Piacenza: Eni, protesta operai Saipem, “Vogliono sostituirci con gli stranieri e delocalizzare”

operai “razzisti”…..eppure in Italia i disoccupati e precari godono di così tante protezioni, come si fa ad essere così egoisti ed attaccati al posto di lavoro?

30 marzo 2014
“L’ingegno è vedere possibilità dove gli altri non ne vedono”. Fedele al motto del suo fondatore, Saipem sembra aver trovato il modo di mettere a posto i propri conti: “assumere all’estero, far lavorare gli stranieri in Italia nei propri stabilimenti e poi, una volta svuotati di rappresentanza, trasferirli in paesi con pressioni fiscali favorevoli”. E’ quanto denunciano i lavoratori dello storico sito di Cortemaggiore (Piacenza), quello da cui nel ‘49 era partita la sfida di Enrico Mattei alle “Sette sorelle”, cioè le compagnie petrolifere che fino ad allora controllavano il mercato internazionale. “Il lavoro c’è ma non per gli italiani, anche se gli costiamo meno. Perché?” hanno detto i lavoratori che si sono presentati in consiglio comunale, al sindaco Gabriele Girometta. Invitati dal consigliere della lista civica “Una vera Cortemaggiore”, Federico Ferri, i dipendenti Saipem hanno denunciato una situazione che dicono insostenibile: “Non è un sistema legale, fate arrivare qualche controllo. Da due anni a questa parte – ha raccontato uno di loro – sono stati avviati tagli sui trasfertisti italiani. Però assumono gli stranieri, rumeni e croati. Li fanno arrivare, con visti turistici. Gli danno vitto e alloggio in case e alberghi e a noi propongono contratti sempre più brevi, fino al mancato rinnovo”.
Il sindaco, sollecitato dal consigliere Ferri, ha assicurato che “chiederemo alla Provincia di aprire un tavolo di confronto, anche con i sindacati, ma non vogliamo arrivare allo scontro, che non ha mai aiutato in questi casi”. La rabbia dei lavoratori, 14 interinali (più altri 14 che entreranno in servizio a breve), è esplosa dopo le voci circolate nei mesi scorsi, che parlavano di chiusura del centro di ricerca per tecnologie di saldatura nel Piacentino e conseguente spostamento in Croazia, dove la controllata del “cane a sei zampe” si è insediata dal 2002 e firmato recentemente un accordo con l’Università di Rijeka di collaborazione e sviluppo di attività di ricerca scientifica nel campo delle tecnologie energetiche.(…)

Leggi tutto su ilfattoquotidiano

Piacenza: Eni, protesta operai Saipem, “Vogliono sostituirci con gli stranieri e delocalizzare”ultima modifica: 2014-03-30T22:12:37+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *