L’Ultima Vergogna: Violare l’Austerity si, ma solo per “Salvare le Banche”

lasciamo stare il soggetto dell’interpellanza ed andiamo alla sostanza: E’ VERO? E se lo è, perché solo Borghezio dice qualcosa? Tutti camerieri delle banche quindi?

Lunedì,  Ottobre 21st/ 2013

“Salvataggi” Bancari a spese dei tagli ai servizi pubblici dei paesi in difficoltà: la tripla beffa della dittatura finanziaria Ue Comunicato Stampa e Interrogazione alla Commissione europea

Interrogazione alla Commissione Europea
Comunicato stampa di Mario Borghezio, Eurodeputato
L’Ultimo Regalo dell’UE alla Speculazione                                                      

Bruxelles – Nella mia ultima interrogazione alla Commissione Europea, dello scorso venerdì 18 Ottobre, ho posto l’attenzione sul fatto che “la nuova politica, annunciata dal Commissario Olli Rehn in una lettera ai ministri finanziari dell’UE il 9 ottobre, introduce il permesso di violare le regole sul deficit, ma solo per salvare le banche, non per salvare la gente e le imprese; la giustificazione data è che gli aiuti alle banche rappresentano misure “una tantum” e perché possono essere escluse dalla contabilità del deficit, come se gli investimenti non fossero una tantum!”.

 Gli OTC non escludono il “Bail-in”                                                                     

Inoltre ho fatto notare come gli “aiuti OTC” non escludono il “bail-in”; al contrario, le disposizioni annunciate da Rehn dicono che gli aiuti vengono condizionati a misure punitive nei confronti di azionisti e obbligazionisti (per ora non si parla di risparmiatori). In realtà questo aspetto delle nuove norme è stato già applicato nel caso del Monte dei Paschi di Siena, quando il Commissario UE Almunia ha ordinato di assicurare che i 4,1 miliardi dei “Monti-bonds” non andassero “ai possessori di titoli ibridi e obbligazioni junior” se si voleva l’approvazione dell’UE. In osservanza della prescrizione, MPS ha sospeso il pagamento degli interessi su tre titoli ibridi”.

La Trappola della Procedura di Infrazione                                                       

In base alla lettera ho fatto altresì notare come “solo i paesi col debito al di sotto del 60% del Pil potranno evitare la procedura di infrazione”. In altre parole, per i paesi con debito oltre quella soglia che aiutino le banche scatterà la procedura, a patto che gli aiuti non facciano sforare il deficit del 3%. Questo significa che se i paesi indebitati vorranno salvare le banche, potranno farlo solo tagliando le spese (sanità, scuola, pensioni e sicurezza). Se faranno i tagli, riceveranno il bonus “OTC”, e cioè gli aiuti bancari non saranno conteggiati nel deficit”.

 Il Conto della Speculazione sui Cittadini                                                         

In virtù di ciò ho chiesto se “la Commissione ha valutato la pericolosità di introdurre i salvataggi “over the counter”. “Over the counter” (OTC) ricordo che è il termine usato per indicare le transazioni finanziarie, soprattutto derivati, compiute dalle banche senza farle comparire in bilancio. Esse costituiscono la grande massa della speculazione, ma nessuno può quantificarle esattamente perché, appunto, non compaiono in bilancio. Si stima che siano nell’ordine dei quadrilioni (milioni di miliardi) e definitivamente fuori controllo: questo è il quadro del disastro in cui la finanza mondiale rischia di precipitarci tutti. E l’UE che fa: introduce i salvataggi “over the counter” per far pagare il conto ai cittadini!

Bruxelles – Comunicato stampa di Mario Borghezio, Eurodeputato

Interrogazione alla Commissione Europea, di Venerdì 18 Ottobre 2013
http://www.quieuropa.it/lultima-vergogna-violare-lausterity-si-ma-solo-per-salvare-le-banche/

L’Ultima Vergogna: Violare l’Austerity si, ma solo per “Salvare le Banche”ultima modifica: 2013-10-22T07:40:00+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *