AFRICAN REFUGEES : THE LOST CHILDREN OF GADDAFI

Luc MICHEL for ELAC & ALAC Committees /

with AFP – PCN -SPO – ELAC Website / 2014 02 16 /

http://www.elac-committees.org/

https://www.facebook.com/elac.committees

https://www.facebook.com/ALAC.org

LM - ELAC enfants perdus de Kadhafi (2014 02 16) ENGL

” Explosion in the number of refugees arriving by sea in Italy ” is the headline of AFP on February 5. Which states that ” the number of refugees who land on the coast in Italy has increased tenfold in January , reflecting ” the constant and massive flows of migrants ‘ ongoing since last summer , said Tuesday the Deputy Minister of the Interior . ”

The main country from which refugees embark on the road to a better life in Europe is Libya ( 27,314 people) … While under the Jamahiriya of Moammar Gadhafi there was not only no Libyan refugees – because of Jamahiriyan ‘social welfare ‘ , then the highest standard of living and GDP of Africa – but especially that Tripoli was in control of the Mediterranean coast and fought slavery networks. And moreover assured jobs for millions of Africans in panafricanist Libya . “Most of these immigrants lived in Libya since a decade and represented the labor of the Libyan economy , sought during the economic boom of the country .”

All of this has stopped, abruptly, with the NATO aggression in 2011 and the destruction of the Jamahiriya. Refugees fleeing an Africa without future are the lost children of Gaddafi, of his generous Jamahiriya , and also of his Pan-African dream dead under the NATO bombs .

But today is added to the post-NTC Libya made ​​in NATO, as revealed by the drama of Lampedusa last year , the exploitation of the Blacks by mafia networks of slave trade to Europe, in the hands of Islamists in Libya and the Sahel. Camps exist in Libya, where rape, looting and executions are the rule. The investigation into the tragedy of Lampedusa has also revealed that the new African ‘boat people’ were victims of criminal firing from “Libyan” corvettes, naval vessels fallen into the hands of gangs or militias , new piracy at the gates of Italy .

 AFRICAN REFUGEES :

DATA OF A HUMANITARIAN CATASTROPHE

During the first 30 days of 2014 , migrants landing on Italian coasts were in number of 2,156 , against 217 in January 2013. In 2013, 2,925 different boats docked in Italy , an increase of 325 % compared to 2012 , with 42,925 people on board , including 3,818 minors.

The majority of them – 37,886 – arrived in Sicily , including 14,753 on the only island of Lampedusa , the main entrance gate of migrants arriving in Europe from Africa. “Italy was submitted in 2013 to a massive and constant flow of migrants from the Maghreb and the Middle East ,” said Filippo Bubico , Vice- Minister of the Interior , during a hearing before the Committee “Migrations” of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe. Mr. Bubico also announced that the government of right-left coalition led by Enrico Letta since last April, intended to reduce the maximum duration of stay of migrants in identification and expulsion centers , which is currently around 18 months.

In 2013, police arrested 200 suspected smugglers , whom those migrants pay thousands of euros, and 158 boats were seized. Thousands of immigrants from sub-Saharan Africa, but also from the Middle East and Central Asia try each year to cross, pouring thousands of euros to unscrupulous smugglers .

In early October 2013 , at least 400 people, including many women and children, have died as a result of two shipwrecks in the area of ​​Lampedusa (extreme south of Italy).

 THE RESULT OF THE ‘HUMANITARIAN’ WARS OF THE WEST

The main country from which refugees embark on the road to a better life in Europe is Libya

( 27,314 people) , followed by Egypt ( 9,215 ) and Turkey ( 2,077 ) . According to statements made by refugees upon their arrival , the main country of origin is Syria ( 11,307 persons), exponential increase compared to 2012 (they were then only 582 ), followed by Eritrea

(9,834 ) , Somalia ( 9,263) and Egypt ( 2,618 ) .

Libya, Syria, Eritrea , Somalia: all so-called ” humanitarian” wars of the West. The result of the famous “duty to intervene” as touted by Kouchner, neocon with a French passport , or Bernard-Henri Lévy the Parisian Likudnik …

Luc MICHEL

For PCN -SPO / ELAC Website

http://www.lucmichel.net/2014/02/16/elac-alac-website-african-refugees-the-lost-children-of-gaddafi/

____________________________

http://www.elac-committees.org/

https://www.facebook.com/elac.committees

https://www.facebook.com/ALAC.org

NATO MEDIAS BETWEEN HATE AND FASCINATION FOR PUTIN

Luc MICHEL / In Brief /

with LLB – The Time – The Economist – The Financial Time – PCN-SPO / 2014 02 15 /

A dive in the russophobia, the media lies and manipulation of History …

LM.NET - EN BREF poutine fascination (2014 02 14) ENGL (1)

NATO Media hate Putin. But the Russian President fascinates them.

From the ruins of the destruction of the USSR – “the greatest geopolitical catastrophe of the twentieth century,” he said – he restored the Russian State auctioned by Yeltsin and the oligarchs.

He is the only real bulwark against the Yankee worldwide dictatorship.

His Eurasiatic ‘Second Europe’ is the alternative, the only one, in Eurasia and the Mediterranean.

Yes a man can change History …

 RUSSOPHOBIA WITHOUT A HISTORICAL PERSPECTIVE

Ironically – and unintentionally homage of media vice to state virtue – La Libre Belgique (Brussels ) attacks Putin on the Sochi Olympics, showcase of Russian power . Confusing auctioned Russia of the Yeltsin years , those of rapacious oligarchs and thieves , as Khodorovski whom the Western media made ​​a hero, the editor of the daily of Brussels , Russophobic arrogant creature, evokes  “pharaonic works whose price clashes disproportionately with the poverty of the local population “( sic) .

And without historical culture , compares Putin to Hitler and the Berlin games in 1936 : “It is not the first time , unfortunately, the Olympic festival serves to legitimize a dictatorship (…) To tell the truth ( resic ! ), this has happened only once : in Berlin in 1936 … ”

He forgets that Putin is heir to the Stalinist Soviet state that defeated Hitler. And he closes his eyes over filthy indulgences of Brussels and NATO media on the neo-Nazis of the Kiev ‘Maidan’ serving so well the Westerners. Anti-Russians as this editor , “democrats” ( resic ) displaying huge posters of Hitler in the middle of Kiev!

LM.NET - EN BREF poutine fascination (2014 02 14) ENGL (2)

CALLS TO OVERTHROW PUTIN

While La Libre Belgique (Brussels) or Libération (Paris) headlines are on the “games of the Tsar” – note the similarity of propaganda -, the Financial Times (3 February 2014), calls to overthrow Putin: “If Ukrainians knock over the man of Kiev, the Russians might ask why they should not do the same with the man of the Kremlin”.

Same theme – the famous language elements – for The Economist. Under the ironic title “The triumph of Vladimir Putin,” The Economist, another daily of finance, announced the “ruin” of Russia (sic) and added in the same tone that  “It is not just that without it (Ukraine), his vaunted Eurasian Union —a sort of Soviet Union-lite— would lose its point: it is also that, if Ukrainians succeed in rejecting the Putin-Yanukovych model, and set their country back on a democratic European path, they might inspire Russians to do the same”.

Luc MICHEL

http://www.lucmichel.net/2014/02/14/lucmichel-net-nato-medias-between-hate-and-fascination-for-putin/

French version on :

http://www.lucmichel.net/2014/02/13/lucmichel-net-les-medias-de-lotan-entre-haine-et-fascination-pour-poutine/

__________________

Luc MICHEL /

PROFILE Facebook https://www.facebook.com/luc.michel.505

Twitter : https://twitter.com/LucMichelPCN

Facebook OFFICIAL PAGE https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel

Website http://www.lucmichel.net/

Crisi economica, che fare? – Intervista Nando Ioppolo

Si dice che chi parla di signoraggio sia fascista. Per cui, non se ne deve parlare. Certo, ad esser maligni viene da pensare che sia una facile condanna ed un modo alquanto comodo per i non fascisti di prestare il fianco e agevolare il sistema bancario, stile bella ciao Boldrini. Speriano sia inviata una squadra a picchiare chi parla di signoraggio. Lo squadrismo deve essere nel dna dei tolleranti, il povero Cremaschi ne sa qualcosa.

MERCOLEDÌ 12 FEBBRAIO 2014

Pur non condividendo in toto il pensiero di Nando Ioppolo ritengo interessante questa sua intervista in cui spiega cosa si può fare per risollevare l’economia e uscire da questa crisi artificiale.
 
Qui sotto un altro lungo intervento di Nando Ioppolo sulla questione economica e monetaria
 
  
Un altro lungo ed interessante video dell’avvocato Ioppolo è il seguente:
La strage del neoliberismo
 

Per ulteriore approfondimento vedi
 
Materiale informativo e video sul signoraggio
 
La testimonianza (video) del professor Bernard Lietar
 
Ci vogliono docili schiavi
 
Chi tocca il signoraggio muore
 
Il presidente Kennedy ed il signoraggio

Minacciato il filosofo Fusaro che doveva parlare di Marx a CasaPound: “Clima intollerabile, rinuncio al dibattito” P

la libertà di parola e di pensiero sequestrata e a discrezione di ignoti despoti del pensiero. Gli ordini di squadristi scritti sul giornale e non è reato. E’ reato però decidere di parlare con chi ci pare e piace senza prima aver chiesto l’autorizzazione alla polizia del pensiero, che non è la digos. Si vede che a molti fa comodo avere sempre la squadra di bastonatori, così ogni minuto è buono per accendere la strategia della tensione. Davvero un’evoluzione culturale significativa…

Da quelli di CasaPound non ci va più. Diego Fusaro, aspirante filosofo marxista invitato il 21 febbraio dai ragazzi di Gianluca Iannone per discutere della rivalutazione possibile dell’autore di Das Kapital, ha deciso di rinunciare al dibattito cui aveva inizialmente di voler partecipare (assieme ad Adriano Scianca, responsabile Cultura di CasaPound). Troppi insulti, troppe minacce, addirittura un giornale comunista online (contropiano.org) che ha suggerito di prendere a bastonate il troppo dialogante Fusaro. In pratica un clima talmente pesante e così denso di violenza verbale che l’incontro è diventato “impraticabile”, pur se Fusaro continua a difendere le ragioni del dialogo con la destra, anche quella estrema. Il caso finisce stamattina sul Corriere che presenta così il giovane intellettuale minacciato dai suoi “compagni”: “Nato a Torino nel 1983, ricercatore in Storia della filosofia, è tra i giovani pensatori italiani più in vista; oltre a libri accademici, ha scritto bestseller come Bentornato Marx! ed è ospite fisso di trasmisisoni televisive”.

Sulla sua bacheca Facebook, bersagliata nei giorni scorsi dai paladini dell’antifascismo militante, per i quali lo sdoganamento dei fascisti del Terzo millennio avrebbe rappresentato un’eresia insopportabile, Fusaro sintetizza così la vicenda ed esprime tutto il suo rammarico per l’occasione perduta: «La buona fede mi faceva sperare in un dialogo serio e pacifico, tra posizioni diverse ma animate dalla volontà di confrontarsi. Questo era lo spirito con cui avevo aderito all’iniziativa. Ma evidentemente non è la situazione opportuna per dialogare con chi la pensa diversamente. Speravo e spero sempre nel dialogo, perché rifiutarsi di dialogare significa perdere in partenza: le idee si sconfiggono con le idee. Non sono mai stato fascista, né mai lo sarò. Socrate mi ha, però, insegnato a dialogare con tutti. Vi immaginate Socrate che, in un ipotetico dialogo di Platone, così si rivolge al suo interlocutore: “con te non dialogo, sei fascista!”’? Con questo, non intendo certo sostenere di essere il “nuovo Socrate”, come taluni hanno malignamente sostenuto. Semplicemente, preferisco ispirarmi a lui e non a coloro i quali, per il semplice fatto che ho accettato di dialogare con “Casa Pound”, hanno proposto di risolvere il “caso Fusaro” con qualche “bastonata” (sic!), magari andando a Roma a insegnargli con mano cosa è vivo di Marx (sic!). Faccio per inciso notare ciò che in verità è già ampiamente noto: il dialogo con la destra è aperto da tempo. È merito di Massimo Cacciari averlo aperto, parecchi anni or sono. Dialogare con la destra, vuoi anche con quella più radicale, non significa certo “contagiarsi”: significa, al contrario, riportare il confronto dal piano delle bastonate di piazza a quello delle idee, dove socraticamente le idee giuste trionfano e confutano quelle false. Questo voleva essere il senso del mio intervento a “Casa Pound”: evidentemente, altri preferiscono che il confronto resti sul piano delle bastonate di piazza. E chi non accetta questa logica barbara è, per ciò stesso, etichettato come fascista in pectore, come pericoloso nemico del popolo che si presta al dialogo con il mostro… Le idee di Marx e del comunismo come comunità di liberi e uguali sono quelle a cui non ho mai smesso di richiamarmi: le ritengo giuste e a tal punto fondate da non dover temere alcun confronto. Le mie idee restano stabilmente – lo ripeto ancora una volta – quelle legate al progetto marxiano di emancipazione del genere umano e di realizzazione di una comunità composta da individui liberi, uguali e fratelli. Ho accettato l’invito di “Casa Pound” per difendere le idee di emancipazione sociale, le stesse per cui Marx ha combattuto per tutta la vita. Misurarsi dialogicamente con chi la pensa in modo diverso, vuoi anche opposto, non vuol dire fare sodalizio o abbandonare la propria posizione. Sono e resterò sempre per il dialogo. Se si nega il dialogo, si torna al campo della violenza e delle bastonate. Io, personalmente, preferisco rimanere nel campo del dialogo. Ciascuno faccia la sua scelta».
http://www.secoloditalia.it/2014/02/minacciato-il-filosofo-fusaro-che-doveva-parlare-di-marx-a-casapound-clima-intollerabile-rinuncio-al-dibattito/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=minacciato-il-filosofo-fusaro-che-doveva-parlare-di-marx-a-casapound-clima-intollerabile-rinuncio-al-dibattito

COUP D’ETAT A TRIPOLI. VOILA LES FACTIONS DE LA CIA QUI SE DECHIRENT EN LIBYE …

Luc MICHEL pour ELAC & ALAC Committees/

avec El Arabia – PCN-SPO – ELAC Website / 2014 02 14 /

http://www.elac-committees.org/

https://www.facebook.com/elac.committees

https://www.facebook.com/ALAC.org

LM - ELAC coup d'état a tripoli Hafter (2014 02 14) FR

Des rumeurs de coup d’état ont secoué Tripoli ce vendredi.

Le général (du CNT) Hifter, agent de la CIA depuis 1987, et vrai patron de la ‘nouvelle armée libyenne’ néocoloniale après avoir été celui des katibas du CNT, annonce « le gel du gouvernement et la dissolution du Parlement en Libye ».

Mais le premier ministre Zeidan, lui aussi agent de la CIA depuis 1980, dément et s’en prend volemment à son collègue Hifter.

Analyse sérieuse des événements de Tripoli et de leur perspective.

Au moment où rumeurs et ‘hoax’ du Net sont reprises sans fin par des « spécialistes » qui n’ont jamais mis un pied en Libye. Mais cherchent uniquement le scoop. L’un d’eux confondant même la ville de Sebha ou Sabha (Sud saharien libyen) avec la marque d’aliments pour chats Sheba …

Retour donc à l’analyse et à l’expertise documentée …

 I : LES EVENEMENTS : COUP D’ETAT A TRIPOLI ?

ENTRE FAITS, RUMEURS ET INTIMIDATIONS

La chaîne satellitaire El Arabia a diffusé l’information sur son site web selon laquelle l’ancien chef d’état major libyen Khelifa HIFTER (ou HAFTER ou HAFTAR, les noms libyens ne sont pas fixés. On connaît ainsi pas moins de 47 variantes de Kadhafi) a annoncé, via un document télévisé, le gel du gouvernement et la dissolution du Parlement en Libye. L’ex-chef d’état major a tenu à « préciser qu’il ne s’agissait pas d’un coup d’Etat mais d’une réponse aux appels du peuple libyen ». Il a par ailleurs annoncé « la mise en place d’une feuille de route en cinq points ».

La chaîne El Arabia ajoute qu’elle « a reçu des informations confirmant l’interruption des télécommunications et de l’internet dans la capitale », Tripoli, alors que « des troupes fidèles à Haftar auraient pris le contrôle de plusieurs positions stratégiques ». Les mêmes sources ajoutent que « l’ex-chef d’état major dispose de l’appui de nombreuses directions militaires ».

Al Arabia ajoute que Fadhil el Amine, président de la commission nationale du dialogue national et Ezzedine Akil de l’Union républicaine libyenne ont déclaré que « rien ne confirme les déclarations de Haftar », ajoutant que « tout semble normal à Tripoli ». Par ailleurs, dans une dépêche urgente, la chaîne Al Arabia a annoncé que le Premier ministre (fantoche) de  Libye, Ali Zeyden, a « démenti l’annonce faite par l’ex-chef d’état major et a appelé l’armée à intervenir ».

 POUR QUI ROULE KHELIFA HAFTAR ?

« Les rumeurs les plus contradictoires  circulent depuis ce vendredi matin à Tripoli à propos d’un coup d’Etat conduit par le général  Khalifa Hafter », s’interrogeaient les médias arabes. Ancien opposant à Kadhafi et colonel félon, le ‘général’ (qui a reçu ses étoiles du CNT) a choisi curieusement, une chaîne étrangère, la Saoudienne, El Arabya pour annoncer son coup d’Etat. Il s’en est donc pris au Chef du gouvernement, Ali Zidane et aux groupes jihadistes, prononcé « la dissolution » des institutions fantoches mises en place après le renversement de Kadhafi par l’OTAN et le « gel de la constitution ». Il n’en fallait pas plus pour que le sociologue tunisien, Moncef Ouannès, «spécialiste» autoproclamé des affaires libyennes, parle « d’une réédition du scénario égyptien, évoque une probable connivence égypto-saoudienne » et souhaite son …succès.

Réagissant aussitôt à cette annonce, le Chef du gouvernement Zeidan se montre serein : « Il n’a pas de troupes. C’est un fieffé menteur. Il sera traduit en justice. Les  institutions fonctionnent normalement ». Depuis, aucune information n’est venu infirmer, ni confirmer le coup d’Etat. A noter que l’ambassadrice américaine a ajouté dans un tweet que les déclarations du général n’avaient « aucun fondement ».

 # II : ANALYSE : QUI DIRIGE L’ETAT-CROUPION LIBYEN ?

POURQUOI LES FACTIONS DE LA CIA SE DECHIRENT ?

L’intéressant dans cette affaire est qu’elle met en lumière une nouvelle fracture dans la ‘nouvelle Libye’ : après la guerre larvée entre factions islamistes, milices-Villes (Misratta, Zlintan, Dernah …), gouvernement fantoche, autonomistes divers (Cyrénaïque, Toubous, Berbères, Amazighs), après la guerre ouverte entre ces factions et la RESISTANCE VERTE pro-Kadhafi, voici les leaders du ‘parti américain’ en Libye qui se déchirent. Car Zeidan et Hafter sont tous deux de vieux complices et des agents avérés de la CIA.

 QUI SONT LES AGENTS DE LA CIA QUI DIRIGENTS LE ‘PARTI AMERICAIN’ EN LIBYE ?

En Libye, trois citoyens américains (la nationalité de leurs passeports depuis les Années 80), traîtres à leur patrie et agents de la CIA, sont aujourd’hui, dans la réalité et non dans la fiction des « institutions » de la ‘nouvelle Libye’ made in NATO, aux commandes : Zeidan, Megaryef, Hifter. Depuis les années 80, inlassablement, avec des moyens sans limite, ces trois défecteurs devenus agents de la CIA ont organisé des vagues de coups d’état – quinze de 1982 à 2011 – contre la Jamahirya de Kadhafi.

Leurs alliés la plupart du temps, du coup de 1982 à celui de Benghazi en 2011 (à l’exception des années Bush de 2003 à 2008)  : les hommes de Ben Laden en Libye. Entre eux et le trio de la CIA il y a trois décennies de complots, de coups d’état, de complicités. Et depuis la rupture amorcée en Libye septembre 2012 et celle en Syrie de juin 2013, la haine des djihadistes qui se considèrent comme trahis par les hommes de Washington.

Voilà les laquais des USA, citoyens américains et agents de la CIA, qui dirigent l’état-croupion libyen et leur passé de comploteurs et de putchistes. Oui Zeidan sait de quoi il parle quand il évoque un coup d’état à Tripoli. Il en est un expert !

Revenons sur le parcours de ces hommes de Washington en Libye …

 MEGARYEF, PATRON DES FORCES LIBERALES, L’HOMME-CLE DE WASHINGTON EN LIBYE

Le premier président de l’ « Assemblée nationale libyenne » fantoche – ce « Congrès national général » -, installée par les USA et l’OTAN, est en effet un traître libyen naturalisé américain et employé de la CIA depuis le début des Années 80. Megaryef, comme son complice Khalifa Hifter « général libyen » au service de la CIA depuis trois décennies et en charge de la réorganisation de la nouvelle Armée coloniale libyenne au service de l’OTAN, est l’exemple typique de cette clique de traîtres qui a organisé la recolonisation de la Libye.

Premier président du « Congrès général national libyen » (le nom a été choisi pour usurper celui du « Congrès Populaire général », la plus haute institution de la Démocratie Directe libyenne sous Kadhafi), la nouvelle Assemblée nationale fantoche, issue des élections législatives truquées du 7 juillet 2012, Mohamed al-Megaryef est à la fois un citoyen américain depuis plus de 30 ans et un économiste libéral, mais néanmoins réputé proche des islamistes. Ce qui n’est pas un hasard puisque les islamistes libyens ont été instrumentalisés dès 1980 par la CIA contre le régime révolutionnaire de Kadhafi. Megaryef dirige aussi actuellement le Front national libyen, une formation néo-conservatrice très à droite, le cœur du « parti américain » en Libye.

Né en 1940 à Benghazi, berceau de la révolte libyenne, Mohamed al-Megaryef est l’ancien ambassadeur de Libye en Inde. Ambassade où travaillait aussi Zeidan. Cette « grande figure de l’opposition à Mouammar Kadhafi », selon les médias de l’OTAN, a choisi de s’exiler dans les années 80.

Il dirigeait alors le « Front national pour le salut de la Libye » – groupuscule armé, encadré et financé par la CIA, une formation politique à l’étranger chargée par les américains de regrouper les opposants en exil, et dont sa formation actuelle est issue – qui a tenté à plusieurs reprises par des coups d’état et des campagnes de terrorisme de mettre fin au régime de du leader libyen. Le premier en 1982, le plus important en 1998 avec comme alliés al-Qaida de Ben Laden (la Jamahiriya lance alors le premier mandant international chez Interpol contre Ben Laden, immédiatement bloqué par Washington …). Le dernier à Benghazi et Tripoli lres 15-17 février 2011 …

 LE COLONEL FELON HIFTER, L’HOMME DE MAIN DES COUPS TORDUS

Derrière ces coups d’états depuis 25 ans, un autre américano-libyen, lui aussi employé de la CIA. Le vieux complice de Megaryef et avec lui le vrai patron de la Libye post CNT : Khalifa Hifter (encore écrit Haftar ou Hafter). Lui aussi un parcours de traître exemplaire au service des ennemis de son pays. Dès mars 2011, le journal McCaltchy révélait que Khalifa Hifter, un ex-colonel déserteur de l’armée de Kaddhafi, avait « été envoyé pour diriger les rebelles libyens »  du pseudo CNT appuyés par l’ONU, les Etats-Unis et la coalition.  Hifter depuis vingt ans vivait « dans la banlieue de la Virginie » (où est installée la CIA, à Langley), « où il s’est établi mais l’ancien officier de Kaddhafi a maintenu des liens avec des groupes restés au pays », écrivait  Chris Adams l’auteur de l’article. Une connaissance de Khalifa a dit à Adams que  » on ne savait pas ce que faisait réellement Hifter pour nourrir sa nombreuse famille »

Hifter a commandé au début des années 80, le corps expéditionnaire libyen au Tchad avec pour mission : occuper la bande d’Aouzzou qui appartenait à la Libye mais qui avait rattachée au Tchad  par la France. L’opération s’est soldée par un échec cuisant pour les Libyens et la capture de Khélifa Hafter par les Tchadiens. « Retourné par les Américains, il formera une véritable légion de 2000 hommes, tous déserteurs du corps expéditionnaire qui seront entraînés et armés par les Américains en prévision d’une invasion de la Libye à partir du Tchad. Devant les réticences de ce pays, Hifter et ses hommes seront rapatriés aux Etats unis. Ils y resteront une bonne vingtaine d’années avant de retourner en Libye après la révolution. »

Hifter est donc un agent de la CIA ce qui explique son long séjour en Virginie. En  1996, le Washington Post (26 mars 1996) informait lui qu’un « Colonel Haftar était arrivé aux Etats-Unis ».  Et qu’ « il était le leader d’un groupe de « contra » établi aux Etats-Unis,  l’Armée Nationale Libyenne ». Ce groupe est soutenu par les Etats-Unis, où il dispose de camps d’entrainement. « Il est probable  que le groupe du Colonel Haftar opère en Libye avec la bénédiction de notre gouvernement », soulignait le Washington Post.  Deux ans plus tard c’était le coup d’état de Ben Laden en Libye …

14 ans plus tard, Hifter réapparaissait à Benghazi, en Mars 2011, appointé « général » et commandant des katibas du CNT. A la grande colère du général Younes, lui déserteur de l’Armée libyenne depuis seulement quelques jours et comploteur depuis quelques semaines, et qui se voyait déjà en général en chef des rebelles de Benghazi. Gageons que l’exécution sauvage fin juillet 2011 de Younes par des djihadistes du même CNT proches de son leader Mustapha Abdeljalil n’a pas du peiner beaucoup Hifter …

Le livre de Pierre Péan MANIPULATIONS AFRICAINES, fait de Hifter un employé de la CIA dès 1987, « Haftar, alors colonel de l’armée de Kadhafi, avait été capturé au Tchad où il combattait avec une rébellion soutenue par la Libye contre le gouvernement d’Hissène Habré, soutenu par les États-Unis. Il fit défection pour le Front National de Salut Libyen (FNSL), la principale force d’opposition à Kadhafi, qui avait le soutien de la CIA ». Le groupuscule armé de Megaryef pour rappel, le monde des traîtres libyens est bien petit. « Il organisa sa propre milice qui opéra au Tchad jusqu’à la déposition d’Hissène Habré en 1990 par Idriss Déby,  son rival appuyé par la France ». Selon Péan, « la force de Haftar, créée et financée par la CIA au Tchad, disparut dans la nature avec l’aide de la CIA peu de temps après le renversement du gouvernement par Idriss Déby ». What else ?

 ZEIDAN, L’INTELLECTUEL

Zeidan, lui, le troisième homme, avait fait défection en 1980 depuis l’Inde où il travaillait à l’ambassade libyenne de Megaryef. Il avait alors passé trois décennies en exil, au service de la CIA. Il a été l’un des dirigeants du « Font National pour le Salut de la Libye. Il fut ensuite avocat à Genève. Réapparaissant en février 2011 à Genève au nom d’une fantomatique et inconnue « Ligue libyenne des droits de l’Homme » dénonçant au bon moment les « crimes du régime ». “En Europe il fut une vitrines (poster-boy) de la révolution libyenne » , chargé de vendre – avec BHL – la cause de Benghazi à Sarkozy. Et faisant oublier dans les médias de l’OTAN les djihadistes et les forces d’al-Qaida – les vieux complices du trio de la CIA – qui constituent en fait les « katibas du CNT ».

 POURQUOI LES FACTIONS DE LA CIA EN LIBYE SE DECHIRENT …

L’appareil politico-militaire américain est en plein questionnement. Il faut lire, sans les diaboliser comme certains journalistes ‘non-mainstream’, les analyses de STRATFOR, le Think Tank US proche du Pentagone. Et de son patron Friedman, l’un de géopolitologues américains de la nouvelle génération. Tous sont d’accord pour maintenir la domination mondiale de l’hyperpuissance américaine, « pour un XXIe siècle américain ».

Mais deux courants, deux écoles s’opposent : l’une veut le maintien du Hard power, de la vieille politique du ‘big stick’ yankee, des agressions militaires, de la domination directe. L’autre entend combiner Hard power et Soft power, style « printemps arabe » et manipulations politico-médiatiques. Y compris en appliquant la fameuse ‘Théorie géostratégique du Chaos’. L’Egypte post Moubarak voit ces factions américaines  – toutes, ne jamais l’oublier – s’opposer.

C’est maintenant le tour en Libye. Zeidan, qui s’inscrit dans la ligne du State Department, la seconde école, entend maintenir la fiction politique de la ‘nouvelle Libye’.

Hifter, lui, est un homme de main, un ‘chien de guerre’, organisateur de coups tordus et de coups d’état. Un pirate formé par la Division des Opérations spéciales de la CIA, les « hommes de cape et d’épée » (le héros des romans géopolitiques SAS est l’un d’eux). Il tente donc de jouer son va-tout, et de jouer, sans avoir les moyens du général égyptien, le rôle d’un Sissi libyen. Il est trop tôt pour savoir si une partie de l’establishment US le soutient …

Pendant ce temps, la RESISTANCE VERTE s’implante dans le Sud libyen, hisse le drapeau vert de la Jamahiriya sur Sebha. Mais cette montée en force peut aussi expliquer le coup de force de Hifter.

Luc MICHEL

Pour PCN-SPO / ELAC Website

http://www.lucmichel.net/2014/02/14/elac-alac-website-coup-detat-a-tripoli-voila-les-factions-de-la-cia-qui-se-dechirent-en-libye/

____________________________

http://www.elac-committees.org/

https://www.facebook.com/elac.committees

https://www.facebook.com/ALAC.org

L’ADUSBEF SCHIANTA LA PORCATA DI MONTI DELL’OBBLIGO AD APRIRE UN C/C PER INCASSARE STIPENDI O PENSIONI SOPRA 1.000 EURO

Fonte: http://www.ilnord.it/index.php?id_articolo=2488#.Uv0ZNYuEAnc.facebook
giovedì 13 febbraio 2014
Roma – Finisce sul tavolo della Consulta l’obbligo di apertura di conto corrente per l’accredito di stipendi e pensioni oltre i mille euro. Lo riferisce l’Adusbef che aveva sollevato in tribunale eccezione di costituzionalita’ sulla norma all’art.12 del decreto salva Italia, annunciando che ieri il Tribunale di Lecce, nella persona del Giudice Alessandro Maggiore, con ordinanza del 12 febbraio 2014, ha accolto l’eccezione di costituzionalita’ e rimesso la questione alla Corte Costituzionale.
Soddisfatta l’Adusbef che parla di una “vittoria contro governi maggiordomi dei banchieri”.
La norma impugnata – si legge un una nota dell’associazione dei consumatori – prevede che stipendi, pensioni e altri emolumenti corrisposti dallo Stato, di importo superiore a mille euro debbano essere erogati con strumenti diversi dal denaro contante, ovvero conti correnti bancari o postali.
Per l’Adusbef “si tratta di una previsione legislativa profondamente iniqua. Allo stato attuale si verifica, infatti, che il limite di pignorabilita’ pari ad un quinto operi solo quando il pignoramento avvenga direttamente alla fonte, ossia da parte dell’ente previdenziale o del datore di lavoro. Se invece il pignoramento e’ effettuato in un secondo momento, ovvero presso la banca dove il dipendente o pensionato percepisce le medesime somme, il limite di un quinto non opera piu’ e viene prelevato l’intera somma.
Con la conseguenza che il limite che era stato previsto all’art. 545 c.p.c. viene legalmente superato, con il risultato che l’accredito sul conto corrente bancario o postale dello stipendio mensile o della pensione superiore a 1.000,00 euro diventa interamente pignorabile.
Si tratta, in sostanza, dell’ennesima beffa per dipendenti, disoccupati e pensionati gia’ piegati da continui balzelli imposti dalla crisi economica perdurante e da scelte governative sbagliate, che penalizzano le famiglie per favorire le banche”.
Per l’Adusbef quindi “la Consulta sara’ chiamata ad esprimersi sulla costituzionalita’ di tale norma, ritenuta incompatibile con gli artt. 38 (diritto all’assistenza sociale) e 3 (principio di ragionevolezza) della Costituzione”.

La sovrappopolazione mondiale, tra mito ideologico e realtà

timthumb
Di Salvatore Santoru
 
Al giorno d’oggi si fa un gran parlare del problema della ” sovrappopolazione ” . Stando alla teoria più in voga del momento , l’umanità non sarebbe più sostenibile per il pianeta e occorre fare in modo che venga dimezzata . Questa teoria non è nient’altro che una nuova variante delle idee di Thomas Malthus , il quale affermava che la crescita della povertà e della fame nel mondo è dovuta quasi solamente alla crescita demografica mentre non indagava gli aspetti relativi alle contraddizioni economiche e sociali del problema .
 
Malthusianesimo e eugenetica
 
Il malthusianesimo è stata un’ideologia molto popolare nell’Ottocento e nel primo Novecento e influenzò profondamente Herbert Spencer , il fondatore del darwinismo sociale , ideologia che costituì un fondamentale supporto teorico alla teoria e alla pratica dell’ eugenetica .
 
A partire dal 1899, negli USA furono avviate politiche eugenetiche che consistevano perlopiù nella sterilizzazione coatta delle persone considerate deboli o ” inadatte ” : sopratutto disabili fisici o mentali , persone affette da disturbi psichici , appartenenti a minoranze etniche e addirittura epilettici .
 
In seguito le pratiche eugenetiche si diffusero sempre di più oltre i confini statunitensi e raggiunsero l’apice in Germania con il famigerato programma dell’ Aktion T4 , basato sulla sterilizzazione coatta e sull’uccisione sistematica di individui disabili fisici e mentali e affetti da problematiche psichiche e sociali .
 
Finita la II guerra mondiale l’eugenetica era ormai caduta in disuso , ma nonostante ciò continuò ad essere applicata nella Svezia sino al 1975 e gli ultimi esperimenti diretti di tal tipo furono eseguiti in Svizzera nel 1985 .
 
Questione ambientale
 
Tra i cosiddetti neomalthusiani è molto diffusa l’idea che l’essere umano rappresenta in quanto tale un pericolo per l’ambiente nel suo insieme e per questo bisogna al più presto dimezzarne radicalmente la diffusione , e ambire alla ” crescita zero ” demografica . Alcuni sostengono che bisogna adottare politiche radicali di controllo delle nascite per questo , anche di stampo autoritario prendendo esempio della ” politica del figlio unico ” cinese .
Queste proposte , tanto semplicistiche quanto pericolose , non rappresentano la soluzione al problema , le quali cause vanno ricercate perlopiù negli estremi squilibri e danni causati dal modello di sviluppo economico attuale , incentrato sulla crescita economica sregolata e sul disprezzo verso la natura e l’ecosistema nel suo complesso . Inquinamento , urbanizzazione selvaggia , deforestazione , specie animali in via di estinzione e molto altro sono l’altra faccia dello sviluppo e del progresso economico ottenuto a scapito del benessere ecologico e della stabilità ambientale .
 
Questione economica
 
Ultimamente con l’avvento della cosiddetta ” rivoluzione verde ” , che al di là del nome portò a un’aumento vertiginoso di sfruttamento ambientale , inquinamento e distruzione delle biodiversità , e sopratutto con l’adozione su vasta scala dello stile di vita consumista la situazione è gravemente peggiorata .
E qua entra in gioco anche la stessa sovrappopolazione : infatti dall’adozione dell’attuale modello di sviluppo in soli cent’anni la popolazione mondiale è aumentata di quasi 6 miliardi .
Vista in quest’ottica il problema stesso della sovrappopolazione risulta diverso e la sua versione ideologica corrente si dimostra un mito . Il problema non è tanto o solo la crescita demografica in sè , ma è l’attuale modello di sviluppo che è del tutto instostenibile e che sta distruggendo l’ambiente e gli equilibri ecologici .
 
Sarebbe troppo facile dare la colpa di tutto questo a tutti gli esser umani indistintamente e non menzionare per esempio il ruolo delle multinazionali e dei poteri economici in generale .
Infatti , dalla metà del XX secolo in poi , il potere delle corporations si è fatto praticamente assoluto e onnipresente , ed è stata avviata una gigantesca campagna propagandistica ( la pubblicità commerciale con cui siamo ” bombardati ” ogni giorno ) per giustificare e imporre lo stile di vita consumista in Occidente , e oggi sempre di più nel mondo intero .
 
Conflitti d’interesse
 
Un fatto interessante è che ora le stesse corporations che per anni e anni hanno devastato , inquinato , sfruttato l’ambiente e contributo al massacro di animali e alla deforestazione selvaggia , propagandato l’uso di energie non rinnovabili e dannose come il carbone , il petrolio e il nucleare e tanto altro , ora si ” tingano ” di verde e propongano una forma molto ambigua di ” sviluppo sostenibile ” .
 
Interessante anche il fatto che il gruppo dei Rockfeller , proprietario della compagnia petrolifera più inquinante e distruttiva del mondo , la Exxon ( un tempo chiamata ” Standard Oil ” ) e finanziatore della rivoluzione verde ( che contribuì ad aumentare la popolazione mondiale ) , sia impegnato da tempo sulla lotta alla sovrappopolazione mondiale , e sia arrivato negli anni 70 a finanziare il Club di Roma .
Oggi più che mai David Rockfeller , uno tra gli uomini più ricchi e potenti del mondo , è uno dei principali sostenitori della teoria della sovrappopolazione ( su Youtube si può vedere un suo ” memorabile ” discorso all’ONU su questo tema ) … molto interessante la sua ” carriera ” : un passato come amministratore della Chase Manhattan Bank , azionista della già citata Exxon e della General Elettric , e infaticabile lobbista e membro fisso di organizzazioni elitarie come ilCouncil on Foreign Relations , la Trilateral Commision e il Bilderberg .
 
La decrescita economica come soluzione
 
Il modello di sviluppo economico selvaggio oltre ad aver portato a innumerevoli danni ambientali , ha contribuito enormemente alla diffusione di malattie fisiche ( diabete e obesità in primis ) e al malessere in generale . Oggi come non mai viviamo in uno stato di opulenza , ma d’altro canto il cancro è diffuso come non mai ( e la sua causa principale al giorno d’oggi è l’inquinamento ) , le diseguaglianze economiche e sociali son diventate enormi , l’insoddisfazione e lo stress regnano sovrani , le dipendenze ( da fumo , alcool , cibo , gioco d’azzardo , prodotti tecnologici , sostanze stupefacenti ecc ) son aumentate vertiginosamente , ed inoltre ci si è imbarcati in un circolo vizioso di guerre combattute per il controllo delle risorse .
 
Questo sistema basato sull’illusione della crescita economica illimitata è totalmente insostenibile e urge un forte cambiamento del sistema economico e sociale dominante , e di conseguenza degli stili di vita dipendenti da esso .
 
La soluzione è la decrescita economica , la teoria elaborata dall’economista e filosofo Serge Latouche secondo cui la società deve transitare dal modello attuale di sviluppo economico basato sulla quantità , sullo spreco e sulla massificazione totale a uno basato sull’ abbondanza frugale , la qualità e il benessere umano nel rispetto dell’ecosistema e dei suoi limiti .
 
Un nuovo paradigma
 
Latouche da anni sostiene che la decrescita deve essere volontaria e sopratutto felice , e come questa sia l’alternativa maggiormente praticabile alle inevitabili crisi economiche e finanziarie su cui il nostro sistema attuale è basato .
 
Decrescita felice e consapevole quindi piuttosto che decrescita traumatica e infelice come avverrà se non si cambia paradigma e si rimette in discussione l’intero sistema dominante a partire dalle sue basi .
 
Tutto ciò non significa assolutamente tornare al Medioevo , ma anzi proiettarsi verso un futuro migliore dove il benessere umano conterrà più degli standard economici e dell’avidità commerciale eretta a norma .
 
La società prospettata da Latouche e dai sostenitori della decrescita è basata sulla valorizzazione dell’essere umano in quanto tale , sulla tutela dell’ambiente e degli animali non umani e la difesa delle biodiversità , e non sulla demonizzazione della tecnologia o dello sviluppo umano in sè , come spesso si pensa .
 
Difatti la tecnologia e lo sviluppo economico non verrebbero cancellati ma , anzi , migliorati e portati a un’indispensabile maturazione dove non ci sia più spazio per la cultura dello spreco , che è stata la base del modello di sviluppo moderno e a cui ci siamo abituati dopo anni e anni di ” lavaggio del cervello ” da parte della pubblicità commerciale .
 
Il modello di sviluppo moderno che viene criticato dai sostenitori della decrescita si è basato totalmente sulla promozione di tutto ciò che è dannoso per l’ambiente e per lo stesso essere umano .
 
Il cambio di paradigma dovrà essere prima di tutto un cambiamento individuale del proprio stile di vita : ad esempio , optare qualche volta per un’alimentazione sana e naturale invece del classico cibo spazzatura , optare per una scelta etica e sana dal punto di vista alimentare come il vegetarianismo o il veganismo , non farsi ipnotizzare dalle illusioni vendute dalle pubblicità commerciali e dai mass media in generale e tanto altro .
La questione è un pò più complicata e da approfondire , comunque è chiaro che il problema principale non è amputabile alla crescita demografica o solo ad essa , ma sopratutto al modello di sviluppo o alla degenerazione di esso portata , cose che tra l’altro anche lo stesso Latouche ha affermato.
 
 
Vuoi collaborare con Informare è un dovere? Puoi mandare le tue segnalazioni e/o inviare i tuoi articoli all’indirizzo e-mail andreadl86@yahoo.it

Le privatizzazioni fallite che tormentano la Bosnia

Dražen Šimic 14 febbraio 2014
Disagio sociale, disoccupazione, corruzione e assenza di futuro sono al cuore delle proteste di questi giorni in Bosnia Erzegovina. E i lavoratori licenziati tornano a denunciare le privatizzazioni, spesso torbide, di molte aziende pubbliche, ora miseramente fallite
(Pubblicato originariamente da “Balkan Insight” il 12 febbraio 2014, selezionato e tradotto da OBC)
Costringere alle dimissioni i governi cantonali è stata finora per i manifestanti bosniaci l’impresa più facile. Difficile, se non impossibile sarà fare in modo che vengano resi pubblici e denunciati i meccanismi e gli accordi delle privatizzazioni disastrose che hanno lasciato per strada migliaia di lavoratori.
Non è una sorpresa che le proteste di questi giorni in Bosnia siano iniziate a Tuzla, città a nord-est del paese, uno tra i maggiori poli industriali in Jugoslavia, oggi deserto industriale.
Perché Tuzla
A Tuzla le persone senza lavoro superano di gran lunga quelle che possono ritenersi fortunate ad averne uno. Questo è il risultato del fallimento di molte aziende privatizzate attraverso processi oscuri e ancora non del tutto chiari.
Nel cantone di Tuzla, che ha una popolazione di 477.278 abitanti, secondo i dati ufficiali, nel novembre 2013 si contavano 81.145 occupati e 98.766 disoccupati.
Tuzla è una città piuttosto diversa dalle altre città bosniache. Il tasso di disoccupazione nel paese è stimato tra il 27 ed il 44% (dipende dalla metodologia e dalle fonti). Ma probabilmente la situazione a Tuzla è un po’ peggiore rispetto al resto della Bosnia.
Le proteste a Tuzla sono cresciute quando la polizia ha iniziato ad usare la forza per disperdere centinaia di ex-lavoratori della Polihem e di altre aziende locali che si sono presentati davanti agli edifici dell’amministrazione cantonale per chiedere l’annullamento degli accordi di privatizzazione e l’avvio di procedimenti penali per manager e funzionari responsabili del collasso di tante aziende.
Privatizzazioni disastrose
La storia della Polihem è simile a quella di centinaia di altre aziende in tutto il paese. La Polihem un tempo impiegava circa 1.200 lavoratori, che prima degli anni 1992-95 riuscirono a comprare circa il 49% delle quote aziendali.
Dopo la guerra i tentativi di rilancio dell’azienda sono falliti e la privatizzazione è stata presentata come l’unica possibilità per assicurare la rivitalizzazione dell’azienda e i posti di lavoro.
Nel 2004 nuovo proprietario divenne l’azienda polacca Organic Trade che pagò 5,4 milioni di euro e promise nuovi investimenti del valore di 35,7 milioni, e nuove assunzioni.
Ma invece di ripartire, l’azienda ha iniziato a precipitare in fretta arrivando alla bancarotta in quanto il nuovo proprietario ha usato i beni dell’azienda come garanzia per prestiti bancari che non si sono mai trasformati in investimenti produttivi. Dal momento che quei prestiti non sono mai stati ripagati, le banche per rifarsi hanno iniziato a svendere pezzi delle aziende, terreni ed edifici. E i lavoratori sono stati lasciati a casa con salari, pensioni e contributi non pagati.
Lo stesso è accaduto ad altre aziende a Tuzla, come la fabbrica di detergenti DITA che impiegava circa 700 persone ma che si è trovata presto sull’orlo della bancarotta.
L’ultima speranza sembrava essere una nuova partnership aziendale con un’azienda di Sarajevo, la Lora, che a sua volta aveva promesso nuovi investimenti e la ripresa della produzione.
Anche in questo caso, però, i beni dell’azienda sono stati usati come garanzie per prestiti richiesti alle banche. Stesso copione: la DITA è andata in bancarotta, mentre le sue attività sono finite nella mani delle banche. Gli ultimi 119 lavoratori hanno ricevuto i loro salari per l’ultima volta circa un anno fa, all’inizio del 2013.
Squilibrio tra pubblico e privato
Poiché la situazione è simile in tutta la Bosnia, è facile capire come la scintilla di Tuzla si sia propagata in fretta e sia arrivata in altre città, Sarajevo, Zenica, Bihac, dove lavoratori e disoccupati chiedono in coro l’annullamento delle privatizzazioni.
Anche nel cantone di Zenica-Doboj il numero delle persone senza lavoro (70.252) supera quello degli occupati (68.577). Solo nel cantone di Sarajevo la situazione è leggermente migliore, con 123.324 occupati a fronte di 75.521 disoccupati.
Ma su questi dati si innesta un altro problema. Il “segreto” della migliore condizione di Sarajevo è l’apparato burocratico che, con tre livelli amministrativi (stato, entità e cantone) impiega migliaia di lavoratori pagati dai bilanci pubblici. Il problema è che molta della rabbia dei manifestati è rivolta anche  contro il grande squilibrio nel trattamento economico dei lavoratori del pubblico impiego rispetto ai lavoratori del settore privato e ai disoccupati.
Nel cantone di Tuzla, nel novembre 2013, la media dei salari degli operai dell’industria (i fortunati ad avere un lavoro) era di 267 euro al mese, mentre lo stipendio medio nella pubblica amministrazione è il doppio, 554 euro al mese.
La stessa situazione a Zenica, dove la media dei salari dell’industria è di 277 euro, mentre nella pubblica amministrazione si guadagna mediamente 541 euro al mese.
Nel cantone di Sarajevo, sebbene in termini assoluti gli stipendi siano più alti, lo squilibrio tra gli stipendi dei lavoratori dell’industria e quelli del pubblico impiego è lo stesso che nel resto della Bosnia: se in fabbrica si guadagnano 381 euro, nel pubblico la cifra è di 686.
Aprire il vaso di Pandora
Per i partiti politici al governo le richieste di dimissioni dei governi cantonali sono state facili da accogliere. I governi cantonali a Sarajevo, Tuzla, Zenica e Bihac si sono infatti già dimessi ed ora i manifestanti chiedono le dimissioni del governo federale.
Ma dichiarare nulle le privatizzazioni e perseguire penalmente politici e manager (nominati dalla politica) responsabili del collasso delle aziende, è questione ben più complicata.
Sebbene nessuno in Bosnia Erzegovina abbia dati precisi su quanti posti di lavoro siano stati persi a seguito di privatizzazioni fallimentari, il totale dei disoccupati in BiH alla fine del 2013 si aggirava attorno al mezzo milione, raggiungendo la punta di 553.481 (391.942 nella Federazione, 149.284 in Republika Srpska e 12.255 nel distretto di Brcko).
La distruzione delle aziende privatizzate ha pesantemente ridotto le possibilità che l’esercito dei disoccupati, soprattutto giovani, possa sperare di ottenere un lavoro nel prossimo futuro.
Davvero molto difficile che le richieste di annullamento delle privatizzazioni verranno accolte anche perché, in molti casi, è troppo tardi. Da quando le privatizzazioni sono state formalizzate, le quote delle aziende privatizzate sono state vendute e rivendute. Alla fine della catena ci sono spesso le banche, che hanno concesso prestiti che non sono mai stati ripagati.
Il punto è che molte delle aziende precedentemente pubbliche sono state comprate non per il loro potenziale produttivo e il know-how posseduto, ma semplicemente per il loro valore immobiliare. In altre parole i nuovi proprietari erano più interessati ai terreni e agli edifici che alle linee produttive.
Il danno fatto a queste aziende non può essere riparato. L’unica speranza per gli ormai ex-lavoratori è che i responsabili di tale disastro economico non restino impuniti.
E mentre i lavoratori di queste aziende privatizzate e poi fallite sono a casa senza protezioni sociali, molti dei maggiori protagonisti dei torbidi accordi sulle privatizzazioni e i loro protettori politici hanno intascato profitti da capogiro.
Scoperchiare il vaso di Pandora è l’ultima cosa che le élite al potere vogliono. È chiaro che questo non potrà mai accadere senza un sostegno politico forte, a tutti i livelli. Nessuno, tra le persone coinvolte, vuole ritrovarsi, a distanza di tanti anni, di fronte ad una corte per fare i conti con cose che per loro sono morte e sepolte.
http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bosnia-Erzegovina/Le-privatizzazioni-fallite-che-tormentano-la-Bosnia-148052

Si riposizionano i personaggi di facciata della scena politica italiana

di Luciano Lago
 
Il mondo politico italiano in subbuglio: arriva la “svolta”, tutta interna al PD, partito di maggioranza, strenuo sostenitore delle politiche europeiste senza se e senza ma, con Enrico Letta che si dimette e subentra Matteo Renzi, il nuovo outsider della politica del PD.
Naturalmente tutto si svolge nei palazzi della politica ed il Parlamento sarà informato dopo, con un finto dibattito tanto per salvare la forma. I cittadini, quelli ai quali dovrebbe appartenere la sovranità, anche questa volta non sono stati interpellati come non lo furono per la nomina di Monti, neppure per la nomina di Letta e tanto meno adesso. Il tutto alla faccia di quanto previsto dalla Costituzione.
 
Esigenze di “cambiamento” di dare un “passo nuovo all’azione del governo”, questi gli slogan studiati per coprire il vuoto di una classe politica di nominati, ormai priva di qualsiasi legittimazione, che annaspa rimanendo aggrappata alle sue poltrone con la paura di arrivare verso un possibile sbocco elettorale che avrebbe risultati imprevedibili.
In realtà quello che percepisce l’opinione pubblica attraverso le tv ed i giornali, risulta soltanto l’apparenza degli avvenimenti, i risultati evidenti con il riposizionamento di quelli che bisogna considerare i “personaggi di facciata”: i Renzi, i Letta, i Berlusconi, i Napolitano, gli Alfano, Casini, ecc.. La dinamica corrisponde al fatto che esce da una casella Letta e si posiziona nella stessa casella Renzi, si associa Alfano, si distanzia Berlusconi, conferma il tutto il presidente Napolitano, si forma il governo, viene data la fiducia, il governo procede alle nomine dei presidenti delle fondazioni bancarie, dei CDA delle aziende pubbliche o partecipate, degli enti pubblici rilevanti (INPS, INAIL, Agenzia Entrate, ecc.) cade il governo, arriva un altro governo, prosegue il balletto, ecc..
 
Pochi sono consapevoli del fatto che esiste un livello non visibile, che muove e determina gli avvenimenti e detta le decisioni essenziali, un livello che corrisponde ai veri centri del potere che non compaiono allo scoperto ma che sono quelli determinanti.
I personaggi che si muovono sulla scena visibile, si possono definire i “personaggi di facciata”, sono in alcuni casi i fiduciari dei centri del potere, quelli investiti da un incarico che devono muoversi secondo le direttive ricevute e non discostarsi da quelle, pena essere destituiti e messi da parte.
Non si discosta da questo cliche la nomina di Renzi, anzi ancora più scopertamente il personaggio è stato nominato grazie ad una massiccia quanto ossessiva campagna di marketing finanziata da ambienti finanziari che l’hanno imposto prima come segretario e poi come candidato.
Quasi inutile indovinare chi siano stati i finanziatori della campagna di Renzi, visto che il soggetto si è affidato ad un consulente israeliano della Mc Kinsey, società americana leader nella consulenza, e fra i suoi sponsor figurano il fondo Algebris ed il noto finanziere svizzero ing. Carlo De Benedetti.
Le centrali di potere della finanza sovranazionale che hanno scelto Renzi, sono le stesse che avevano designato in passato il prof. Monti, che avevano accordato la fiducia anche all’Enrico Letta, hanno poi deciso di cambiare cavallo, questo sembra evidente, data la necessità di trovare candidati più presentabili, giovani, telegenici, si muovono in  Smart e indossano i blue jeans  american style, soprattutto senza incarichi compromettenti alle spalle.  Immagine studiata del candidato secondo gli advisors della “Mc Kinsey”.
 
Non ci scordiamo che il Monti rappresentava un gigantesco conflitto di interessi in quanto era il presidente della “Trilateral Commission”, consulente , advisor della Goldman Sachs e della stessa agenzia Moodys (quella che aveva operato il declassamento del rating italiano). Probabilmente si renderà disponibile a breve anche la la Presidenza della Repubblica dove, l’esimio presidente Napolitano, garante delle centrali di potere d’oltre Atlantico, da molti anni, sembra ormai arrivato alla fine. Non per nulla sembra sia stato scaricato anche dai gruppi finanziari che fanno capo al Corriere della Sera ed al Financial Times per mano del noto agente americano Alan Friedman, autore del rapporto sulle ormai note vicende del golpe bianco del Novembre 2011 che spodestò Berlusconi e fece nominare Monti alla presidenza del Consiglio.
 
Tutto questo viene deciso da fuori non certo al livello dei personaggi di facciata anche se, come spesso accade, si manifestano dei contrasti tra i vari centri di potere che corrispondono a più livelli: esiste un livello alto delle della grande finanza, del cartello bancario, delle multinazionali, un livello più basso delle lobby del cemento, dei farmaceutici, dei palazzinari, della magistratura e degli apparati dello Stato. Il livello più basso risulta di solito funzionale a quello più alto ma non si escludono possibili contrasti che a volte spiegano situazioni di impasse momentanea.
 
D’altra parte è la chiave di interpretazione della Storia che si ripete nelle vicende italiane dai tempi del Risorgimento, fenomeno dietro al quale si muovevano gli interessi britannici, le trame delle massonerie e le ambizioni di casa Savoia, che portarono al risultato dell’Unità d’Italia che nella realtà storica fu in buona parte una annessione e colonizzazione piemontese del regno delle Due Sicilie.
Lo stesso era accaduto nel ventennio fascista con il governo di Benito Mussolini che fu scaricato dalla borghesia industriale e bancaria dell’epoca, nonchè dalla monarchia sabauda, quando diventò scomodo e divergente rispetto agli interessi di questi ambienti e si arrivò al famoso 25 Luglio del 1943, dove venne sfiduciato Mussolini, ignaro delle trame che si svolgevano dietro le sue spalle.
Nella Storia del dopoguerra l’intervento di una mano esterna negli avvenimenti italiani, a ben guardare, lo troviamo costantemente dai tempi di Salvatore Giuliano, all’omicidio Mattei, alla strategia della tensione con le bombe a piazza Fontana e gli altri episodi, con l’assassinio di Aldo Moro avvenuto ad opera delle Brigate Rosse, opportunamente “infiltrate” da qualche agente estero (indovina chi) come poi denunciato dallo stesso ex magistrato Imposimato (1).
Per non parlare del “golpe bianco” di “mani pulite” dove si riuscì a mettere fuori gioco Craxi e la vecchia classe politica, preceduto dal famoso episodio del panfilo Britannia su cui i politici italiani si accordarono per arrivare alle successive “privatizzazioni”, come poi avvenne con grandi vantaggi di carriere per i protagonisti (Mario Draghi “in primis”)ecc. ecc..
 
Sempre nella Storia d’Italia avviene un cambiamento quando esiste un corrispondente interesse esterno, dei britannici negli avvenimenti passati, dei padroni americani e dei centri finanziari nella fase contemporanea .
Il livello occulto è da molto tempo una costante in questo paese e le infiltrazioni, vuoi dei sevizi segreti, vuoi delle massonerie anche negli apparati dello Stato è un altro di quei fatti denunciati e riscontrabili da molte evidenze. Interessante la testimonianza dell’ex magistrato Paolo Ferraro che da tempo svolge una campagna di denuncia contro questo fenomeno che ha subito anche lui  (per averlo denunciato) direttamente all’interno della Magistratura e di ambienti militari (2).
 
I centri di potere dispongono oggi di un apparato mediatico poderoso con il quale si riesce a manipolare ed a distrarre l’opinione pubblica da qualsiasi questione essenziale che non deve essere di dominio pubblico.
Non ci scordiamo che durante il governo Monti, del tutto anomalo come investitura (il “golpe bianco”) furono sottoscritti i trattati europei più penalizzanti come il “Fiscal Compact”, con opportuno cambiamento delle norme costituzionali (fatto riservatamente), che obbliga l’Italia a mantenere il 3% di rapporto deficit/Pil, obbligando i governi italiani a manovre annuali di 50 miliardi all’anno di contrazione della spesa pubblica per venti anni al fine di rientrare da tale deficit. Il MES/ESM, altro trattato che ha istituito il fondo di stabilità (salva banche) che obbliga l’Italia a sottoscrivere ben 125 miliardi da versare in detto fondo di garanzia per i salvataggi delle banche estere indebitate.
Il tutto avvenuto nel compiacente silenzio dei media salvo poche voci isolate sul web dei siti di controinformazione seguiti solo da una piccola parte di pubblico. Lo stesso governo, mentre negava i fondi per i pensionati, per l’assistenza sociale e per saldare i debiti delle amministrazioni pubbliche, ha disinvoltamente versato circa 3 miliardi all’MPS (la banca del PD)e quasi altrettanti alla Morgan Stanley (dove il figlio occupava una posizione di vice presidente). Tutte decisioni inaudite che i media compiacenti non hanno neppure menzionato come fatti rilevanti. Questo dimostra che i governi in Italia, coperti dalla complicità dei media, giornali e TV, sotto il controllo (e finanziamento) dei partiti del sistema, possono fare qualunque cosa senza che ci sia una sollevazione popolare.
Adesso i grandi media stanno coprendo l’operazione Renzi come hanno coperto in passato l’operazione Monti, quella per Letta e, andando più indietro, come hanno coperto le “privatizzazioni” fatte a profitto dei potentati finanziari e tante altre operazioni sporche.
Possiamo immaginarci quale sarà il programma di Renzi in sostanza: l’applicazione ortodossa delle politiche neoliberiste, in ossequio alle ricette della Troika europea, con liberalizzazione del mercato, patrimoniale sui risparmi, abolizione del contante, annullamento dei diritti, esattamente quelle politiche che stanno distruggendo il lavoro, il risparmio e la vita di milioni di persone con il “contentino” di qualche riforma di facciata sui privilegi della casta politica e di parte dell’apparato istituzionale.
Se ai cittadini italiani senza lavoro e senza prospettive tutto questo non piace, ci sono due soluzioni possibili, fare le valige e cercare fortuna all’estero o scendere in piazza e bloccare tutto.
 
Note