L’Arabia Saudita si prepara alla guerra ?

 
Tradotto e Riadattato da Fractions of Reality
  
Recenti informazioni dall’Arabia Saudita sembrerebbero prove sufficienti per dimostrare che i sauditi si stiano preparando per la guerra. Sarà per una questione interna al paese, con il possibile coinvolgimento dell’esercito, sarà l’ostilità del’Arabia Saudita verso l’Iran a sfociare in un combattimento aperto, o i carri armati sauditi attraverseranno le frontiere siriane come i media arabi prevedono – anche i più alti funzionari di Riyadh non lo sanno ancora . Tuttavia, all’inizio di quest’anno è stato annunciato l’acquisto di grande quantità di armi, che hanno triplicato il bilancio militare del paese.
 
In aggiunta alle armi americane vendute per un valore di decine di miliardi di dollari e acquistate di recente (nel 2010, il Ministero della Difesa saudita ha ordinato armi americane per un importo totale di 60 miliardi di dollari), Riyadh ha fatto i seguenti acquisti non molto tempo fa.
 
Ha acquistato nuovi DF-21 East Wind, missili a medio raggio a carburante liquido, che sono facili da usare e hanno una buona accuratezza, scrive Claudio Gallo nel suo articolo pubblicato sul sito del quotidiano La Stampa. I missili cinesi nelle mani saudite non sono l’arma per invertire la situazione, ma piuttosto per portare più tensione nella guerra psicologica, vale a dire, il tipo di confronto che potrebbe portare a conseguenze più imprevedibili. Va aggiunto a questo che nel 2007, i sauditi hanno acquistato missili balistici – ancora una volta dalla Cina e con l’aiuto di agenzie di intelligence americane, che hanno assicurato che i missili non potessero essere dotati di testate nucleari.
 
Allo stesso tempo, il Ministero della Difesa saudita intende acquistare un centinaio di motovedette dalla Germania per un importo complessivo di 1,4 miliardi di euro, è stato riportato nella rivista Der Spiegel, con riferimento ad una lettera confidenziale scritta da Steffen Kampeter, segretario della Germania di Stato delle Finanze. Nel novembre 2013, si è appreso che l’Arabia Saudita intende acquistare dalla Germania cinque sottomarini Type 209, con la possibilità di aumentare l’ordine a 25 navi. Il costo di acquisto di questa flotta è stimato in circa 12 miliardi di euro.
 
Oltre a questo, la storia della possibile vendita del carrarmato tedesco Leopard 2 è vicino alla realizzazione. È già stato fatto l’accordo per la consegna del primo lotto (circa 270 veicoli per un costo stimato di 3 miliardi di euro), ed è ora in attesa di approvazione ufficiale da parte della Repubblica federale del Consiglio di sicurezza della Germania. Secondo il quotidiano Bild, Riyadh è disposto ad acquistare fino a 800 veicoli corazzati Leopard 2S. Questa è la versione appositamente progettato per soddisfare le esigenze sauditi,  che ha superato con successo i test nel in Arabia Saudita.
 
Allo stesso tempo, Pakistan e Arabia Saudita hanno avviato negoziati per la fornitura di nuovi carri armati di Al-Khalid e JF-17 Thunder jet da combattimento a Riyad. Il contratto per la fornitura di hardware militare può essere firmato nell’ambito di un accordo di più larga scala in materia di cooperazione militare e scientifica tra Islamabad e Riad. Il numero esatto di veicoli blindati e aerei previsti per l’acquisto rimane sconosciuto.
 
Nel frattempo, va notato che tutte le apparecchiature militari in Arabia Saudita sono mantenute da numerosi specialisti stranieri. Naturalmente, questi sono principalmente  gli americani che hanno diverse basi militari qui. I sistemi missilistici sono seguiti da ingegneri cinesi, ci sono molti militari dal Pakistan nel paese, e il loro numero aumenterà con le nuove consegne che faranno arrivare gli specialisti tedeschi che intendono lavorare sul mantenimento dei loro carri armati più complicati e dei loro veicoli ancora più complicati, come i sottomarini. Va notato che i sauditi sono per lo più dei beduini, un popolo del deserto, e temono il mare dalla loro nascita. E’ interessante sapere chi formerà gli equipaggi di questi nuovi sottomarini.
 
La stampa mondiale scrive in modo diretto che i sauditi hanno deciso di agire con un pugno di ferro militare per difendere la loro ricchezza incalcolabile. Ma la domanda è: perché i sauditi hanno bisogno di tale potere militare, quando nessuno sta per attaccarli, e gli americani hanno aperto il loro ombrello antimissile sull’Arabia Saudita tempo fa?
 
Inoltre, i sauditi non hanno quasi nessuna esperienza in combattimento. In realtà, già nel 2010, le truppe saudite hanno partecipato a una operazione militare in Yemen contro i ribelli, dal nome semplice e completo: “Terra bruciata”, e nel marzo 2011, Riyadh ha inviato un contingente militare limitato in Bahrain. Questo è tutto quello che sappiamo sulle vittorie militari saudite.
 
Tuttavia, questi distaccamenti militari stranieri possono tornare utili per la creazione di una provocazione su larga scala. Non dobbiamo dimenticare come il principe Bandar bin Sultan ha offerto il suo aiuto al Presidente della Russia V. Putin a garantire la sicurezza per l’Olimpiade di Sochi, riferendosi ai sauditi come avere il pieno controllo dei gruppi terroristici. Di conseguenza Putin ha fatto capire loro che la Russia è perfettamente in grado di garantire la sicurezza al Olimpiade. Tuttavia, ora il principe saudita può tentare di giocare ancora questa carta, e organizzare una provocazione durante i Giochi Olimpici. Tra l’altro, gli arabi hanno un modo di dire che un saudita non perdona mai un reato, proprio come un cammello.
 
Ad esempio, l’articolo di Ahmed Sherkawi dal titolo “L’Arabia Saudita sta preparando un attacco contro la Siria e l’Hezbollah” è recentemente diventata uno degli articoli più popolari del mondo arabo in Internet. L’autore scrive che i sauditi hanno preso una decisione irrevocabile di cambiare l’equilibrio di potere nella regione, scartare la loro vecchia strategia e iniziare una campagna militare (indiretta, in quanto essa è eseguita attraverso i loro fantocci) contro la Siria e gli Hezbollah in Libano. Prima di tutto, l’attuazione di questo progetto comporterà regolari eserciti mercenari. A questo proposito, gli esperti di sicurezza hanno informato che i comandanti sauditi ed israeliani hanno tenuto riunione congiunta e continua già 10 giorni fa. Stanno lavorando sullo sviluppo di un accordo di cooperazione nel campo della sicurezza, e i sauditi hanno già promesso di concedere all’aviazione israeliana il diritto di passaggio sul loro territorio, se decideranno di ‘risolvere’ il problema iraniano.
 
Altre notizie di stampa suggeriscono lo sviluppo di piani per attaccare la capitale della Siria, Damasco, durante le Olimpiadi di Sochi , così come diverse strutture militari importanti in Siria; preparativi per l’aggressione in Libano, che intendono colpire gli Hezbollah, sono in corso. Nello stesso Libano, la quinta colonna si prepara per l’azione con il pretesto del “movimento 14 marzo”. Le attività di questi poteri sono coordinate da Ashraf Rifi.
 
Inoltre, il dottor Navaf Ubayad, consigliere del Ministro degli Affari Esteri, ha informato la stampa occidentale sui dettagli di un piano per formare due nuove armate saudite. Il primo esercito sarà formato dai cittadini del regno, mentre il secondo comprenderà gli stranieri, soprattutto dal Marocco, Yemen e Giordania. I due eserciti saranno utilizzati in vari conflitti regionali, e prima di tutto nella campagna aggressiva contro la Siria.
 
A questo proposito, il ministro dell’Informazione Omran az-Zoubi della Siria ha messo le cose molto succintamente:“Sono gli stessi poteri che sono dietro gli atti di terrorismo in Siria, Iraq e Russia. Se qualche partito ha miliardi di dollari da spendere, questo non significa che possa rimanere impunito per essere il mandate di attacchi terroristici qui e là”.” In questo caso, egli intendeva gli attuali governanti dell’Arabia Saudita”
 
L’Arabia Saudita si prepara alla guerra ?ultima modifica: 2014-02-14T14:22:58+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *