Misteri aereo malese: cellulari squillano a vuoto

Posted By Redazione On 12 marzo 2014

E adesso ci togliamo il sassolino…

Quelli che hanno letto dall’inizio la storia del dirottamento-attentato su questo sito ed hanno compreso subito quello che abbiamo anticipato e cioè che era un atto organizzato e programmato nei modi esposti, non si stupiranno del seguito degli eventi che stanno emergendo. Quanti invece ci hanno deriso per aver (ora possiamo dirlo con sicurezza) azzeccato la grande valenza di questo atto supremo di pirateria organizzata e di come è stato annunciato, facciano un ulteriore sforzo di ricerca e magari si scusino con i redattori che hanno insolentito. Se poi il fatto che solo noi parliamo di questi argomenti ancora non vi sembra  essere garanzia di autenticità e autorevolezza… mbè  allora che ci state a fare quì? Tornate nei siti dove si mena il can per l’aia; andate a leggere il Fatto Quotidiano!

Adesso ai lettori assidui, con le antenne estroflesse, chiediamo un surplus di attenzione: monitorate le nazionalità dei presunti dirottatori nelle esternazioni delle varie agenzie stampa e giornali, poi mettetele in ordine cronologico e suddivideteli per nazione  di provenienza. Tenete presente che spesso le prime affermazioni sono quelle importanti, le correzioni e le ritrattazioni di notizie false non le vede nessuno o quasi;  poi, più sono reali e più spariscono velocemente. Presto ci saranno novità  da brandire contro uno Stato canaglia, statene certi. A quel punto vi servirà recuperare tutti i lanci di agenzia della prima ora per comprendere l’iter della cosa e comprenderne l’indotta evoluzione,  cosa i “Padroni del mondo” intendono fare realmente per portare i popoli a combattere fra d iloro. Saprete infine a beneficio di chi. GFH

PS.  Tenete presente che MSN notizie di cui vedete l’articolo sotto, non è un sito complottofilo!

Misteri aereo malese: cellulari squillano a vuoto

La rabbia dei parenti dei passeggeri cinesi: “Vogliamo la verità”. Sono iraniani i due viaggiatori con passaporto rubato; imponente macchina ricerche


untitled777

Ansa

Non c’è soltanto la vicenda dei passaporti rubati a gettare ombre sulla scomparsa dell’aereo della Malaysia Airlines nei cieli vietnamiti con 239 passeggeriA infittire il mistero dell’incidente la scoperta che i cellulari di alcuni viaggiatori squillano a vuoto. Alcuni parenti di persone a bordo del volo MA370, di nazionalità cinese, hanno provato a rintracciare i loro cari ma non hanno ottenuto alcun messaggio automatico di risposta. Il terminale sembrava essere raggiungibile e qualcuno risultava online sul sistema cinese di instant messagging QQ.

Secondo l’Interpol, che indaga sulla tragedia insieme alle autorità di Malesia, Vietnam e Cina, la pista terroristica si farebbe meno probabile. L’organizzazione internazionale di polizia criminale ha diffuso i nomi e un’immagine dei due passeggeri che si sono imbarcati, insieme, con i documenti falsi: si tratta di due iraniani, Pouri Nourmohammadi, di 19 anni, e Delavar Seyedmohammaderza, di 29 anni. Nella foto si vedono i due mentre si imbarcano sull’aereo contemporaneamente: non sembrerebbero appartenere a sigle terroristiche.

GALLERY/Le sciagure aeree piu’ misteriose [1]

Nourmohammadi e Seyedmohammaderza hanno utilizzato i loro passaporti per entrare in Malesia, ha riferito il segretario generale dell’Interpol, Ronal K. Noble. Il 19enne aveva in programma, usando il documento rubato al cittadino austriacorisultato sulla lista di bordo, di raggiungere la madre a Francoforte per chiedere asilo in Germania. Il 29enne, invece, ha usato il passaporto dell’italiano Luigi Maraldi che dalla Thailandia ha chiamato i genitori per rassicurarli dopo lo spavento: voleva andare in Svezia sempre per ottenere asilo.

A proposito dei due uomini, Teheran si è detto pronto a collaborare alle indagini. Tuttavia Marzieh Afkham, portavoce del ministero degli Esteri, si è detto “seriamente preoccupato” dell’utilizzo di falsi passaporti e del tentativo di immigrazione illegale in altri Paesi. Si è rivelata non vera, poi, la notizia diffusa da un funzionario di Kuala Lumpur secondo la quale cinque passeggeri che avevano già fatto il check-in per il volo poi scomparso non si erano mai imbarcati. La smentita è arrivata dal capo della polizia malese, Khalid Abu Bakar.

VIDEO/Aereo malese scomparso: identificato sospetto [2]

Intanto la Cina ha riposizionato dieci dei suoi satelliti nella speranza di localizzare il Boeing 777. Pechino segue con grande attenzione gli sviluppi delle ricerche dal momento che almeno due terzi delle 239 persone a bordo del velivolo erano cinesi e ha invitato la Malesia ad “accelerare gli sforzi per trovare l’aereo”. Imponente il dispiegamento di forze: nove velivoli, 24 navi di nove Paesi diversi stanno setacciando il Golfo della Thailandia in cerca di tracce. Non si esclude un inabissamento, così come la disintegrazione a terra.


 http://www.stampalibera.com/?p=71971

Misteri aereo malese: cellulari squillano a vuotoultima modifica: 2014-03-15T07:40:59+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *