Crisi: Coldiretti, in Italia 4.1 mln senza cibo nel 2013, +47% in 3 anni

Chi? Noi italiani poveri? Che eresia. Siamo un branco di choosy per giunta poco occupabili perché ignoranti (Giannini dixit)

18 Ottobre 2013 – 16:59
(ASCA) – Roma, 18 ott – Salgono alla cifra record di 4.068.250 i poveri che nel 2013 in Italia sono stati addirittura costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare, con un aumento del 10 per cento sullo scorso anno e del 47% rispetto al 2010, ovvero ben 1.304.871 persone in piu’ negli ultimi 3 anni. E’ quanto emerge dal primo drammatico Dossier su ‘Le nuove poverta’ del Belpaese. Gli italiani che aiutano’ presentato dalla Coldiretti al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione a Cernobbio. Gli italiani indigenti che hanno ricevuto pacchi alimentari o pasti gratuiti attraverso i canali no profit che distribuiscono le eccedenze alimentari hanno raggiunto – sottolinea la Coldiretti – quasi quota 4,1 milioni, il massimo dell’ultimo triennio, secondo la relazione sul ‘Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013′, realizzata dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea). Per effetto della crisi economica e della perdita di lavoro si sta registrando – precisa la Coldiretti – un aumento esponenziale degli italiani senza risorse sufficienti neanche a sfamarsi: erano 2,7 milioni nel 2010, sono saliti a 3,3 milioni nel 2011 ed hanno raggiunto i 3,7 milioni nel 2012. Una situazione drammatica che – conclude la Coldiretti – rappresenta la punta di un iceberg delle difficolta’ che incontrano molte famiglie italiane nel momento di fare la spesa. red/gc
http://www.asca.it/news-Crisi__Coldiretti__in_Italia_4_1_mln_senza_cibo_nel_2013__2B47_PERCENTO__in_3_anni-1326567-ATT.html


Crisi: Coldiretti, in Italia 4.1 mln senza cibo nel 2013, +47% in 3 anniultima modifica: 2013-10-23T09:48:28+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *