scesi verso le 11 del mattino verso il corteo che era partito da Exilles, c’erano bambini, giocosità, serenità
Avv Poi?
Teste Ci fermammo nei prati cercando l’ombra verso le 12, attraversato il ponte verso destra dove poi ci fu il presidio di Chiomonte, eravamo vari gruppi, persone anche anziane, di tutte le età, facciamo picnic in tutta tranquillità, poi ci fu il discorso di Beppe Grillo, ma poi iniziarono a sparare i lacrimogeni, io ero a 200 mt dalla strada, stavamo finendo di mangiare
Avv Nel corso manifestazione ha visto manifestanti con dei lacrimogeni?
Teste Ne ho visti raccoglierne e tirarli nel fiume, arrivavano da dietro il cancello centrale ma anche dal viadotto autostrada. Si sentivano e si vedeva parabola, pensavo la smettessero invece no, allora siamo andati nel bosco e tornati su
Avv Ha visto persone violente che dal prato tentassero di tirare pietre?
Teste No, le ho poi viste sui video. Ero con un’amica che per 2 o 3 giorni poi evitò di allattare il bambino. Ho visto persone con difficoltà respiratorie
Avv Qualcuno vi avvisò che non potevate stare, che so, forze ordine ad intimare sgombero?
Teste No
Avv Accanto al cancello centrale ha notato persone violente?
Teste No, nessuna provocazione, comunque il flusso era continuo
PM PEDROTTA Dal prato si poteva vedere il cancello?
Teste Come già detto, vedevamo le parabole

TESTE Geninatti Prin Annamaria, presente alla fiaccolata ed assemblea del 26 giugno, il 27 e il 3 luglio
Avv Dov’era la mattina del 27? Cos’ha visto?
Teste Mi spostai verso la barricata stalingrado, era circa l’alba, e vidi la pinzatenaglia che rompeva il guardrail poi la barriera stalingrado, piena di gente sopra, allora poi me ne andai quando compresi il pericolo e per il lancio di lacrimogeni
Avv Ha visto atti di violenza prima del lancio dei lacrimogeni?
Teste No, ho visto da sopra la galleria buttare vernice sui macchinari, e basta
Avv Dove va?
Teste Sul piazzale dove mi avevano detto che sarei stata sicura. Invece arrivavano lacrimogeni da tutte le parti, ci fu un fuggi fuggi, io andai verso la cucina, ma neanche lì si respirava più, era piena di lacrimogeni, non avevo niente per proteggermi, mi buttavo l’acqua in faccia… da tutte le parti la gente scappava dove poteva, arrivarono le forze dell’ordine. Qualcuno si era già seduto sulle nostre sedie, telefonavano, chiacchieravano. Io ho poi cercato l’acqua ma mi è stata vietata da un poliziotto che si stava lavando il casco e che poi mi ha buttato la pompa in malo modo.
Alla fine ci hanno detto di raccogliere le cose e io sono rimasta lì fino alla sera a raccogliere.
Avv Il 3 luglio, era nel corteo?
Teste Sì, partimmo da Exilles fino alla Località Gravella passando dal cancello della Centrale di Chiomonte, pieno di poliziotti. Arrivai al prato, dove c’era gente come me, distante dal cancello 100 200 metri, mangiai e poi sono rimasta lì perché è successo il finimondo: scoppi urla lacrimogeni dalla strada davanti usciti dal cancello e allora cercai di allontanarmi prima verso Chiomonte, ma era impossibile passare e sono tornata indietro e rimasta sul prato vicino al fiume finché è finito tutto
Avv Ha visto in queste zone delle violenze dei manifestanti?
Teste No
Avv E nella zona della Centrale?
Teste C’era troppo fumo, io cercavo di allontanarmi ma lanciavano lacrimogeni anche sulla strada in salita verso Chiomonte
Pm Pedrotta Quando ha visto le forze ordine uscire dal cancello?
Teste Mentre io mangiavo abbiamo sentito urla, e le ho viste
Pm Ha visto manifestanti? Cosa facevano
Teste Era pieno di manifestanti, correvano, gridavano
Pm Ha visto lanci di pietre?
Teste Nessun lancio, solo gente che scappava
Pm Quindi la visuale era sufficiente per vedere gli agenti la gente che scappava

TESTE Tittonel Gabriella, presente al corteo da Exilles a Chiomonte il 3 luglio, c’era veramente tantissima gente. Siamo arrivati verso mezzogiorno alla centrale, dove abbiamo pranzato, e ho notato la doppia recinzione al cancello, poi ricordo il presidente Plano e Grillo intervistati sul ponte, e dopo pensavamo di risalire sulla via del ritorno verso Exilles, ma ci siamo fermati al presidio sanitario sulla salita e ricordo una delle recinzioni per terra. Ma la situazione era tranquilla, famiglie che mangiavano, a parte l’elicottero che girò tutto il giorno, ma cominciarono a piovere lacrimogeni, quindi siccome sapevo cosa c’è di molto pericoloso in questi lacrimogeni cancerogeni e sapendo che c’erano bambini, mi preoccupai e mi misi a gridare, ma nessuno mi sentì.

Teste: Quello che tendo a rimarcare è questa grande quantità di lacrimogeni ovunque, nel bosco, dove c’erano famiglie e bambine, in una situazione in cui ancora adesso mi chiedo cosa sia successo
Avv lei ha detto che quando è arrivata c’era già una grata per terra
Teste di ritorno ho notato una grata per terra, diciamo che se dovevano preservare quell’area nessuno avrebbe mai potuto fare nulla….
Avv ma non erano ancora stati lanciati lacrimogeni?
Teste no, nel poco tempo che sono risalita e mi sono fermata a parlare con questi del presidio ho cominciato ad arrivare questa pioggia di lacrimogeni anche lungo tutta la salita, come sui praticelli lungo il torrente
Avv sa più o meno collocare che ora era?
Teste penso dopo le 14
Avv e quindi cos’ha fatto lei e la gente che aveva intorno?
Teste la gente che avevo intorno ha cercato intanto di ripararsi con dei fazzoletti perché non si riusciva più a respirare poi si è cercato in qualche modo di salire, ci è voluto molto tempo per uscire da questa pioggia di lacrimogeni che arrivavano ovunque anche dove c’era gente che chiacchierava… io sono poi uscita rifacendo la strada che avevo fatto all’andata, quindi dal cancello della centrale siamo risaliti lungo la strada che sotto sta all’auto strada e siamo ritornati verso chiomonte
Avv e c’erano altri risaliti verso via roma?
Teste tantissimi che stazionavano li’ perché dopo una marcia la gente è stanca e si siede, l’unica decisione era torniamo indietro dall’altra parte, le strade erano intasate da una parte e dall’altra, c’erano persone nei prati, ricordo soprattutto famiglie con bambini, che stavano riposando perché era stata una marcia lunga in una giornata calda… oltre il torrente, su alcuni piccoli prati
Avv e davanti al cancello lei poteva vedere?
Teste da li’ non potevo più vedere, anzi, stavo guardando dall’altra parte come fare a risalire
Avv quindi lei era al cancello quando la grata era già giù e poi ha assistito..
Teste si, nell’arco di alcuni minuti in cui sono risalita tranquillamente perché c’era solo questa cosa posata per terra e nulla che facesse pensare a quanto poi è successo… questa pioggia piuttosto notevole, ecco.
Avv Vitale: lei prima ha detto che faceva delle foto per il giornale, che testata?
Teste io lavoravo ancora per Luna Nuova
Avv ci può dire la composizione del corteo, fin dall’inizio,? C’era gente travisata?
Teste io non ho visto persone travisate, ho visto persone con bandiere, famiglie con bambini su carrozzine, anziani, ma io non ho visto persone che andassero per fare la guerra, ho visto persone che stavano andando ad una manifestazione assolutamente pacifica…
Avv ci ha detto che ad un certo punto lei ha visto questa grata per terra, in quel momento c’è stato… cioé la grata per terra significava “invadiamo il cantiere”? Cercavano lo scontro fisico?
Teste io di queste cose non ho visto nulla, anche perché fa parte del mio mestiere, in una situazione del genere sicuramente mi sarei fermata e avrei osservato, e questo io non l’ho visto, altrimenti mi sarei fermata, ho visto la grata per terra ho detto “guarda, qualcuno l’ha tirata giu’” ma il cantiere era chiuso da altre grate e non c’erano situazioni di allarme
Avv quindi il significato di questa grata per terra era simbolico o operativo? Tiriamo giù la grata per invadere o….
Teste se non vedo persone che stanno tirando, persone che stanno di là… posso immaginare che sia una situazione veramente molto simbolica, nessun altro stava facendo altro, non c’erano persone che volessero attentare a qualcos’altro
Avv invece dove era lei mentre risaliva il percorso in cui arrivavano i lacrimogeni, c’era gente che tirava oggetti verso le forze dell’ordine?
Teste no
Avv era possibile da dov’era lei raggiungere le forze dell’ordine tirare pietre?
Teste no, assolutamente no, da li’ si vedevano arrivare i lacrimogeni ma non si vedeva manco chi li sparava
Avv lei era preoccupata per i gas, come si era informata?
Teste mi sono informata da alcuni medici, ho saputo che sono sostanze vietate in guerra e vengono usate su persone assolutamente non in guerra è assurdo, dopo di che sono cancerogeni e mutageni e purtroppo la nostra valle avrà qualcosa da dire… io dico, abbiamo una Costituzione… (i PM interrompono, dicendo di non vare comizi).
Avv. Lei ha detto che svolge la professione giornalista, in quanto giornalista lei è stata contattata da persone che magari lei non ha conosciuto che hanno lamentato danni da queste inalazioni del gas?
Teste io so che ci sono persone che hanno lamentato questo, io personalmente posso dirle che frequentando la Clarea da 3 anni, sempre, ho respirato questi gas, per molti mesi in certe occasioni rimango completamente afona, io so che ci sono persone che hanno lamentato dei problemi
Avv lei lamenta questi problemi alla gola che provocano afonia?
Teste si, andando su questi terreni dove hanno buttato queste sostanze

Per la prossima udienza sono previsti i testi Berger, Lazzarini, Bertazzi, Capitelli, Acquaviva, Gregorutti, Galliano, Bottesi, Cebrari, Colletto, Laura Castelli e Maritano.

Simonetta Zandiri e Eleonora Forno, TGMaddalena

Diretta udienza 28 aprile 2014 maxi processo no tav aula bunkerultima modifica: 2014-04-28T14:54:12+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *