Siria, «I Jihadisti hanno preso in ostaggio un gruppo di suore a Maalula»

fossero state rapite dai soldati sarebbe prima notizia e non sarebbero solo 4 righe ma i protetti tagliagole di alqaida non si contestano. Per giunta, onde sminuire i rapimenti che solo i ribelli fanno, riportano le parole dell’Onu che sono disgiunte dal contesto, La solita squallida operazione mainstream

Siria, «I Jihadisti hanno preso in ostaggio un gruppo di suore a Maalula»
A dirlo è l’agenzia di Stato siriana. L’Onu: «Assad ha commesso crimini di guerra»

La notizia per il momento è confermata solo dall’agenzia di Stato siriana. Miliziani jihadisti anti regime sarebbero entrati nel convento di Santa Tecla, nel villaggio cristiano di Maalula, a 60 chilometri a nord di Damasco. Secondo l’agenzia di Stato: «fonti locali hanno detto che i terroristi hanno fatto irruzione nel convento e hanno preso in ostaggio la madre superiora, Pelagia Sayyaf, e altre suore».

IL PRECEDENTE – Resta confermato invece dall’ Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus)che il fronte qaedista di Al-Nusra ha ripreso il controllo di Maalula. I jihadisti si erano impadroniti una prima volta del villaggio in settembre e ne avevano danneggiato le chiese. Successivamente erano stati respinti dalle forze lealiste e da milizie cristiane armate, ma erano rimasti sulle alture circostanti e i loro cecchini avevano continuato a colpire il centro.

CRIMINI DI GUERRA – Nel frattempo l’inchiesta dell’Onu sulle violazioni dei diritti umani in Siria ha prodotto le prove che il presidente Bashar al Assad ha autorizzato «crimini di guerra e contro l’umanità nel suo Paese». Lo riferisce l’alto Commissario per i diritti umani Navi Pillay, citata dalla Bbc.

02 dicembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.corriere.it/esteri/13_dicembre_02/siria-jihadisti-hanno-preso-ostaggio-gruppo-suore-maalula-4c859ed4-5b61-11e3-bbdb-322ff669989a.shtml

Siria, «I Jihadisti hanno preso in ostaggio un gruppo di suore a Maalula»ultima modifica: 2013-12-02T20:04:20+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *