Società globalizzata e bombardamenti da tastiera

La sovranità nazionale è stata sradicata da quei principi democratici derivanti dalle varie menzogne di…
DI GIACOMO BELISARIO · 16 APRILE 2014
 
untitled258
La sovranità nazionale è stata sradicata da quei principi democratici derivanti dalle varie menzogne di tutti i Trattati che hanno regalato un contentino a Bruxelles e ai suoi tecnocrati, andando contro gli abitanti della zona eurounitaria. Negli stati membri è ormai opinione comune che non vi sia alcuna fiducia nei confronti dei politici: la maggior parte dei cittadini diffida di loro,  eppure continua a votare in tutte le elezioni sempre le stesse persone (forse perchè le elezioni in realtà altro non sono che un vuoto artifizio tenuto in piedi per mantenere la percezione della democrazia?). Gran parte dei politici sono membri di società segrete ed hanno stretti legami con gli USA e le èlite europee. La corruzione è così grande che tutti gli sforzi produttivi sani vi annegano dentro. Tutti gli uomini di potere si sono arricchiti con il saccheggio delle risorse della popolazione. Inoltre sono tutti impegnati ad attaccare le antiche tradizioni, infangando quotidianamente la memoria dei veri patrioti nazionali. Enormi scandali finanziari vengono scoperti ogni giorno, e sistematicamente insabbiati dall’opera propagandistica dei mass media.Non è evidentemente passato il tempo, non sono bastati i fallimenti di banche, l’impoverimento di intere popolazioni, le rivolte, i rigurgiti nazionalisti, l’aver buttato dalla finestra milioni di euro illegittimamente. Insomma la globalizzazione ha fallito in ambito politico, economico e sociale.
 
Il “popolo da tastiera” italiano vorrebbe fortemente scendere in piazza e far sentire la propria voce urlando basta ai ricatti e preparandosi a tornare in piazza mille volte ancora. Eppure si continua a preferire postare foto di aperitivi, anzichè fare politica, ricominciare a fare politica,quella vera .Facebook è uno strumento utile, ma, proprio per la sua natura volatile, andrebbe utilizzato con parsimonia e buon senso, altrimenti il significato di un’intuizione brillante sfuma, si appiattisce. L’abuso, insomma, ne banalizza i contenuti. Questo social network troppo spesso si rivela per quello che è: un mezzo a buon mercato per fare bella mostra di sé, una vetrina personale di fronte alla quale, per la verità, c’è tanta desolazione.
 
Il problema principale è che la voglia di farsi sentire è molta, quella di uscire allo scoperto al contrario, è minima.Ma il solo fatto di combattere qualcosa di ingiusto è già essa stessa una vittoria, nella lotta non si perde mai. Gli ideali, quelli veri, si conservano nella mente e diventano bandiere. L’utopia non rimane mai tale se diventa convinzione, così come la consuetudine diviene fatto normativo.
 
Bisogna esaltare la propria libertà. Libertà piena, non totale come in un sistema occidentale: ma piena per chi vuole conservarla, difenderla e praticarla con il coraggio della dignità. E non vanificarla dietro il mostro tecnologico.
Società globalizzata e bombardamenti da tastieraultima modifica: 2014-04-17T22:01:27+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *