LE DIMISSIONI DEL GENERALE PIERRE DE VILLIERS, UN ESEMPIO DA SEGUIRE DAI CAPI DI TELT (TORINO-LIONE)


Ci aspettiamo che dopo l’annuncio della pausa di riflessione francese sulla Torino-Lione, i capi di TELTi Legionari d’Onore Hubert du Mesnil e Mario Virano, con uno scatto d’orgoglio in difesa delle loro idee, diano le dimissioni come ha fatto il capo di stato maggiore dell’esercito generale Pierre de Villiers di fronte alla riduzione delle spese militari imposte dal Presidente Macron.

E, inoltre, perché Hubert du Mesnil e Mario Virano promuovono una campagna europea per la promozione di appalti per la Torino-Lione per 5,5 miliardi[1] quando il principale finanziatore – la Commissione europea – ha accettato di finanziare lavori solo per 1,91 miliardi?

La Ministra Elisabeth Borne al Senato francese: “Miglioriamo l’esistente”

Decisiva la vigilanza e la lotta popolare dei cittadini in atto da 28 anni


Le dimissioni del Presidente di TELT Hubert du Mesnil e del Direttore Generale di TELT Mario Virano sarebbero una bella notizia per tutti i cittadini italiani e francesi che da anni denunciano le avventurose iniziative per la promozione delle Grandi Opere Inutili e Imposte, tra le quali brilla la Torino-Lione.

Ricordiamo che da anni l’alta amministrazione francese (Corte dei conti, Direzione generale del Tesoro, ecc.), allertata dai cittadini che svolgono un ruolo popolare di vigilanza, denuncia l’insostenibilità della Torino-Lione.

E ora il nuovo Governo francese annuncia la necessità di una pausa di riflessione per questo e altri progetti di Grandi Opere, per dirottare gli scarsi fondi verso l’esistente, come ha affermato oggi la Ministra Elisabeth Borneal Senato francese[2] Occorre prima di tutto migliorare l’esistente prima di reclamare dei miliardi per creare una nuova linea accanto alla vecchia.

I sostenitori del progetto in Francia e in Italia si sono affrettati a dire che la Torino-Lione non potrà essere abbandonata dalla Francia dato che è un’opera sostenuta dall’Europa con il contributo dell’Italia e pertanto occorrerebbe un accordo con i partner per fermarlo.

Questo non è vero, e non vi sarà nessuna penalità europea.

Sarà sufficiente che la Francia fermi i lavori geognostici (quelli in Italia sono già terminati) che non saranno gettati nella spazzatura, ma potranno essere utilizzati nei prossimi secoli se i futuri governi decideranno di costruire un nuovo tunnel ferroviario.

Questa decisione sarebbe benvenuta in Italia perché consentirebbe al nostro Paese di risparmiare molti miliardi.

Ricordiamo che l’Italia è il partner di maggioranza di questo faraonico progetto visto che lo finanzia al 58% contro il 42% della Francia mentre il tunnel sarà costruito per 12 chilometri sul suolo italiano e 45 in Francia.

Si tratta di un’iniqua ripartizione dei costi risultata dell’accordo capestro sottoscritto dall’Italia a Roma nel 2012[3].

Nel frattempo Italia e Francia potrebbero rinegoziare con la Commissione Europea i finanziamenti accordati alla Torino-Lione e dirottarli verso progetti utili nell’ambito della procedura di Mid-Term Revision che sarà esaminata a fine anno dal Parlamento europeo [4].

Per quanto riguarda la promozione di appalti TELT per valori irreali di €5,5 miliardi, che Hubert du Mesnil e Mario Virano stanno portando avanti da mesi nello stesso momento in cui la Francia annuncia una pausa, la ministra Elisabeth Borne si è espressa chiaramente il 19 luglio 2017 all’Assemblea Nazionale durante l’Audizione in Commissione Sviluppo Sostenibile affermando: “Se ci sono dei problemi sul funzionamento e la regolarità delle procedure (di TELT N.d.R.), la giustizia dovrà occuparsene” [5].

E’ sorprendente come la società TELT, divenuta ormai centro di potere gestito dai Legionari d’Onore Hubert du Mesnil e Mario Virano, abbia lanciato questa campagna europea per la promozione di prossimi appalti per €5,5 miliardi[6], come affermato da Il Sole 24 Ore, quando il principale finanziatore – la Commissione europea – ha deciso di finanziare la Torino-Lione per un importo di € €813.781.900 a fronte di lavori di €1.915.054.750 (principalmente attività di preparazione allo scavo, e non lo scavo del tunnel)[7].

Tra l’altro il finanziamento europeo, concesso a Francia e Italia nel dicembre 2015, scadrà alla fine del 2019. E’ quasi certo che in quel momento TELT non avrà terminato i lavori coperti dal finanziamento [8], intanto il cantiere de La Maddalena è in via di chiusura e quello francese va a rilento.

Come già accaduto a LTF sas, la società TELT non sarà in grado di utilizzare interamente i fondi europei, e la Commissione europea taglierà probabilmente già nel 2018 parte dei fondi alla Torino-Lione come già deciso nel 2013 secondo il principio use it or lost it (usalo o perdilo) [9].


[1] Torino-Lione: 81 bandi di gara per 5,5 miliardi da qui al 2019 http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-05-22/torino-lione-81-bandi-gara-55-miliardi-qui-2019-191718.shtml?uuid=AEKxQ5QB&refresh_ce=1 La Campagna sul sito TELT http://www.telt-sas.com/it/lione-400-persione-roadshow/

[2] http://www.senat.fr/agenda/page_org/agd_org_DEVE.htmlhttp://videos.senat.fr/video.376616_596e8a8ee3ca4.audition-de-mme-elisabeth-borne-ministre12h10’34’’-12h10’47’’: «Il faut d’abord améliorer l’existant avant d’aller réclamer des milliards pour créer une nouvelle ligne à côté»

[3] http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=9871

[4] Mid Term Revision :  http://ec.europa.eu/smart-regulation/roadmaps/docs/2017_move_003_mid_term_evaluation_connecting_europe_facility_en.pdf

[5] La ministra ha risposto 1h 46’ 08’’- 1h 46’ 57’’http://videos.assemblee-nationale.fr/video.4788339_596f6b0577c22.commission-du-developpement-durable–mme-elisabeth-borne-ministre-chargee-des-transports-19-juillet-2017 

[6] Il Sole 24 Ore – Torino-Lione: 81 bandi di gara per 5,5 miliardi da qui al 2019 http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-05-22/torino-lione-81-bandi-gara-55-miliardi-qui-2019-191718.shtml?uuid=AEKxQ5QB&refresh_ce=1

[7] https://ec.europa.eu/inea/sites/inea/files/fiche_2014-eu-tm-0401-m_final.pdf

[8] GRANT AGREEMENT del 2 dicembre 2015

[9] http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=3854 http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=3721

Chiamparino: “Sono preoccupato, sulla Tav il governo francese deve fare chiarezza”

http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/07/21/news/chiamparino_sono_preoccupato_sulla_tav_il_governo_francese_deve_fare_chiarezza_-171306104/

E in Prefettura incontro per i lavoratori del cantiere in sciopero

di MARIACHIARA GIACOSA

21 luglio 2017

 

“Qualche preoccupazione ce l’ho perché non vedo chiarezza sull’interpretazione da dare”. Anche il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino commenta le dichiarazioni della ministra dei trasporti francese Borne a proposito di una pausa di riflessione sui lavori dell’alta velocità in Francia. “C’è una parte internazionale di cui sono già partiti i lavori, in Francia prima ancora che in Italia – precisa Chiamaparino- e sarebbe ridicolo metterla in discussione. Altro discorso è che la Francia faccia ciò che abbiamo già fatto noi con il progetto low cost di accesso al tunnel di base, questo anzi sarebbe anche auspicabile, ma bisogna mantenere l’impegno pieno sull’opera. Nei prossimi giorni scriverò una lettera al mio collega presidente della Regione Rhone Alpes per coinvolgerlo. Spero di avere a fianco un collega per sollecitare il sollecitare il  governo francese a dare chiarezza”. Intanto in prefettura a Torino è in corso il tavolo chiesto dal presidente Chiamparino, di fronte

 

 alla minaccia di sciopero permanente da parte dei lavoratori del cantiere di Chiomonte che dal prossimo autunno si troveranno senza lavoro in attesa che partano i nuovi appalti. Il presidente aveva chiesto si vertici di Telt, la società italo-francese che gestisce gli appalti, il massimo sforzo per risolvere la situazione dei lavoratori ed evitare il rinvigorirsi della protesta in Valsusa e la saldatura tra le vertenze sindacali e la contestazione delle frange più estremiste=

TAV costosa e inutile. La Francia si prende una pausa

TAV costosa e inutile. La Francia si prende una pausa

Authordi MoVimento 5 Stelle

di MoVimento 5 Stelle

TAV Torino-Lione. Fermi tutti, la Francia si prende una pausa sull’inutile e costosissimo progetto di trasporto merci. Il ministro Delrio tra un imbarazzante interrogatorio e l’altro per processi sulla ‘ndrangheta in Emilia ne faccia una giusta. Congeli immediatamente l’opera. Il MoVimento 5 Stelle al Governo intavolerà immediate trattative con la Francia per cancellare per sempre il Tav Torino-Lione e destinare le risorse in investimenti innovativi per la mobilità sostenibile e la tutela del territorio.

Da oltre dieci anni denunciamo l’insostenibilità economica e ambientale della tratta Torino-Lione.
Mentre cittadini, comitati, associazioni, esperti di trasporti ed il MoVimento 5 Stelle fuori e dentro le istituzioni denunciavano e protestavano, i governi italiani da Prodi a Berlusconi passando per Monti, Letta e Renzi proseguivano contro tutto e tutti spacciando, la madre di tutti gli sprechi e le corruzioni, come la risoluzione di tutti i problemi. Forse quelli di tangentari e mafiosi?

Come abbiamo chiaramente denunciato in Parlamento da quindici anni i governi d’Italia e Francia non rispettano l’art. 1 dell’Accordo di Torino del 2001 che ha stabilì che “l’entrata in servizio dovrebbe avere luogo alla data di saturazione delle opere esistenti”. Non viene mai detto che una linea per il trasporto merci su ferro già c’è! Ma oggi è utilizzata al 17% della sua capacità, tre volte meno che 15 anni fa. Perché non spostare già oggi il traffico merci su questa tratta? Perché non si usa quella linea invece di fare un altro tunnel? Perché il partito dei cementificatori, dei costruttori, dei perforatori rimarrebbe senza foraggio. Perché mafie e corrotti e perderebbero un grande affare.

Si sventra inutilmente un intero territorio prosciugando le falde acquifere, invadendo la valle di amianto, e perforando la montagna con costi stimati in 26 miliardi di euro. Costi che ci indebiteranno per anni. Risorse che Italia e Francia potrebbero destinare altrove in investimenti innovativi. È un’opera insostenibile economicamente anche perché di fatto il Parlamento ha approvato una legge dal costo variabile, autorizzandone fin da ora la lievitazione dei costi. L’analisi del costo al chilometro mette in evidenza che sarà di € 356 milioni per l’Italia e di € 78 milioni per la Francia (4,6 volte in più)

In Val Susa è Alta Felicità

https://ilmanifesto.it/in-val-susa-e-alta-felicita/

manifesto

 

No Tav. Dal 27 luglio a Venaus


“Tesoro, parliamone.” “No, voglio un pausa di riflessione.” Hanno un sapore vagamente tragicomico le parole pronunciate ieri dalla segretaria di Stato ai Trasporti, Elizabeth Borne, che all’Assemblea Nazionale di Parigi ha annunciato che la Torino-Lione “rientra tra quei progetti oggetto di una pausa e di una riflessione annunciate dal presidente”. Come nelle coppie in cui uno dei due non ha il coraggio di dire “addio”, ci si affida alla più tragica e scontata delle circonlocuzioni.

La pausa di riflessione francese, non ancora commentata dai pasdaran del Tav italiani, non riguarda però il tunnel di base – la tratta internazionale – ma esclusivamente la sezione in territorio transalpino. Questo per ovvie ragioni, dato che il tunnel di base è pagato prevalentemente dall’Italia. E quindi a caval donato non si guarda in bocca.

Così, mentre i pochi operai del cantiere di Chiomonte scioperano – i lavori del tunnel geognostico che dovevano dare lavoro alle masse sono finiti e ora è tempo di sgomberare – si entra in una fase politica surreale.

In Francia, come noto, le posizioni critiche sulla Torino – Lione sono palesi: ma la volontà politica dell’ex presidente François Hollande ha sempre coperto l’accordo. Oggi che il nuovo presidente Emmanuel Macron vuole favorire “il trasporto di tutti i giorni”, la Torino – Lione finisce nel cassetto dei ricordi. In Francia, perché il Italia potremmo trovarci nella paradossale situazione che gli accordi internazionali firmati, a profusione, blindano in ogni caso un tunnel fuori scala che mette in collegamento due sezioni storiche.

Chissà cosa ne pensa Matteo Renzi, che un tempo fu contrario all’opera, pubblicamente, poi divenne favorevole.

Così, mentre la pausa di riflessione scuote trascina nel silenzio sconsolato il vasto mondo favorevole al grande opera per eccellenza, il Movimento Notav organizza la seconda edizione del Festival dell’Alta Felicità. A Venaus, dove nel dicembre di 2005 si compì la liberazione dei terreni occupati in un notte di violenza e sirene: l’ombra lunga di Genova copre da lunghi anni la val Susa.

Nel 2016 la prima edizione del Festival dell’Alta Felicità fu un successo strepitoso, con quarantamila persone in arrivo da tutta Italia per assistere a concerti, spettacoli teatrali, dibattiti di primordine. Tutto gratis, pure il campeggio, con facoltà di donazione “da ognuno secondo le proprie possibilità”.

I denari ricavati sono stati, e saranno anche quest’anno, destinati alla copertura di spese processuali e sanzioni economiche varie, ovvero l’intero apparato repressivo messo in piedi in questi lunghi anni di lotta.

Si inizia il 27 luglio e si termina dopo quattro giorni. La splendida val Clarea, laterale alla val Susa, sarà interamente chiusa al traffico. Per arrivare al sito del festival si utilizzeranno le numerose navette in partenza da Susa o Bussoleno.

Quattro giorni di musica, performances e dibattiti che avranno luogo in diverse aree naturali raggiungibili a piedi attraverso sentieri, opportunamente indicati, tra i boschi, i fiumi e le montagne della Valle di Susa.

Paolo Cognetti, recente vincitore del Premio Strega, Michela Murgia, Paolo Bettin, Marco Aime, Stefano Benni: questi i nomi di alcuni ospiti che animeranno gli incontri con il pubblico. Sul versante musicale: Africa Unite, Lo Stato Sociale, Don Ciccio live showcas, Kutso, Fabrizio Consoli / Orchestra I “Cormorani” e molti altri.

Un festival con ampi aspetti politici, che vuole dimostrare che il territorio può essere risollevato dall’oblio – la val Susa attraversa una profonda crisi industriale – con la valorizzazione delle risorse culturali e naturali.

Telt, l’amianto c’è. Ma ci sarà solo nel Tunnel di Base, oggi no.

http://www.tgvallesusa.it/2016/03/telt-lamianto-ce-ma-ci-sara-solo-nel-tunnel-di-base-oggi-no/

TG Valle Susa

Nel progetto definitivo c’è scritto che “considerando i risultati ottenuti dai sondaggi S9 ed S11 è ipotizzabile che le metabasiti attese per circa 400 metri dall’imbocco E del Tunnel di Base siano caratterizzate da concentrazioni in amianto localmente anche elevate; la variabilità nei tenori in amianto rende difficile la previsione di un sistema di scavo che permetta una discriminazione certa del marino ‘pericoloso’ e non”

Nella certificazione dei costi della Torino-Lione, fatta da  e resa pubblica due giorni fa dal movimento no tav, vi sono alcune ipotesi di modifiche progettuali che cambiano radicalmente la prevista cantierizzazione. Due in particolare toccano direttamente chi abita in Valle: le rocce contenenti  sarebbero stoccate nel tunnel geognostico di Chiomonte e lo smarino destinato a Susa trasportato su camion dalla Maddalena.

Partiamo dall’amianto. Nel progetto definitivo c’è scritto che “considerando i risultati ottenuti dai sondaggi S9 ed S11 è ipotizzabile che le metabasiti attese per circa 400 metri dall’imbocco E del Tunnel di Base siano caratterizzate da concentrazioni in amianto localmente anche elevate; la variabilità nei tenori in amianto rende difficile la previsione di un sistema di scavo che permetta una discriminazione certa del marino ‘pericoloso’ e non”. L’ipotesi progettuale era quindi quella di impacchettare il materiale contenente amianto – 160.000 metri cubi – caricarlo su treni e spedirlo in apposite discariche speciali in Germania. Lo scenario delineato nell’ipotesi progettuale contenuto nella certificazione dei costi è diverso. Lo scavo del tunnel di base verrebbe effettuato partendo dalla Maddalena, scavando in direzione di Susa, e questa soluzione “ha un impatto sul trattamento delle rocce verdi potenzialmente presenti nei primi 350 m di tunnel di base sul lato italia”. Gli estensori della certificazione scrivono che “tra le diverse soluzioni previste per il loro stocaggio [delle pietre verdi], TELT ha scelto la soluzione V6b, che consiste nello stoccaggio in sotterraneo nella parte finale della galleria geognostica de La Maddalena prolungando all’occorrenza la galleria”. Alcuni chilometri della galleria geognostica verrebbero quindi riempiti dal materiale contenente amianto scavato a Susa. Una montagna di materiale pericoloso spostato fin dentro al cunicolo in Clarea. L’amianto non sarebbe quindi più spedito in Germania via treno, ma intampato a Chiomonte/Giaglione. Non sappiamo concretamente come vorrebbero realizzare tale progetto, ma ci sembra grave che i valsusini non vengano informati di una cosa del genere.

Deposito pietre verd

Elaborazione sulla base dele informazioni contenute nella certificazione dei costi. In blu il tracciato del tunnel di base, in giallo e in rosso il tracciato del tunnel geognostico de La Maddalena

E veniamo ai camion. Per anni i proponenti l’opera e la politica che li sosteneva hanno ripetuto la storia dello smarino trasportato esclusivamente via treno, Virano nel 2010, solennemante affermava che “i camion vengono sostanzialmente eliminati”.  Il trasporto dello smarino via treno era anche una prescrizione prevista del Cipe nell’approvazione del progetto preliminare (delibera 57 del 2011). Scopriamo ora che nell’attuale ipotesi progettuale le cose sono cambiate. Nella certificazione dei costi scrivono che “dal cantiere de la Maddalena, lo smarino riciclabile viene trasportato in camion a Susa Autoporto”. Solo lo smarino non recuperabile “viene trasportato mediante un nastro trasportatore fino alla zona di Chiomonte, poi tramite ferrovia verso i siti di deposito”. In pratica lo smarino che può essere usato per i rilevati e per il calcestruzzo viene caricato su camion a Chiomonte e spedito a Susa (da progetto stiamo parlando di circa un milione e centomila di metri cubi di materiale). Il progetto è ancora talmente vago che nella certificazione dei costi non indicano come verrà riportato a Chiomonte il materiale lavorato a Susa: “i materiali valorizzati (inerti) vengono trasportati a La Maddalena o tramite ferrovia o in camion attraverso l’autostrada”. Mentre a Chiomonte, tramite nastro trasportatore verrebbero portati i materiali destinati ai siti di deposito, stiamo parlando anche qui di una montagna di materiale, secondo il progetto circa ottocentomila metri cubi.

Le ipotesi progettuali contenute in questa stima dei costi non sono mai state presentate alla popolazione. Come da venticinque anni a questa parte i progetti vengono calati dall’alto senza informare minimamente gli abitanti.

E infine avremmo una domanda ingenua: a chi giovano queste continue modifiche progettuali che allungano i tempi e aumentano i costi?

TAV, CONFERENZA SERVIZI, ESCLUSI I SINDACI DEL TERRITORIO. CHIEDEREMO TUTTI I DOCUMENTI

https://www.piemonte5stelle.it/2017/07/tav-conferenza-servizi-esclusi-sindaci-del-territorio-chiederemo-tutti-documenti/

 MoVimento 5 Stelle Piemonte

Le amministrazioni di Caprie e Torrazza non invitate alla Conferenza dei servizi sul progetto di variante di cantierizzazione. Per quale motivo i due sindaci, nei cui territori finirà lo smarino del TAV, non hanno ricevuto l’invito a partecipare dal settore infrastrutture strategiche della Regione? Anche i Comuni di Susa e Chiusa San Michele, tra gli altri, interessati dalla variante non hanno ricevuto alcuna comunicazione in merito. Si è trattato di un errore oppure di una scelta supportata da motivazioni procedurali?

La conferenza dei servizi a nostro avviso parte nel peggiore dei modi, anziché prevedere un coinvolgimento di tutti i soggetti interessati ci sembra si tenda ad escludere le amministrazioni locali dal confronto sull’impatto dell’opera su territorio ed ambiente.

Stiamo già effettuando un accesso agli atti per ottenere il verbale della seduta con l’obiettivo di garantire un minimo di informazione e trasparenza su quanto deciso in quella sede. Mai come in questo momento è di fondamentale importanza informare tutti i cittadini su quanto avverrà a breve. La bassa valle subirà un impatto notevole a livello di traffico, qualità dell’aria ed impatto delle infrastrutture a pochi passi dalla Sacra di San Michele, simbolo del Piemonte, e sito candidato a Patrimionio Unesco.

Francesca Frediani, Consigliere regionale M5S Piemont

C’eravamo tanto amati, il TAV al capolinea

http://sturloni.blogautore.espresso.repubblica.it/?ref=fbpe

Toxic Garden – Giancarlo Sturloni

20 lug 2017

Ho bisogno di una pausa di riflessione. Si dice così quando un amore finisce ma non si ha il coraggio di confessarlo al partner. La verità è che la Torino-Lione sembra arrivata al capolinea. Dopo un quarto di secolo di varianti e manganellate, Élisabeth Borne, ministro francese ai trasporti, ha confessato al giornale ecologistaReporterre” che sul TAV il presidente Macron vuole prendersi, appunto, una pausa di riflessione. Per riesaminare le strategie sulla mobilità. E perché oggi nessuno sa più spiegare a cosa diavolo serva costruire quel tunnel nelle montagne della Val di Susa.

Il progetto di una linea ferroviaria ad alta velocità che attraversasse l’Europa da est a ovest, il cosiddetto Corridoio 5 da Kiev a Lisbona, risale al 1989. A quell’epoca Macron aveva 12 anni e probabilmente aveva appena smesso di giocare coi trenini. In Italia s’insediava il sesto governo Andreotti. Le proteste di  Piazza Tienanmen venivano soffocate nel sangue. Cadeva il Muro di Berlino. E un’Europa molto diversa da quella che conosciamo guardava alla crescita economica e all’apertura dei suoi confini interni. Ma al 39° Festival di Sanremo vinceva “Ti lascerò” di Fausto Leali e Anna Oxa.

Il mondo cambia e gli amanti, talvolta, si lasciano. A ovest, il Portogallo e la Spagna hanno da tempo fatto sapere di non essere interessati ai soldi di Bruxelles per l’alta velocità. A est, Kiev ha dovuto affrontare ben altri problemi e le nazioni dell’Europa orientale sembrano preferire il trasporto su gomma: gli ungheresi hanno speso i finanziamenti europei destinati al Corridoio 5 per costruire tangenziali e autostrade, perché non era specificato che si dovesse costruire binari. Cosicché oggi l’alta velocità si ferma a Venezia. Per Trieste si viaggia ancora come negli anni Cinquanta, e dopo il nulla: l’ultimo treno per Lubiana è partito nel 2011. Oggi in Slovenia si va in corriera e il primo convoglio ad alta velocità che si incontra verso oriente è in Cina.

Di quel sogno europeo – in Italia sempre difeso dai governi di ogni colore: fossero di destra, di sinistra o tecnici – non resta che un tunnel immaginario e costosissimo (8,6 miliardi di euro, il 35% a carico dell’Italia), con un impatto ambientale e sociale devastante (una montagna di polveri tossiche da sbancare in una valle chiusa, l’area degli scavi militarizzata, processi per terrorismo ai contestatori), ormai del tutto inutile e quasi certamente antieconomico.

Secondo l’Osservatorio Torino-Lione, se mai i lavori davvero partissero, non terminerebbero prima del 2035 e non si vedrebbero benefici economici prima del 2073. Roba da scrittori di fantascienza più che da economisti. Si capisce perché adesso i francesi dicano di voler «riesaminare le spese e le risorse per non fare più promesse non finanziate».

Certo, Borne si è affrettata ad aggiungere che Parigi terrà in considerazione la specificità di una tratta internazionale che coinvolge anche l’Italia e l’Europa. E che per il momento è solo una pausa di riflessione. Ma se la Francia ci molla, noi come lo giustifichiamo il grande buco?

Con la litania del progresso che non si può arrestare? Perché ce lo chiede l’Europa? Per non restare tagliati fuori? (e da cosa?) Per non darla vinta ai No TAV? O magari perché gli appalti sono sempre appalti, anche quando l’opera non serve più?

«Farei di tutto per poterti trattenere», cantavano a squarciagola Oxa e Leali sulle note di “Ti lascerò”.

 

DESTABILISATION EN AFRIQUE, LA PROCHAINE ETAPE DES SOI-DISANTS ‘BIENS MAL ACQUIS’ PASSE PAR LA SUISSE

Luc MICHEL En 1ère exclusivité pour NOUVEL HORIZON MAGAZINE (Cameroun)/

Avec PANAFRICOM/ 2017 07 21/

NHM - LM prochaine destabilisation en suisse (2017 07 21) FR

I – LA REPONSE DE L’AFRIQUE

Le volet français des affaires des soi-disant « biens mal acquis »

voit une contre-offensive des états africains déstabilisés par les chancelleries, les réseaux et les officines occidentales :

* Au procès de Paris contre le vice-président de Guinée Equatoriale, les parties civiles ont été elles-mêmes déstabilisées par le témoignage du mercenaire sud-africain Simon Mann (auteur d’une tentative de coup d’état contre le président Obiang Nguema Mbasogo), mettant en cause les dites parties civiles, dont Me Bourdon, l’Ong Sherpa et l’opposant Severo Moto (Cored), et la production de documents par la défense établissant la collusion des Parties civiles avec le financier Georges Söros ;

* A l’issue du « VIe CONGRÈS NATIONAL ORDINAIRE DU PDGE » à BATA, la capitale économique de la Guinée équatoriale (sur sa partie continentale) (le Parti Démocratique de Guinée Equatoriale du Président Obiang Nguema Mbasogo), répondant à ma question, le président équato-guinéen annonçait une plainte de son pays, du Congo (Brazzaville) et du Gabon contre les organisateurs du complot politico-judiciaire, Me Bourdon et l’Officine « Transparency international » ;

* Plainte déposée ce lundi à Paris pour son volet congolais …

LES MANIPULATIONS DE TRANSPARENCY (BRANCHES FRANCAISE ET INTERNATIONALE)

La présidence congolaise dénonce «la campagne médiatique à l’échelle internationale» contre le chef de l’Etat et sa famille et rappelle qu’une plainte a été déposée en 2015 contre la section française de l’ONG Transparency International. La plainte, « pour tentative d’escroquerie au jugement », a été déposée par maître Jean-Marie Viala, avocat de l’Etat congolais, que RFI a joint par téléphone : «L’Etat congolais a déposé plainte contre Transparency international pour tentative d’escroquerie au jugement sur la base du fait que Transparency a maquillé des statuts pour pouvoir faire croire qu’elle avait le droit de déposer plainte, alors qu’elle n’avait pas le droit.

Donc elle a fait un faux sur des statuts, en vue de pouvoir faire condamner le Congo. On se demande pourquoi d’ailleurs, parce que ce n’est pas la France qui faisait ça, mais Transparency. Et qui agissait sur quel ordre ? Je n’en sais rien. »

On sait depuis les débats du 19 juin 2017 dans le volet équato-guinéen de l’affaire que ce sont notamment des multinationales pétrolières, le financier Söros et les vitrines légales de la CIA !

Ecoutons encore l’avocat de l’Etat congolais :

« Il faut savoir qu’à l’origine, la plainte de Transparency avait été refusée par le parquet de Paris, que l’information n’a pas été ouverte par le parquet et que Transparency a déposé plainte devant le doyen des juges, qui lui a été obligé, évidemment, comme la loi l’oblige, d’ouvrir une instruction ».

II – LA PROCHAINE ETAPE DU COMPLOT POLITICO-JUDICIAIRE PASSE PAR LA SUISSE

De sources variées en Suisse et en France, vérifiées par enquêtes, je peux déjà annoncer qu’un volet parallèle aux « biens mal acquis » est en cours de préparation depuis au moins le début 2015. On pourrait l’appeler le « pétrole mal vendus ». L’affaire a déjà été annoncée dans la presse suisse et internationale en 2015 et est en phase de constitution des dossiers. Le cœur en est la Suisse, Berne étant avec Hong-Kong la place internationale du négoce du pétrole et des hydrocarbures. Et Hong-Kong, sous contrôle chinois, la Chine et le PCC soutenant les états équato-guinéens, congolais et gabonais, étant hors de portée des comploteurs occidentaux …

Acteurs : le Quai d’Orsay, le Parquet financier de Paris, le Parquet suisse, le presse des réseaux Söros (dont le cœur est « Le Monde Afrique » financé officiellement par la Fondation OSIWA en Afrique du Sud).

Initiateurs : Söros, des multinationales françaises et anglo-saxonnes du pétrole, l’inévitable Me Bourdon, Transparency International, deux Ong suisses qui servent de paravent aux précédents : « La Déclaration de Berne » et « Swiss Aid », et l’Ong suédoise SIDA.

Le but : s’en prendre aux ventes de pétrole des états africains, tenter de les faire mettre sous contrôle de l’ONU, prolonger au cœur de l’économie les dégâts de la déstabilisation des « biens mal acquis ». Mais aussi saper les marchés pétroliers des états concernés et le prix de vente de leur hydrocarbures (on se souviendra que le soi-disant « philanthrope » Söros est un très grand spéculateur international, fortune de 34 milliards de $). Opération donc infiniment plus vaste que les « biens mal acquis » et plus dangereuse !

Sont visés : encore et toujours des états africains !

Les trois états des « biens mal acquis » – Guinée Equatoriale, Congo Brazzaville, Gabon -, mais aussi le Tchad, la famille Dos Santos en Angola et la famille Kabila en RDC.

Le président du Tchad est particulièrement visé, avec sa famille et la Première Dame.

LE ROLE DE LA PPLAAF ET LA COMPLICITE TROUBLE DU REGIME SENEGALAIS

Constituée à Dakar, avec l’aide du régime pro-occidental sénégalais, à l’initiative encore et toujours de Me Bourdon et de l’Ong Sherpa, la PLATEFORME DE PROTECTION DES LANCEURS D’ALERTE EN AFRIQUE vise à mettre en forme et à organiser des réseaux privés d’espionnage des états africains actifs depuis au moins deux ans (l’espionnage des comptes du vice-président de Guinée Equatoriale à la SG de Malabo en fait partie). La PPLAAF s’active sous le couvert du mythe médiatique des « lanceurs d’alerte » (« whistleblowers »), personnages troubles entre médias, services secrets … et Réseaux Söros. On notera avec intérêt que Me Bourdon est l’avocat en France d’Assange, Snowden, Deltour (Luxleaks). Et que Wikileaks a puissamment contribué au lancement de l’insurrection contre Kadhafi à Benghazi début février 2011 …

LUC MICHEL /  POUR NEH MAG

AVEC PANAFRICOM /

________________________

Luc MICHEL / Люк МИШЕЛЬ /

PROFIL FACEBOOK https://www.facebook.com/LUC.MICHEL.PCN

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

PAGE OFFICIELLE FACEBOOK https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

BLOG http://www.scoop.it/t/luc-michel-le-blog

LM OFFICIAL INTERNATIONAL FAN CLUB

https://www.facebook.com/groups/LUCMICHEL.OfficialFanClub/

FRANCAMERIQUE : LA VISION CYNIQUE ET HUMILIANTE DE TRUMP SUR LA FRANCE DOMESTIQUEE DE MACRON L’AMERICAIN !

 

LUCMICHEL. NET/

2017-07-20_195926

La géopolitique du Bloc américano-occidental (USA – NATO – OTASE – UE et cie) est aujourd’hui strictement darwiniste : les petits poissons sont avalés par les gros, les gros par le « Leviathan » yankee (relire Hobbes) … Et si il y a toujours une « Françafrique » ou Paris avale les petits poissons africains, la France post-gaulliste (Sarkozy-Hollande-Macron) est-elle domestiquée par la « Françamérique »  …

LE PRESIDENT SOUMIS DE LA FRANCE-CARPETTE YANKEE !

Florilège trumpien sur Twitter :

“Il adore me prendre le main”, s’en étonne encore le 45ème president-elect, qui se souvient: “Il m’a appelé et m’a dit: ‘J’aimerais vous avoir ici et vous honorer en France’. (…) Quand il m’a demandé, j’ai dit: ‘Vous êtes sûrs que c’est une bonne chose que j’aille à Paris? Je me suis retiré de l’Accord sur le climat la semaine dernière… C’est une bonne chose?’ Il a répondu: ‘Ils vous adorent en France.’ J’ai dit: ‘D’accord, je ne veux pas vous vexer’.”

Ainsi donc, pour ne pas vexer les Français, Donald Trump a accepté l’invitation… et ne s’attendait pas à un tel événement. “Emmanuel Macron a été très respectueux” avec Trump. “Il est intelligent. Fort”, poursuit-il. “Les gens ne réalisent pas à quel point il adore me prendre la main. Et c’est très bien, dans une certaine mesure.” Les observateurs auront en effet remarqué qu’il y a eu tellement de poignées de main, ce jour-là, qu’il est difficile de les recenser.

“C’est une très bonne personne. Et un type fort, mais voyez-vous, il faut qu’il le soit. Je pense qu’il sera un président super pour la France. Mais il aime vraiment me prendre la main.” L’ex-magnat de l’immobilier dans toute sa splendeur …

la France-carpette yankee du « young leader 2012 » de la French-American Foundation.

Les chiens soumis aiment eux aussi beaucoup lécher la main du maître …

* Lire sur AFP/LLB :

http://www.lalibre.be/actu/international/macron-il-adore-me-prendre-la-main-le-debrief-tres-trumpien-d-un-14-juillet-top-de-chez-top-59705946cd706e263ee8b29c

(attention Média de l’OTAN ! Lire avec esprit critique …)

* Relire sur RELIRE PCN-INFO

POUR COMPRENDRE CE QUI SE PASSE EN FRANCE :

LA ‘FRENCH-AMERICAN FOUNDATION’ MATRICE DE LA COLLABORATION FRANCAISE

http://www.lucmichel.net/2017/05/15/relire-pcn-info-pour-comprendre-ce-qui-se-passe-en-france-la-french-american-foundation-matrice-de-la-collaboration-francaise/

LM

_____________________________

Luc MICHEL / Люк МИШЕЛЬ /

PROFIL FACEBOOK https://www.facebook.com/LUC.MICHEL.PCN

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

PAGE OFFICIELLE FACEBOOK https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

BLOG http://www.scoop.it/t/luc-michel-le-blog

LM OFFICIAL INTERNATIONAL FAN CLUB

https://www.facebook.com/groups/LUCMICHEL.OfficialFanClub/

APRES LA VISITE D’INSPECTION DE TRUMP A PARIS, MACRON EPURE LA TETE DE L’ARMEE FRANCAISE (II) : LE NOUVEAU CHEF D’ÉTAT-MAJOR LECOINTRE A FAIT LES GUERRES AMERICAINES ‘CONTRE LES INTERETS VITAUX A LONG TERME DES PEUPLES EUROPEENS’

 

Luc MICHEL/En Bref/ 2017 07 20/

« Les guerres américaines auxquelles participent les armées européennes de l’OTAN sont toutes des guerres menées contre les intérêts vitaux à long terme des peuples européens »

2017-07-20_181042

– Général Jordis von Lohausen, géopoliticien autrichien.

Le général Lecointre a servi sur le théâtre d’opérations en Irak (Il

participe, en 1991, à l’opération Daguet, durant la guerre du Golfe en Irak, contre l’allié officiel de la France néo-gaulliste), à Djibouti (opération Iskoutir en 1992), à Sarajevo (pour la destruction de la 3e Yougoslavie de Milosevic et aux côtés aussi des islamistes locaux d’Izetbegovic), au Mali (dans la soi-disant « guerre occidentale au terrorisme »). Il fait aussi partie des forces françaises engagées an Rwanda en 1994 et aujourd’hui accusées d’avoir contribué au génocide …

Le général François Lecointre (55 ans) a été nommé mercredi chef d’état-major des armées par le président français Emmanuel Macron. Le général Lecointre succède ainsi au général Pierre de Villiers qui avait démissionné plus tôt dans la matinée, sur fond de tensions avec le président de la République. La ministre des Armées, Florence Parly, a confié ne pas avoir “eu d’hésitation sur le profil” lors de la désignation du nouveau chef d’état-major, qui entre en fonction aujourd’hui. Il est aussi le choix des américains. Au moment où Trump et Mattis assignent à la France le rôle de « sheriff de l’Afrique », c’est aussi un officier de la “Coloniale”, ancien chef de Corps du 3ème RIMA …

* Lire sur :

http://www.lalibre.be/actu/personnalite/qui-est-le-nouveau-chef-d-etat-major-des-armees-en-france-596f9cdfcd706e263ee63b53

(attention Média de l’OTAN ! Lire avec esprit critique …)

LUC MICHEL/ ЛЮК МИШЕЛЬ/

_____________________________

Luc MICHEL / Люк МИШЕЛЬ /

PROFIL FACEBOOK https://www.facebook.com/LUC.MICHEL.PCN

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

PAGE OFFICIELLE FACEBOOK https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

BLOG http://www.scoop.it/t/luc-michel-le-blog

 

LM OFFICIAL INTERNATIONAL FAN CLUB

https://www.facebook.com/groups/LUCMICHEL.OfficialFanClub/