Emergenze 18 marzo

Ai disoccupati in Italia si da un consulto psicologico. Peccato che gli psicologi non dividano il reddito con i nullatenenti senza lavoro

Treviso: Disoccupati in coda dallo psichiatra, in un anno sono stati più di 700
18 marzo 2014
Le difficoltà economiche portano a impazzire? Come per tutti i modi di dire, un fondo di verità c’è. La conferma arriva dal dipartimento di salute mentale dell’Usl di Treviso. «La crisi ha portato a un aumento delle persone che si rivolgono ai nostri centri – rivela Gerardo Favaretto, direttore del dipartimento – nel 2008 entravamo in contatto con l’1% della popolazione, mentre ora stiamo andando verso l’1,5 per cento».
Quale la diagnosi più frequente? Disturbi dell’adattamento.(…)
Leggi tutto su ilgazzettino
http://www.crisitaly.org/notizie/treviso-disoccupati-in-coda-dallo-psichiatra-in-anno-700/

Carini: Senza soldi e nessun sussidio, 70enne tenta suicidio dandosi fuoco
18 marzo 2014
Tragedia della “povertà” sfiorata a Carini. Un uomo di 70 anni si è cosparso di benzina e ha minacciato di darsi fuoco nella propria abitazione in via Sant’Anna. L’anziano, durante i tentativi di farlo desistere dal suo intento, ha detto ai soccorritori di volerlo fare a causa delle gravi condizioni economiche in cui è costretto a vivere. “Non ricevo alcun sussidio da parte del Comune e più volte ho chiesto assistenza senza ottenere nulla”, avrebbe detto.(…)
Leggi tutto su palermotoday
http://www.crisitaly.org/notizie/carini-soldi-nessun-sussidio-70enne-tenta-suicidio-dandosi-fuoco/

Milano: Riceve cartelle esattoriali da 40mila euro, tenta il suicidio col gas
18 marzo 2014
Ha tentato il suicidio per 40mila euro di cartelle esattoriali, aprendo il gas. Ma la polizia locale è riuscita a salvare lui e i suoi vicini di casa da una possibile strage. Tutto è iniziato l’altra sera poco dopo l’ora di cena, quando l’aspirante suicida ha chiamato il 112 riferendo di avere staccato il tubo del gas per suicidarsi.
Una telefonata breve tanto che gli operatori della Centrale Operativa hanno potuto rilevare solo la cella telefonica di Opera da dove era partita la telefonata. I militari dell’Arma così hanno allertato la Polizia Locale affinché inviasse delle pattuglie nella zona per rilevare eventuali situazioni anomale. E solo dopo pochi minuti gli agenti hanno individuato l’utenza dell’uomo e la sua posizione. Ma l’aspirante suicida ha rifiutato l’intervento dei sanitari fatti giungere con una ambulanza e così uno degli agenti della locale si è introdotto nel palazzo riuscendo a chiudere il rubinetto principale del gas.(…)
Leggi tutto su ilgiorno
http://www.crisitaly.org/notizie/milano-riceve-cartelle-esattoriali-40mila-euro-tenta-suicidio-col-gas/

Scicli: Chiude per la crisi, casa all’asta, sfrattata con due figli minorenni, chiede pietà
17 marzo 2014
Al via ieri il presidio organizzato dal Comitato contro le aste giudiziarie (composto daMdA, Forconi, Altragricoltura, Sos impresa, Federconsumtori e di cui fa parte anche l’imprenditore Angelo Giacchi) a difesa dell’abitazione della sciclitana Melissa Di Rosa, cui venerdì è arrivata la lettera di sfratto esecutivo, programmato per giovedì.
La signora, separata, insieme all’ex marito aveva comprato una villetta nel 2001, contraendo un mutuo. La grave crisi economica, però, li ha costretti a chiudere il loro esercizio commerciale. “Chiedo un po’ di pietà- ha detto la donna- per i miei due figli minorenni. Non voglio buttarli in strada. Quello che mi fa più rabbia è che tutto è avvenuto per un debito irrisorio. Alla disgrazia di essere senza lavoro si aggiunge ora quella di essere buttata fuori di casa”.(…)
Leggi tutto su ragusanews
http://www.crisitaly.org/notizie/scicli-chiude-per-crisi-casa-allasta-sfrattata-figli-minorenni-chiede-pieta/

Calolziocorte: Operaio minaccia suicidio, salvato
18 marzo 2014
Un operaio ha tentato di darsi fuoco in un’azienda a Calolziocorte, popoloso centro alle porte di Lecco. L’uomo ha estratto un flacone con del liquido infiammabile e se l’è versato addosso. Quando ha preso dei fiammiferi, minacciando di darsi fuoco, la prontezza dei colleghi è stata decisiva per evitare il peggio e l’uomo è stato poi immobilizzato in attesa dell’arrivo dei soccorsi.(…)
Leggi tutto su tgcom24
http://www.crisitaly.org/notizie/calolziocorte-operaio-minaccia-suicidio-salvato/

Venegono: Basta con gli interinali, protesta e sciopero all’Aermacchi
19 marzo 2014
I metalmeccanici dell’Alenia Aermacchi di Venegono Superiore hanno scioperato per due ore per protestare contro la politica occupazionale dell’azienda aeronautica del gruppo Finmeccanica. I sindacalisti della Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm (La Fails non ha partecipato allo sciopero) hanno chiesto da tempo più chiarezza e soprattutto coerenza da parte dei vertici aziendali che però continuano a ricorrere alla manodopera esterna.
Nell’ultimo anno sono state assunte solo 8 persone (6 operai, 1 impiegato e 1 quadro), mentre si continua a ricorrere a personale esterno, circa 250 lavoratori interinali, per lo più operai rumeni, inglesi e napoletani. «Il problema – spiega Nino Cartosio della Fiom Cgil- non è da dove provengono questi lavoratori, ma la logica sottostante. Qui si parla di lavorazioni strategiche che una provincia definita “con le ali” dovrebbe trovare al suo interno. La verità è che i politici in questi anni si sono riempiti la bocca con la parola territorio senza fare nulla se non tenersi ben stretto il posto in consiglio di.(…)
Leggi tutto su varesenews
http://www.crisitaly.org/notizie/venegono-basta-gli-interinali-protesta-sciopero-allaermacchi/

Ferrara: Oltre 5mila famiglie a rischio povertà
19 marzo 2014
Come trasformare situazioni di possibile spreco in opportunità per sopperire a necessità fondamentali per la sopravvivenza? A questa domanda, apparentemente intricata, è stata dedicata una giornata di riflessione sullo spreco alimentale organizzata da Csv Agire Sociale presso la Sala della Musica in via Boccaleone dove sono intervenute personalità politiche, esponenti del mondo associativo e rappresentanti di aziende che hanno attuato progetti per abbattere lo spreco.
In prima analisi è stata presentata a cura dell’Ufficio Statistiche del Comune di Ferrara ‘L’indagine sulle condizioni di vita a Ferrara nel 2012’ che ha mostrato come la situazione ferrarese sia grossomodo in linea con le statistiche nazionali, molto forti ed evidenti sono i segni della crisi economica che proprio nel 2012 ha raggiunto, forse, uno dei picchi maggiormente negativi. A Ferrara vivono ben 65.440 famiglie fra le quali ben il 39% sono formate da un componente, il 31% da due componenti e solo il 2,4% da cinque o più componenti. In costante aumento le famiglie dove il capofamiglia indicato è una donna che spesso ha anche reddito maggiore del marito. Il reddito familiare medio dei ferraresi era nel 2012 di 1.903 euro ed il valore mediano di 1.600 euro mentre la soglia di povertà si attestava a 1.024 euro. Una famiglia di due persone, quindi, è considerata come ‘povera’ quando il reddito familiare mensile è inferiore a 1.024 euro ( 1.363 € per famiglia di tre componenti, 1.670 € quattro componenti). La percentuale di famiglie povere nel Comune di Ferrara si attesta al 9.8%, ben 5.641 famiglie e circa 13.192 individui sul totale della popolazione che sono ritenuti essere poveri.(…)
Leggi tutto su estense
http://www.crisitaly.org/notizie/ferrara-5mila-famiglie-rischio-poverta/

Milano: Debiti accumulati col condominio e con Equitalia, sfrattata famiglia con 6 figli
18 marzo 2014
Emergenza abitativa in Zona 9. Aumentano i casi di sfratti a proprietari di case che, soffocati dai debiti, non riescono più a pagare mutuo o spese condominiali. «Sempre più persone rischiano di finire in mezzo a una strada. Molti non si rendono conto ma gli amministratori di condominio possono mettere all’asta una casa anche per 4, 5mila euro di debiti», sottolinea Simona Fregoni, presidente della commissione Case popolari del Consiglio di Zona 9.
Lo sfogo arriva alla luce di due sfratti annunciati – e non eseguiti – che ieri hanno scatenato picchetti in viale Jenner e in viale Bodio. Sui marciapiedi si sono radunati membri dell’Unione Inquilini e simpatizzanti. Primo caso, quello di Barbara Deiana, mamma 38enne. La casa, di proprietà del marito, è stata messa all’asta e venduta «per i debiti accumulati col condominio e con Equitalia» spiega la signora, che ha chiesto la separazione. «Mi ha lasciato all’oscuro di tutto. Non pagava da tempo le spese e io ho scoperto di non avere più una casa il mese scorso, ad appartamento venduto». A quanto pare, l’uomo ha il vizio del gioco. Ora è disperata, sola con un figlio di 14 anni e un cagnolino. «Lavoro in una mensa universitaria, guadagno 600 euro al mese», sottolinea. E sogna una casa popolare. Lo sfratto è stato rinviato al 28 maggio. Nel frattempo, supportata dall’Unione Inquilini, Barbara parteciperà al bando di case popolari e chiederà anche un alloggio in deroga, per emergenza.(…)

Leggi tutto su ilgiorno
http://www.crisitaly.org/notizie/milano-debiti-accumulati-col-condominio-equitalia-sfrattata-famiglia-6-figli/

Emergenze 18 marzoultima modifica: 2014-03-19T15:15:46+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *